Perche' la gente fa lo spaced pair sulla batteria?

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Perche' la gente fa lo spaced pair sulla batteria?

      Vi prego, aiutatemi in questo mio dilemma metafisico...

      purtroppo sono stressato, lo ammetto, vedendo in continuazione colleghi/collaboratori che muovono questi 2 microfoni a caso tentando di mandare in fase il rullo quando, tutto il resto, di conseguenza non lo e'.

      Non basta metterli alla volatile di cane e divertirsi e basta?!

      Mi spiegate voi, se lo fate, il perche'?

      Ringrazio in anticipo per le risposte.

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “The clown 2.0” ().

      MrRed ha scritto:

      Perché dalle rotazioni di fase escono i suoni più interessanti?


      Grazie della risposta.

      Allora perche' rompere il bellino a me che devi mettere il rullo in fase se tanto li devi far rotare perche' piace?

      E se piace proprio il rullo devi mettere in fase proprio il pezzo da novanta?

      Ma poi, sto rullo, che vi ha fatto di male? ma si facciano overdub di soli rullanti pannati dx sx con i "muri di rulli".

      Oppure, il ride, dico io, che e' sempre umile la che suona... perche' a lui no?

      Questo e' razzismo...

      The clown 2.0 ha scritto:

      Grazie della risposta.

      Allora perche' rompere il bellino a me che devi mettere il rullo in fase se tanto li devi far rotare perche' piace?

      E se piace proprio il rullo devi mettere in fase, proprio il pezzo da novanta?

      Ma poi, sto rullo, che vi ha fatto di male? ma si facciano overdub di soli rullanti pannati dx sx con i "muri di rulli".

      Oppure, il ride, dico io, che e' sempre umile la che suona... perche' a lui no?

      Questo e' razzismo...


      Sei un mito!
      Le mie foto...
      SenzaLegge
      Il mio soundcloud

      Orecchie funzionanti e studio sonorizzato come Cristo comanda...

      MrRed ha scritto:

      The clown 2.0 ha scritto:

      Grazie della risposta.

      Allora perche' rompere il bellino a me che devi mettere il rullo in fase se tanto li devi far rotare perche' piace?

      E se piace proprio il rullo devi mettere in fase, proprio il pezzo da novanta?

      Ma poi, sto rullo, che vi ha fatto di male? ma si facciano overdub di soli rullanti pannati dx sx con i "muri di rulli".

      Oppure, il ride, dico io, che e' sempre umile la che suona... perche' a lui no?

      Questo e' razzismo...


      Sei un mito!


      Ti ringrazio, lo prendo come incoraggiamento nella mia infinita disperazione. ;(

      MrRed ha scritto:

      The clown 2.0 ha scritto:



      Ti ringrazio, lo prendo come incoraggiamento nella mia infinita disperazione. ;(

      Stai tranquillo, questa fase esistenzialista passerà...


      Quello a cui stavo pensando e' che, oltre alla tua opinione molto piu' che gradita, questi famosi "senatori" dovrebbero farsi sentire... nel senso di finalmente spiegare al novizio irriverente dove si sbaglia, anche se magari si pone in maniera antipatica.

      Per ora apprezzo e ammiro la risposta che ci siamo dati... vediamo le altre.... ^^

      Perche' la gente fa lo spaced pair sulla batteria?

      Perché di norma hai piatti più larghi, che prendono meno mid e sono quindi più confinati ai lati, un suono meno pronunciato nella gamma medio bassa ed il rullante meno in fase, che si somma meno con gli spot mic del rullo permettendoti di fare il suono del rullante più con i suoi mic (e con le room) e delegare agli OH maggiormente i piatti.
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer

      PAPEdROGA ha scritto:

      Perché di norma hai piatti più larghi, che prendono meno mid e sono quindi più confinati ai lati, un suono meno pronunciato nella gamma medio bassa ed il rullante meno in fase, che si somma meno con gli spot mic del rullo permettendoti di fare il suono del rullante più con i suoi mic (e con le room) e delegare agli OH maggiormente i piatti.


      Grazie mille della risposta.

      Quindi, se capisco bene, quando li vai a mixare, i "fillers" sono gli overhead mentre i suoni "primari" sono i close mics? Prima fai i suoni singoli e poi gli aggiungi i panoramici quello che serve?

      Comunque, se capisco, le cose che sono riprese in close mic NON devono essere in fase sugli overhead?

      Grazie.

      Perche' la gente fa lo spaced pair sulla batteria?

      La questione è complessa e riguarda, per me, tanti aspetti.
      Scegliere una soluzione o un’altra può dipendere da un’infinità di variabili. Personalmente parto quasi sempre con due coppie di OH, una ORTF ed una Spaced, per poi stabilire caso per caso quale possa essere la più adatta all’interno della data produzione.

      Diciamo che, per riprendere la risposta di ieri, con l’ ORTF hai in generale una maggiore coerenza di fase che porta mille benefici ma anche, come dire, benefici vincolanti. Uno di questi è la grande interazione che l’ OH in ORTF ha nella creazione del suono generale della batteria, per via della buona coerenza con il resto del kit ripreso in colse micing (che puoi, se vuoi, rifasare perfettamente allineando singolarmente i fusti sugli OH).
      Questa buona coerenza di fase ti aiuta ad avere un suono generale credibile, con poche cancellazioni e con un punch e le fondamentali e prime armoniche ben sviluppate per via della somma dei vari segnali.
      MA...

