Mastering problema!

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Mastering problema!

      Ciao a tutti ragazzi, fino ad oggi ho sempre fatto mix e “ mastering “ nel mio studio, non pretendo chissà che ma diciamo che mi difendo bene ed arrivo ad un valore di rms decente ed un master pulito e piacevole... l’altro giorno ho iniziato a fare dei lavori in un altro studio che è trattato acusticamente, monitor focal twin 6 ed altra attrezzatura di alto livello, insomma una situazione più “ pro “ della mia. Solo che arrivato diciamo alla parte di master il mix sembra come se suonasse schiacciato, poco intellegibile
      cioè non è proprio pulito... ma come mai? io pensavo di fare dei prodotti migliori vista l attrezzatura, forse devo abituarmi? E poi a che valore di picco devo arrivare nel master finale? -3/-4 va bene o devo scendere ancora. A-6/7?
      ps: in studio da me per guadagnare ” volume “
      e quindi rms ho sempre usato uno slate digital
      fgx e L2 di fabfilter...
      mentre in questo studio non avendoli a dispsozione ho usato il limiter della uad e maximizer sempre della uad... ovviamente ho citato solo quelli che mi hanno dato il valore rms ho messo pure altro nella catena
      Andrea, ho già risposto a diversi argomenti che hai posto negli ultimi tempi. Il mio consiglio è prima di tutto affinare la tua preparazione teorica prima di mettere in discussione i risultati, magari leggendo un buon libro sulla registrazione o sull'audio digitale (Hoepli ne ha diversi in italiano). Dico questo perchè o confondi la terminologia (Picco, RMS ecc.) o non hai idea di cosa stai facendo (master con picco a -3 o -6). Per il resto, come ti ho detto in altro 3ad, l'unico dato interessante è come suona il tuo prodotto. Il corollario è se disponi di una condizione di ascolto tale da poter in qualche modo darti delle assicurazioni un tantino oggettive circa quello che senti quindi supporre che suonerà bene anche altrove oltre che a casa tua.
      se vendete il database mi incazzo.
      Ciao Andrea,

      a parte quotare al 100% quanto scritto da DavideBarb, vorrei riportarti la mia modesta esperienza.

      Quando anni fa in studio sono passato dalle Pmc tb2sa alle TwoTwo 6 (stesso brand..) l'ascolto fu talmente differente che mi disorientò per alcuni giorni. :D

      Se tu vai a lavorare in un altro studio, di cui non ne conosci le caratteristiche ne hai mai avuto un approccio ai monitors che troverai, è naturale che non ti "tornino i conti".

      I freelance, che spesso venivano chiamati dalle produzioni negli studi più disparati (negli ultimi tempi accade meno di una volta....) portavano con se, a mò di valigetta degli attrezzi, una paio di monitors di cui ne conoscevano "vita morte e miracoli" e qualche cd di riferimento in modo da avere comunque a portata di mano una bussola..... ;)




      edg
      www.edrecords.it

      DBarbarulo wrote:

      Andrea, ho già risposto a diversi argomenti che hai posto negli ultimi tempi. Il mio consiglio è prima di tutto affinare la tua preparazione teorica prima di mettere in discussione i risultati, magari leggendo un buon libro sulla registrazione o sull'audio digitale (Hoepli ne ha diversi in italiano). Dico questo perchè o confondi la terminologia (Picco, RMS ecc.) o non hai idea di cosa stai facendo (master con picco a -3 o -6). Per il resto, come ti ho detto in altro 3ad, l'unico dato interessante è come suona il tuo prodotto. Il corollario è se disponi di una condizione di ascolto tale da poter in qualche modo darti delle assicurazioni un tantino oggettive circa quello che senti quindi supporre che suonerà bene anche altrove oltre che a casa tua.


      Per il picco intendevo che di solito vado in master, con la somma di tutti i canali a -6/-7 .. va bene? che poi il “ volume “ come lo prendo? con limiter e maximizer?

      DBarbarulo wrote:

      Andrea, ho già risposto a diversi argomenti che hai posto negli ultimi tempi. Il mio consiglio è prima di tutto affinare la tua preparazione teorica prima di mettere in discussione i risultati, magari leggendo un buon libro sulla registrazione o sull'audio digitale (Hoepli ne ha diversi in italiano). Dico questo perchè o confondi la terminologia (Picco, RMS ecc.) o non hai idea di cosa stai facendo (master con picco a -3 o -6). Per il resto, come ti ho detto in altro 3ad, l'unico dato interessante è come suona il tuo prodotto. Il corollario è se disponi di una condizione di ascolto tale da poter in qualche modo darti delle assicurazioni un tantino oggettive circa quello che senti quindi supporre che suonerà bene anche altrove oltre che a casa tua.


      ps: i video corsi come quello di addeo, barocco ecc servono? o sono soldi buttati?
      Le "strade della conoscenza", in teoria, potrebbero essere tutte buone. E magari qualche spunto, da un buon videocorso, lo potresti anche trarre. ^^

      Il punto è che per avere risposte alle tue domande sarebbe preferibile un percorso formativo in cui ad una solida base teorica affiancheresti prove pratiche sul campo (in studio) che a mio avviso, come giustamente scrive Lattugo, sono fondamentali.
      Mi rendo conto che si tratta di una strada non certo breve e che tu vorresti delle risposte subito. Ma non credo esistano altre vie.... :)

      Lessi anni fa un'interivista a Brauer nella quale raccontava che, agli inizi della sua carriera, impiegò anni per comprendere come utilizzare i compressori (e poi arrivò alla sua tecnica "mult bus").



      edg
      www.edrecords.it