Editing della Drum e Gestione Fase [Dite la Vostra]

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Editing della Drum e Gestione Fase [Dite la Vostra]

      Ciao a tutti,vorrei confrontarmi con voi per dei pareri che riguardano la fase di editing e gestione e controllo delle fasi di una registrazione multitrack di Batteria.

      Non ho una grandissima esperienza in merito ma sto studiando e sperimentando molto,parto dal presupposto che la batteria è uno strumento che ho già registrato ma non è pane di ogni giorno ecco,allora ho eseguito una ripresa di una batteria con la seguente microfonazione:

      - Kit Q-Samson per i fusti

      - SM57 per lo SNARE

      - Audiotecnica AE6100 per il CH (è un microfono da live per la voce,questo avevamo a disposizione ma devo dire che non si è comportato male)

      - AKG C1000S per gli OH (mi ha stupito l'ottima risposta e risultato)

      - E un AKG C414 per la Mono Room,per il tipo di stanza non son state fatte ulteriori Room




      Allora il risultato non mi dispiace,io di solito prima dell'editing vero e proprio,ossia prima di quantizzare e mettere in griglia,dove serve,tutta la drum,tendo ad allineare manualmente le varie tracks.

      Ma questo giro ho voluto provare a fare diversamente,ho comprato da poco il plug-in della Sound Radix Auto-Align dopo aver ascoltato come lavora divinamente in certi tutorial visti in rete e sto cercando di capire se ho fatto un buon acquisto e se tutt'oggi ha ancora senso allineare a mano (e risulta essere ancora il metodo più sicuro) oppure se ormai possiamo anche tranquillamente affidarci a queste nuove e moderne tecnologie.

      Parto quindi dalla mia esperienza e dalle mie orecchie e man mano vi pongo un quesito,ho usato come traccia di riferimento
      l OH sinistro perchè era quello più vicino al rullo ma so che è abbastanza indifferente da che OH iniziare e ho iniziato ad allineare l'altro OH (destro), poi kick,snare e così via,la Room è l'unica cosa che non ho allineato,perchè voglio lasciare quel ritardo diciamo naturale che è parte integrante del riverbero stesso.

      Il risultato finale non mi ha entusiasmato,il suono risulta più medioso e il rullo perde un po la pacca e pare esser più "pentoloso" passatemi il termine,quindi cosa ho fatto,ho provato ad invertire il processo,quindi ho allineato tutto partendo dal OH destro e il
      risultato è simile all'originale,ma non bello come tale,per cui son tornato al principio,ho chiuso tutte le istanze aperte
      su ogni track della drum e tutto suona bene senza utilizzare nessun tool per allineare.

      Oggi ho fatto solo un'ulteriore prova,ossia ho ascoltato gli OH in Solo e risultavano loro 2 un po fuori fase,il rullo risulta poco al centro,allineando solo gli OH tra loro il suono di questi 2 assieme risulta più nitido,rullo più al centro e insieme al kit risulta tutto più
      coordinato.

      L'ultima prova ho voluto provare ad allineare la Room Mono ai 2 OH,non è malvagio il risultato,si sente meno il tempo di riverbero chiaramente,la stanza risulta più avanti e non è quello che volevo,quindi ho spento sulla Room l'istanza di Auto-Align ed è tornata a sedersi dietro.

      Alla fine della fiera il mio kit l ho lasciato come al principio tranne i 2 OH che li ho allineati tra loro


      Vorrei un vostro parere e Le mie domande sono le seguenti:

      - Tools come Auto-Align sono affidabili? o preferite ancora allineare le tracks a mano?

      - E' giusto allineare e mettere in fase le tracks prima di aver quantizzato e messo in griglia la drum o è meglio farlo dopo? Mi è venuto questo dubbio perchè alcuni fanno così,ma mi sembra una procedura non troppo corretta

      - Voi come vi trovate meglio ad allineare le tracks?c'è chi parte dal rullante,ho provato anche a fare così ma il risultato faceva abbastanza schifo

      - In che casi vi trovate ad allineare solo gli OH,potrebbe bastare come operazione,ossia vale sempre la regola,se suona bene lascia il mondo com'è?!!

