Mastering Guida all'uso - Intervista

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Mastering Guida all'uso - Intervista

      Posto qui l'intervista ad un veterano del forum, DBarbarulo.

      Scrivo qualche contenuto dell'intervista, in modo stringato:

      - Breve bio di DB
      - Cenni sulla storia del mastering (com'e' oggi e com'era un tempo)
      - Home Mastering vs. Mastering professionale
      - Mastering per vari formati e piattaforme streaming (questo argomento e' uscito ultimamente anche qui sul forum)
      - Loudness War - motivazioni storiche e situazione odierna
      - Monitoring nel mastering professionale e conto della serva sui monitor :)
      - Acustica nella sala d'ascolto
      - Audio binaurale ed audio immersivo

      Spero vi piaccia. :)

      PS. Segnalo qui il sito di DB con un imminente seminario sul mastering nel caso qualcuno fosse interessato ad approfondire l'argomento.
      Db Barbarulo non mangia pasta con le zucchine. Butterei via ogni cosa, eccetto il Weiss ADC1 ed il SIPP. Col SIPP ha guadagnato 10 punti. Bravo Barbarulo. Bravo Barbarulo...però non lo dire a nessuno che il DA3000 ha dei convertitori da paura.

      RecEng wrote:

      Db Barbarulo non mangia pasta con le zucchine. Butterei via ogni cosa, eccetto il Weiss ADC1 ed il SIPP. Col SIPP ha guadagnato 10 punti. Bravo Barbarulo. Bravo Barbarulo...però non lo dire a nessuno che il DA3000 ha dei convertitori da paura.


      Io butterei anche il Weiss ADC1 per prendere quello che ho io che è l'ADC2.
      se vendete il database mi incazzo.
      Comunque, dopo aver mangiato pasta e piselli, le zucchine arrostite ieri sera come contorno, il DA3000 ha dei buoni convertitori anche se usati in PCM considerato il costo. Se il costo è no object butta il Tascam e senti la combo Solaris Weiss... ;.)
      se vendete il database mi incazzo.
      Complimenti sinceri a Davide (di cui ho guardato anche altri interessanti contenuti, anche se pigramente e colpevolmente non ho mai commentato) e Gianmarco per il suo canale (non ti conosco personalmente ma ho sentito che ti chiami così).
      Pur lavorando su altri fronti (da un lato esperienza di etichetta, dall'altro tracking e mixing) mi trovo assolutamente d'accordo con tutte le valutazioni di DB, in particolare quando sottolinea che di fronte ad una scarsa opera di scrittura, arrangiamento, qualità dei musicisti il mastering finale poco può fare.

      Ieri mi è capitato di vedere un video live del 1979 di un gruppo che ho istintivamente sempre apprezzato pur conoscendone solo le hit più commerciali:


      Ecco, trovo che il video in bianco e nero e l'audio (niente autotune, niente timing... tutto "vero", tutto talento... e ho preso ad esempio Blondie, non la Mahavisnu Orchestra!) a 480p esaltino ancora di più il fatto che (al di là dell'innegabile fascino di Debbie Harry! che è arrivata al successo a 34 anni... oggi sei "vecchio" a 20) il songwriting e la personalità dei musicisti sono la base irrinunciabile per arrivare ad una grande produzione. Base che a mio avviso - tranne eccezioni (nel mio caso salvo Tame Impala, Verdena e poco altro, ma ovviamente sono gusti personali) - negli ultimi 20 decadenti anni della musica di massa (perché di questo comunque parliamo) è venuta sempre più meno, con l'esplosione della "democrazia" della rete (prendo a prestito il termine di DB) e la conseguente implosione delle filiere produttive che - pur con tutte le loro contraddizioni e tanta musica scadente - hanno permesso anche a musica di qualità di arrivare alla ribalta, e di conseguenza a musicisti dotati il poter fare il mestiere di musicista, maturando e migliorando fino a lasciarci opere che reggono il confronto col tempo.

      Forse l'ho presa un po' alla larga ma mi serviva per dire che solo su una cosa non mi trovo d'accordo con DB... l'utilizzazione del termine "anziano". Non sento, neli ultimi 20 anni di musica mainstream, nessuna forza innovativa, nessuna tensione qualitativa che mi faccia pensare di aver perso qualcosa per strada rispetto - è un esempio, cito un disco a me caro ma ognuno può sostituirlo con un altro di fine millennio - ai Radiohead di "Ok Computer". E, d'altra parte, si diventa Bruce Swedien anche perché si è iniziato con Count Basie e Duke Ellington, insomma, anche se in qualche cantina londinese o newyorkese c'è in questo momento sicuramente qualche fenomeno 16enne che mixa e masterizza da Dio, penso sempre che per arrivare ad un certo livello - se non si è geni - ci sia un percorso da fare, come in ogni professione.
      E il margine di scoperta e innovazione - a mio vedere, ovvio - nella musica oggi è molto minore che in passato.
      Agli albori del cinema, nei primi anni del '900, non era inusuale vedere giovani talenti emergere con forza e credibilità (uno su tutti: Chaplin. Ma anche, molto dopo, Welles). Ma era un'arte "nuova", da inventare. Così come è stata la registrazione multitraccia dagli anni '60 in poi. Forse nel 2020 alla brama di "novità" (che per me è ormai un termine giornalistico) dovremmo sostituire quello di "qualità", ma per farlo è necessario anche un livello di cultura (non solo musicale ma anche relativa all'ascolto - e ai sistemi di ascolto) che in questo frangente storico a mio avviso latita.

