Qualche stereo imager da mastering?

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Ciao Franco e benvenuto. :D

      Lungi da me la polemica, ci mancherebbe altro. :)
      La questione è che tu hai parlato di EDM,
      ma il thread starter no...
      quindi la tua idea, che può avere senz'altro basi fondatissime nella dance elettronica, non aveva molto senso in genere, in particolare per un newbie che magari legge superficialmente e da domattina ha paura a pannare.

      Quindi se alcuni elementi sono stati posti completamente a sinistra o a destra dello spettro ascoltando in mono non sono udibili.

      La frase che aveva riportato per primo Pape, e che avevo commentato anche io, scherzosamente, era questa.

      Non sono andato sul pedante, nel senso che era ovvio che parlassi di "panorama stereo" e non di "spettro", eppure se collassi in mono, quello che è anche 100 % da una parte lo senti.

      Che poi pan 100% L o R corrisponda alla massima de-correlazione, "0" e a una scarsa monocompatibilità, e probabilmente a una minore resa nei club con teste mono, è senz'altro vero,
      ma è una caratteristica specifica, FORSE, di un certo genere, che peraltro in molte produzioni recenti viene completamente trascurato.

      Sei comunque al limite, ma ancora in fase.

      Occhio che lo dice uno che è fanatico del mono, e in particolare dell'EQ ascoltando in mono.
      semplicemente invitavo alla cautela, perchè ormai facendo un passettino fuori dalla EDM verso la IDM, senti milioni di cose in controfase, eccetera.

      Credo che la verità stia nel mezzo, e credo anche che chi missi, o inizi a missare, debba obbligatoriamene sentirsi libero di osare, proprio per avere mix meno statici e insignificanti rispetto al "tin tin tin" - ossia al compitino scolastico - che spesso, generalizzando, si sente qui.
      Sto generalizzando, ripeto. :D

      Poi è ovvio che se sei all'Amnaesia a Ibiza o in uno qualsiasi dei pochissimi grandi club rimasti (lo dico purtroppo, con grande rammarico), e fai un certo genere, ti preoccupi magari di non pannare le basse frequenze che di per sé si sviluppano in maniera concentrica e ben poco direzionale, e se pannate senza criterip, condizionano decisamente sia il livello di loudness potenziale in master, sia come dici bene la monocompatibilità, perché mandano molta energia verso la de-correlazione.

      Probabilmente la verità sta nel mezzo, magari più British che USA.

      Opinioni personali non necessariamente condivisibili, ovviamente :)

      8) Teetoleevio
      Produrre o mixare un brano in una stanza non trattata acusticamente equivale a correre di notte in autostrada a fari spenti: non vedi un razzo. :D
      Non è colpa tua, è che semplicemente non senti bene quello che stai facendo, anche se hai 10 Distressor. TRATTA LA TUA STANZA ! Dai retta a zio Teeto !

      Post was edited 2 times, last by “teetoleevio” ().

      FrancoM wrote:

      Passare un mix da stereo a mono purtroppo non dimostra la presenza di conflitti di fase ma probabilmente di correlazione tra Mid en Side.
      Il passaggio da stereo a mono non fa altro che isolare il Centro dai Lati, la cosiddetta Mid/Side.
      Quindi se alcuni elementi sono stati posti completamente a sinistra o a destra dello spettro ascoltando in mono non sono udibili.


      Ho spiegato in maniera semplicistica dato che il 3d starter evidentemente aveva bisogno di avere una risposta fruibile con parole semplici.

      Ma devo dire che ciò che hai scritto qui dove ti ho quotato non ha molto senso.

      Se hai un qualsiasi suono totalmente pannato da un lato e e riduci la tua traccia in mono non si cancella totalmente.
      Innanzitutto non esiste una regola precisa e dipende da un sacco di fattori.

      Certo è che è più semplice perdersi per strada qualcosa man mano che ci abbassiamo con gli HZ...
      Ma non è vero che si cancella totalmente qualcosa se si riduce in mono una traccia.
      Si "svuota" l'ho detto cosi all'inizio appunto per essere fruibile a tutti, poi se vogliamo parlare di cancellazioni-aliasing-bip-bup-btp-spread ecc ecc sono apertissimo :=)

      Cri
      Interfaccia: Apollo quad Mics neumann u 67, 414, ribbon CGE Pre spl goldmike, octopre Outboard dbx 160a(x2) Urei 545 EQ Drawmer 1968 Mercenary Edition Ascolti Krk K-rok, Ns-10 Studio monitor.
      e tanta voglia di fare musica!
      Ciao @Pilloso,
      grazie per la risposta.
      Io vivo in Olanda da più di 45 anni dove mi sono trasferito per lavoro come musicista.
      Anche il mio studio fondato nel tardo 1999 si trova quì.
      Nonostante io parli tutti i giorni in Olandese ed in Inglese, riesco ancora ad esprimermi (conversando) in Italiano.
      Sto invece notando, ora che mi sono iscritto a questo forum, che ho una immensa difficoltà ad esprimere concetti e termini che giornalmente esprimo in inglese.
      Nel formulare i miei post devo, tutte le volte, mentalmente tradurre in Italiano quello che al finale penso in inglese. E a quanto ora pare, la traduzione non è sempre espressa così felicemente.

      Mi dispiace moltissimo per la commozione causata tra i colleghi, e mi fa anche immensamente piacere che hai notato (dagli altri post) che non sto semplicemente provando a sputare o masticare qualcosa che non conosco.

      Ancora grazie
      =O Per poter valutare la tua forza e quella di chi ti stà di fronte devi prima imparare a capire ed accettare le tue debolezze 8)
      Grande Franco. :thumbup:
      Ancora benvenuto.

