Microfoni per registrare strumenti o voci

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Microfoni per registrare strumenti o voci

      Ciao a tutti!

      Spero che la domanda non risulti banale ma sono piuttosto nuova nell'ambiente. Vorrei sapere se avete da consigliarmi un buon microfono per delle registrazioni di voci e di strumenti acustici (clarinetti, oboi, violini). Io al momento ho solo un registratore della zoom, ne vorrei uno più preciso e direzionato, che potrei collegare eventualmente al computer tramite scheda audio. Avevo pensato a un mezzo fucile ma non so destreggiarmi tra le varie marche... Mi serve per registrare gli strumenti in ambienti con un buon isolamento acustico e non più di due voci in spazi più aperti (non insieme). Ho un budget di massimo 200 euro, ma se ne vale veramente la pena potrei salire...suggerimenti?
      In realtà vale sempre la pena salire, e il microfono è ciò che cattura la sorgente (voce, strumenti...) per cui è un investimento da non fare in fretta e con leggerezza. Ti consiglio di passare un po' di tempo sul forum e cercare di approfondire il tema microfoni (c'è moltissimo materiale al riguardo), dopodichè decidere un budget in base al tipo di uso che ne farai e al risultato che vuoi ottenere. Ti dico questo non perchè abbia una grandissima esperienza di microfoni, ma ho fatto acquisti dei quali mi sono pentito, non sapendo quanto fosse importante la fase di ripresa e la qualità/tipo di microfono. È veramente un tema vasto e da approfondire con calma. Io adesso uso un TLM 103 per voci e strumenti acustici, ho scoperto davvero un mondo facendo il salto di qualità.
      Se poi hai fretta o ritieni che un microfono da 200 € vada bene per quello che devi fare, lascio la parola ai più esperti per i consigli sull' acquisto...
      Eh purtroppo un tml 103 ora per me sarebbe troppo ahah
      Sia per disponibilità in denaro, che non ho proprio e temo non avrò per un po', sia per l'uso che ne faccio, non tanto perché non mi serva un buon prodotto ma perché mi capita di usarlo ben poche volte per ora. Quindi sì, l'ideale sarebbe qualcosa di meno dispendioso anche se a discapito della qualità, purtroppo.

      Grazie mille per il suggerimento comunque! :D
      Il consiglio di approfondire è sempre valido... magari ti viene voglia di aspettare un po' e racimolare qualche soldo in più. Ad ogni modo su quella fascia ho sentito parlare molto molto bene del Rode nt1a (sei a meno di 200 € sul nuovo) o l'nt2 che ha doppio diaframma. Aspettiamo altri pareri!
      Ciao Livia
      visto che come dici ti servirà ben poche volte un'altra possibilità è quella del noleggio. Con 30-50 euro al giorno già trovi buoni microfoni.
      Potresti comprarti un mic economico per fare tutte le tue prove e solo per il giorno in cui farai la registrazione finale ti noleggi qualcosa di buono.
      Questo ti darebbe anche la possibilità di sperimentare microfoni diversi e capire quale sarà quello che più ti converrà acquistare se un giorno lo vorrai fare.
      Mmm non vorrei sembrare una che smonta ogni risposta, ma non sarebbe una gran soluzione... preferisco averne uno da poter usare comodamente!
      Ho la possibilità di comprare un Akg perception 100 usato a 120 euro...qualche review sul prodotto?

      Piruz wrote:

      Il consiglio di approfondire è sempre valido... magari ti viene voglia di aspettare un po' e racimolare qualche soldo in più. Ad ogni modo su quella fascia ho sentito parlare molto molto bene del Rode nt1a (sei a meno di 200 € sul nuovo) o l'nt2 che ha doppio diaframma. Aspettiamo altri pareri!


      non avevo visto la tua risposta! In effetti avevo sentito anch'io parlar bene del rode, sia per la qualità che per il prezzo...certo il doppio diaframma sarebbe il top
      Prima del TLM avevo un AKG P220, l'ho usato per circa un anno. Non avendo esperienza ne possibilità di fare paragoni non mi sono reso ben conto di cosa avessi in mano, ti dico solo che il suono usciva sempre "piccolo" ed avevo spesso problemi con le sibilanti. Sempre per inesperienza credevo di poter aggiustare tutto in mix ma finivo regolarmente per fare un uso smodato di de-esser e distruggere praticamente il suono originale. Sia chiaro, ero anche all'inizio e dovevo imparare ma una volta fatto il salto al TLM ho iniziato a capire davvero dove sbagliavo io e quali erano invece i limiti reali del microfono.
      In ogni caso concordo sul fatto che convenga fare delle prove e per quanto possibile accumulare esperienza prima di fare acquisti importanti.

      Ribadisco che secondo me su quella fascia l'nt1 o nt2 mi sembrano una buona scelta, ma mi baso sulle informazioni raccolte e non sull' esperienza personale, per cui non posso darti altre informazioni.
      Il doppio diaframma sull'nt2 in teoria ti serve solo per utilizzare le altre figure polari, infatti l'nt1 è solo cardioide. Se non utilizzerai il microfono in omni o figura - 8 risparmi un centinaio di euro...
      Ah, l'nt2 ha in più un attenuatore, ti serve quando la sorgente da registrare ha un volume alto (es. ampli chitarra, cantante che grida nel microfono ;) )

      Livia wrote:

      Mmm non vorrei sembrare una che smonta ogni risposta, ma non sarebbe una gran soluzione... preferisco averne uno da poter usare comodamente!
      Ho la possibilità di comprare un Akg perception 100 usato a 120 euro...qualche review sul prodotto?


      ma ci mancherebbe... Era solo per buttarti sul tavolo una possibilità aggiuntiva.

      Anni fa ho comprato un AKG perception 100 e devo dirti che per la fascia a cui appartiene mi era piaciuto. Attenzione però che l'ho pagato quel prezzo acquistandolo nuovo. 120 Euro mi sembrano esagerate per questo mic usato.
      In questo momento sul famoso mercatino ne trovi uno a 50 Euro.

      Senza dubbio allora l'NT1 nuovo piuttosto che un AKG perception usato a 120 Euro.
      ciao;
      io ti consiglio senza ombra di dubbio un Oktava MK 012-01 Cardioide,con 181 € te la cavi sul nuovo..
      anche se ti consiglierei di comprare questo Oktava MK 012-01 MSP2 Matched Bundle (dal tedesco di nome T). con 322 € hai anche 2 cavi da 10 mt compresi. così puoi sperimentare anche le tecniche stereo.
      l'importante è l'idea e soprattutto osare...
      Io sono uno della scuola "non ha senso pagare il marchio" o "non prendere i soliti modelli solo perche' sono popolari" e quindi la maggior parte delle mie ricerche in materia di microfoni e preamplificatori e' sempri indirizzata a capire chi mi da il massimo risultato con la minima spesa... spesso questa ricerca mi porta verso nuovi produttori se non ai piccoli "artigiani".
      Detto questo ti do una lista di microfoni che ho e che ti consiglio:
      Per la voce direi che con un diaframma largo non sbagli
      Advanced Audio CM87 oppure il CM47fet (sono americani ma sul loro sito trovi il link per comprare direttamente dell'Europa)
      Aston Origin o, se puoi spendere qualcosa in piu' lo Spirit (questi non li ho ma li prenderei se non ne avessi gia' microfoni a sufficienza)
      Per gli strumenti, tenendo comunque presente che uno dei precedenti va benissimo anche in questo frangente, potresti prendere pero' anche un diaframma piccolo
      Line Audio CM3 (Made in Svezia... il prezzo migliore l'ho trovato su ebay, prendi anche lo shockmount)... al quale aggiungerei un Triton Audio Fethead Phantom, perche' il CM3 e' un poco sensibile e, a meno che il tuo preamp non abbia piu' di 65dB di Gain, potrebbe aver bisogno di un aiutino.
      Gli strumenti acustici classici vanno molto d'accordo con i microfoni a nastro
      NoHype LRM-2 (fatti uno per uno da una persona solo e ho appena controllato il suo sito ed e' in ferie fino al 10 Luglio) anche in questo caso, non sapendo che preamp hai ci aggiungerei un Triton Audio Fethead Filter.
      Alla fine se prendi uno per delle tre categorie e anche i Fethead (attenzione a prendere esattamente il modello che ho scritto rispettivamente per il CM3 e per il LRM-2) spendi piu' o meno come un Neumann TLM 103 per tutti.
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons
      io invece penso l'esatto opposto...
      ci sono mille motivi per pagare un poco di più il marchio.

      Il problema è che la gente giudica con superficialità, non ha le capacità di capire il perchè certi prezzi sono più alti.....Si costruisce una propria scala immaginaria sul valore di un oggetto, che non ha nessun riscontro pratico (spesso è basato su quanto uno vorrebbe spendere e su quanto cash ha nel portafogli).
      Chi non è imprenditore spesso non riesce a capire quali sono i costi da sostenere per mantenere alta la qualità di tutta la catena produttiva.........Dal progetto, all'assistenza!
      Non c'è la benchè minima idea dei costi........

      Poi il problema è semplice...
      FInchè il tecnico di turno improvvisato, nato a suon di tutorial, non si compra un Neve 1073 originale (e non un clone castrato pesantemente) ed un Neumann U47 vintage, ci sarà sempre qualcuno che darà la colpa al convertitore made in Germany di turno, che è Mercedes, laddove invece Antelope è la Ferrari ehaivoglianonsentirel'incredibileassurdadifferenzadiqualitàblablablablablabla!!!

      Quando invece i risultati non arrivano con una catena da 10k, voglio proprio vedere se qualcuno si prende la responsabilità di dire "faccio cacare", invece di dare la colpa all'inversione di fase e ai ciccì e coccò :)
      Non mi sembra questo il caso, semplicemente Livia vuole iniziare a registrare e può spendere 200 € o poco più... poi il discorso che fai è assolutamente logico ma forse non ci si arriva subito; al primo impatto, per esempio, quasi 300 € per uno shock mount (vedi neumann) sembrano esagerati e basta. Sarebbe bello approfondire e capire davvero quali sono le dinamiche che spingono a proporre questi prezzi . Poi sicuramente una persona competente che compra neumann lo fa perché sa cosa trova, e si affeziona a quel suono lì. Come del resto per altre cose. Credo che comunque per capire ci vada tempo, e che da qualche parte si debba iniziare, anche con poco. Evidentemente il motivo per cui chiede consiglio è proprio questo...o no? Il fatto che ci sia gente che da la colpa al ciccì e coccò e spende migliaia di euro beh... se i soldi li hai fai quello che vuoi, ma di sicuro ad essere onesti con se stessi c'è solo da guadagnarci.

      Post was edited 1 time, last by “Piruz” ().

      Questo forum si chiama “home studio Italia“ e se non ho capito male ha come intento quello di dare un mutuo supporto a hobbisti, neofiti, appassionati... frequentato fortunatamente anche da professionisti.
      Detto questo, credo che la spesa debba essere proporzionata al budget, alle aspettative ma soprattutto all'esperienza che uno ha.
      Consigliare sempre e comunque i soliti marchi e affermare sempre che senza si quelli sarai comunque di serie B.... io dico che non c'è niente di male nell'essere di serie B, bisogna passare anche di la.
      I paragoni con le macchine non fanno altro che avvalorare il concetto che se sai guidare fai giro veloce altrimenti hai poco da avere la macchina che corre.
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons

      Nordberg4 wrote:

      io invece penso l'esatto opposto...
      ci sono mille motivi per pagare un poco di più il marchio.

      Il problema è che la gente giudica con superficialità, non ha le capacità di capire il perchè certi prezzi sono più alti.....Si costruisce una propria scala immaginaria sul valore di un oggetto, che non ha nessun riscontro pratico (spesso è basato su quanto uno vorrebbe spendere e su quanto cash ha nel portafogli).
      Chi non è imprenditore spesso non riesce a capire quali sono i costi da sostenere per mantenere alta la qualità di tutta la catena produttiva.........Dal progetto, all'assistenza!
      Non c'è la benchè minima idea dei costi........

      Poi il problema è semplice...
      FInchè il tecnico di turno improvvisato, nato a suon di tutorial, non si compra un Neve 1073 originale (e non un clone castrato pesantemente) ed un Neumann U47 vintage, ci sarà sempre qualcuno che darà la colpa al convertitore made in Germany di turno, che è Mercedes, laddove invece Antelope è la Ferrari ehaivoglianonsentirel'incredibileassurdadifferenzadiqualitàblablablablablabla!!!

      Quando invece i risultati non arrivano con una catena da 10k, voglio proprio vedere se qualcuno si prende la responsabilità di dire "faccio cacare", invece di dare la colpa all'inversione di fase e ai ciccì e coccò :)


      Concordo e aggiungo il vantaggio che se comperi oggi un U87 vintage (per prendere lo stesso esempio) lo rivendi quando vuoi allo stesso prezzo se non di più. Cosa che ovviamente non succede con marchi meno blasonati.

      Non discordo però dal discorso di Paul Rain.
      Nel senso che con la consapevolezza di quanto avete scritto entrambi, a seconda del caso e del tipo di necessità credo si possa prendere una strada o l'altra in funzione del momento nella consapevolezza di ciò che si sta facendo.

      Altro discorso però è quello di Livia...
      Madonna ragazzi, grazie mille a tutti!
      Almeno adesso ho una serie di 'nomi' da controllare e provare, grazie mille :)

      Provo però a darvi un'ulteriore precisazione: lo scopo per cui dovrei usarli è fare delle registrazioni audio da mandare in teatro, durante degli spettacoli, quindi si tratterà di registrare poche voci (per adesso) e ad esempio è molto importante il fattore silenzio/poco rumore dello strumento. Infatti avevo letto del rode nt1a e mi sembrava un buon inizio.

      Accetto ancora qualunque suggerimento, sia per i microfoni che per altre cose