I magnifici kickdrum di Axwell

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      c3rb3ro wrote:

      That's the difference between acoustic and electronic music:)

      Tu devi sapere per 89% suonare e 11% mettere a posto il suono del tuo marshall, stare attento a ronze ecc.. noi dobbiamo fare per l'89% suono e 11% musica!..

      timbrica vs armonia, se diventi 100% armonia e 100% timbrica ti puoi anche chiamare Debussy! ahahh

      Si e no..... :D
      Tutta la musica è innanzitutto suono e controllo di tutti i suoi dettagli.
      Nella musica suonata, per fortuna di chi sa suonare e per sfortuna di chi è zappatore, il 90% del suono lo fanno le mani.
      Nella musica elettronica c'è il fattore sound alla moda che IMHO è un grosso limite per la creatività, infatti tutti i mostri sacri del lustro fanno delle bellissime confezioni, per carità, ma spero ci sia qualcuno che sia ancora interessato al contenuto dei pacchetti regalo......
      E fare un contenuto quantomeno originale senza uscire dal sound di riferimento del periodo è molto difficile.
      Giusto per dirne una, le casse di squarepusher sono spompatissime rispetto a quelle di axwell, però è l'unico musicista che io abbia ascoltato negli ultimi 15 anni che mi ha fatto ascoltare i suoi album col repeat......
      La mia didattica
      Le mie foto...


      Orecchie funzionanti e studio sonorizzato come Cristo comanda...

      Sonicologico wrote:

      be' si parlavo dei comuni mortali, ci sono un casino di producer che hanno un ottimo suono come la tua base che ne è un esempio. :thumbup:

      Grazie :) Comunque in quel pezzo di Axwell ho l'impressione che quello all'inizio non sia un kick vero e proprio perché dopo entra una 808 a tono pressoché fisso simile a quella che ho usato io (Vengeance electro). Il sound che vi ho fatto sentire è ottenuto principalmente con una compressione molto pesante con un noto compressore plugin (abbiate pazienza se non vi svelo tutto :P ) e lo "schiocco" è ottenuto mettendo un hat tagliato corto che batte con la cassa ma pochi millisecondi prima, il compressore schiaccia quando batte la cassa e si forma quello "schiocco" che mi pare sia molto simile al pezzo di Axwell in questione, la compressione pesante per amalgamare il tutto e la scelta dei suoni però è vitale, nella mia cassa infatti a causa della compressione si perde molta percezione delle basse e risulta molto piatta, probabilmente tagliandone le basse e accostando una 909 con un leggero sweep fuori dal compressore si recupererebbe un po' di dinamica percepita. Negli ultimi tempi mi sto ritrovando invece a cercare casse molto più morbide tipo in questa base (non è elettronica) e spesso mi tocca usare un transient designer per attenuare un po' la punta, soprattutto perché, vuoi per i limiter maledetti che ci mettono nelle librerie, vuoi per la loro natura sintetica, hanno punte che appena limiti un po' nel master diventano troppo acide per i miei gusti, così invece posso spingere molto di più nel master 8)
      youtube - facebook - soundcloud
      Pop - Hip hop - Elettronica

      mafigi wrote:

      c3rb3ro wrote:

      Infinytech Kickz

      comunque aspetto un vostro parere


      complimenti bello lo 010 "no mastered", se dovessi provarlo in qualche produzione ti contatto in PM per eventuali credits :)

      PS. quello di Resurrection è maledettamente + aperto sui 7000 e più "plastico"....ahahah maledetto Axwell.... ahahah!!! :P



      Grazie caro :) proprio stasera mi è toccato tornare a fare battute (noiose da morire)... visto che ti è piaciuto prendo spunto magari metterò un set di kikzz in free daunload dal mio sito!


      Have fun!!
      Conservatorio C.Pollini Padova
      Corso di Tecnico di Sala di Registrazione
      intervengo un ultima volta in sto 3d (dopo un anno) per il mio umile contributo,poi me vado di nuovo...

      secondo me con gli ultimi interventi avete ragione un po' tutti,nel senso che:

      da una parte ci sono molti ragazzi di nuova generazione che guardando i video sul tubo credono agli asini che volano e dall'altra c'e' una mentalita' tipica Italiota del tipo "faccio tutto da solo e non ho bisogno di nessuno".

      allora: per me il problema di noi italiani e' proprio questo,cioe' invece che (come succede all'estero) cercare una collaborazione tra produttori,ci scanniamo invidiosi l'uno dell'altro di questo e di qell'altro...

      non avete capito?

      bene,vado con gli esempi: prendiamo gli Swedish House Mafia,il gruppo trouse del momento...ecco,ci avete fatto caso che prima erano in 4,adesso sono in 3 ma comunque sono sempre un team,dove uno magari e' bravo a fare il dj,l'altro e' bravo a fare il fonico e l'ultimo magari e' un vero musicista?

      ecco,queste figure che lavorano insieme si chiama COLLABORAZIONE,ed e' una cosa che esisteva anche in Italia negli anni '90...

      ma che cavolo vi credete? che uno solo perche' e' un dj riesce a fare una produzione trance da solo??? se si allora vivete in un mondo di favole virtuale...

      da che mondo e mondo una volta i dj andavano negli studi veri e l'unica cosa che facevano era consigliare qualche suono,ma niente di piu...

      l'arrangiamento,lo facevano musicisti veri (anche se era techno),il missaggio lo facevano fonici veri...l'unica cosa e' che quando il disco usciva portava il nome del dj pinco pallino,quindi la fama e la gloria se la prendevano sempre i dj,ma fondamentalmente il disco era fatto da persone di nicchia,umili e sconosciute.

      oggi invece e' uno schifo,i ragazzi pensano di fare tutto da soli e il risultato si sente...

      Silve wrote:

      Non è un mistero che la musica da discoteca oggi sia "tutto sound", di cosa ti sorprendi? :D

      Per quello la sto abbandonando, un po' noiosa la questione... :S
      ...di cosa mi sorprendo??? ma assolutamente di niente!!! cioe gli Swedish House Mafia non si chiamano mica cosi per niente,no? :D

      ...sono solo incavolato perche' Bersani non combina un tubo e i grillini sono dei testoni maledetti!!! :D

      ...oh,se poi torna su Silvio non vi lamentate eh? :D

      Busso wrote:


      intervengo un ultima volta in sto 3d (dopo un anno) per il mio umile contributo,poi me vado di nuovo...

      secondo me con gli ultimi interventi avete ragione un po' tutti,nel senso che:

      da una parte ci sono molti ragazzi di nuova generazione che guardando i video sul tubo credono agli asini che volano e dall'altra c'e' una mentalita' tipica Italiota del tipo "faccio tutto da solo e non ho bisogno di nessuno".

      allora: per me il problema di noi italiani e' proprio questo,cioe' invece che (come succede all'estero) cercare una collaborazione tra produttori,ci scanniamo invidiosi l'uno dell'altro di questo e di qell'altro...

      non avete capito?

      bene,vado con gli esempi: prendiamo gli Swedish House Mafia,il gruppo trouse del momento...ecco,ci avete fatto caso che prima erano in 4,adesso sono in 3 ma comunque sono sempre un team,dove uno magari e' bravo a fare il dj,l'altro e' bravo a fare il fonico e l'ultimo magari e' un vero musicista?

      ecco,queste figure che lavorano insieme si chiama COLLABORAZIONE,ed e' una cosa che esisteva anche in Italia negli anni '90...

      ma che cavolo vi credete? che uno solo perche' e' un dj riesce a fare una produzione trance da solo??? se si allora vivete in un mondo di favole virtuale...

      da che mondo e mondo una volta i dj andavano negli studi veri e l'unica cosa che facevano era consigliare qualche suono,ma niente di piu...

      l'arrangiamento,lo facevano musicisti veri (anche se era techno),il missaggio lo facevano fonici veri...l'unica cosa e' che quando il disco usciva portava il nome del dj pinco pallino,quindi la fama e la gloria se la prendevano sempre i dj,ma fondamentalmente il disco era fatto da persone di nicchia,umili e sconosciute.

      oggi invece e' uno schifo,i ragazzi pensano di fare tutto da soli e il risultato si sente...


      si sta andando leggermente OT, però all'infuori del discorso degli Swedish, che si sono DIVISI.. quindi ecco il risultato..

      trovo che la musica e la società d'oggi ci impone di essere autodidatti in tutto, ed arrangiarsi con le proprie mani, anzi orecchie :D

      ogni giorno nel settore EDM escono decine e decine di canzoni, e seppur ci sia passione, la retribuzione è sempre minore (lo sanno tutti che i soldi si fanno con le serate, e non con i dischi!!). questo porterà sempre di più alla nascita di homestudio, e alla crescita di persone che debbano "creare" sfruttando le proprie armi...

