Accorgimenti per registrazione di tutto il gruppo...

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Accorgimenti per registrazione di tutto il gruppo...

      buongiorno a tutti
      ho cercato qualcosa a riguardo, e letto diverse discussioni che credevo fossero d'aiuto.
      Probabilmente se n'è già parlato quindi chiedo scusa in anticipo.
      Finalmente tra non molto, dovremo finire i lavori di completamento della nostra sala prove.
      Nelle varie salette che abbiamo girato finora, in diverse occasioni anche se non professionalmente, abbiamo registrato tutti insieme ed i risultati sono stati incoraggianti.
      Ora che avremo uno spazio tutto nostro vorremmo proseguire su questa strada, ma migliorare la situazione dei rientri che vista la nostra, momentanea, poca esperienza necessitiamo sicuramente del vostro gentile aiuto.
      In totale siamo in 6: batteria/voce; basso; 2chitarre (1voce); tastiera/cori; voce solista femminile.
      I generi, non so se vi è utile e sempre stesse persone, a periodi diversi: rock '60/'70 & folk-blues/funky ma unplugged.
      La sala prove sarà divisa in due: sala rec e regia (se così vogliamo definirla). Stiamo costruendo una stanza nella stanza, internamente cercheremo di fare un trattamento acustico. Quello che ci piacerebbe sapere se esistono accorgimenti e soluzioni per limitare/gestire i rientri.
      Grazie a tutti ;)

      Post was edited 1 time, last by “67davd” ().

      grazie @loyuit !
      nei miei ragionamenti per la batteria avevo pensato di utilizzare la tecnica glyn johns e come mic: e902 kick; sm57 snare; D40 Tom ?; oktava 012 OH oppure i c1000 consigliati.
      per le chitarre sul cono avevo pensato a e609 (elettrico); Di LR Baggs para DI (acustica).
      Basso: avrei trovato un Krundaal 613/607/Akg d12vr (ma un po' fuori budget :) ) da posizionare davanti al cono.
      Questo per iniziare fino a quando non riusciremo ad evolverci con le capacità.
      mentre per quanto riguarda accorgimenti meccanici " (passatemi il termine :(", tipo paratie ecc ecc...), esistono sistemi precostruiti o ?

      Grazie
      Ciao, come ho scritto nel mio thread io ho intrapreso, come avrai letto, la strada meno semplice, ma la soddisfazione nel limitare mascheramenti e rendere l'idea di quello che accade in sala è sufficiente per giustificare il tutto.
      Sul fronte dei rientri per quello che riguarda la batteria è stato indispensabile l'utilizzo di gate ben regolati e qualche prova per calibrare gli SC Filter.
      Per i panoramici ho usato la tecnica XY e un equalizzatore (a due canali) regolato in modo da prendere meglio i piatti e assottigliare le frequenze provenienti dal resto degli strumenti. Sui panoramici niente gate ma tramite AUX una discreta dose di riverbero gated. Alla fine i panoramici della batteria sono gli unici a riprendere la stanza ma quest'ultima ha un suono che mi sembra molto buono e sono riuscito ad accoppiarlo al riverbero artificiale senza problemi (forse).
      Per quello che riguarda la stanza... non è molto complicato alla fine creare un discreto assorbimento ma bisogna misurare le reali necessità. Io ad esempio mi son reso conto di avere delle basse prominenti e sto intervenendo con pannelli fonoassorbenti e bass traps, sto cercando di capire che densità di lana di roccia usare e che di che spessore fare i pannelli.
      Qualcuno caldeggiava la creazione di appositi pannelli da mettere davanti agli ampli ma a me non solletica per niente (mi piace troppo sentire i coni senza filtro).

      Post was edited 1 time, last by “Da real Gonzo” ().

      Ho come l'impressione che ti divertirai moltissimo.
      Io sto iniziando ora ad approfondire alcuni aspetti, microfonare la batteria in modo diverso, trattare le singole tracce a seconda delle necessità, insomma dalla semplice esigenza di registrare le prove la catena di curiosità e migliorie mi sta portando ad appassionarmi.
      Sto solo limitando in modo ferreo la gas e ho fatto voto di non comprare nulla se non la scheda audio da 16 ingressi che chiederò a Babbo Natale (magari a settembre).
      Su Youtube trovi un canale interessante, si chiama "Audiotree live", vedi molte riprese di gruppi live, audio di ottima qualità, ed è interessante osservare non solo che microfoni hanno usato ma soprattutto come.
      Sui cantanti ad esempio usano sempre dei comunissimi dinamici, che in quel contesto sono più vantaggiosi di un condensatore, ma riescono a ottenerne un suono strepitoso.
      Ai consigli che ti hanno dato, aggiungo giusto che se disponi i musicisti a cerchio (più o meno) metterei al centro anche un bel condensatore in omni per riprendere l'ambiente, magari non troppo vicino alla batteria.
      Potrebbe risultare una traccia interessante da miscelare al resto per enfatizzare la naturalezza del lavoro, e magari qualche strumento risulta uscire meglio lì che dai mic close. E' una room che se funziona bene l'ambiente ti evita anche di usare un riverbero artificiale extra.
      So che in quei lavori le tracce non bastano mai, ma una volta che si fa, avere quella traccia in più può fare veramente la differenza.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      @Da real Gonzo
      sì lo credo anch'io ;)
      per gli acquisti, non è facile, ma mi sto trattenendo perché le finanze non sono da Onassis. Ma ormai sono partito ed ora viaggiamo in questo fantastico mondo.

      @Pilloso
      grazie mille per le dritte !!!
      Vado subito a vedere sul tubo, mentre per il condensatore al centro è una prova che avevamo fatto in una saletta tempo fa ed il risultato mi era particolarmente piaciuto. Avevamo provato con un registratore portatile tascam... una situazione che riprenderò di sicuro !
      Grazie ancora a tutti
      Purtroppo in questo periodo ho dovuto un attimo sospendere per problemi vari, ma appena riprendo vi aggiorno.
      Nel frattempo continuo ad informarmi e a leggere...
      A presto!