domande da principiante su registrazione

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      domande da principiante su registrazione

      Ciao a tutti, sono nuovo e ho scoperto oggi questo forum. Premetto che ho una conoscenza prossima allo zero di ciò che riguarda la strumentazione, le tecniche, i software, ecc. che si usano per registrare, editare, mixare ecc e che finora a parte ascoltarla la musica l'ho suonata come passatempo e senza molta continuità con una chitarra classica. Per cui probabilmente mi esprimerò anche con un liguaggio poco tecnico e abbastanza impreciso. Fino a qualche giorno fa, ad esempio, non sapevo neanche cosa fosse un sintetizzatore.
      Il fatto è che recentemente mi è venuta l'idea di registrare qualche brano. L'intenzione, che vorrei capire se e come è perseguibile, è di farlo autonomamente tramite un pc, di usare un solo strumento musicale e di limitare al minimo l'apparecchiatura conivolta.
      Non miro a un prodotto professionale ma a un livello base per poter magari condividere i brani da qualche parte, ad esempio su youtube, o altra piattaforma.
      1) Dunque la prima idea è di partire da una chitarra elettrica (che comprerei a breve), collegarla al pc, usare un software adatto per 'catturare' il suono, registrarlo, ed eventualmente editare e correggerne i difetti. Poi vorrei aggiungere una parte di basso, e una che 'sintetizzi' il ruolo della batteria (va bene una cosa minimale), senza avere a disposizione tale strumenti.
      Per il suono del primo avevo letto che sarebbe più o meno ottenibile suonando le corde più basse della chitarra e poi abbassando di un'ottava (spero di ricordare bene) tramite software adatto a farlo.
      Per la seconda vorrei evitare basi già preconfezionate, ma qualcosa che si può almeno modificare.
      E alla fine ovviamente combinare le tracce registrate singolarmente.
      Mi rendo conto che la domanda è molto generica ma considerando che la mia esperienza nel campo è a zero e che non aspiro a una produzione impeccabile, quale potrebbe essere la configurazione minima per comporre una registrazione con questi 3 strumenti, avendone a disposizione uno solo?
      Avevo anche letto che c'è il modo di scrivere delle partiture o qualcosa del genere all'interno di un software che poi le può riprodurre e registrare, ma magari il risultato che si ottiene è discutibile.
      2) Alternativa al punto 1. Considerando che al momento un sintetizzatore mi pare uno strumento di difficile comprensione per me avevo pensato invece di usare una tastiera (che sia di tipo MIDI o meno) per riprodurre il suono di 2 o 3 strumenti. Forse per la chitarra non sarebbe proprio adatta, ma almeno per altri strumenti la si potrebbe usare (con un risultato accettabile) per simularli e registrare, dopo averla collegata al pc o meno, le relative tracce, senza investire molto in altra strumentazione / dispositivi?
      Ringrazio in anticipo a chi vorrà rispondere a questo post un po' confuso, che si potrebbe sintetizzare in: se ho una chitarra elettrica o una tastiera quale sono i consigli che dareste a un principiante e ignorante in materia che vorrebbe mettere insieme un pezzo musicale senza voce tramite utilizzo del pc e non molto altro?

      Post was edited 2 times, last by “holidays_end” ().

      Ciao, sei fortunato perché hai esigenze piuttosto comuni e facili da gestire con un setup piuttosto minimale, ma un po' di roba ti servirà.
      Andiamo per gradi.

      Oggi con una scheda audio relativamente economica puoi registrare chitarre e voci senza grosse limitazioni di qualità, e ti permette sicuramente di ottenere delle demo più che dignitose. Una molto diffusa come la Scarlett 2i2 costa sui 150 euro.

