Quale preamp e mic per registrazione chitarra Flamenca

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Quale preamp e mic per registrazione chitarra Flamenca

      Buonasera a tutti,
      vorrei avere un aiuto dal forum in merito alla scelta di un pre e un mic per la registrazione di una chitarra flamenca. Premetto che uso questo tipo di chitarra perchè, rispetto a una classica, ha un attacco migliore ed è "aggressiva" quanto basta per sentirsi in mezzo agli altri strumenti( io faccio musica etnica insieme a un organettista, voce e percussioni). Attualmente ho usato come microfono un AKG c1000 collegato ad un UA solo 610 e rivolto verso il 12 tasto, e un U87 verso il ponte preamplificato con i pre della RME FF400. Il suono è interessante, ma un pò scuro. Ho letto in rete di tutto, ma in particolare che molti usano come pre un Presonus adl600 con un AkG c1000 al manico e un Audiotechnica at 4040 verso il ponte, oltre che U87 per l'ambiente. Come mic ho provato anche gli Oktawa mk 012, assolutamente poco adatti specialmente sulle alte, e un audiotechnica 4033, scavato sulle medie e per questo poco naturale. Se qualcuno potesse darmi dei consigli, gliene sarei molto grato.
      Grazie Mille
      Se non ti sono piaciuti gli oktava può anche essere che non ti faccia impazzire il suono del diaframma stretto.
      Rispetto ai beyer mc930 e i 184 proposti da loyuit gli oktava sono decisamente meno definiti e dinamici poi aggiungerei sono un po impastati e con meno basse e più sconfusionate.
      Il c1000 sulla chitarra non mi ha mai entusiasmato..non puoi dire che vada male ma neanche che faccia miracoli..è un microfono che va abbastanza bene su tutto ma non è mai estremamente convincente.
      Ho avuto gli mk012, i beyer mc930 e i km184..ma le mie chitarre preferite continuo a farle con gli se electronics SE4400A e adoro anche l'md441 della sennheiser anche se meno preciso dei condensatori..ma è sempre così naturale che non puoi mai non sorridere quando tra le varie take senti quella registrata con lui..dinamico ma di gran classe per quanto mi riguarda!
      Il 4400A invece è un microfono con la media abbastanza aggressiva e tendenzialmente poco morbido sui transienti ma non è mai freddo e senza corpo.
      Sulle chitarre NON elettriche lo preferisco di gran lunga rispetto a tanti altri mic ben più costosi che ho avuto. Non mi piace molto su voce e trovo faccia una batteria troppo cicciona e poco viva quando lo uso come oh..bello invece come mono oh con un sound molto retrò e per microfonazioni tipo recorderman e glyn johns.
      Con avalon non mi ha entusiasmato mentre con focusrite isa two ho fatto le migliori riprese. Anche con i pre integrati delle schede rme e presonus non se la cava male.
      Non ho mai avuto possibilità di provarlo con api512 ma secondo me potrebbe essere un abbinamento non male.
      Se hai occasione prova questi mic 4400 con le chitarre si fan valere. Con 300 euro te ne porti a casa uno usato..magari anche a meno!
      Quoto Barzog
      Se4400 molto simili ad Akg 414 Vintage. Avuto per qualche anno uno e sugli strumenti acustici molto bello.
      Quoto soprattutto sul 441. Microfono che uso quasi esclusivamente su tutto, ovvero chitarra
      acustica,voce,tromba,basso acustico,snare e cymbals. Abbinato a un 737, pre che mi sono dimenticato di proporre al 3d starter. Suono piu focalizzato e solido rispetto al sound dell'M5-2022 piu aperto e vellutato.
      Che dire Md441 morbido,caldo e naturale. Lo preferisco a qualsiasi condensatore che ho avuto e usato.
      Unico limite è l'impedenza e la poca sensibilità rispetto ai condenz
      che tira su un po di rumore dovendo tenere il gain dei pre molto alto.
      Diciamo comunque una scelta da buongustai
      I classici mics da acustica sono altri
      Premi Indovina

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “loyuit” ().

      Barzogti ha scritto:

      Se non ti sono piaciuti gli oktava può anche essere che non ti faccia impazzire il suono del diaframma stretto.
      Rispetto ai beyer mc930 e i 184 proposti da loyuit gli oktava sono decisamente meno definiti e dinamici poi aggiungerei sono un po impastati e con meno basse e più sconfusionate.
      Il c1000 sulla chitarra non mi ha mai entusiasmato..non puoi dire che vada male ma neanche che faccia miracoli..è un microfono che va abbastanza bene su tutto ma non è mai estremamente convincente.
      Ho avuto gli mk012, i beyer mc930 e i km184..ma le mie chitarre preferite continuo a farle con gli se electronics SE4400A e adoro anche l'md441 della sennheiser anche se meno preciso dei condensatori..ma è sempre così naturale che non puoi mai non sorridere quando tra le varie take senti quella registrata con lui..dinamico ma di gran classe per quanto mi riguarda!
      Il 4400A invece è un microfono con la media abbastanza aggressiva e tendenzialmente poco morbido sui transienti ma non è mai freddo e senza corpo.
      Sulle chitarre NON elettriche lo preferisco di gran lunga rispetto a tanti altri mic ben più costosi che ho avuto. Non mi piace molto su voce e trovo faccia una batteria troppo cicciona e poco viva quando lo uso come oh..bello invece come mono oh con un sound molto retrò e per microfonazioni tipo recorderman e glyn johns.
      Con avalon non mi ha entusiasmato mentre con focusrite isa two ho fatto le migliori riprese. Anche con i pre integrati delle schede rme e presonus non se la cava male.
      Non ho mai avuto possibilità di provarlo con api512 ma secondo me potrebbe essere un abbinamento non male.
      Se hai occasione prova questi mic 4400 con le chitarre si fan valere. Con 300 euro te ne porti a casa uno usato..magari anche a meno!


      Grazie mille per le risposte. Gli oktawa proprio non vanno bene non è che non mi piac il suono del diaframma stretto, hanno un suono troppo mellow e sono un pò morbidini sui transienti e con una chitarra del genere sarebbe un peccato. La settimana prossima avrò modo di provare uno Schoeps cmc 64, ma solo uno non il set, e vedremo. Volevo ricordare che si tratta sempre di una chitarra con corde in nylon e che non hanno lo stesso impatto delle chitarre acustiche. Proverò con SE4400A e con md 441. Per i pre gli Isa sono troppo duretti, a mio avviso non restituiscono il calore dei legni , ho questa impressione. Dovrebbe arrivare a novembre un clone Stam Audio dell'api 1073 e vedremo. Avrei bisogno di un pre caldo, ma che mi restituisca la brillantezza delle alte. Vorrei provare un 737 e un AD2022
      , ma siamo un pò fuori rispetto il mio budget...Comunque consigli molto preziosi!
      Per il resto vorrei sapere come li posizionereste? Perchè io tendo sempre ad avere due mic per riprendere un pò tutta la vibrazione della chitarra. In particolare trovo molto utile, ai fini del risultato finale intendo e non come ripresa in assoluto, un mic verso il ponte perchè prende l'attacco delle unghie sulla corda. Se avete tempo per ascoltare, come idea di suono ho quella del brano "Por eso me quedo" di Lasha de Sela .
      Attento che i transienti precisi che mancano agli oktava non sono per via del diaframma stretto, prova i beyer 930 o degli schoeps e vedrai che i transienti ci son tutti.
      Il 441 dubito ti potrà piacere, era un esempio di ocsa piace a me (e non sempre con tutte le chitarre)
      Il 4400 ha la media avanti per quelloti dicevo provalo se ti capita.
      L'isa a me piace molto non trovo duro semplicemente è piuttosto neutro ma non duro.
      Poi hai a disposizione diverse impedenze selezionabili che cambiano parecchio l'interazione mic-pre..
      Se vuoi un suono il più possibile fedele all'ascolto forse pre tipo millennia uniti a convertitori prism e microfoni schoeps, un setup da musica acustica.
      Il costo lievita di brutto..
      Come posizionamento prova a non stare troppo troppo distante se no perdi definizione nell'attacco e hai anche meno basse.
      All'attaccatura del manico una xy una ortf o anche più verso il dodicesimo.
      Una AB può funzionare anche, prova con dodicesimo più ponte o attaccatura manico e ponte ma attento alle fasi.
      Esiste anche la regola del 3:1 per limitare i problemi di fase.
      Cmq la naturalezza la ricrei simulando le orecchie di un ascoltatore quindi una ortf o una xy a 110 anzichè a 90.
      Ci sono tecniche (bineurali) anche che prevedono l'uso di un dischetto tra i 2 mic x simulare la testa umana e i 2 mic a circa 17cm con capsule omnidirezionali.
      Ps l'acustica della stanza prima di tutto..
      Come pre, usato nella classica, ho dimenticato di consigliarti il Dav Bg1
      Per la mia esperienza il miglior pre per rapporto qualità prezzo e uno dei migliori in assoluto. E non è una cinesata. Made in England da un ex ingegnere della Dav Records.
      Fatti un giro su Gearslutz o nel sito Dav Electronics per vedere le opinioni e chi usa questo pre.
      Usassi condensatori non avrei dubbi a riprendermi un Bg1u e a vendere i pre che ho.
      Come microfoni non ho capito: non ti piace il mellow e la morbidezza peró nemmeno un suono duretto sui transienti? Vuoi una risposta fedele a quello che senti mentre suoni? Difficile da farsi. Ogni registrazione è sempre diversa dalla realtà, a volte puó essere addirittura migliore ma comunque diversa. Aggiungo e chiudo che i mic e i pre non sono tutto. Determinante il miking, la chamber, e ció che viene dopo: eq-comp-riverbero ecc, insomma altri
      fattori che se si ritiene opportuno usarli vanno ulteriormente a determinare la risultante.
      Insomma un infinità di variabili.
      Premi Indovina
      Grazie per I consigli per iniziare. Gli oktawa sono decisamente troppo tagliati sulle alte, non vanno bene o, meglio, possono andare bene su una chitarra classica solista , ma se la metti insieme nel mix ad altri strumenti non esce bene. Spesso delle chitarre in un mix si sente dopo l'attacco , hanno una funzione ritmica, l'armonia si percepisce appena. I transienti e gli attacchi si devono sentire, è una chitarra flamenca ed è costruita apposta per questo, ma nell'insieme il suono deve essere caldo e non troppo duro. Esprimere transienti e attacco non vuol dire durezza e per questo ci sono i legni che conferiscono morbidezza. Vorrei solo tradurre in registrazione questo concetto. Il brano di Lasha de Sela suggerito sopra era appunto per cercare di trasmettere quelli che intendo.

      Bachelor ha scritto:

      Ricorda che la registrazione di uno strumento parte da una lunga catena. Non fissarti sui soli microfoni, può darsi che il problema sia a valle, o a monte...

      Bachelor ha scritto:

      Ricorda che la registrazione di uno strumento parte da una lunga catena. Non fissarti sui soli microfoni, può darsi che il problema sia a valle, o a monte...

      Si certo , ma questo è un concetto generico. Nello specifico invece penso sia un problema di mic innanzi tutto, specialmente se senti un ottimo suono emesso da uno strumento artigianale costruito a Granada come il mio, che peró non riesco a riprodurre prima ancora di passare alla fase di missaggio vero è proprio. Spesso basta solo togliere un po' di bassi per sentire lo strumento, nel mio caso ho qualche difficoltà
      Il posizionamento e la stanza contano moltissimo non sottovalutare questo aspetto. È trattata bene la stanza in cui registri?
      Il fatto che tu all'inizio abbia detto molti utilizzano c1000 e 4040 e ottengono ottimi risultati significa che non serve avere chissa cosa.. sinceramente tra un u87 come il tuo e un 4040.. io ritenterei di posizionare i tuoi mic.
      Possibile che un microfono da 2500 euro non riesca ad avere la nitidezza che ti da un mic da 400 euro? Se c'è una cosa che impari un po alla volta è che spesso un microfono economico supera di gran lunga un mic blasonato nel rapporto qualità prezzo ma difficilmente va meglio realmente. Poi certo in base ai gusti si troverà un mic anche molto economico che in quella particolare occasione rende meglio del microfono da tre zeri ma cmq difficile dire che con un microfono così la registrazione viene male.. io ti ho consigliato quei 4400 così da provare ma sono microfoni da 400 euro..i beyer mc930 700 la coppia.. bellissimi, ma hai una ferrari per così dire possibile che ti serva la punto?
      La punto va bene per i provini (così non stai a tirare fuori a prendere polvere il mic bello)
      Mandaci qui una rec che non ti convince, si capisce subito se c'e problema di stanza di fase del posizionamento

      almusic2 ha scritto:

      Il fatto del posizionamento è determinante lo so. Ho sentito chitarre flamenche registrate con millenia e neumann 184 perdere completamente la grinta e diventare dei placidi agnellini.
      I 184 io li ho usati una volta sola e me ne sono liberato immediatamente. Ho il Millennia come pre, ma ho anche Prism come convertitore. Uso DPA e Schoeps come microfoni, gli U87 sulle voci. Se vuoi fare le cose nel tuo specifico, allora devi pensare di investire, senza cercare soluzioni passeggere. E' vero, microfoni che costano il doppio di altri non garantiscono automaticamente una riuscita doppia, ma ti assicuro che poi non ci metti mano

      loyuit ha scritto:

      Come pre, usato nella classica, ho dimenticato di consigliarti il Dav Bg1
      Per la mia esperienza il miglior pre per rapporto qualità prezzo e uno dei migliori in assoluto. E non è una cinesata. Made in England da un ex ingegnere della Dav Records.
      Fatti un giro su Gearslutz o nel sito Dav Electronics per vedere le opinioni e chi usa questo pre.
      Usassi condensatori non avrei dubbi a riprendermi un Bg1u e a vendere i pre che ho.
      Come microfoni non ho capito: non ti piace il mellow e la morbidezza peró nemmeno un suono duretto sui transienti? Vuoi una risposta fedele a quello che senti mentre suoni? Difficile da farsi. Ogni registrazione è sempre diversa dalla realtà, a volte puó essere addirittura migliore ma comunque diversa. Aggiungo e chiudo che i mic e i pre non sono tutto. Determinante il miking, la chamber, e ció che viene dopo: eq-comp-riverbero ecc, insomma altri
      fattori che se si ritiene opportuno usarli vanno ulteriormente a determinare la risultante.
      Insomma un infinità di variabili.


      Ho letto belle cose circa il Dav BG1, veramente molto interessante. Grazie per la dritta
      se non dovessi trovare il DG1 considera l'esistenza del Seventh Circle Audio T15 o SC1 / SK-1DI di Five Fish Audio che sono praticamente identici, il kit SCA lo puoi comprare anche già montato ed il mobile accetta fino a 8 pre diversi, se dovessi pensare in futuro ad un ingrandimento.