      - Anche secondo voi la Room ha senso lasciarla fuori dal processo di allineamento? visto che per coerenza dovrebbe essere in ritardo rispetto le altre tracks proprio perchè riproduce il comportamento naturale della riflessione delle onde all'internodella stanza?!

      Come da titolo chiudo anche la questione Room su un dubbio che riguarda il Mix,il nome la dice tutta,ossia "Room",la mia domanda è quindi,visto che esiste già una room ha senso inserire ulteriori Riverberi nella Drum?

      E se si dove? Sul rullante immagino,ma come potrebbe essere la giusta procedura per amalgamare bene tutti questi elementi?

      A me con una registrazione simile mi è capitato di inserire un riverbero plate sul rullo e uno più lunghetto sull'intero kit,il risultato era abbastanza gradevole,voi solitamente come vi comportate?


      Spero ne posso venire fuori una bella discussione........... Grazie a Todos
      :thumbsup:
      Ciao @dorian be il mio discorso mi pare che sia molto più ampio :rolleyes:

      Lasciando stare il fatto che potrei avere un batterista super o anche una chiavica,ma c'entra ben poco col mio discorso,visto che si parla di correlazione di fase e che questa dipende da molti fattori,sopratutto la ripresa microfonica di ogni parte della drum,più che l'esecuzione del batterista,ero curioso di capire come molti di voi agiscono e se qualcuno si ritrova nei miei procedimenti.

      Sarebbe bello che questo post diventasse una sorta di Guida o di Raccolta di varie esperienze.

      Tu ad esempio non hai detto la tua da questo punto di vista,se ti va magari fallo ;)
      Teoricamente l' allineamento non dovrebbe cambiare in relazione alla traccia di partenza.
      Il fatto che il risultato cambi è probabilmente legato al funzionamento del plugin, che probabilmente non legge correttamente le relazioni di fase tra i vari canali.
      Consiglierei, se vuoi utilizzare un sistema automatizzato, di farlo canale per canale, analizzando dei brevi loop. Tipo 100/300ms, mettendo in loop ad esempio un singolo colpo di rullante, leggere il valore e modificarlo con un plugin a parte, statico, tipo il semplice Voxengo SoundDelay. In questo modo allinei un elemento alla volta, lo fissi e riduci le variabili successive.

      Da dove partire...
      Imho partire da uno degli over non ha troppo senso. Gli OH sono microfoni distanti rispetto agli elementi della batteria, il suono deve percorrere una certa distanza prima di essere catturata dal microfono, quindi il segnale registrato avrà un certo ritardo rispetto all' esecuzione. Per questo, a mio parere, conviene partira da un close, come ad esempio o snare top.
      Allinea snare top e bottom, e fissi il risultato. Poi vedi se allineando tra loro i due o più Oh ottieni miglioramenti o meno, e fissi. Poi allinei gli Oh sullo snare top, e fissi. Poi allinei i vari mic della cassa tra loro. Poi un singolo mic del kick con gli Oh. Ecc ecc.
      Di volta in volta, ovviamente, ogni movimento modificherà tutto il resto. Dovrai quindi andare a ritoccare quello che hai già spostato, per mantenerlo costante e funzionale con i nuovi spostamenti.
      Il tutto, ovviamente, sempre e solo giudicando ad orecchio se il risultato è convincente e se non sia meglio la situazione "flat".

      In ogni caso, qualsiasi sia l' allineamento che otterrai, devi sempre tenere in considerazione che ogni operazione di filtraggio ed equalizzazione che farai andrà a modificare le relazioni di fase tra i vari canali, per la natura stessa di filtri ed eq. Per questo, ciò che può sembrarti migliorativo fuori dal mix, non è detto che continui ad esserlo dentro il mix.
      Per questo motivo credo sia consigliabile evitare di allineare in fase di editing, o peggio ancora prima dell' editing ma di farlo, SE farlo, durante il mix, per poterlo modificare o direttamente "eliminare" a mix aperto.
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer
      Grazie @PAPEdROGA per il tuo intervento,ho qualche domanda da farti:

      Teoricamente l' allineamento non dovrebbe cambiare in relazione alla traccia di partenza. Il fatto che il risultato cambi è probabilmente legato al funzionamento del plugin, che probabilmente non legge correttamente le relazioni di fase tra i vari canali.

      Cosa Intendi? non ho ben capito,quel plug-in so che è molto utilizzato in ambito professionale,per cui ho dedotto che sia abbastanza attendibile.


      Consiglierei, se vuoi utilizzare un sistema automatizzato, di farlo canale per canale, analizzando dei brevi loop. Tipo 100/300ms, mettendo in loop ad esempio un singolo colpo di rullante, leggere il valore e modificarlo con un plugin a parte, statico, tipo il semplice Voxengo SoundDelay. In questo modo allinei un elemento alla volta, lo fissi e riduci le variabili successive.


      non ho ben capito questa procedura


      Per il resto vedo se ho ben capito,il tuo discorso sugli OH in effetti ha senso,per cui di logica ha senso allinearli tra loro,nel mio caso inizio ad allineare loro 2 perchè non ho nessun doppio mic su cassa e rullo,finito con loro allineo questi ultimi con lo snare,però poi mi son perso,perchè dovrei allineare il kick con gli OH come dici?
      non ha più senso allinearli con lo snare? il resto dei fusti e Ch invece li allineo sempre con lo snare?

      "Di volta in volta, ovviamente, ogni movimento modificherà tutto il resto. Dovrai quindi andare a ritoccare quello che hai già spostato, per mantenerlo costante e funzionale con i nuovi spostamenti.Il tutto, ovviamente, sempre e solo giudicando ad orecchio se il risultato è convincente e se non sia meglio la situazione "flat".

      Questa è un altra cosa che non ho capito,una volta allineato con Auto-Align in teoria dovrebbe essere tutto apposto,l'istanza aperta su ogni traccia agisce sulla traccia intera e quindi dovrebbe essere tutto coerente dall'inizio alla fine,ma forse non ho ben capito cosa intendi [alla fine di questo post forse ho capito,ma tengo buona lo stesso questa domanda]

      Un'altra cosa volevo chiederti visto che mi sembra che ne mastichi,io ho sempre allineato le tracce manualmente,ossia spostando fisicamente gli overhead ecc.....può ritenersi una buona procedura rispetto questi plug-ins automatici?


      "In ogni caso, qualsiasi sia l' allineamento che otterrai, devi sempre tenere in considerazione che ogni operazione di filtraggio ed equalizzazione che farai andrà a modificare le relazioni di fase tra i vari canali, per la natura stessa di filtri ed eq. Per questo, ciò che può sembrarti migliorativo fuori dal mix, non è detto che continui ad esserlo dentro il mix.Per questo motivo credo sia consigliabile evitare di allineare in fase di editing, o peggio ancora prima dell' editing ma di farlo, SE farlo, durante il mix, per poterlo modificare o direttamente "eliminare" a mix aperto."

      Ecco questo in effetti è un punto fondamentale a cui non ho mai dato il giusto peso,ho sempre fatto questa operazione prima dell'editing (quantizzazione) e del mix,ma in effetti dopo con l'inserimento di eq e vari processori c'è il rischio che torni tutto fuori fase,ma allora perchè si vedono tanti sound engineers che allineano prima di sistemare la batteria in termini di quantizzazione ecc.....e non li vedi mai farlo dopo,questo punto non mi è del tutto chiaro.

      Dici che conviene allineare durante il mix,ma tu a fatti come lo fai? mixi la batteria ed allinei quando e come?

      poi scusami una cosa ma se devi quantizzare una batteria come fai? la quantizzi e metti a tempo,se necessario,ma senza sistemare le tracce in fase?

