Lavorare con i BUS oppure con Tracce singole e MASTER finale

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Lavorare con i BUS oppure con Tracce singole e MASTER finale

      Buongiorno a tutti, un paio di giorni fa mi confrontavo con alcuni ragazzi che si occupano di mix anche loro in merito alla struttura "mentale" di come affrontare un mix

      Parlo delle tracce e del loro modo di interagire tra loro

      Mi spiego meglio

      Io anche se ho 6/9/10 tracce preferisco usare sempre un BUS

      Drum Bus
      Guitar Bus
      Vox Bus
      Master Finale

      Questo perchè preferisco mettere effetti "Glue" o di modulazione sull'intero Bus .. ad esempio non metto il compressore su ogni singola chitarra (cosa che magari faccio con l'eq) ma cerco di lavorare di Glue sul Guitar Bus, oppure Reverbero sulla batteria stile "Room" direttamente sul bus drums e non su ogni singola traccia...

      Secondo voi c'è qualcosa di sbagliato in questo procedimento ?

      Alcuni di loro invece lavora sempre singola traccia su tutti i parametri, eq comp etc etc...

      Come gestite il vostro modo di lavorare ?
      non so se il mio modo di lavorare è corretto, e certamente non è l'unico possibile, ma in linea di massima io tendo a processare sia le singole tracce che i bus, talvolta mettendo nei bus compressori o saturatori già prima di processare le tracce singole. Questo mi dà appunto un effetto "glue" e mi permette anche di ripartire la compressione tra più plugin. Particolarmente vero nella batteria, che riprendo con otto o anche dieci microfoni...
      Vale anche per i reverberi, che magari sono diversi tra rullante e OH, ma con una room unica aggiuntiva applicata sul bus.
      Naturalmente anche a me interessa sapere come lavorano altri, vediamo se qualcuno ha un diverso metodo di lavoro...
      diciamo che quando ho imparato che esistevano i bus, ovviamente "bussavo" la qualsiasi, un po' per la figata della novità, un po' per rendere più rigido il flusso di lavoro, secondo l'equazione "standardizzare a bestia=ottenere risultati buoni a bestia".
      Col tempo la questione si è smorzata, anche perchè l'equazione di cui sopra non sempre si verifica, e premettendo che comunque la questione può variare anche molto a seconda di che genere si mixa, al momento butto in un bus se intravedo la necessità di farlo (stesso effetto nella stessa quantità a più strumenti, compressore per livellare categorie omogenee di strumenti, ad esempio cori).
      Se ci sono strumenti che già mi stanno bene nel mix così francamente non vedo la necessità di passarli in un bus.
      straquoto @francesco lc

      Appena scoperto "bussavo" qualsiasi cosa. ora magari sono più parsimonioso e li unisco per affinità, bus chitarre, batteria, basso ecc. a meno che per uno strumento non mi trovo una sola traccia per cui la mando direttamente nel master. sembrerà scontato ma ho parlato con persone invece che lo fanno comunque il bus anche se hanno solo una traccia. e spesso lo faccio anche io quando ho tantissime tracce mi torna comodo avere il bus insieme agli altri per i ritocchi finali.

      Per esempio adesso sto mixando una demo del mio socio che ha registrato con una sua allieva, e mi trovo una traccia stereo con la base una mono con la voce dell'allieva e una serie di tracce di cori del mio socio. una volta avrei fatto 3 bus. adesso l'unico che ho fatto è sul coro.