Condenser economico: frigge e satura sotto spinta. Perché?

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Condenser economico: frigge e satura sotto spinta. Perché?

      Ciao!
      Come da oggetto. Ho un comunissimo ed economico Samson c01 con cui ho fatto tanti lavori e lavoretti.

      Mi accorgo che con la ripresa vocale (nella fattispecie femminile, una voce piuttosto brillante e acuta di per sé) quando si va a spingere dinamicamente, il suono diventa saturo, strabrillante, fritto, con medio alte ingestibili e medio-basse tipiche di un suono distorto.

      Eppure mi tengo sui - 18 nominali e - 12 di picco sulla Daw. Non mi sembra un problema di gain. O forse devo scendere ancora?

      O molto più semplicemente, la spiegazione è che il microfono è davvero la porcheria che é (ne sono consapevole) e non ci sono soluzioni?
      Cos'altro potrei sbagliare?

      Il fenomeno l'ho notato usando sia i pre della maudio 1814, sia di un altra scheda Steinberg che possiedo, lo noto su un impianto consumer, lo noto sui monitors (samson resolv a5 anche se meno) e in cuffia (akg k240, anche se meno pure lì)

      Condenser economico: frigge e satura sotto spinta. Perché?

      Controlla anche che non vada in clip in registrazione, cioè prima di quando abbassi l'uscita dell'out per entrare nella daw
      Semmai digli alla cantante di stare più distante dal mic soprattutto nelle parti a volume maggiore

      Inviato dal mio Moto G (5S) Plus utilizzando Tapatalk
      Ciao, l'ha sempre fatto?
      Per curiosità che microfono è?
      A me era capitato con uno StudioProject difettato che si guastò pochi mesi dopo l'acquisto, evidentemente i prodotti economici possono fare questi scherzi.
      E' un canto normale o quando parli di "spingere dinamicamente" intendi proprio urlare? Perché alcune capsule potrebbero non reggere volumi forti da molto vicino, prova anche cosa succede allontanandoti di un paio di spanne quando vai su di volume.
      Prova anche a cambiare il cavo.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Per il resto, non sono urlati ma semplici cantati alti e sostenuti. Sulla distanza, credo sia già a 25/30 cm su quelle parti, di più veramente devo tirare troppo il collo al gain per arrivare a livello e il rapporto segnale/rumore va a friggere pure lui...
      Ah scusa avevo anche letto ma non avevo visto, insomma... :)
      Se è un po' datato può essere che un condensatore abbia ceduto, non dovrebbe succedere, ma nei prodotti economici è più frequente che ci siano componenti non durevoli...
      In quella fascia non conviene neanche pensare a delle riparazioni, a questo punto scegli qualcosa di nuovo, magari anche salendo di livello, se un po' di lavoretti li fai sicuramente ti godrai anche il nuovo, ma considera che i microfoni che segnano un po' la svolta partono da circa 150 euro e un ottimo esempio è il Rode NT1 (o NT1a, a seconda dei gusti).
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      E' una cosa molto diversa, soprattutto perché è un dinamico.
      Comunque ottimo microfono e certamente utile dove l'ambiente non aiuta.
      Verifica giusto che i tuoi pre possano pilotarlo a dovere, perché come tutti i dinamici il limite può stare nella quantità di gain da alzare per avere un volume decente senza registrare rumori di fondo.
      Ti consiglio di guardare il test sul canale YT Reaperiani, parla anche di questo.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Sapevo questa cosa del pre con un microfono del genere. Però ho letto che qualcuno riusciva a pilotarlo tranquillamente con in pre integrati in scheda, di una Scarlett ad esempio. Davvero ha bisogno di tutta questa attenzione?

      E se invece prendessi un normale condensatore, come un Se2200? Vale la candela come miglioria?

      genzianide wrote:

      Sapevo questa cosa del pre con un microfono del genere. Però ho letto che qualcuno riusciva a pilotarlo tranquillamente con in pre integrati in scheda, di una Scarlett ad esempio. Davvero ha bisogno di tutta questa attenzione?

      Semplicemente bisogna verificare prima dell'acquisto che la propria scheda audio abbia ingressi che se la cavano bene coi mic dinamici, la risposta di ogni interfaccia cambia, ad esempio proprio le Scarlett pare non abbiano abbastanza "spinta" per i dinamici, altre schede audio se la cavano meglio.

      genzianide wrote:

      E se invece prendessi un normale condensatore, come un Se2200? Vale la candela come miglioria?

      Certo tutto il discorso cambia, non l'ho mai provato ma me ne hanno partato molto bene.
      In ogni caso non è che gestire lo Shure sia complesso, anzi ti aiuta come dicevi proprio in un ambiente non trattato, basta sincerarsi di avere il pre giusto e non ci sono problemi.
      La scelta però dipende molto anche dal genere, lo Shure è molto gettonato nel metal, rock, ma anche il pop maschile, per non parlare di speakeraggio e podcasting.
      Un condensatore cattura più dettagli e sfumature in un brano melodico in cui vuoi la trasparenza e più informazioni, fa un'ottima riuscita sulle voci femminili e non solo, dipende anche dalla voce.
      Ovviamente sto parlando in termini molto generici, se ci dici cosa fai magari sappiamo consigliarti meglio, oppure meglio ancora puoi aprire un nuovo topic chiedendo consiglio per il nuovo mic.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      So che l'Sm7b è usato in quei generi, ma ad esempio di recentissimo l'ho visto usare in un live in studio dalla cantante dei Dirotta Su Cuba e cribbio, mi è piaciuta proprio la resa...per questo mi è venuta l'idea. Con l'ambiente non trattato che ho poi...
      io credo che già un condensatore da 150-200 euro abbia una resa molto superiore rispetto a un dinamico più costoso, resa che in termini di dettaglio, apertura e tutto il resto un dinamico non può avere per limiti fisici di sensibiiltà, poi magari sarò smentito dagli amici del forum che apprezzano diversi dinamici sicuramente belli.
      A mio avviso vale la pena di autocostruirsi qualche pannello per coprire le pareti nude della stanza e ridurre drasticamente i riflessi, anche con materiali di recupero, tappeti, tende grosse, materassini, se ne è parlato tante volte.
      Dipende anche dalle tue aspettative e dalla resa che cerchi, il tuo Samson quando uscì stupì tutti perché era il primo mic a quel prezzo che potesse dare quei risultati, girava perfino la voce che il distributore avesse sbagliato prezzo sui listini (figuriamoci...) il motivo è proprio che vent'anni fa a quel prezzo trovavi solo dei dinamici e la resa non poteva certo raggiungere quella di un condensatore.
      Passati vent'anni i dinamici sono ancora più o meno quelli, mentre di condensatori ne sono sbocciati a decine e quelli con migliore rapporto qualità/prezzo stanno proprio nelle fasce dei Rode e degli SE che non a caso sono tra i più apprezzati da chi ha un budget misurato e vuole metterlo tutto a frutto.
      Però non voglio condizionarti eh, dico solo che tappezzare un po' la stanza ti eleva anche il livello di ascolti e missaggio, quindi limitarsi perché non si ha l'ambiente è un po' un peccato, meglio cominciare da quello così da essere anche più liberi nella scelta del microfono.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.