DI di Basso e Chitarra elettrica

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      DI di Basso e Chitarra elettrica

      Sto ragionando sul metodo migliore per registrare la Chitarra elettrica in diretta, nel senso di DI.
      MI spiego:
      io ho diversi preamplificatori, e alcuni hanno anche l'entrata Instrument.
      L'impedenza cambia un po' da uno all'altro e questo può fare la differenza, ma il dubbio che ho io è più sullo stadio di preamplificazione.
      Volendo usare dei plugins per simulare l'alplificatore e la cassa, lo stadio di preamplificazione del Preamp sarebbe un passaggio nella catena che, nel caso di un amplificatore in carne e ossa, non ci sarebbe visto che il segnale della chitarra viene preamplificato direttamente dall'ampli.
      Questo comporta, o potrebbe comportare, una rappresentazione un po' falsata secondo me di come il plugin dovrebbe funzionare se la chitarra arrivasse veramente diretta.

      mi argomento da solo a caso:
      - uno stadio di preamp (salvo colori particolari) è solo ul livello di gain, basta abbassare o alzare a discrezione
      - se uno mette un boost o un distorsore davanti ad un amplificatore ha uno stadio di preamplificazione
      - Una DI passiva con pickup passivi impoverisce troppo
      - Una DI attiva appiattisce forse troppo le dinamiche (?)

      cosa dite voi?
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons
      Ogni qual volta vi e' distorsione, o armonica o del panorama stereo, passi da ingegneria audio a effettistica/processamento di segnale.

      Nella seconda condizione tutto e' permesso e niente rappresenta piu' fedelmente la realta' espressa dal musicista.

      In poche parole, per me, a fare processamento di segnale si fa a "gusto" e, per deontologia :D ,l'artista dovrebbe essere colui che decide senza badare per nulla alla tecnica che tanto diviene del tutto scollegata dall' "invariabile ordine delle cose".

      I plug-in non vanno bene dal lato emulazione cabinet e microfonazione.

      Lo so che non e' la risposta alla tua domanda ma secondo me ti arriva pinco pallino che reampa e suona subito meglio di te che ci hai speso i secoli.

      Paul Rain wrote:

      Volendo usare dei plugins per simulare l'alplificatore e la cassa, lo stadio di preamplificazione del Preamp sarebbe un passaggio nella catena che, nel caso di un amplificatore in carne e ossa, non ci sarebbe visto che il segnale della chitarra viene preamplificato direttamente dall'ampli.


      Non è detto. Non sono in pochi ad utilizzare delle DI tra chitarra ed ampli (o meglio tra chitarra e resto della catena).
      Se butti un occhio ai vari rig di tanti chitarristi e bassisti, vedrai che non è inusuale trovare un Avalon U5, ad esempio.

      Imho tendiamo a preoccuparci troppo della "purezza del segnale" in ingresso in un ampli per chitarra, e non consideriamo che di per sé un segnale per chitarra è ripreso da trasduttori tutt' altro che puri, che la circuiteria di un ampli è tutt' altro che pura e che l' effettistica che spesso se non quasi sempre si utilizza è anch' essa tutt' altro che pura.

      Quindi, all' atto pratico, imho entra nel tuo pre e regola i livelli di rec ed ingresso nell' amp sim senza troppe paranoie. Cerca solo di stare in un range umano. Per il resto, fidati delle orecchie :)
      Ci sono in rete video di Misha Mansoor, che è un chitarrista bravissimo con un gran suono, che per spiegare il suo setup ti dice "tiro su il gain fin quando non si accende il led giallo, poi da lì faccio un passetto indietro", su una Scarlett ;)
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer
      Ho avuto diversi ampli ma ormai uso la mia elettrica esclusivamente in DI con 737 e più spesso con M101 Grace da solo o insieme al Bg4 (compressore).
      E aggiungo soltanto il riverbero itb.
      Grandissima dinamica (se non metto compressione), suono cristallino e aperto, nessun noise da ampli.
      Però il mio è un contesto acustico.
      Tutto é Soggettivo
      @The Clown (il tuo nickname non compare nella lista col @) a dire la verità la mia domanda era volta a un dibattito decisamente più tecnico che artistico, chiaro che faccio a orecchio.
      "I plug-in non vanno bene dal lato emulazione cabinet e microfonazione." è una affermazione che lascia il tempo che trova perchè dipende tutto dagli impulsi che usi.
      Siamo nel 2018, io l'unica vera differenza che trovo dal suonare con la chitarra attaccata alla daw coi plugin o attaccata all'ampli, è la sensazione diversa che ti da una cabinet rispetto ai monitor, ma non dal punto di vista della qualità del suono ma proprio dall'impatto che ha sul tuo corpo fisicamente. Un chitarrista abituato a stare davanti ad una 4x12 e 50Watt di valvole ti dirà sempre che non è la stessa cosa che davanti ai monitor e grazie al c@zzo.
      Comunque non è questo l'argomento.

