Dubbio su Microfono a condensatore.

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Dubbio su Microfono a condensatore.

      Salve a tutti, sono nuovo del forum e spero di aver beccato la sezione giusta.
      Espongo qui il mio dubbio:
      Ho acquistato recentemente due microfoni a condensatore (una coppia matched) per effettuare una registrazione stereo. Purtroppo a mio disposizione ho una scheda audio esterna con due canali di cui soltanto uno ha la Phantom. A questo punto chiedo: se per collegare il secondo microfono nel canale line utilizzassi un alimentatore esterno per la phantom potrebbe essere la giusta soluzione?
      Secondo i miei calcoli si, ma chiedo gente più esperta di me. L'unico mio dubbio è se per caso la sovralimentazione (a 48v) attivata sulla scheda audio per il primo microfono, possa creare problemi alla scheda stessa una volta collegato il microfono sovralimentato esternamente?
      Personalmente credo di no in quanto la phantom sulla scheda audio va solo sul canale 1 (tramite xlr-xlr), ed il 2 (xlr-xlr in alimentatore xlr-jack da alimentatore a scheda audio) comunque riceverebbe un segnale alimentato esternamente.
      Ma il dubbio mi assale e spero di ricever risposta e/o soluzioni.
      Grazie anticipatamente.

      Ps. : al momento non posso effettuare upgrade scheda audio altrimenti so che risulterebbe la soluzione migliore. :D
      Ciao
      teoricamente non dovresti avere problemi, il solo dubbio che mi sorge è: Che scheda audio possiedi ? Mi sembra strano che abbia la phantom su un solo canale e abbia due ingressi XLR
      Saluti Mirco.
      ...le macchine non aggiungono nulla all'anima della musica.
      Se il secondo ingresso è LINE non ti basta mettere il Phantom al secondo microfono, ti serve un preamplificatore, altrimenti il livello di segnale del microfono nell'ingresso line è praticamente inesistente e non registri nulla.

      Se però devi acquistare anche un preamp, sinceramente ti conviene fare una ricerca, magari anche nell'usato, e acquistare una scheda con due ingressi XLR dotati di phantom.
      Saluti Mirco.
      ...le macchine non aggiungono nulla all'anima della musica.
      Ciao. Grazie innanzi tutto per le tue risposte. il canale ha un suo gain dedicato, infatti con altri microfoni (non a condensatore) o con strumenti (tipo chitarra) funziona bene. Ora non so se magari non coincidano lee cose, ma da quello che ho letto della scheda audio i due canali sono con due gain dedicati.
      Evidentemente ho sbagliato a descriverlo. il secondo canale è un canale Instrument dal quale ho già registrato più volte con dei microfoni dinamici.

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “Alexpap” ().

      se vuoi saperlo con certezza basta che colleghi un mic dinamico prima all'ingresso xlr e poi al secondo.
      se per avere un volume paragonabile al primo ingresso con il gain a metà devi mettere il gain quasi al massimo nel secondo,allora non è preamplificato :D
      È sufficiente guardare lo schema di un quasiasi mixer anche di fascia bassa, o averlo usato ogni tanto per capire il concetto:
      Sia l'entrata XLR (quindi si suppone che sia microfonica) che TS o jack (quindi si suppone che sia INSTRUMENT, e la scheda tecnica della tua lo conferma) passano per il pre, solo che con impedenze diverse.
      In parole povere: il segnale che esce da uno strumento in genere è molto più forte, al contrario il segnale proveniente da un microfono è molto più debole. Entrambi, una volta entrati nel mixer passeranno per uno stadio di preamplificazione dove tu, con la manopola gain (guadagno) ne regolerai l'apporto. La differenza sta appunto nel fatto che i due segnali hanno impedenze diverse, e le entrate del mixer, o scheda che sia, vengono adattate all'impedenza del segnale che devono accogliere.

      In realtà per essere ancora più esaustivi nei mixer quasi sempre trovi le due entrate a monte dello stesso pre, quella microfonica a bassa impedenza e quella pensata per gli strumenti (ad alta impedenza), per quest'ultima credo ci sia semplicemete un attenuatore prima del pre.

      Nelle schede audio, come per es. nella Focusrite Scarlett 2i2 trovi l'entrata XLR (microfono) che è combo, ovvero puoi inserirci anche il jack. Se inserisci il jack hai la possibilità di scegliere con uno switch tra INSTRUMENT e LINE, con due impedenze diverse. Devi comunque sempre guardare le caratteristiche tecniche per essere sicuro dell'impedenza di ogni entrata.

      In generale comunque il segnale LINE (di linea) è quello più forte e generalmete già preamplificato. A rigor di logica se trovassi un'entrata LINE in una scheda che monta dei preamplificatori, questa dovrebbe bypassarli, ma non sempre è così su prodotti di fascia medio/bassa o sui mixer. Le entrate LINE quindi sono pensate in genere per farci entrare un segnale già preamplificato, ovvero la catena sarebbe: MICROFONO / PREAMP ESTERNO / CONVERTITORE O SCHEDA AUDIO (tramite entrata LINE) / DAW.

      Scusa la quantità di parole, ma ricapitolando (e molto in generale, senza dati specifici che se vuoi puoi approfondire da solo):

      Entrata MIC (xlr): segnale a bassa impedenza, appunto microfoni. (il segnale viene preamplificato)
      Entrata INSTRUMENT, o HI-z (Jack TS): segnale ad alta impedenza, strumenti. (il segnale viene preamplificato)
      Entrata LINE (Jack TS): segnale di linea, già preamplificato.

