Emulazioni plugin

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      ciao, è un punto di vista più che condivisibile, e sono certo che chi conosce le proprie macchine alla perfezione e i loro comportamenti in ogni situazione continuerà a preferirle alle emulazioni.

      secondo te è un discorso che vale sempre? mi spiego, un compressore o un equalizzatore di fascia medio bassa può essere facilmente sostituito da una emulazione? io ad esempio sto usando ssl 9000j di brainworx e lo trovo ottimo (pagato 90 euro), può tranquillamente prendere il posto di un compressore da 500 euro come un wa76? o se vogliamo prendere una emulazione più vicina come modello, quella Universal audio

      Post was edited 1 time, last by “danny83” ().

      danny83 wrote:

      ...

      secondo te è un discorso che vale sempre? mi spiego, un compressore o un equalizzatore di fascia medio bassa può essere facilmente sostituito da una emulazione? io ad esempio sto usando ssl 9000j di brainworx e lo trovo ottimo (pagato 90 euro), può tranquillamente prendere il posto di un compressore da 500 euro come un wa76? o se vogliamo prendere una emulazione più vicina come modello, quella Universal audio


      No, secondo me il livello merendina hardware non da vantaggi particolari. Merendina per merendina il plug è più comodo. Poi se invece hai una grande conversione e sei smanettone magari anche la roba WA può riservare sorprese positive, ma ci devi mettere le mani perchè valga la pena. Il video parla dei pezzi seri, quelli che già è complicato vederli dal vivo.

      zuz wrote:

      Le merendine stanno diventando sempre più buone e in futuro lo saranno sempre di più.
      20 anni fa non c'era gara, oggi se ne discute, probabilmente fra 20 anni i plugin avranno pari qualità e maggiori vantaggi.


      Tra vent'anni penso che a noi anziani ci metteranno in una qualche casa di riposo per amanti dell'analogico. Ma comunque, se rifletti sul contenuto c'è uno spunto che non hai apprezzato e semplicemente che in una visione un po' boutique e non mulinobianca della faccenda l'analisi non deve soffermarsi esclusivamente alla "prestazione" chè è già complicato valutare, ma anche al fattore "esclusività". Noi anziani non siamo fan della massificazione quindi il concetto che 1 Milione di utenti usi il suono del 1073 deprezza il valore del 1073 eccetera. Quindi continueremo a stare in una nicchia che non si conforma o standardizza al ribasso.

      sin night wrote:

      La pecora con la mascherina mi ha fatto morire!

      Però nella seconda immagine vedo che ce n'è solo una che la indossa... :P
      :D
      se vendete il database mi incazzo.

      zuz wrote:

      Le merendine stanno diventando sempre più buone e in futuro lo saranno sempre di più.
      20 anni fa non c'era gara, oggi se ne discute, probabilmente fra 20 anni i plugin avranno pari qualità e maggiori vantaggi.

      Veramente le Fiesta erano molto più grandi e più buone delcenni fa... :D
      E gli imbattibili Tegolini del mulino bianco sono spariti.
      E vale direi la stessa cosa con le macchine vs emulatori. Non è una questione nostalgica e lo stesso parallelo credo si possa fare con i sampler. Negli anni ottanta i primi campionatori avevano una qualità inferiore a quella di oggi ma siamo sempre molto lontani dal riprodurre con un campionatore ciò che esce da uno strumento reale.
      Malgrado il puro 'suono' possa essere più o meno identico all'originale, ci sono cose che un chitarrista, un sassofonista o chiunque altro suoni qualsiasi strumento (ad esclusione di ciò che nasce digitale ovviamente come le tastiere), può fare cose che rimangono impossibili o quasi da riprodurre. Tant'è che quando ascolti un disco lo capisci immediatamente se il basso è vero o campionato, se la chitarra sia vera e suonata da un chitarrista o da una tastiera ecc ecc.
      Evviva il digitale certo, e meno male che esiste altrimenti nemmeno questo forum esisterebbe e io non potrei registrare nulla a casa mia, ma è necessario essere oggettivi e conoscerne tutti i limiti.
      Penso che sia da considerare anche utilizzo e campo di applicazione.
      Io per esempio faccio quasi esclusivamente arrangiamenti, e a volte ho bisogno di suonare con gli effetti già su per rendermi conto del risultato e di come il brano prende forma.
      Poi componendo per teatro e cinema devo ritoccare un brano tante volte e fare parecchie versioni prima della definitiva, versioni che però non sento solo io ma girano fuori e vengono provate sul campo.
      Ecco, in tutti questi casi, se io dovessi fare dei passaggi in degli outboard ogni volta che esce una versione nuova per due note da cambiare o una strofa da allungare, diventerei vecchio tra un mixdown e l'altro.
      Nel mio caso i plugin sono l'invenzione del secolo, anche se suonassero mille volte peggio degli hardware mi converrebbero lo stesso, ma per fortuna non suonano mille volte peggio.
      Se invece io facessi esclusivamente missaggio di tracce audio, col mio pallino per vintage e attrezzature varie, probabilmente vorrei almeno una manciata di macchine serie per passarci dentro le tracce più importanti.
      I miei investimenti in hardware al momento si fermano a preamp, channel strip, microfoni e convertitori, ossia tutta la catena audio in ingresso, perché quella è comunque importante per acquisire, e di emulazioni software di mic o pre non voglio nemmeno sentirne parlare, al massimo buoni cloni hardware se sono prodotti con un senso.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Pilloso wrote:

      Penso che sia da considerare anche utilizzo e campo di applicazione.
      Io per esempio faccio quasi esclusivamente arrangiamenti, e a volte ho bisogno di suonare con gli effetti già su per rendermi conto del risultato e di come il brano prende forma.
      Poi componendo per teatro e cinema devo ritoccare un brano tante volte e fare parecchie versioni prima della definitiva, versioni che però non sento solo io ma girano fuori e vengono provate sul campo.
      Ecco, in tutti questi casi, se io dovessi fare dei passaggi in degli outboard ogni volta che esce una versione nuova per due note da cambiare o una strofa da allungare, diventerei vecchio tra un mixdown e l'altro.
      Nel mio caso i plugin sono l'invenzione del secolo, anche se suonassero mille volte peggio degli hardware mi converrebbero lo stesso, ma per fortuna non suonano mille volte peggio.
      Se invece io facessi esclusivamente missaggio di tracce audio, col mio pallino per vintage e attrezzature varie, probabilmente vorrei almeno una manciata di macchine serie per passarci dentro le tracce più importanti.
      I miei investimenti in hardware al momento si fermano a preamp, channel strip, microfoni e convertitori, ossia tutta la catena audio in ingresso, perché quella è comunque importante per acquisire, e di emulazioni software di mic o pre non voglio nemmeno sentirne parlare, al massimo buoni cloni hardware se sono prodotti con un senso.

      Certamente.
      Come introduce lo stesso Dbarbarulo nel video, alcuni vantaggi del digitale sono sacrosanti e impossibili da ottenere con il ferro. E tu ne hai fatto un esempio concreto e indiscutibile. In questo caso si parla però di emulazioni, ossia quanto un'emulazione specifica possa essere realmente sovrapponibile allo specifico originale.
      Al di là della qualità direi. Poi potrebbe anche succedere che un plugin 'suoni meglio' del ferro, perché no? Ma bisogna capire cosa significhi 'suoni meglio' e quale sia il contesto e il gusto personale, ma anche se suona meglio significa che non è uguale all'originale.
      tra un clone analogico e una emulazione digitale cosa scegliete?
      penso che a tutti piaccia mettere le mani su una macchina, ma poi da imprenditore e alla continua ricerca di ottimizzazione dei tempi e dei costi, e al mantenimento di una qualità giusta per il tipo di lavori che entrano, trovo preferibile la scelta del plugin.

      Quindi penso che ogni situazione è a se, e i parametri in gioco non sono pochi, inclusa la capacità di usare le macchine al massimo delle potenzialità
      da imprenditore devi tirare in ballo anche altre valutazioni e cioè se vuoi aprire un pub o un ristorante 5 stelle. L'errore spesso è pensare che siamo un popolo di puzzati di fame quindi solo un pub può funzionare. Ergo finisci a fare i conti con Burger King che ti schiatta la capa con la concorrenza a prezzi che non puoi sostenere in quanto piccolo imprenditore. Nel mentre i ristoranti 5 stelle hanno 10 giorni di prenotazioni tutto esaurito di gente che vuole mangiare un brodino con 11 ceci e 6 scarde di cernia a 35 euro... ;)
      se vendete il database mi incazzo.
      certamente, ma nel ristorante 5 stelle devi avere uno chef adeguato se non lo sei tu, e se vuoi diventarlo la strada è lunga e un grosso investimento che si può fare in giovane età, a 35 40 anni è molto difficile raggiungere un livello alto se non si impegnano tante ore giornaliere allo studio e alla pratica. nel 5 stelle mi aspetto di trovare macchine di un certo tipo e qualcuno che sappia utilizzarle.

      perciò credo ancora che l'investimento in macchine analogiche di una catena di produzione audio venga dopo quello in trattamento acustico, monitoraggio, microfoni, preamplificatori e conversione ad/da, in quanto delle emulazioni possono dare soddisfazioni

      danny83 wrote:

      ....

      perciò credo ancora che l'investimento in macchine analogiche di una catena di produzione audio venga dopo quello in trattamento acustico, monitoraggio, microfoni, preamplificatori e conversione ad/da...


      ovvio, senza i presupposti già delle emulazioni non sapresti cosa fartene.
      se vendete il database mi incazzo.
      ma scusate..magari dico qualcosa di scontato, o completamente ad cazzum, ma ho sempre pensato che la situazione ibrida sia la cosa migliore... per esempio io è un po che ho in testa di fare una catena da mettere dopo il master, per esempio comp - eq - limiter fisici così da dare quel quid in piu, ovviamente senza nemmeno sperare che questo sia la chiave per rendere un mix buono.

      anche a me piace l'idea di mettere le mani su componenti fisici ma facendo anche io musica per il teatro spesso mi capita di fare modifiche direttamente in teatro e finalizzarle poi in studio, ma senza plugin il processo sarebbe ben piu lungo e difficoltoso. però ho questa idea in testa da tempo e mi piacerebbe sapere che ne pensate, allargando il discorso a temi più di "ibrido" che non totalmente in o out TB.
      il thread parla delle emulazioni, non di ITB vs OTB. Io sono un fan di molti prodotti digitali ma mi viene la diarrea quando vedo e sento parlare delle cazzate che vorrebbero clonare Neve, Sontec, GML, Manley eccetera. Nessuno di quegli strumenti serve in particolare a nulla se non a scimmiottare, pezzottare le caratteristiche di cose fatte da persone per persone. Non sono scoperte destinate all'umanità. Quindi IMHO, se non puoi permetterti Gucci non comprare la cinta falsa con sopra scritto Gucci. Questo era il concetto secondo me.
      se vendete il database mi incazzo.
      quando i filibustieri produttori di plug "clonano" uno strumento hardware per me commettono essenzialmente lo stesso tipo di atto che fa il cinese che produce un falso di Gucci.
      se vendete il database mi incazzo.

      New

      Tanto per parlare sul argomento outboard vs emulazioni, come giudicate l'esempio di Brauer che abbastanza recentemente ha cambiato il modus operandi, passando da lavorare ibrido con una grossa percentuale di analog gear, a lavorare ibrido con molti piu' plugins e superficie di controllo?

      Personalmente penso che:

      - Anche se il tipo mixasse nel suo bagno su un laptop del 2010 con Logic craccato, la sua credibilita' e di conseguenza il prezzo per il cliente finale non cambierebbe. Se ti rivolgi ad un professionista, non paghi per la giornata di lavoro in cui mixa il tuo bravo, paghi per i 10/20/30 anni di esperienza.

      - Non sminuendo il valore dei plugins e del total recall istantaneo, penso che, in termini relativi, Brauer mixi di meno rispetto ad anni fa, e quindi il gioco di aver un banco world class ed un botto di outboard iniziasse a non valere piu' la candela.

      - Ultimo punto che mi viene in mente per ora, il modo di ascoltare, sia di tecnici sia dei clienti, si sia livellato e quasi abituato ai plugins?

      Chi se la sente dica la sua...

      New

      io ho parlato personalmente con lui nell'ultimo periodo in cui aveva la stanza all'EL e già mi disse che stava cercando una soluzione per lavorare col laptop come facevano i suoi amici. Naturalmente aveva già una situazione privata con i sommatori dove fondamentalmente faceva parecchi lavori scrollandosi di dosso il costo giornaliero non indifferente dello studio. Aggiungi che tiene 71 anni, che la madre viveva a Parigi, che è uno dei fondatori di MWTM... Mo dimmi tu se ha senso starsela a menare con i cavi e 1 tonnellata di ferro avanti e indietro.
      se vendete il database mi incazzo.

      New

      Aggiungi che tiene 71 anni, che la madre viveva a Parigi, che è uno dei fondatori di MWTM

      Questo tuo punto rientra nel mio secondo punto.

      Brauer mixi di meno rispetto ad anni fa, e quindi il gioco di aver un banco world class ed un botto di outboard iniziasse a non valere piu' la candela.


      C'e' anche da dire che altri tecnici, piu' o meno attempati di MHB, tengono botta continuando a lavorare ibrido con i cavi e col ferro.

      Dall'altra parte ci sono tecnici top, che lavorano da anni ibrido con tendenza molto digitale.

      Come al solito direi: horses for courses! :)

      New

      Dico anche io la mia, utilizzo diversi plugin di emulazione analogiche, effettivamente alcuni sono costosi, ma magari potessi permettermi i corrispettivi analogici.

      Però credo che dietro la questione analogico digitale ci sia anche un discorso culturale, cioè mi rendo sempre di più conto che molti, ma veramente tanta gente, utilizza il plugin senza sapere minimamente cosa sta emulando, senza conoscere la storia o almeno per quali cose veniva più utilizzato; si buttano giù numeri fino alla combinazione vincente per poi dire: ho messo un 76 sul rullante.
      Credo che ciò mortifichi non poco questo settore della musica.
      Prima se uno non sapeva cosa era un compressore fet e quando ce le mettevi le mani sopra. Oggi è tra le mani di tutti!

      Detto questo, lunga vita ai plugin!
      Escono da un negozio due tizi, uno ha nel carrello due Adam, un U87 e un 1073; l'altro ha lana di roccia, stoffa, listelli in legno e colla... Chi è l'ingegnere? :thumbup: