quando ascolti un demo e ti cade la mascella ...

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      quando ascolti un demo e ti cade la mascella ...

      ero con alcuni clienti e c 'era anche loro figlio, un ventenne come tanti, appassionato di musica, gli piace il cantautorato elettronico tipo Vasco Brondi (le luci della centrale elettrica) ... ha un demo su cd e gli chiedo di farmelo alscoltare, mi anticipa che è solo chitarra e voce e come attrezzature ha usato una scheda audio focusrite 2 pre 2 gen. usb, monitor MAudio economici e un microfono AKG 1000s, come daw ha cubase artist e alcuni plug ins di eq, compressore e riverbero (quelli di serie con cubase) ...
      Mi è caduta la mascella, a parte la competenza e il gusto dei 2 pezzi (aveva solo quelli) realizzati in un paio di settimane, la voce era presente e avanti, la chitarra (con corde in metallo) nella sua semplicità esecutiva molto ben suonante, livelli ben centrati, effetti non troppo invadenti, e niente ... a volte, anche con mezzi scarsi, ma con le idee chiare e padronanza dei mezzi si ottengono risultati e sopratutto tanta modestia ...

      i ragazzi di oggi, andrebbero incoraggiati, sopratutto quando hanno qualità di cui neppure si rendono conto ...
      ... penso che un sogno così non ritorni mai più !
      gli ho fatto la proposta ma non'è interessato, vive nei social e si guarda i tutorial, questi lavori li fà per lui e i suoi amici e non ha interessi nel businnes musicale ... non'è neppure interessato a migliorarsi, gli và bene quello che fà, non ha i GAS compulsivo gli piacciono più le moto e le ragazze ...
      ... penso che un sogno così non ritorni mai più !

      quando ascolti un demo e ti cade la mascella ...

      Il contributo delle nuove leve è essenziale ad un recupero di alcuni valori, a loro volta fondamentali, per produrre musica che sia un po' più di rumore e slogan a pene di segugio.

      Ma tant'è...
      ...Musicalmente Parlando...
      Bella testimonianza Alessio, bello sapere che ogni tanto succede ancora.
      Da sostenitore del forum mi intristisce un po' il fatto che i tutorial stiano sostituendo il confronto su queste pagine, ma va tutto bene se la tecnica, anche in pillole, arriva a chi la sa mettere a frutto.
      Forse è anche giusto non ossessionarsi, non bisogna per forza appassionarsi al mondo dell'audio, se in quel ragazzo la componente di artista è più forte di quella di tecnico, lavorerà di più sulla sostanza della sua musica e per registrazioni migliori si rivolgerà a qualcun altro, come è giusto che sia.
      Che si possano fare buone demo anche con poco è un fatto ormai acclarato, oggi anche una Scheda economica ha convertitori che fanno i c... a strisce a tante schede di 10 anni fa, e se l'idea è forte funziona anche in poche tracce grezze.
      Siamo noi che invece ci ammaliamo di dettagli e molto spesso cerchiamo la macchina esoterica con un lieve dettaglio in più, in attesa di registrarci la hit mondiale che però, per qualche motivo, non abbiamo ancora scritto.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      sacrosanta verità, le nostre generazioni per avere una qualità decente dovevano investire cifre sporpositate, parlo degli over 40, i ragazzi oggi hanno a disposizione la tecnologia a basso costo, la musica liquida, i social ma hanno perso l'idea di melodia, i tempi cambiano e forse hanno ragione loro ... io mi accontento di trarne soddisfazione e il recording è diventato un passatempo, fintanto che mi diverto e non ci smeno troppo continuo :)
      Ma mi facevo una domanda a cui non so dare risposta ... i forum tenici hanno ancora senso ? Per noi attempati è stata l'unica occasione per confrontarci e trovare suggerimenti ma i ragazzi di oggi cercano solo tutorial e non si confrontano con nessuno, non accettano critiche e si sentono portatori del verbo
      (a parte rare eccezioni) e non lo fanno con malanimo ma è proprio il loro modo di interfacciarsi con la società ...
      ... penso che un sogno così non ritorni mai più !