      Questo può essere un bene se decidi di avere una batteria che suona così come è stata ripresa, o con piccoli interventi sulle singole fonti o interventi volendo più pesanti ma sull intero buss.
      Ma se hai bisogno o voglia di maneggiare maggiormente le riprese, tutta la buona interazione di fase iniziale può iniziare a diventare un limite, perché qualsiasi intervento potrebbe (e molto probabilmente farà) girare le fasi su vari range di frequenza e farti quindi non ritrovare più un suono totalmente in fase.
      Esempio abbastanza classico: Boost spinti sui 200 - 4k - HiShelf sul rullante (do valori generici giusto per dare un’idea del ragionamento). Magari fai +15dB@200Hz sullo snare top, che se prima era in fase ora sarà quasi totalmente invertito di fase nel range intorno alle sue fondamentali, ma ancora in fase nel resto dello spettro. Quindi nella somma Snare top + OH, dopo il boost, per assurdo avrai meno basse. Quindi invertirai la fase ed avrai le basse che cercavi, ma il resto del segnale sarà fuori fase rispetto agli OH e con ogni probabilità suonerà fuori fuoco e “sparpagliato” stereofonicamente.
      Quindi in una situazione simile, in cui sappiamo che stiamo affrontando una produzione in cui tratteremo in modo invasivo i singoli elementi, quel forte legame sonoro di fase tra OH e Spot mic potrebbe diventarci controproducente. Mentre riprese meno coese e più svincolate possono lasciarci più margine di manovra.

      Oltre questo poi c’è un importante discorso che riguarda i piani sonori all’ interno di un arrangiamento, presupponendo che un kit ripreso in ORTF riempie maggiormente le posizioni intermedie tra L ed R e può quindi diventare più ostico da gestire all’ interno di un arrangiamento denso.
      XY poi non ne parliamo.
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “PAPEdROGA” ().

      Bravo Pape, robe concrete no perditempo :)
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons
      Inquino un po' la discussione....
      @PAPEdROGA tu quindi saresti per allineare i fusti agli OH nel caso di configurazioni vicine (ORTF, Recorder Man, Glyn Jones, robe così)
      Quindi sposti a mano le tracce?
      I fusti in avanti o gli OH indietro?
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “Paul Rain” ().

      Paul Rain ha scritto:

      @PAPEdROGA tu quindi saresti per allineare i fusti agli OH nel caso di configurazioni vicine (ORTF, Recorder Man, Glyn Jones, robe così)


      Paul Rain ha scritto:

      Quindi sposti a mano le tracce?


      Con gli anni ho imparato a non adottare soluzioni fisse.
      Arrivi a delle routine consolidate, che conosci bene e con cui sai di poter assicurare un certo risultato, ma capisci anche che restare vincolato ad una sola metodologia è castrante ed alla lunga non premia.

      Questo per dire che io sono per allineare i fusti come sono per non farlo. Dipende dai casi.

      Intanto posso dirti che non sono un utilizzatore assiduo di tecniche di riprese minimali sulla batteria. Principalmente per via dei generi con cui ho a che fare principalmente, che difficilmente sono "rec & play" ma quasi sempre con un certo grado di produzione.
      Personalmente, per la batteria, preferisco partire con degli OH che mi suonano convincenti. Poi una buona room. Cerco di curare posizionamenti e balance dei mic in modo che la batteria suoni già solo con questi mic, tutto flat. Poi da qui parto con le aggiunte e le microfonazioni (spesso multi) per ogni elemento, che devono sempre aggiungere qualcosa al balance di partenza fatto con OH e Room.

      In quest' ottica, spostare successivamente (nudge) alcune tracce può essere un ulteriore passo avanti come un modo per rovinare il lavoro fatto. Puoi capirlo solo facendolo ed ascoltando.
      MA... devi sempre tenere in considerazione che quando poi andrai ad operare sui singoli canali, è molto probabile che modificherai nuovamente i rapporti di fase tra i vari elementi. Ed a quel punto tutto il tuo lavoro di nudging e sync perfetti potrebbe non dare più i suoi frutti.

      Per questo, ormai, il più delle volte faccio spostamento delle tracce non ad inizio mix ma durante il mix, come fosse parte del mix stesso, e modifico lo spostamento con l' avanzare del mix. E non sempre "in sync" suona meglio che "fuori sync". Quindi c'è da valutare, volta per volta, all' interno del mix.

      Paul Rain ha scritto:

      I fusti in avanti o gli OH indietro?


      Bella domanda.
      A livello teorico, fusti fermi ed OH si muovono. Perché il fusto è ripreso in close mic, quindi il timing dell' evento registrato sarà più fedele all' esecuzione rispetto a riprese distanziate, come gli OH, che per via della loro distanza si portano dietro un ritardo tra esecuzione e registrazione.
      Ma poi magari hai a che fare con un batterista che tende a correre, e quella sua tendenza a correre non ti sembra troppo funzionale alla produzione, allora valuti di procedere in modo inverso ed allineare i fusti sugli OH.
      Questo se non consideriamo l' editing, chiaramente. Perché se invece abbiamo il materiale già con il timing giusto per il brano, editato o "free" che sia, l' opzione più corretta è tenere fermo un elemento e muovere gli OH, per poi valutare se e come muovere le Room, per poi valutare se non sia il caso di muovere altri elementi, come ad esempio i Tom che possono risentire pesantemente delle relazioni di fase con OH e Room.
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer