Piccolo ensemble vocale (5 elementi): microfonazione

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Piccolo ensemble vocale (5 elementi): microfonazione

      Ho cercato qualche post ma non ho trovato nulla di specifico per una situazione così piccola.

      Devo microfonare dei piccoli ensembles vocali di 5 elementi (sono sezioni di un coro che registreranno separatamente).
      Che microfonazione mi conviene adottare? Dispongo di vari microfoni a diaframma largo o stretto...

      genzianide ha scritto:

      Ho cercato qualche post ma non ho trovato nulla di specifico per una situazione così piccola.

      Devo microfonare dei piccoli ensembles vocali di 5 elementi (sono sezioni di un coro che registreranno separatamente).
      Che microfonazione mi conviene adottare? Dispongo di vari microfoni a diaframma largo o stretto...


      CIao, dico la mia, senza che la prendi come "legge"...

      Risultato teorico:

      XY = Poco stereo, monocompatibile, effeto "coro che canta dentro la testa".
      Spaced Pair = Molto stereo, poco mono compatibile, effetto "coro che canta fuori dalla testa".
      Omnidirezionali a distanza "interaural" (dai 17 ai 20 cm) = Superstereo (va anche fuori dalle casse in riproduzione), discretamente monocompatibile, effetto "5 persone distinte che cantano fuori dalla testa".
      ORTF=Superstereo, un po' meno di sopra, discretamente monocompatibile, effetto "5 persone distinte che cantano fuori della testa"... un po' meno naturale di sopra ma con piu' focus (meno riverbero).

      Dipende molto se desideri sentire "un coro" o "5 persone distinte".

      Poi dipende dal materiale sottostante.

      Se usi le ultime due tecniche puo' essere molto difficile incastrarlo in un materiale "aritficiale" o molto manipolato.

      Spesso si fa lo spaced pair... viene una specie di "poltiglia" che pero' si va ad incastrare facilmente col sottostante.

      Le altre, sono scelte "coraggiose"... :D

      Spero di esserti stato utile.


      EDIT: dimenticavo... se lo volessi pannare in un secondo momento valuta anche il mono con 1 unico omnidirezionale.

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “The clown 2.0” ().

      un paio di domande:

      1. come suona la stanza?
      Considerando che i microfoni non saranno posizionati vicinissimi, la stanza potrebbe essere determinante per la scelta sia del tipo di microfono che per il posizionamento e la tecnica da usare.

      2. tutte le varie sezioni del coro saranno registrate nella stessa stanza?
      Se non fosse così io cercherei di avere meno ambiente possibile, e aggiungerei un riverbero comune dopo.
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons
      Ciao a tutti, torno tardi a leggere.
      Intanto grazie.

      La stanza non suona male ma non è un ambiente con particolare trattamento acustico.
      Le varie sezione del coro saranno registrate nella stessa stanza.

      L'idea di mettere 5 microfoni mi era venuta, ma si tratta di bambini! avrebbero difficoltà, per disabitudine, a gestirsi le dinamiche con un "coso" a testa davanti, e avrei poi problemi. Dovrei mixare 30 voci singole e perderei l'effetto di ensemble con tutta probabilità.

      Credo che opterò per una normalissima spaced pair, spero solo di trovare il compromesso necessario con le distanze, non saranno poi così lontani i microfoni. Sono bambini, non hanno un grande emissione, ergo dovrò stare abbastanza vicino alla fonte ma nel contempo rispettare le proporzioni per non incorrere in problemi di fase.

      Non potrò poi giocare particolarmente di pan tra le sezioni, ma è il compromesso per un risultato migliore di ogni singola take forse...
      hai due microfoni a figura 8?
      se si potresti provare anche una blumlein e bambini posizionati a semicerchio se non addirittura a cerchio e anche relativamente vicini ai microfoni
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons