Mid/Side

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Risuonando la stessa parte, però, non c'è più correlazione di fase, perciò l'immagine stereofonica non esiste più: diventano due suoni diversi, uno di qua e uno di là!

      Mi sembra migliore il riverbero.
      Anche il ritardo fa perdere compatibilità mono, perché produce cancellazioni a pettine.
      Gianluca
      Youtube: goo.gl/522kv4
      Facciamo chiarezza, l'ADT è una *alternativa* alla ripresa di due parti separate.
      O hai due tracce diverse che si differenziano per natura
      - oppure -
      Usi l'ADT per differenziare le due copie in una unica ripresa sdoppiata.

      Il discorso chiaro/scuro può valere per entrambe le soluzioni: se ti riprendi 2 volte tenderei ad avere un suono diverso già in ripresa, dall'ampli o cambiando chitarra (che ne so, tipo fai il left con una Telecaster e il right con una Les Paul, o selezioni un pickup diverso, ecc.)
      Se invece hai duplicato la stessa traccia l'eq può aiutare a differenziare le due copie, attenzione però a non stravolgere il suono, che non diventi troppo finto da una delle due parti.

      L'effetto che si ottiene risuonando la parte a me piace di più, perché è proprio quello che accade quando suonano due chitarristi, ma forse questione di gusti o di generi e facendo cose mie non ho occasione di confrontarmi con molte situazioni diverse, visto che mi interessa chiedo anche io a @gobert4 un esempio in cui l'ADT dà frutti migliori :)
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Beh
      a me personalmente piace sulle voci, se si parla di psichedelia anglosassone

      In fondo la tecnica è nata lì, agli Abbey Road con i Beatles, Pink Floyd........

      Oggi la puoi fare in mille modi...
      il più bello è quello con i nostri magnetici fuori sync + il loro wow & flutter, ecc ecc
      Ma in digitale si può fare bene...
      c'è il plugin dedicato della Waves (mai provato), ma con delay, LFO, phase shift ed affini, fai tutto.

      Chiaro...Una tecnica non esclude l'altra, anzi...
      Ah beh certo, si ottengono infiniti effetti interessanti, ma qui si parlava della necessità ben più comune di avere chitarre pannate. Anche in questo caso il genere conta, nel senso che disallineare uno stesso segnale può creare molti effetti consoni ai generi '70, non a caso i vari phaser, chorus e compagnia bella sono nati in quegli anni.
      Però per un sound più moderno che va a riempire il palato continuo a preferire le due esecuzioni leggermente differenziate per timbro se elettrica e per pennate se acustica.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Non c'è assolutamente bisogno in quanto non sei tenuto a differenziare digitalmente ciò che nasce già differente per sua natura.
      Serve invece dove hai una stessa traccia duplicata, altrimenti le sentiresti sovrapposte oppure si annullerebbero, a seconda di come gestisci pan e fasi.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.