Plugins e distorsione digitale, leggenda o verità?

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Cracker ha scritto:

      Lattugo ha scritto:

      bronzon ha scritto:

      Io sapevo che PT HD lavora a 48 bit virgola fissa, che non so cosa voglia dire ma fa piuttosto figo:-)


      A virgola fissa vuol dire che il numero di decimali è definito, perciò la macchina quando fa i calcoli all'occorrenza arrotonda.
      A virgola mobile invece non dovrebbe arrotondare e aggiungere un decimale ove ne ha bisogno.

      Almeno credo.

      Lat.


      La questione è decisamente più complessa, ed inoltre uno dei punti deboli della virgola mobile è proprio l'arrotondamento.
      Poi io non saprei spiegarlo per bene, credevo che la mantissa fosse un fungo da risotto :D

      Comunque i canali di nuendo sono a 32 bit in virgola mobile. il che garantisce comunque una headroom decisamente alta, se qualcuno avesse paura di questo.


      Vado a memoria, ma l'arrotondamento mi pareva si avesse per forza di cosa in virgola fissa... ricordo che l'argomento è approfondito su "Mastering, the art and the science".

      Lat.
      L'arrotondamento è presente obbligatoriamente in entrambi i sistemi, visto che il digitale per sua natura lavora su un insieme finito di numeri.

      L'esempio più banale è con i numeri razionali. Proviamo a rappresentare in digitale il valore di 3/2, quindi 0,6666666666666666666666666666666666666666666666666...... all'infinito.

      Come possiamo rappresentare un numero simile in digitale? Semplice, non possiamo, per questo ricorriamo all'arrotondamento.

      La stessa cosa vale per i numeri in virgola mobile, prima o poi il sistema "si arrende" ed arrotonda.

      Come facciano esattamente, è oltre le mie capacità di comprensione :P

      E comunque stiamo a smacchiare i leopardi :D
      Cracker
      Contatti - LEGENDS - How It's Made

      "Non sono mica un BINGOPALLINO qualunque..." (Cit.)

      LOR_REC ha scritto:

      Salve a tutti,
      Spesso ho letto che lavorando in digitale quando si manda un plugin in clip e poi si "rimedia" abbassando il fader si sbaglia perchè la distorsione digitale verrebbe solo "riscalata" ma non eliminata.
      Così ho deciso di fare una prova sul mio protools:
      Ho preso una traccia e con il trim l'ho aumentata di 12 db mandandola in clip, e poi ho abbassato il fader degli stessi 12 db.
      L'ho esportata insieme alla traccia "clean".
      A questo punto ho confrontato le due tracce mettendone una in controfase e ho ottenuto il silenzio assoluto.
      Anche zoommando al massimo e osservando le due tracce risultano identiche.

      Quindi?
      Forse le cose cambiano se si manda in clip il master (quindi la somma di tante tracce) e poi si scende col masterfader, o neanche lì?
      A voi ulteriori commenti. :thumbsup:


      Quindi dipende dalla headroom interna del software (plug compreso).

      PT, sui canali, ha una headroom praticamente infinita (come anche Reaper), mentre sul master il discorso cambia. Puoi clippare quanto ti pare il canale, che se non clippi il master, non succede nulla.

      Diverso il discorso è con i plug-ins: ci sono plug che cominciano a clippare ad un ingresso di -18 dBFS (simulazioni di hardware, vedi i vari Waves), altri a 0 dBFS (ad esempio nei Variety Of Sound si può scegliere la soglia di clip, ovvero si può scegliere lo "0 dB" della macchina emulata), altri (come trim di PT o volume di Reaper) che sfruttano l'intera gamma dinamica a disposizione per ogni canale.