      Spero che ciò che ho scritto possa esserti d'aiuto...
      Adesso ti basta sapere con quale impedenza esce il tuo mic e confrontarla con i dati della tua scheda audio...

      Eccoli qui, direttamente dal sito:

      Mic Input 1 (balanced XLR)
      Frequency Response: 20 Hz - 20 kHz (+0.1 dB)
      Dynamic Range: 104 dB (A-weighted)
      Signal-to-Noise Ratio: 104 dB (+1.0 dBu, A-weighted)
      THD+N: 0.003%
      Preamp EIN: -128 dBu (max gain, 150 Ω source, A-weighted)
      Max Input Level: +1.5 dBu
      Gain Range: 55 dB

      Line Input 1 (balanced 1/4" [6.35 mm] TRS)
      Frequency Response: 20 Hz - 20 kHz (+0.05 dB)
      Signal-to-Noise Ratio: 101 dB (1 kHz, +4 dBu, A-weighted)
      THD+N: 0.003%
      Max Input Level: 16 dBu
      Gain Range: 55 dB

      Inst Input 2 (unbalanced 1/4" [6.35 mm] TS)
      Frequency Response: 20 Hz - 20 kHz (+0.05 dB)
      Dynamic Range: 100 dB (A-weighted)
      Signal-to-Noise Ratio: 102 dB (+ 4 dBu, A-weighted)
      THD+N: 0.004%
      Max Input Level: 6 dBu
      Input Impedance: 1 MΩ
      Gain Range: 24 dB

      MacGyver ha scritto:

      ricapitolando (e molto in generale, senza dati specifici che se vuoi puoi approfondire da solo):

      Entrata MIC (xlr): segnale a bassa impedenza, appunto microfoni. (il segnale viene preamplificato)
      Entrata INSTRUMENT, o HI-z (Jack TS): segnale ad alta impedenza, strumenti. (il segnale viene preamplificato)
      Entrata LINE (Jack TS): segnale di linea, già preamplificato.

      Spero che ciò che ho scritto possa esserti d'aiuto...

      non avevo mai notato la differenza tra entrata line ed instrument, pensavo fossero sinonimi, ti ringrazio per la spiegazione .
      Quindi un mic su un entrata instrument potrebbe funzionare, anche se con un gain un pò più alto?(ovviamente dipende dall'impedenza del mic)
      però mi resta un dubbio: visto che parte da due mic "matched" non è sconveniente farlo passare per due ingressi così diversi?
      o la qualità finale della ripresa stereo ne risentirà poco?
      Grazie
      non avevo mai notato la differenza tra entrata line ed instrument, pensavo fossero sinonimi, ti ringrazio per la spiegazione


      purtroppo a volte non so con quale criterio assegnino un nome o l'altro, per esempio sui mixer che ho (souncraft efx12 e A&H qu24) le entrate LINE passano per il pre, quindi sostanzialmente equivalgono alle INSTRUMENT della scheda. Viceversa, sulla mia scheda Fireface 802 (e credo su tutte le schede di un certo livello) le entrate LINE sono previste per un segnale già preamplificato, quindi a livello di linea appunto. E tutte bilanciate. Sul mio pre (Great River) l'entrata per gli strumenti è contrassegnata HI-Z . Ripeto, bisogna andare a vedere di volta in volta la scheda tecnica per non avere dubbi, soprattutto sulle schede economiche "all in one" come quella del T.S.


      Quindi un mic su un entrata instrument potrebbe funzionare, anche se con un gain un pò più alto?(ovviamente dipende dall'impedenza del mic)


      Come dici tu, dipende dall'impedenza del mic. Io non ho mai provato, ma basta fare due conti. Una cosa da non sottovalutare è che di solito è sbilanciata, per cui problema in più.

      però mi resta un dubbio: visto che parte da due mic "matched" non è sconveniente farlo passare per due ingressi così diversi?


      credo sia sconveniente in ogni caso collegare un microfono ad un'entrata ad alta impedenza, principalmente perchè si dovrà alzare di parecchio il gain (sempre che ci si arrivi) e quindi fruscii e rumore di fondo molto più forte. E sui pre economici si sente tanto.

      Comunque Alexpap voleva sapere se alimentando il mic con una 48V esterna avrebbe rovinato la scheda... boh, mai usato quegli aggeggi ma rimarrebbe sempre il problema dell'impedenza diversa. Con 150€ hai una Scarlett 2i2 nuova, vendendo quella che hai il costo diventa quasi irrisorio. Io non mi complicherei la vita...
      Salve a tutti e grazie per le risposte esaustive. Mi sono chiarito un po' di idee. Ora vedrò come comportarmi. Se riesco a fare il tentativo con l'alimentaotre esterno (senza spender soldi e giusto anche per avere un domani una soluzione in più in caso di problematiche estreme) avendo dei risultati decenti vi farò sapere. In caso contrario, o comunque per lavori successivi, provvederò a comprare una nuova scheda.
      Se hai acquistato una coppia selezionata di microfoni per fare riprese stereofoniche, il minimo che puoi fare è farli entrare in due ingressi dello stesso tipo... con quei due ingressi diversi avrai il segnale dell'ingresso "Instrument" con più fruscio e forse anche un po' di ronzio, oltre a possibili instabilità dell'immagine stereofonica per le differenti rotazioni di fase che i segnali subiscono transitando in circuiti diversi. I due canali di un segnale stereofonico devono sempre fare percorsi identici.
      Gianluca
      Youtube: goo.gl/522kv4