Mastering home made, da dove partire

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      sembra una risposta ovvia, ma si parte da un buon mix.

      appurato questo, nella fase di mastering puoi inizialmente cercare di eliminare risonanze fastidiose (che comunque dovresti fare in mix, ma all'occorrenza anche in mastering usando un eq trasparente e con filtri notch).

      puoi cercare di amalgamare il tutto con un compressore settato con attacco lento e rilascio più veloce stando attento a non creare eccessivo pumping se non serve, e non comprimere più di 1-2 db.

      puoi eventualmente usare un equalizzatore come uno stile pultec per accentuare bande di frequenza larghe, ma sempre usando le orecchie e non tanto per farlo.

      puoi usare limiter e clipper per dare volume stando attento a non schiantare il mix.

      ti consiglio comunque di fare switch A B con il mix per vedere dove stai andando, se stai effettivamente migliorando o peggiorando.
      usa anche una traccia di riferimento che conosci bene.

      questo per un mastering casalingo, come detto gli ascolti sono importanti, la cuffia puoi usarla (che sia una buona cuffia), e fai tante prove