      Sapere qual'è lo "0" del plug-in è molto importante per controllare la distorsione armonica. Sapere come funziona la headroom nei vari software è utile per evitare il clipping digitale.
      Scusate l'ot ma non resisto: Grunge, sono nastri a virgola mobile, vero? :D :D
      Violinista H-Pirla Scelto

      i7 6700k - 16Gb RAM - Uad PciEx - RME 802 - Cubase 10 - Adam A5x+Sub7 Tannoy System1000 - Lucid 88192 - Hairball 1176 RevD - UA 710twin - Drawmer1969 - Vitalizer Mk2-T - Lindell Audio Pex500

      OttoPus ha scritto:

      Diverso il discorso è con i plug-ins: ci sono plug che cominciano a clippare ad un ingresso di -18 dBFS (simulazioni di hardware, vedi i vari Waves), altri a 0 dBFS (ad esempio nei Variety Of Sound si può scegliere la soglia di clip, ovvero si può scegliere lo "0 dB" della macchina emulata), altri (come trim di PT o volume di Reaper) che sfruttano l'intera gamma dinamica a disposizione per ogni canale.

      Sapere qual'è lo "0" del plug-in è molto importante per controllare la distorsione armonica. Sapere come funziona la headroom nei vari software è utile per evitare il clipping digitale.


      A questo proposito linko una prova che avevo fatto tempo addietro, proprio per dimostrare questa cosa.

      grungelizer ha scritto:

      Scioccato dalla mia stessa incapacità di comprendere queste problematiche, ho ripiegato su lidi vetusti ma sicuri (notare l'espressione ebete dopo 8 ore di rec di batterie...)


      Grunge, mi adotti? :D :D :D
      Mangio tanto, sporco in giro e sono rumoroso! Ma ho anche dei difetti! E' un affarone, pensaci ;)
      Cracker
      Contatti - LEGENDS - How It's Made

      "Non sono mica un BINGOPALLINO qualunque..." (Cit.)
      Vorrei tornare IT facendo un'osservazione da perfetto ignorante sull'argomento che vi prego di smentire se è inesatta (in caso contrario potrei bollare questa discussione come l'ennesima se*a mentale e mettermi il cuore in pace.. :D :(



      da quello che ho capito, mi sembra che stiamo mettendo a confronto 2 motociclette che, potenzialmente, arrivano una a 200km/h e l'altra a 300km/h.

      Però il fatto è che le usiamo solitamente in città e quindi non arriveremo nemmeno a 100km/h in barba ai limiti di velocità da centro cittadino.

      La domanda che sorge spontanea dunque è: cosa cavolo cambia all'atto pratico tra l'una e l'altra?



      :D
      Violinista H-Pirla Scelto

      i7 6700k - 16Gb RAM - Uad PciEx - RME 802 - Cubase 10 - Adam A5x+Sub7 Tannoy System1000 - Lucid 88192 - Hairball 1176 RevD - UA 710twin - Drawmer1969 - Vitalizer Mk2-T - Lindell Audio Pex500

      Wools ha scritto:

      la frequenza di Bias???

      Ti riferisci ai rumori molesti di Cracker? :D

      Angix ha scritto:

      il fatto è che le usiamo solitamente in città

      Angix, perché un musicista con un background evidente come il tuo... inomma, perché lo fai??? :D :D :D

      No, a parte gli scherzi e per davvero, la mia umile opinione è che si sia in qualche modo arrivati ad un plateau qualitativo difficilmente superabile.

      Non dico che non ci possano essere ulteriori evoluzioni nel Digital Audio, la rivoluzione però è già avvenuta e sostanzialmente l'unico parametro che vedo in possibile miglioramento è quello della velocità di esecuzione (delle operazioni, intendo, non i bpm...)
      So che magari molti non sono d'accordo, ma quanto può incidere un ulteriore miglioramento delle DAW nei confronti dell'arte della Registrazione e della Riproduzione musicale, rispetto a quanto per ognuno di noi, produttori ed utenti, non farebbe un trattamento acustico del salotto di ascolto o della room di ripresa?
      In altre parole, non esiste un limite al miglioramento tecnologico nell'ambito della Musica o l'enorme accelerazione avvenuta da Edison in poi ha esaurito la sua spinta propulsiva?

      Il messaggio è stato modificata 2 volte, ultima modifica da “grungelizer” ().

      Seguo con interesse il thread, pur essendo totalmente ignorante in materia, ma non ignaro del fatto che una virgola mobile possa cambiare il senso del discorso!