      Post was edited 1 time, last by “AlessioBlve” ().

      Sì i plugin sono cresciuti tantissimo, tutto è migliorato.
      Gli studi pro spingono ancora su brani che suonano in modo eccezionale per fare la differenza dalle produzioni amatoriali, per creare la maggiore distanza possibile, visto che con un piccolo investimento puoi avere alta qualità anche in casa, i professionisti spingono sulla tecnica e sulle finezze che i dilettanti in genere non conoscono.
      La tecnica quindi resta la chiave per fare quella differenza, ma per una buona demo si può fare già tanto col solo aiuto della tecnologia accessibile e di scelte semplici.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      AlessioBlve wrote:

      ... a volte, anche con mezzi scarsi, ma con le idee chiare e padronanza dei mezzi si ottengono risultati e sopratutto tanta modestia ...


      Spesso bastano due elementi fondamentali per cavare qualcosa di buono anche dal cantatù... orecchie e ascolto critico! :D
      Resistance... is futile. We are KORG, so you'll be synthetized!

      Pilloso wrote:


      Gli studi pro spingono ancora su brani che suonano in modo eccezionale per fare la differenza dalle produzioni amatoriali, per creare la maggiore distanza possibile, visto che con un piccolo investimento puoi avere alta qualità anche in casa, i professionisti spingono sulla tecnica e sulle finezze che i dilettanti in genere non conoscono.

      A volte non è così scontato. Vado un po' OT. Non so se avete avuto modo di ascoltare l'ultimo lavoro degli Iron Maiden uscito questi giorni. Suona malissimo, confuso, chitarre si sentono male, tastiere ridicole, ecc. Credevo fosse una mia impressione, ho letto un po' e in pratica non è stato masterizzato! Mixato e basta, così piaceva ad Harris...mah. Se poi a questo si aggiunge la totale mancanza di idee (secondo me hanno sempre avuto grossi limiti compositivi, tutte le canzoni sempre composte da Harris) e la voce di Dickinson che insegue note che fatica a raggiungere, la frittata è fatta!

      AlessioBlve wrote:


      Ma mi facevo una domanda a cui non so dare risposta ... i forum tenici hanno ancora senso ? Per noi attempati è stata l'unica occasione per confrontarci e trovare suggerimenti ma i ragazzi di oggi cercano solo tutorial e non si confrontano con nessuno, non accettano critiche e si sentono portatori del verbo
      (a parte rare eccezioni) e non lo fanno con malanimo ma è proprio il loro modo di interfacciarsi con la società ...


      Posso parlare della mia personale esperienza.
      In questo forum ho imparato il 99% di quello che so (ogni tanto dico qualche cazzata, ma è un mio limite :D ).
      Se non fosse stato per te Alessio, per Mauro Menestrello (che spero ritorni qui sul forum, perché sarebbe una grande risorsa, soprattutto in materia di microfoni), per Lorenzo (Teetoleevio) e parecchi altri, non avrei mai approfondito più di tanto certe cose.
      Con alcuni siamo diventati pure ottimi amici. Altri li ho persi per strada e non li sento più da tempo, ma fa parte della vita.
      Certo, un po' vi maledico perché poi ho iniziato a spendere una barca di soldi, ma questo è un altro discorso :D :D

      Ad ogni modo, qui ho imparato a dare "concretezza" ad una passione che ho sempre avuto. E, ne sono certo, mai avrei potuto acquisire queste competenze semplicemente seguendo dei tutorial su Youtube. Fosse non altro perché è praticamente impossibile interagire con chi ha fatto il video.
      In un forum come questo, invece, si ha la possibilità di confrontarsi (purtroppo non sempre in modo costruttivo ma, vabbè, fa parte del gioco), raccogliendo le testimonianze di chi ha usato un certo gear o utilizza un certo software e, nel contempo, potendogli rivolgere delle domande specifiche.
      Guardando un video, per quanto preciso ed approfondito possa essere, si è comunque dei semplici "spettatori" di fronte a qualcosa che sta testando un'altra persona, evidentemente con delle modalità "personali", dando magari risalto a degli aspetti che più interessano a lui e, magari, tralasciando dei punti che potrebbero essere interessanti per me.

      Inoltre credo che, la differenza tra quelli della "nostra generazione" ed i ragazzi di oggi, sia essenzialmente una: prima di imbarcarci in quest'avventura, nel mondo del recording, quasi tutti sapevamo strimpellare uno strumento. Quasi tutti abbiamo avuto un gruppetto con cui abbiamo suonato nel garage di casa. Quasi tutti ci siamo interessati, più o meno approfonditamente, a CAPIRE cosa sia la musica, come funzionino i vari strumenti ed il proprio ruolo all'interno di un contesto musicale.
      E questo è per me fondamentale. Ed è proprio questo che, gran parte dei ragazzi di oggi, hanno perso di vista o, addirittura, snobbano.
      Voglio dire, oggi c'è una tecnologia che permette a chiunque di creare un brano semplicemente incollando dei loops già pronti senza neppure conoscere la scala cromatica. E subito ci si sente "musicisti", "compositori", ecc.
      Manca proprio l'ABC che sta alla base della musica.
      Insomma, creare e registrare "musica" è diventato molto più "democratico" (cioè alla portata di tutti) ma, di fatto, ha ampliato ancora di più il divario tra la musica vera e propria e "tutto il resto". E il paradosso è che, ormai, è "tutto il resto" ad essere il riferimento...
      Senza contare che è andato ad incidere ancora di più su un altro enorme problema che, negli anni, si sta sempre più acutizzando: l'assenza di aggregazione.
      Ed è un vero peccato, sotto ogni aspetto.
      Me too :)

      Sottoscrivo tutto quanto detto da @simonluka che a quanto pare è cresciuto coi miei stessi utenti di riferimento, senza dimenticare l'apporto di tanti altri.

      simonluka wrote:

      E, ne sono certo, mai avrei potuto acquisire queste competenze semplicemente seguendo dei tutorial su Youtube. Fosse non altro perché è praticamente impossibile interagire con chi ha fatto il video.

      Su questo dico "ni", nel senso che alcuni youtuber rispondono ai dubbi, il punto è che in genere sono confronti molto veloci, non c'è spazio per un botta-risposta che dura giorni e che guida un utente alla soluzione di un problema, o che coinvolge gli altri nella scelta del microfono giusto, è tutto più mordi-e-fuggi, come la musica di oggi, però hai anche un centinaio di utenti che commentano ogni vide con le loro esperienze, dubbi, trick, quindi il confronto è anche più ampio.

      E sì, anche io credo che andiamo azzerando le competenze musicali degli artisti e verso tecnologie che ti aiutano a produrre senza tante conoscenze, ma in realtà dietro ai lavori seri c'è un produttore artistico che è anche compositore, arrangiatore, e sa il fatto suo, l'artista spesso non è più mente di un progetto, ma solo corpo e voce, o poco più, c'è quindi uno spostamento delle professionalità che non spariscono ma si trasferiscono su altri piani, cambiando un po' le dinamiche.
      Senza certe competenze non credo ci potrebbe essere musica, perfino la trap ha bisogno di qualcuno che abbia una minima idea di armonia.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Post was edited 1 time, last by “Pilloso” ().

      Condivido in pieno le belle parole di Simonluka! In questo forum (che purtroppo frequento solo da poco tempo) ho trovato delle persone incredibili. Quando ho chiesto consigli non ho ricevuto una semplice risposta, il problema è stato sempre approfondito e sviscerato fino a ricevere consigli molto pertinenti e professionali. Ci sono degli utenti come Pilloso, Paul Rain e tanti altri che forniscono un'incessante e professionale supporto a tutti, dai novizi agli utenti più esperti. Grazie!
      Per quanto riguarda il discorso you tube c'è anche da dire che a volte i video o le recensioni non sono imparziali. Spesso il youtuber viene pagato per fare pubblicità a un prodotto.
      Però non demonizzo completamente. Ci sono anche tutorial su you tube validi. Apprezzo moltissimo i video di Claudio Cicognin, Riccardo Rizzo (febbre da chitarra) e altri.
      Per quanto riguarda l'home recording ormai per quanto mi riguarda sono passati i (bei) tempi della band...sto parlando di quasi 30 anni fa quando con la Clio andavo in giro portandomi in bagagliaio il Marshall..fosse altro perchè un mesetto fa l'ho spostato dal garage all'home studio e ho avuto mal di schiena per una settimana...e mi ha pure aiutato mia moglie...che tristezza! L'home studio mi aiuta a portare avanti la passione senza dipendere da altri e senza dovermi prendere impegni...quando ho voglia suono e quando ne ho di più registro qualcosa.
      W la musica!
      io vado un po' controcorrente, e per quanto sia ben disposto nei confronti del forum che come detto ha sempre avuto un buon numero di utenti esperti, ho trovato molto più giovamento seguendo un paio di canali youtube che hanno fornito un metodo e delle tecniche, nulla di esoterico ma sempre con l'obiettivo di fornire una base importante per ottenere da subito un buon risultato e il tutto nel giro di un anno, a dispetto dei tanti anni passati a leggere e informarmi qui, forse perché troppo dispersivo, non saprei, magari non sono stato in grado io di sfruttarne le potenzialità.
      ma vengo così al discorso che si faceva sulla volontà dei giovani di rivolgersi ai canali youtube invece che ai forum. magari senza escludere una delle due a priori porta tanti vantaggi
      Tornando ai "ggiovani" di cui al messaggio iniziale, non so chi si ricorda che ha frequentato il forum un ragazzo credo di Pordenone che postò dei brani realizzati e registrati interamente da lui che secondo me erano strepitosi.
      Innovativi, freschi, ben eseguiti e ben registrati.
      Una vera sorpresa, ma poi l'ho perso di vista (e ora non saprei nemmeno ritrovarlo qui sul forum...).
      Ricordo peraltro che fu anche massacrato pubblicamente per aver "osato" tanto...
      “Nobody cares if you know how to play scales. Nobody gives a shit if you have good technique or not. It’s whether you have feelings that you want to express with music, that’s what counts, really.”
      -Neil Young
      Credo ci siano diversi livelli di aspettative, alcuni sicuramente sbagliati.
      Saranno vent'anni che non si sente qualcosa di nuovo nel panorama discografico, ma se qualcuno posta i propri brani a volte viene giudicato anche perché non ha fatto niente di nuovo. Come se ci si aspettasse che su un forum italiano venisse fuori la novità che nel mondo tutti attendono.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Pilloso wrote:

      Credo ci siano diversi livelli di aspettative, alcuni sicuramente sbagliati.
      Saranno vent'anni che non si sente qualcosa di nuovo nel panorama discografico, ma se qualcuno posta i propri brani a volte viene giudicato anche perché non ha fatto niente di nuovo. Come se ci si aspettasse che su un forum italiano venisse fuori la novità che nel mondo tutti attendono.

      Forse gli standard sono cambiati. Ho sottoposto un mio ultimo brano ad un noto produttore e arrangiatore per un parere e un supporto sulla parte di mastering (a pagamento profumato ovviamente). Il giudizio è stato relativo solo all'arrangiamento e a dettagli sul timing del basso rispetto alla cassa (scelta tra l'altro fatta da me volontariamente). Nessun giudizio sulla linea melodica, sul cantato, sull'originalità del testo e in generale su come suonava la canzone....che a tutti i profani di musica ai quali l'ho fatta ascoltare piace molto! Quindi sono stati valutati solo aspetti tecnici...e tra l'altro discutibili. Mah...Io resto umile e ho accettato i consigli tecnici relativamente all'arrangiamenti...ma sono dettagli (un fill in più, una pausa, ecc.), non mi va giù l'assenza di apprezzamenti o non apprezzamenti sull'insieme della canzone....e questo è uno bravo e famoso. Ora mi secca avergli dato l'mp3 del brano. Mi sono però tutelato registrando prima i diritti d'autore su Safe Creative!