      Post was edited 3 times, last by “grungelizer” ().

      DBarbarulo wrote:

      comunque, giusto per, dal forum non è pervenuto alcun contatto nemmeno informativo per conoscere modalità di partecipazione. :D


      Tristezza!

      Poteva essere l'occasione per staccarsi un po' dalla pseudo-assistenza-tecnica o dal bar, usando mezzi piu' al passo coi tempi, per parlare di audio.

      No polemica. Nothing but facts!

      Peccato, magari qualcuno si attivera' in un'altra occasione. :)

      grungelizer wrote:



      Forse l'ho presa un po' alla larga ma mi serviva per dire che solo su una cosa non mi trovo d'accordo con DB... l'utilizzazione del termine "anziano". Non sento, neli ultimi 20 anni di musica mainstream, nessuna forza innovativa, nessuna tensione qualitativa che mi faccia pensare di aver perso qualcosa per strada rispetto - è un esempio, cito un disco a me caro ma ognuno può sostituirlo con un altro di fine millennio - ai Radiohead di "Ok Computer"


      Allora non solo concordi col termine anziano, ma sei anziano di brutto pure tu. Il senso di "anziano" è proprio quello e cioè appartenere ad una generazione cresciuta con dei riferimenti di un certo tipo che poi, vai a vedere, si sono tradotti no approcci e modalità professionali che poco o nulla hanno a che vedere con la media del contemporaneo.

      Venendo al mio intervento di sopra, purtroppo mi ha meravigliato che dei 18 partecipanti al forum, tolti i 3 con cui ho contatti diretti, una volta che è permeata la notizia di un'iniziativa che mi ha coinvolto (cosa che in 16 anni di contribuzione non è mai capitata) non ci sia stato alcun contatto, nemmeno informativo. Cioè zero nel senso di 0. :D

      DB
      se vendete il database mi incazzo.
      ...è che siamo già imparati, barbarù! :D
      Scherzi a parte, giustifico la mia non adesione con (in primis) non lo sapevo, ma (in secundis) non avrei comunque partecipato, visto che non ho intenzione di intraprendere/proseguire su questa strada, che mi interessa si, ma più da semplice curioso, visto che faccio tutt'altro in campo musicale, e mi limito di tanto in tanto a lavorare a qualche demo delle mie band nel mio garage/magazzino-agricolo/laboratorio.
      Avessi avuto mezzi e soprattutto tempo, l'avrei fatto volentieri per il semplice gusto di imparare! :thumbup:
      Resistance... is futile. We are KORG, so you'll be synthetized!

      DBarbarulo wrote:

      Allora non solo concordi col termine anziano, ma sei anziano di brutto pure tu. Il senso di "anziano" è proprio quello e cioè appartenere ad una generazione cresciuta con dei riferimenti di un certo tipo che poi, vai a vedere, si sono tradotti no approcci e modalità professionali che poco o nulla hanno a che vedere con la media del contemporaneo.


      Eccome se lo sono! Anagraficamente anche (purtoppo, eh) :D Fai conto che il primo concerto che ho visto è stato De André con la PFM...
      Riguardo al resto del discorso che fai forse mi sono perso dei passaggi (non ho frequentato molto questo forum negli ultimi anni), non so quale sia l'iniziativa che ti ha coinvolto, a meno che tu non ti riferissi all'intervista

      grungelizer wrote:


      Riguardo al resto del discorso che fai forse mi sono perso dei passaggi (non ho frequentato molto questo forum negli ultimi anni), non so quale sia l'iniziativa che ti ha coinvolto, a meno che tu non ti riferissi all'intervista


      Nel post iniziale il TS ha linkato si un video, ma anche avvertito (prima che iniziasse) di un webinar che si è tenuto negli scorsi giorni. Io non ho mai pubblicizzato nulla quà sopra, ma sono ragionevolmente certo che dal 2007 la risposta sarebbe stata comunque 0 :thumbsup:
      se vendete il database mi incazzo.

      DBarbarulo wrote:

      Comunque BJ anche in quello che dici ci sono parecchi "assunti" che potrebbero non rispondere a realtà. Ma resterà un mistero!


      Che sarò felice di "de-misterizzare" quando hai tempo e voglia!
      Anche perchè credo di non aver colto il senso della tua risposta!
      In ogni caso ho seguito tutti i tuoi video con molto piacere, ma non c'è il like perchè youtube mi ha bannato (e non so perchè)! :D
      Resistance... is futile. We are KORG, so you'll be synthetized!