      è vero. noi italiani, siamo gelosi del sapere, vogliamo aver "gloria" da soli, ma non trovo corretto al 100% il tuo discorso Busso..

      negli anni 90 e 80 era tutto completamente diverso, oltre al discorso finanziario (nessuno si poteva permettere l'hardware di oggi), il discorso di informazione e comunicazione non era avanzato come oggi!
      guardando 4 tutorial di accademie online (es. sound academy, groove3), seguendo dei canali sul tubo, anche un ragazzino con lieve dedizione può creare qualcosa di "suo" (suo fra virgolette, perché le canzoni sono tutte uguali, e la comunicazione di massa ne è la causa, risultato poca originalità)
      nel 1995, un ragazzino di 16 anni non pensava di certo ai campionatori, o ad ableton, ma alle bigbubble :D

      i giorni d'oggi hanno molti PRO, ma sicuramente anche molti CONTRO, effettuando un paragone alla vecchia italodisco-italodance

      sul discorso della cassa. che hai citato, scrivendo che tristezza...
      bhe anche qui avrei molto da ridire, partendo dal fatto, che siamo lontani mille anni dal passato!! ora è tutto super-compresso, e si cerca in continuazione suoni BIG, e che suonino sempre più forti.. quindi non vederla come tristezza, ma semplicemente come ricerca, per portare il proprio livello in linea alle sonorità che tutti i giorni sentiamo in radio o nei dj-set..
      ...puoi pagare la Scuola..ma non puoi comprarti la Classe...

      soundcloud.com/basalto-music

      Post was edited 1 time, last by “djspeed” ().

      djspeed wrote:

      ora è tutto super-compresso,


      Secondo me la dicitura super-compresso è obsoleta. :P io direi SUPER-LIMITATO!!! servono oramai 4 o 5 limiter per pompare seriamente....

      E comunque ci sono moltissimi esempi di persone che diventano bravi e famosi "da soli" si anche se hanno fatto il conservatorio (Giuseppe Ottaviani) e no anche se non l'hanno fatto ( 7skies) .. beh torno a sbattere la testa..penso non ci sia altro da fare.. (tra l'altro sbaglio o hanno tolto l'utile emoticon del tizio che sbatteva la testa sul muro?)
      Conservatorio C.Pollini Padova
      Corso di Tecnico di Sala di Registrazione
      Forse vi puo' interessare questo video, i tre SHM in studio parlano di come hanno realizzato "One". A un certo punto Axwell parla anche del kick, fa sentire distintamente che e' composto da due parti, una che fa il "corpo" e l'altra la "punta".
      Inoltre (e questo penso possa fare la differenza) dicono che usano molto il compressore del banco (SSL? non ricordo esattamente).
      Di sicuro nel brano postato all'inizio di questo 3d si sente molto la punta del kick che poi scompare a un certo punto, quando entrano altri suoni.

      djspeed wrote:

      nel 1995, un ragazzino di 16 anni non pensava di certo ai campionatori, o ad ableton, ma alle bigbubble
      questo lo dici tu.....
      io ero già evoluto!!!pensavo alle boobs e già possedevo un synth professionale, da ben 3 anni.... :D
      certo, all'epoca, da 15enne era tutto quello che mi potevo permettere...e il massimo che potevo fare, era collegare il tutto sull'Amiga 500 e registrare eventi midi su Sonix (ben 8 tracce) per poi riversare tutto su MC!

      djdona wrote:

      A un certo punto Axwell parla anche del kick, fa sentire distintamente che e' composto da due parti, una che fa il "corpo" e l'altra la "punta".
      Inoltre (e questo penso possa fare la differenza) dicono che usano molto il compressore del banco (SSL? non ricordo esattamente).
      mmm...beh diciamo che questa è la tecnica praticamente standard per il trattamento di qualsiasi cassa!
      non a caso, si usa un mic dinamico per il transiente ed un condensatore per il corpo dello strumento....ovviamente i due canali verranno poi processati opportunamente per valorizzare questo diciamo "semplice" schema....

      in caso di sample o comunque di batterie elettroniche, il discorso si può fare tranquillamente...

      per quanto riguarda l'uso di un compressore analogico, ci possono essere differenze, ma non è certo lì il trucco....oggi ci sono plugin che possono reggere tranquillamente settaggi piuttosto estremi, con un'ottima naturalezza d'intervento, aggiungendo un pò tutte le tipiche nuances delle circuiterie ellettroniche d'alto borgo!


      torno a pensare alla techno old school :love:

      c3rb3ro wrote:

      djspeed wrote:

      ora è tutto super-compresso,


      Secondo me la dicitura super-compresso è obsoleta. :P io direi SUPER-LIMITATO!!! servono oramai 4 o 5 limiter per pompare seriamente....

      E comunque ci sono moltissimi esempi di persone che diventano bravi e famosi "da soli" si anche se hanno fatto il conservatorio (Giuseppe Ottaviani) e no anche se non l'hanno fatto ( 7skies) .. beh torno a sbattere la testa..penso non ci sia altro da fare.. (tra l'altro sbaglio o hanno tolto l'utile emoticon del tizio che sbatteva la testa sul muro?)
      ...ecco bravo...sbatti la testa forte contro il muro! :thumbsup:

      e quando avrai capito che queste super casse magari non sono altro che semplicissimi sample presi dal miliardo di librerie in commercio,oppure semplicemente create con un sintetizzatore con attacco veloce (per la pancia) + un hat (per la punta),il tutto passato per un compressore plug-in...Angello e tutto il circo di Mafia che ci gira attorno avra' gia creato qualche nuovo suono...e ovviamente tutti noi ci prederemo a legnate per capire come riescono a creare questi "Alien"... ;)

      ...oh,non so' il perche' ma a me sembra di ripetere sempre le stesse cose...forse e' per questo che i forum mi hanno stufato...

      ciao

      Busso wrote:

      MrRed wrote:

      Ma poi siamo proprio sicuri sicuri che i vari fenomeni dance non si facciano poi fare il mix e il master da qualcun'altro?
      ...questa cosa mi pare quasi scontata...secondo te Madonna quanto si e' sbattuta per partorire il suo ultimo singolo?....e' il solito discorso dai...quando sei famoso hai un battaglione di gente che lavora per te...

      come mi disse un tale,il problema oggi non e' tanto fare un disco,ma farsi propaganda,farsi conoscere e cosi via...perche' sei sei bravo ma rimani nella nicchia chi cavolo ti fuma???

      il discorso e' alquanto complesso,e io sinceramente mi tiro indietro dato che la fama non mi interessa...sono timido! hahaha!!! :D
      Hai pienamente ragione!
      Sono d'accordissimo soprattutto con il fatto che esiste la problematica di farsi conoscere in giro perchè anche se ti chiami David Guetta e fai delle ottime produzioni, se rimani "a casa tua" o nel tuo quartiere, nessuno ti nota.
      Poi sul fatto che molti dischi dance europei hanno un kick ben definito si arriva a questo semplicemente sgonfiando lo stesso kick di bassi e farlo suonare in maniera armonica in side chain con il basso.
      Certo, non è solo questo eh....
      però detto in soldoni il principio è quello che ho appena espresso.
      Un altro principio molto importante per distinguere bene i suoni è quello di far suonare i vari strumenti su frequenze diverse, mi spiego:
      Se abbiamo un basso su 50 Hz non si può far suonare un altro suono alla medesima frequenza, perchè nella totalità del brano non lo distingueremmo.
      Quindi credo che ogni suono debba avere un tocco di EQ differente dall'altro.
      Dico questo perchè ho visto alcuni progetti dove gli strumenti suonano più o meno sulle stesse frequenze e si faceva difficoltà a distinguere i vari elementi. :thumbdown:
      Ovviamente fatemi sapere la vostra idea e cosa pensate a riguardo.... :thumbsup:
      Buona musica a tutti amici! :thumbup:

      Post was edited 1 time, last by “DaniG” ().

      Questo mi pare evidente, non ce la vedo Lady Gaga che passa le giornate davanti a pro tools come facciamo noi, sappiamo tutti che il merito del sound è di Tony Maserati e combriccola

      Post was edited 1 time, last by “Wools” ().

      Ma no DaniG è tutta suggestione fidati, la fuori è pieno zeppo di ottimi producer con ottima musica che cadono nei dimenticatoi semplicemente perchè non sanno affrontare il lato pubblicitario, certo come ci sono anche un sacco di prodotti amatoriali.

      Racconto questa perchè faccio prima a scrivere che a fare ricerche, cmq è un caso abbastanza eclatante magari con i motori si trova in 2 minuti.

      Un gruppo con un sound similare ai duft punk ha messo on line su youtube un pezzo spacciandolo per uno dei prossimi single nell' imminente (dovrebbe essere) ricomaprsa del gruppo, quindi credo con un loro EP. Risultato che questa traccia fa qualcosa come 40000 riproduzioni in poco tempo, cosa strana perchè nel loro canale c'erano altre musiche (anche di un paio di anni) che erano appena sopra i mille ascolti. Da li si è cominciato a capire che era un fake :D

      Cmq poi loro sono usciti alla scoperta spiegando nella descrizione il loro esperimento sociale :D concludendo quanto siamo contagiati psicologicamente dal nome dell'artista in quello che stiamo ascoltando ?
      La cosa forte era prima che spiegavano anche loro e uscivano allo scoperta la gente li tempestava di messaggi.."fighi" .."sono tornati..etc etc"...dopo..quindi ora gli ne stanno dicendo di tutti i colori :D

      Post was edited 3 times, last by “Sonicologico” ().