      @PAPEdROGA non è proprio di purezza del segnale che volevo parlare ma più della coerenza, nel senso, certi pickup suonano meglio con certi tipi di stadi di amplificazione dei certi amplificatori, per una questione di impedenze di filtri nell'input.
      Certo, io posso alzare a abbassare il livello del gain (e se c'è) anche quello dell'output) del preamp che fa da DI fino a che non trovo il suono che mi piace in combinazione con il plugin ma, secondo me viene a mancare la coerenza dell'emulazione... se lo sviluppatore vuole emulare un JCM800 ma io ci metto uno stadio di preamplificazione prima sballo la relazione pickup/ampli.
      Lo so, mi sto facendo una pippa per il c@zzo :)... per tanto per creare una discussione nuova.
      Sarebbe interessante avere un plugin senza il gain e gestire quello con il potenziometro del preamp.

      Comunque, é un problema che, secondo me, viene esacerbato nel caso in cui uno voglia fare un reamp
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons

      Paul Rain wrote:

      se lo sviluppatore vuole emulare un JCM800 ma io ci metto uno stadio di preamplificazione prima sballo la relazione pickup/ampli


      In teoria sì, in pratica nì.

      Ho una JCM800, una JCM2000 ed una JMP. Su due di queste tre devo utilizzare un sistema che mi boosti il segnale in ingresso, altrimenti non sempre sufficiente per raggiungere il livello di gain di cui ho bisogno. E guarda caso, le due a cui devo boostare il segnale sono "le migliori", ovvero JMP e JCM800. La 2000 TSL ha già tutto il gain che vuoi.
      Se con loro non fossi nel mondo reale ma in quello virtuale, come la situazione che prospetti tu, semplicemente alzerei il segnale in ingresso al plugin :)

      Imho ha assolutamente senso l' idea di stabilire un punto di partenza "giusto", ovvero sapere quale sia il livello ottimale, ma stabilito quello il resto è per me del tutto a discrezione.

      Considera, ad esempio, che nel caso di una JCM800 prime serie, lo shape è totalmente dipendente dal livello a cui setti il pre.
      JMP e prime 800 hanno (se non ricordo male, ma di elettronica non so nulla quindi potrei dire una castroneria) un condensatore sul pre che filtra il segnale all' aumentare del gain. Di fatto hai un suono sempre più puntato sulle medio alte, tirando su il gain. Fino ad arrivare a fine corsa in cui, non ricordo come e perché a livello di circuiteria, hai un segnale in ingresso particolarmente "a V", quindi tante basse, tante alte ed un bucone al centro. Se vuoi quell' effetto tiri su il gain, se non lo vuoi boosti il segnale in ingresso ed ottieni magari lo stesso livello di distorsione ma con un suono più centrato su medie e medio basse.

      Per questo ti dico che, a mio parere, è bene sapere il livello ottimale, ma poi il resto è a discrezione, perché anche con l' ampli "in carne ed ossa" prendi decisioni in relazione al suono che vuoi ottenere ed al risultato che ti restituisce.
      Sempre prendendo il caso di una JCM800, ad esempio, il rapporto tra pre e finale fa quasi tutto il suono. Poter variare il livello di ingresso in modo lineare e pulito come con un semplice fader digitale ti diventa anche un bel vantaggio in termini sonori, mentre se resti vincolato al "livello ottimale" ti ritrovi con una palette di colori più ristretta.
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer

      Paul Rain wrote:


      mi argomento da solo a caso:
      - uno stadio di preamp (salvo colori particolari) è solo ul livello di gain, basta abbassare o alzare a discrezione


      Ok, d'accordo, un preamp alza solo il livello in linea di massima, in pratica applica sempre modifiche alla risposta in frequenza e distorsione armonica che dipendono da preamp a preamp e da come é regolato (caso estrem: 1073 con red knob al massimo e grey knob basso: non é esattamente clean e puó introddurre clipping del preamp). Mi aspetto comunque (a meno di setting estremi) siano interventi trascurabili rispetto a quello che fa un amplificatore.

      Quello che mi preoccupa di piú sono le relazioni di impedenza fra pickup e ingresso preamp: ok usare l'ingresso instrument (perché l'impedenza di input é alta). Sicuramente l'impedenza di ingresso del preamp (anche con ingresso instrument/DI) influisce sulla risposta in frequenza. Dal mio punto di vista per riprendere segnali di chitarra, maggiore é l'impedenza di input del preamp meglio é (la vedo sempre come un imbuto: l'impedenza di input del preamp fa da collo di bottiglia, detta in soldoni).
      Occhio anche ad usare il PAD: ricordo ad esempio che l'API 512 con DI e PAD attivati attenuano le alte (vado a memoria, avevo un vecchissimo post a riguardo dove postavo dei sample).

      Paul Rain wrote:


      - se uno mette un boost o un distorsore davanti ad un amplificatore ha uno stadio di preamplificazione


      Sí, ma hai anche clipping, non si comporta come un preamp da studio (in linea di massima, e a meno di setting estremi del preamp).

      Paul Rain wrote:


      - Una DI passiva con pickup passivi impoverisce troppo
      - Una DI attiva appiattisce forse troppo le dinamiche (?)


      Mmm non saprei, dipende dalla DI. Se é passiva e progettata bene non dovrebbe modificare il suono in modo udibile. Se é attiva, uguale, spero anche abbia abbastanza headroom da non introdurre clipping.

      EDIT: il discorso é piuttosto ampio: anche i pickup attivi possono introdurre clipping, perché hanno un preamp interno e sono alimentati, quindi headroom limitata (caso classico: EMG81, se suoni forte, va in clipping) .

      Post was edited 5 times, last by “davidosky” ().