      Chitarra elettrica ok, la puoi registrare collegata dirattamente all'interfaccia audio, poi lavorare sul suono con plugin che simulano vari ampli, coni ed effetti, oppure usare l'ampli di tuo gradimento e microfonare quello, registrando il microfono.
      Scegli tu quale soluzione ti aggrada, come via di mezzo ci sono anche dei pedali multieffetto che simulano l'ampli in modo piuttosto realistico (tipo i vari Pod della Line6, ne trovi infiniti anche nell'usato), ti risparmiano di mettere un vero ampli in casa, ma allo stesso tempo ti permettono di registrare un suono già elaborato e credibile, in genere un po' più realistico di un software.

      Il discorso del basso è un po' diverso, è vero che esistono le artefazioni per fare come dici tu, ma io eviterei, ti conviene procurarti un basso usato da 300 euro o meno, e avrai una resa infinitamente migliore, anche come feeling sullo strumento, che è diverso da una chitarra.

      Discorso batterie virtuali e sinth: sono entrambi plugin che puoi suonare con i tasti di una tastiera midi, quindi dovresti procurarti una tastierina USB, magari non troppo piccola, ti consiglierei almeno una 4 ottave per avere un po' di libertà, te la cavi con neanche 100 euro.
      Però devi pensare anche ai plugin: ce ne sono di interessanti anche tra i gratuiti, trovi facilmente diverse batterie elettroniche di ispirazione anni '80, se ti piace il genere, con piena libertà di gestire i suoni nota per nota. Cercando bene si trova anche roba più complessa con campionamenti di una batteria acustica moderna, e anche di sintetizzatori gratuiti ne trovi tanti, ma più si va sul sofisticato più ti imbatti su software a pagamento, soprattutto se cerchi campioni di suoni acustici e orchestrali.
      Un altro discorso è la scelta della DAW, ossia il software sequencer che ti permette di controllare e registrare tutto questo, gestendo tracce separate sulle quali potrai intervenire singolarmente.
      Qualche nome: Reaper, Cubase, Logic (solo per Mac), ProTools, Studio One e altri.
      Qui cambiano molto i costi, che possono andare dai 50 ai 500 euro circa. Ciascuno ha diverse peculirità e modalità di utilizzo, ma tutti ti permettono di arrivare allo stesso risultato.
      Per chiudere, riguardo gli spartiti, alcuni di questi software ti danno anche la possibilità di scrivere in note ed eseguirle, ma il risultato è un'esecuzione per forza di cose estremamente quadrata e meccanica.
      Se invece registri una tua esecuzione, anche di note midi da tastiera, puoi lasciare delle imperfezioni, o modificare alcune note manualmente, e raggiungere più facilmente un buon compromesso tra precisione e una piccola dose di imprecisione umana che è sempre bene lasciare.
      Edit: ah ovviamente dovresti mettere in conto anche un paio di buone cuffie (o meglio ancora casse, ma queste possono arrivare anche dopo)
      Ti ho dato una prima infarinatura, chiedi pure qualsiasi cosa, magari anche un'idea approssimativa di quanto sei disposto a investirci in totale può essere di aiuto per suggerirti una soluzione opportuna.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Post was edited 1 time, last by “Pilloso” ().

      @Pilloso
      a parte la chitarra elettrica, che ancora non ho, volevo spendere pochino per ora, max 200 euro. Ma in realtà vorrei prima iniziare a sperimentare, a capire cosa posso fare. Se è una cosa che mi riesce col tempo potrei spenderci (anche come soldi) di più.
      Dopo aver letto il tuo post mi verrebbe da chiedere per esempio: ma con la tastiera MIDI a questo punto non potrei ottenere anche il suono del basso, piuttosto che comprarne uno apposta? Tra l'altro io avevo pensato pure direttamente a una tastiera, una 'classica' non MIDi, tramite cui eseguire tracce di strumenti che riuscirebbe a riprodurre (escludendo magari la chitarra) più o meno adeguatamente.
      Sulle Daw non andrebbero bene quelle gratuite? Tipo Audacity, che ho sentito nominare spesso nelle mie recenti ricerche su Google.

      @AlessioBlve
      Per ora ho solo il pc

      Ma comunque queste Daw permettono realmente di correggere difetti dell'esecuzione, cioè il pezzo arriverebbe in input con delle imperfezioni e tramite manipolazione da software ne uscirebbe pulito?
      Come DAW puoi scaricare Studio One Prime che è la versione gratuita senza particolari limitazioni a parte l'uso di plugin di terze parti (ma essendo tu all'inizio puoi tranquillamente affidarti a quelli in bundle col software che funzionano bene).
      Io ti consiglierei a questo punto di trovarti un arranger anche usato e utilizzare quello per creare le strutture e le ritmiche dei brani (magari puoi registrare il tracciato midi e poi caricarci dei suoni di basso e batteria migliori).
      Una scheda audio però la dovrai prendere.....se non vuoi spendere troppo puoi orientarti su qualcosa della Behringer tipo la umc202hd oppure una Audient id4 salendo un po' col budget.
      Difficilmente però riuscirai con 200€ ad avviare l'attività.

      holidays_end wrote:

      volevo spendere pochino per ora, max 200 euro

      Siamo un po' strettini, ma qualcosa riesci a fare, come ti dice giustamente anche Marco, la scheda audio è il minimo indispensabile, io ti consiglio di non scendere sotto una Focusrite Scarlett 2i2, per questioni di affidabilità e qualità, se cerchi nell'usato trovi modelli vecchi sotto i 100 euro, ma prendi almeno una versione "2nd gen" (quella venduta attualmente è la 3rd gen, quella che sarebbe meglio evitare è la prima versione che aveva un qualità inferiore, ma se trovi un'ottima occasione va bene ugualmente).
      La versione "Solo" della Scarlett permette di risparmiare ancora qualcosa, ha ha un solo canale microfonico, se vuoi una cosa minimale non dovrebbe penalizzarti, ma ricorda che non ci potrai fare riprese microfoniche stereo.

      holidays_end wrote:

      ma con la tastiera MIDI a questo punto non potrei ottenere anche il suono del basso, piuttosto che comprarne uno apposta?

      Sì, se ti accontenti, sarà comunque meglio di un basso ottenuto da una chitarra abbassata di un'ottava, potrebbe esserci anche qualche plugin gratuito di basso midi, di sicuro trovi tanti plugin di synth-bass che a seconda del genere possono darti ulteriori possibilità.

      holidays_end wrote:

      Tra l'altro io avevo pensato pure direttamente a una tastiera, una 'classica' non MIDi

      No, a questo punto perché spendere di più per una tastiera coi suoni? Resta sotto i 100 euro di una midi a 49 tasti e fai tutti i suoni coi plugin, cosa che ti dà anche più libertà nei collegamenti semplificati e correzioni da software.

      holidays_end wrote:

      Sulle Daw non andrebbero bene quelle gratuite? Tipo Audacity, che ho sentito nominare spesso nelle mie recenti ricerche su Google.

      Sì, ma Audacity è molto limitato e non così intuitivo, meglio la versione Prime di Studio One come dice Marco.

      holidays_end wrote:

      Ma comunque queste Daw permettono realmente di correggere difetti dell'esecuzione

      Permettono di correggere tutto sulle esecuzioni midi, molto meno in quelle audio, quindi sulla chitarra potrai al massimo fare tagli per mettere qualcosa a tempo, non molto di più.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Post was edited 2 times, last by “Pilloso” ().

      Pilloso wrote:

      Permettono di correggere tutto sulle esecuzioni midi, molto meno in quelle audio, quindi sulla chitarra potrai al massimo fare tagli per mettere qualcosa a tempo, non molto di più.


      quindi per quelle audio servirebbe una tecnologia superiore e più costosa... non ci si può lavorare "da casa"?

      AlessioBlve wrote:

      ma la roba poi come la ascolti ? cosa usi ?


      al momento non uso nulla di particolare (pc o smartphone e basta), non ho registrato roba mia finora e non mi ero posto il problema

      holidays_end wrote:

      quindi per quelle audio servirebbe una tecnologia superiore e più costosa... non ci si può lavorare "da casa"?

      Non è questione di studio o casa, ormai i software che puoi avere a casa sono gli stessi dei professionisti, ma se registri una traccia audio puoi fare un certo tipo di modifiche, correggere le note è più complicato e difficile.
      Se invece registri MIDI è come registrare uno spartito con delle informazioni, divise nota per nota, dove puoi facilmente intervenire singolarmente su posizione, durata e altre caratteristiche di ogni singola nota.

      Per il resto sì, almeno un paio di cuffie ti serviranno, se parti in economia puoi iniziare anche con dei buoni auricolari, ma non potrai andare avanti a lungo, se ti piace quello che fai poi sarai sempre in tempo ad attrezzarti.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Posso fare una volta tanto l'antipatico anche io?! :D Senza offesa ma leggendo i tuoi commenti evinco che:
      1. non hai budget
      2. non hai competenze specifiche nel campo della registrazione/editing/mix
      3. hai solo una chitarra e tanta buona volontà e presumo qualche buona idea.
      Piuttosto che buttare 200€ per una scheda audio e un paio di cuffie di scarsa qualità che da sole comunque non ti consentirebbero di fare quello che hai in mente, perché non ti dai un obiettivo di tempo per accumulare un minimo di budget e nel frattempo inizi a buttare giù le tue idee musicali?
      Considera che seppure oggi si possa intervenire anche sull'audio in maniera correttiva io sono sempre dell'idea che una registrazione deve partire da una buona esecuzione e, dando per scontato che tu sappia suonare la chitarra, ti resta comunque il problema di registrare la base su cui poi registrare (che non è una cosa semplicissima).
      Infatti volevo prendermi del tempo ma allo stesso tempo iniziare a provare che si può fare con questi software, vedere se riesco a starci dietro, anche nell'uso di un eventuale tastiera. Se non so se riesco a organizzarmi da solo per il dopo mi passa un po' la voglia di suonare, perché lo farei solo per me (non vedo al momento possibilità di suonare con altri e magari andare in uno studio di registrazione o cose del genere). Il budget indicato era quello che inizialmente spenderei, poi qualcos'altro ci potrei mettere dopo, e al netto del prezzo della chitarra elettrica che ancora non ho. Più che altro mi creerebbe qualche fastidio dover accumulare roba perché non ho spazio dove abito, vivo in uno spazio angusto. Perciò magari mi scarico qualche software, inizio a giocarci, anche senza tastiera (ho visto che si può usare anche una virtuale), e vedo se mi può piacere mettere insieme suoni con questi strumenti digitali.

      Dunque per intervenire sull'audio servono competenze importanti... quindi chi vuole registrare da casa usando uno strumento non digitale e ne sa poco dovrà seguire un certo percorso di formazione? O conviene che chieda a chi già è un professionista nell'ambito?
      Ci sono un sacco di corsi, ma forse non ci siamo spiegati, non è che per l'audio servano competenze particolari rispetto al midi, sì, servono ma come in qualsiasi mestiere. È proprio che con l'audio non puoi intervenire su tutto quello che vuoi, sul midi sì.
      Fai finta che sia la stessa differenza che c'è tra un testo scritto in word e lo stesso testo registrato con la tua voce. Secondo te è più semplice cambiare una parola in word o in un file audio? Tutto qui.
      Per il resto, con la tastiera a video di sicuro non ti divertirai, è come giocare a Playstation senza il joypad, quella a video te la stanchi dopo 3 secondi.
      Posso darti un consiglio?
      Per iniziare con queste cose serve uno scopo.
      Fare una canzone con la chitarra, per farla sentire agli amici, già è uno scopo, allora troverai modo di procurarti anche quello che ti serve, e ti darà qualche soddisfazione.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Ciao,
      concordo che la prima questione è definire lo scopo:

      1) imparare il mondo della registrazione
      2) imparare a produrre musica con il computer
      3) registrare le proprie canzoni

      e per tutti questi punti ci sono sotto argomenti altrettanto grandi.
      Definisci bene nella tua testa qual è il tuo scopo primario.
      Ciao,
      Mauro
      "Qualsiasi cosa tu faccia, falla con stile" F. Mercury
      credo che il problema sia la motivazione, se ti piace una cosa e sei motivato a farla, normalmente accetti anche di fare un investimento. Bene, questo investimento è direttamente correlato al budget che, in base alla motivazione, decidi di investire. Comprendo i dubbi, agli esordi ascolti comunque la musica che ti stà intorno o scegli di ascoltare e vorresti produrre musica che ti piace maggiormente, con la soddisfazione di autoprodurla e farla sentire agli amici, benissimo, abbiamo tutti iniziato così e sono ottime motivazioni. A questo punto cerchi di informarti per capire cosa potrebbe servirti per iniziare questo percorso, Hai solo un PC e tutto il resto è da prendere e imparare ad usarlo.
      il minimo sindacale è :
      Scheda audio (focusrite scarlett 212 almeno hai due pre/line e uscita cuffia) usata euro 70/80 (almeno 2 gen)
      Cuffie (usandolo come unico monitoraggio ti consiglio vivamente le AKG K 371) usata 80/100 euro
      Daw te ne sono state consigliate diverse gratuire, valuta anche CakeWalk SONAR sempre free e molto completo
      ci sono anche molti plug ins free di buonissimo livello che inizialmente (alcuni li uso ancora dopo tanti anni) puoi provare oppure, se individui dei plug ins a pagamento di tuo interesse periodicamente li trovi iper scontati ...
      Infine una tastiera midi usb per immettere delle note nella daw e usare i sint software gratuiti ... la M-Audio Keystation 49 MK3 usata la trovi a 40 euro
      un microfono dinamico per iniziare a fare prove come il classico Shure SM58 usato euro 60
      Trovi tutto questo anche nell'usato.
      Questa può essere una base di partenza minimal ma performante che ti consentirebbe di evolvere, col tempo puoi cambiare o aggiungere componenti in base alle tue esigenze o rivendere tutto se cambi idea perdendoci molto poco se prendi tutto usato ...
      Per i corsi su youtube, ci sono diversi corsi per iniziare a capire alcune cose, sono in lingua italiana e moltissimi gratuiti ...
      ... penso che un sogno così non ritorni mai più !
      Lo scopo l'ho definito: arrivare a un prodotto musicale realizzato da me che poi posso caricare online. Poi riguardo al promuoverlo si aprirebbe un altro discorso, ma arrivare a quel punto per me già sarebbe un traguardo.