      Non posso che quotare in toto, a partire dal nastro, Grunge e dubitare sul fatto che l'avanzamento della tecnologia corrisponda a un incremento effettivo della qualità musicale: sarà diventato forse tutto più comodo, veloce e a portata di tutti, ma questo non è necessariamente un bene.
      A mio modesto avviso è un po' come la qualità di risoluzione delle immagini: che utilità c'è nell'avere un'immagine a 7.000 fantastiliardi di dpi se poi è l'occhio umano che ne deve usufruire?
      Se le barriere della tecnologia sono sempre superabili, non lo sono quelle della fisiologia umana: tanto vale arrestarsi a un buon compromesso e valutare altri aspetti di crescita.

      Insomma, per dirla alla Angix, per quanto mi riguarda è l'ennesima se*a mentale, ma ciò non toglie nulla alla piacevolezza della masturbazione!

      Cracker ha scritto:

      OttoPus ha scritto:

      Diverso il discorso è con i plug-ins: ci sono plug che cominciano a clippare ad un ingresso di -18 dBFS (simulazioni di hardware, vedi i vari Waves), altri a 0 dBFS (ad esempio nei Variety Of Sound si può scegliere la soglia di clip, ovvero si può scegliere lo "0 dB" della macchina emulata), altri (come trim di PT o volume di Reaper) che sfruttano l'intera gamma dinamica a disposizione per ogni canale.

      Sapere qual'è lo "0" del plug-in è molto importante per controllare la distorsione armonica. Sapere come funziona la headroom nei vari software è utile per evitare il clipping digitale.


      A questo proposito linko una prova che avevo fatto tempo addietro, proprio per dimostrare questa cosa.


      Molto interessante, gli screenshots rendono più comprensibile il tutto. Il "gain staging" in ambito ITB in realtà è un discorso estremamente semplice, basta leggersi i manuali dei software e dei plug-in tutto qui :D
      grungelizer io registro ancora su fonografo, il banco della foto (che non è mio) serve solo per creare suggestione...
      Comunque l'utilizzo di un pacchetto da 64 bit è per un' agilità maggiore di gestione nell'elaboratore in quanto si tratta di 8 x 8 bit (1 byte).
      Di fatto è una qualità veramente elevata, lo scopo e ridurre al minimo quello che nella Teoria dei Segnali si definisce accumulo degli errori ed è dovuto alle approssimazioni.
      Cioè per fare un esempio è come quando andate dal benzinaio, sono esposti i prezzi in millesimi di euro, ma non esistono monete con taglio inferiore del centesimo. Quindi un sistema a 3 numeri decimali a confronto con uno a 2 numeri decimali. Se la benzina costa 1,801 €/litro mettendo 10 litri pagherete 18,01 € quindi pagate anche con monete da 1 centesimo che esistono, se l'approssimazione fosse stata fatta già dall'inizio a 1,800 €/litro quindi 1,80 €/litro non avreste pagato quel centesimo in più alla fine. Su 10mila liti che un benzinaio ha venduto ci prende quindi 10€ in più rispetto a quanto farebbe con arrotondamento al centesimo piuttosto che al millesimo. Quindi i millesimi di euro non esistono, ma sono necessari per fare i conti, poi alla fine arrivi a pagare solo con banconote e monte da 1 centesimo al massimo (che poi in realtà approssimiamo anche su queste). Il discorso è lo stesso, noi lavoriamo 64 bit per essere sicuri di arrotondare pochissimo durante tutti i calcoli interni, ma poi alla fine come con le banconote arrotondiamo a 24 o 16 bit perché non possiamo portarci dietro tutti quei bit, come non potremmo portarci dietro monete da 1 millesimo!

      Angix ha scritto:

      La domanda che sorge spontanea dunque è: cosa cavolo cambia all'atto pratico tra l'una e l'altra?


      All'atto pratico per noi musicisti/fonici ben poco, se non a ricordarci che ogni volta che processiamo un segnale in digitale (sia solo una modifica del fader di un canale) vuol dire in realtà chiedere alla macchina di compiere dei calcoli su di esso.
      Al fonico da un punto di vista tecnico interessa sapere quanta escursione dinamica ha a disposizione, e come un software interviene sul segnale in termini sonori, come l'elaboratore arrivi al risultato è pane per programmatori.

      Ecco, per questi ultimi lavorare in virgola mobile o fissa avrà degli impatti pratici sostanziali, presumo.

      Lat.