      Per quanto mi riguarda è sempre bello condividere questa passione, che è sempre più di tutto passione prima che lavoro, con tutti, in particolare con chi ha esperienze diverse e interessanti come te !

      Se sei appena arrivato mi permetto di consigliarti di dare un'occhiata ai vecchi thread di questo forum, in particolare negli anni 2009-2014, anni in cui il forum era in auge e c'era grande partecipazione di molti utenti, con argomenti interessanti.

      Da diversi anni a questa parte, purtroppo la partecipazione e il livello di interesse è poi decisamente, come è anche del resto naturale, diminuito.

      Poiché il sistema di ricerca qui è un po' così, magari è utile cercare su Google con site:homestudioitalia.com

      Puoi trovare un sacco di belle discussioni, anche belle toste, sia nei contenuti, sia nei toni, belli aggressivi e latini, certe volte... :D


      8) Teeto
      Produrre o mixare un brano in una stanza non trattata acusticamente equivale a correre di notte in autostrada a fari spenti: non vedi un razzo. :D
      Non è colpa tua, è che semplicemente non senti bene quello che stai facendo, anche se hai 10 Distressor. TRATTA LA TUA STANZA ! Dai retta a zio Teeto !
      Rispondendo alla domanda del TS:
      buona parte dei processori di imaging tende a spappolare il mix.
      Uno degli effetti più comuni è il collasso del centro, un vero e proprio buco. Ci sono comunque diversi principi di funzionamento degli imagers, molti basati sull' MS ma non tutti.
      Siccome sono state scritte castronerie ricordo cosa è l'MS encoding e cioè M è la somma mono di L+R mentre S è la differenza mono di L-R.
      A piccole dosi puoi usare plugins come l'imager di Ozone, ma di solito in Mastering manipoliamo l'immagine stereo con una equalizzazione/compressione differenziata per M ed S invece di un processore dedicato. Come attrezzi non MS utilizzo l'imager della console (Maselec) che anche a dosi massicce non spappola e qualche volta (poche ma pure è interessante) ho usato l'imager del Vitalizer MK2.

      DB
      se vendete il database mi incazzo.

      DBarbarulo wrote:

      ricordo cosa è l'MS encoding e cioè M è la somma mono di L+R mentre S è la differenza mono di L-R.

      Questa è la definizione ortodossa, che si usa sempre, ma se dovessi spiegarla a un neofita, direi che M è la somma di ciò che c'è di uguale tra L+R (la sola parte in comune che definisce già che sentiamo nella parte centrale, scartando ciò che differisce tra i due segnali), mentre S è tutto il resto (solo ciò che c'è di diverso tra i due canali e che determina la parte più marginale, che dà l'effetto di apertura stereo).
      Non è per fare le pulci, ma è un concetto che non risulta subito facile a tutti perché richiede di vedere le cose in un modo nuovo, nella definizione classica, con "somma" capirei che M mi preserva anche ciò che è pannato al 100%, come un comune ascolto mono di traccia stereo (che infatti spesso chiamiamo somma mono), volevo giusto specificare che non è questo.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Un segnale Mono nello stereo field si presenta solo come una differenza di volume tra M ed S se è posizionato in posizioni diverse da L C o R. Se si trova solo su L o su R lo avrai in eguale intensità su M e su S. Se si trova in C resta solo su M e scompare da S. In tutti gli altri casi hai solo differenza di volume data dalla somma o dalla sottrazione.
      se vendete il database mi incazzo.

      Pilloso wrote:


      Questa è la definizione ortodossa, che si usa sempre, ma se dovessi spiegarla a un neofita, direi che M è la somma di ciò che c'è di uguale tra L+R (la sola parte in comune che definisce già che sentiamo nella parte centrale, scartando ciò che differisce tra i due segnali), mentre S è tutto il resto (solo ciò che c'è di diverso tra i due canali e che determina la parte più marginale, che dà l'effetto di apertura stereo)....


      quindi M non è la somma di ciò che è uguale ma la somma di ciò che è in fase. S è la somma (algebrica) di ciò che è in controfase.
      se vendete il database mi incazzo.

      Post was edited 2 times, last by “DBarbarulo” ().

      Pilloso wrote:


      Non è per fare le pulci, ma è un concetto che non risulta subito facile a tutti perché richiede di vedere le cose in un modo nuovo, nella definizione classica, con "somma" capirei che M mi preserva anche ciò che è pannato al 100%, ...


      M infatti ti preserva ciò che è al 100% pannato.
      Non stai dicendo la stessa cosa che dico io. ;)

      Edit:
      uno strumento mono pannato 100% Left (quindi 0% Right) Su M 100 + 0, su S 100 - 0.

      Edit2:
      in realtà M ed S subiscono anche degli adattamenti di livello durante codifica e decodifica, ma non ci interessa al fine del funzionamento dell'encoder.
      se vendete il database mi incazzo.

      Post was edited 2 times, last by “DBarbarulo” ().

      Hai ragione tu, potevo stare zitto invece ho fatto casino :)
      Comunque è da sentire e sperimentare a fondo perché credo che qualsiasi spiegazione non basti mai, la semplice espressione matematica non dà l'idea di quello che si sente, di qui il mio goffo tentativo di spiegarlo in termini "uditivi", ma una prova vale più di mille spiegazioni.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      DBarbarulo wrote:

      uno strumento mono pannato 100% Left (quindi 0% Right) Su M 100 + 0, su S 100 - 0.


      Ecco, bella così, detta proprio "pane al pane vino al vino" :)

      Molti credono che Mid significhi semplicemente "ciò che è al centro" e Side "ciò che è ai lati", ed è un bel misunderstanding.
      Giampiero Ulacco
      Producer - Engineer


      Personal WebSite

      Hologram Studios