      Scusate se insisto sul punto delle correzioni dell'audio, ma poiché possibilmente vorrei registrare anche il suono di una chitarra, e non solo usare i Midi, mi rimane il dubbio sulla gestione delle imperfezioni dell'esecuzione. Per quanto possa migliorare nella tecnica (intendo nel suonare stavolta) qualche piccolo errore può sempre capitare. Perciò la domanda stupida che mi viene da fare è: ma i musicisti quando incidono introdurranno non volendo in qualche caso, in qualche punto del brano, un difetto? Mettiamo che il chitarrista a un certo momento non prenda perfettamente un accordo... si può intervenire / si interviene a valle?
      Premetto che se lo scopo è pubblicarti, lo fai anche con un fischio su un cellulare, il punto è con che qualtà vuoi realizzare questo prodotto musicale.
      Un recente esempio di un'altro 3ad di questa mattina però ci prova che anche con pochissima attrezzatura e tanta abnegazione, salvo qualche difetto e compromessi vari, si può arrivare a un risultato decente.
      Discorso audio: col digitale il grosso vantaggio è che puoi registrare tutte le volte che vuoii, finché non ti viene bene.
      Oltre a questo, puoi prendere il pezzo migliore di ogni esecuzione (esempio, l'inizio dalla terza prova, la parte di mezzo dalla prima, la finale dalla seconda e così via), ovviamente facendo tutte queste registrazioni allineate, così da averle parallele tra loro e "pescare" da ciascuna le parti migliori, facendo tagli dove occorre.
      Anziché sostituire, in alcune situazioni puoi anche tagliare un solo accordo (o battuta) e rifarlo, certo, facendo sempre attenzione, in tutti questi tagli, a come si inserisce la parte che sostituisci nei punti di taglio, perché specie in uno strumento come la chitarra le note hanno sempre una coda che si fonde con le note successive, per questo anche se ti serve un solo pezzetto è bene iniziare a suonare dalle note prima e fermarsi su quelle dopo, così hai anche il contorno che ha un suo effetto su quel punto.
      Se fai accordi secchi è più facile tagliare e incollare, tutto quello che si interrompe e lascia dei silenzi prima è dopo, è per forza di cose più semplice da tagliare e sostituire. Se invece fai arpeggi è già più complicato, meglio tagliare battute intere prese da un'altra esecuzione uguale, spero di essermi spiegato.
      Io che registro il basso elettrico anche se sono un pessimo bassista, devo registrare diverse esecuzioni, e poi fare tanto editing, ma sul basso è facile, perché hai sempre una nota sola per volta, che si interrompe prima della successiva, quindi i punti si trovano sempre, e nonostante la semplicità, finire il basso per una canzone mi costa un paio di ore di lavoro, con editing e tutto.
      Se lo faccio con un basso midi ci metto 15 minuti con correzioni e tutto, perché mi basta suonare una volta o due, spostare le note sbagliate e la traccia è pronta.
      Se sei un chitarrista e vuoi suonare una chitarra vera però, il midi non ce l'hai (se escludiamo certi accrocchi che andavano di moda anni fa) quindi devi fare con l'audio, e suonare meglio che puoi per intervenire meno che puoi.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      holidays_end wrote:

      Infatti volevo prendermi del tempo ma allo stesso tempo iniziare a provare che si può fare con questi software, vedere se riesco a starci dietro, anche nell'uso di un eventuale tastiera. Se non so se riesco a organizzarmi da solo per il dopo mi passa un po' la voglia di suonare, perché lo farei solo per me (non vedo al momento possibilità di suonare con altri e magari andare in uno studio di registrazione o cose del genere). Il budget indicato era quello che inizialmente spenderei, poi qualcos'altro ci potrei mettere dopo, e al netto del prezzo della chitarra elettrica che ancora non ho. Più che altro mi creerebbe qualche fastidio dover accumulare roba perché non ho spazio dove abito, vivo in uno spazio angusto. Perciò magari mi scarico qualche software, inizio a giocarci, anche senza tastiera (ho visto che si può usare anche una virtuale), e vedo se mi può piacere mettere insieme suoni con questi strumenti digitali.

      Dunque per intervenire sull'audio servono competenze importanti... quindi chi vuole registrare da casa usando uno strumento non digitale e ne sa poco dovrà seguire un certo percorso di formazione? O conviene che chieda a chi già è un professionista nell'ambito?


      Scusami forse mi sono espresso male......intendevo che iniziare a registrare con l'idea di poter fare qualsiasi cosa in post produzione (soprattuto se si hanno a disposizione poche competenze e mezzi tecnici di basso livello) è secondo me la strada più sbagliata che tu possa percorrere.
      Nel mio piccolo (sia a livello di competenze che di "studio" messo tra tante virgolette) quando registro le prime cose a cui penso sono:
      1. studiare la parte da registrare finché non suona come ho in mente (a livello di dinamiche e di fraseggio) e solo dopo registrarla e se sbaglio qualcosa la rifaccio dall'inizio perché per mia abitudine una esecuzione deve essere un fluire unico dalla prima all'ultima nota (ma questo è solo il mio modo di lavorare).
      2. curare quanto più possibile il suono (per quanto possibile in ambiente domestico) prima di iniziare a registrare in modo da dover poi agire sulla traccia il minimo indispensabile (anche perché le mie competenze sono quelle che sono :D ).
      3. se devo fare qualche correzione (magari su una voce) preferisco agire il minimo indispensabile per non rendere innaturale il risultato finale.
      Devo dire che in questi ultimi mesi sto esasperando un po' questa mia visione della cosa e mi sto impegnando a lavorare su Luna impostando le registrazioni in modo molto "old".
      Prendi comunque quello che ti ho detto come il mio punto di vista sulla questione......diciamo che per quanto riguarda la registrazione sono rimasto molto "analogico".
      Grazie per i suggerimenti e per le informazioni.

      Per quanto riguarda l'obiettivo, come detto è arrivare a rendere disponibile online ciò che suonerei ma non a prescindere dalla qualità, mi accontento ma non vorrei produrre cose imbarazzanti. La motivazione dovrebbe spingermi a investire senza voler risparmiare (in senso generale) troppo, ma se tra le alternative posso trovare una soluzione più semplice e meno onerosa perché non cercarla?
      Comunque io idealmente avrei preferito suonare autonomamente rock con strumenti 'fisici', ma tra acquisto anche di altri strumenti, dover imparare a suonarli decentemente e fare pure da cantante, che non è una cosa che fa per me, ma la cui presenza per quel genere è abbastanza fondamentale, mi è parsa abbastanza evidente la non fattibilità della cosa.
      Poiché recentemente ho scoperto e apprezzato generi diversi che possono meglio adattarsi a essere suonati con strumenti digitali (ad es. dungeon synth), e per i quali neanche è richiesta la parte vocale, ho iniziato a pensare a una produzione con quei mezzi (e poi magari collegarci anche la chitarra, che sarebbe il compromesso col "passato"). Però non sono sicuro ancora che effettivamente quello che verrebbe fuori è del genere che piace a me, perché finora appunto il mio interesse era per quell'altra musica lì e devo prima sperimentare un po'. Da cui i dubbi e le incertezze.

      Comunque credo che tra i primi acquisti ci sarà una tastiera Midi, mi serve e mi ha incuriosito abbastanza.

      holidays_end wrote:

      strumenti digitali (ad es. dungeon synth), e per i quali neanche è richiesta la parte vocale, ho iniziato a pensare a una produzione con quei mezzi (e poi magari collegarci anche la chitarra, che sarebbe il compromesso col "passato").

      Mi sembra un'ottima strada, certo la tastiera midi ti serve indubbiamente, guarda quelle da 50 euro che ti suggerivo, poca spesa e tanta resa, lascia perdere i fronzoli tipo potenziometri e pomelli vari, prendi un modello essenziale ma con almeno 49 tasti per suonare in modo comodo.
      Inizia coi software gratuiti, di synth ne trovi veramente tanti, e anche qualcosa che imita strumenti acustici, come partenza ti permette di fare veramente tante cose.
      Ma anche chi faceva musica anni 80 faceva tutto coi synth e batterie elettroniche, oggi fai la stessa cosa coi plugin, senza strumenti reali, quindi tutto normale e ti dà tante possibilità!
      Ispirati a un genere o qualche artista, non conosco i tuoi gusti ma puoi spaziare dalla anni '80 all'elettronica pure oppure new wave, o roba rivisitata tipo The Giornalisti, insomma c'è un sacco di scelta prima di arrivare alla chitarra vera, puoi divertirti e imparare tanto, nel frattempo vedi se ti piace e se vorrai investirci altro :)
      Siamo tutti sulla stessa Bark.