      Per dire la mia situazione è questa in foto,qua è una delle poche parti dove il drummer è andato fuori time diciamo ma perchè era una rec di ripartenza,in questo caso dovrei tagliare tutta la battuta e metterla a tempo,ma quindi è giusto farlo prima o dopo l'allineamento in fase? se vedi gli Oh per loro stessa "natura" sono in ritardo rispetto al resto e uno dei 2 oh è più in ritardo rispetto l'altro,la room uguale,quale procedura dovrei effettuare prima?sistemo tutte le tracce selezionandole insieme sull'inizio della battuta così come sono e dopo le allineo o prima le allineo e dopo sistemo?

      Comunque forse sto capendo perchè autoalign è inutile prima della messa a tempo e quantizzazione,perchè ogni spostamento o sistemazione dell'intera registrazione durante l'editing o quantizz. può causare spostamenti di fase continui,per cui mi sa che conviene fare tutto dopo e manualmente giusto,visto che in ogni caso come hai detto all'inizio autoalign non lavora molto bene?
      Images
      • tracks 2.jpg

        214.48 kB, 1,236×804, viewed 7 times

      Post was edited 1 time, last by “JEDAFIOTTO” ().

      Cerco di risponderti punto per punto ma andrò molto di fretta, il tempo è sempre poco. Scusami.
      Cerca di leggere con attenzione, fare le tue prove e ragionarci sopra.

      JEDAFIOTTO wrote:

      Cosa Intendi? non ho ben capito,quel plug-in so che è molto utilizzato in ambito professionale,per cui ho dedotto che sia abbastanza attendibile.


      Non tutto ciò che è diffuso in "ambito professionale" è attendibile. Anzi. Sapessi quanto spesso è vero il contrario...

      Ma qui la questione è un' altra e riguarda il capire cosa fa AutoAlign (che, tra parentesi, se parliamo del plug della Melda è anche molto buono) e più nello specifico cosa siano le relazioni di fase tra più microfoni in una ripresa complessa come quella di una batteria.
      Hai microfoni diversi tra loro, distanti tra loro, che riprendono in contemporanea più elementi... cosa significa, veramente, rimettere in fase? Cosa rimetti in fase, con cosa, se hai più elementi ripresi dai vari microfoni, e questi hanno distanze differenti tra loro?
      Ovvero... la cassa sarà magari a 180cm dagli oh, mentre il rullante sarà a 140cm, i tom a 120, i piatti ad 80cm. Quindi distanza diversa, con risposte della sala diverse, microfoni diversi che hanno la loro risposta in fase, ecc ecc. Di per sé, in una situazione simile, non "rimetti in fase" nulla, quello che fai è "solo" modificare le relazioni di fase.
      Quindi ogni spostamento avrà degli effetti, che possono essere più o meno funzionali al tuo mix. Ogni spostamento avrà dei pro e dei contro. Non esisterà mai uno spostamento che sia al 100% corretto.
      E' per questo che AutoAlign ti da, ad ogni analisi, risultati differenti. E quando capirai questo capirai l' intera faccenda. Fin quando non capirai questo, tutto ti sarà fumoso.


      JEDAFIOTTO wrote:

      non ho ben capito questa procedura


      Per il resto vedo se ho ben capito,il tuo discorso sugli OH in effetti ha senso,per cui di logica ha senso allinearli tra loro,nel mio caso inizio ad allineare loro 2 perchè non ho nessun doppio mic su cassa e rullo,finito con loro allineo questi ultimi con lo snare,però poi mi son perso,perchè dovrei allineare il kick con gli OH come dici?
      non ha più senso allinearli con lo snare? il resto dei fusti e Ch invece li allineo sempre con lo snare?


      E' semplicemente una questione di metodi. Fai quello che ti piace di più.
      Se vuoi allineare tutto, ha senso partire da UNA traccia close, allineare gli over a quella e poi il resto lo allinei sugli over.

      JEDAFIOTTO wrote:

      Un'altra cosa volevo chiederti visto che mi sembra che ne mastichi,io ho sempre allineato le tracce manualmente,ossia spostando fisicamente gli overhead ecc.....può ritenersi una buona procedura rispetto questi plug-ins automatici?


      Anche qui, solo metodi differenti.
      E' un' ottima procedura. Se migliore o peggiore dipende solo dai risultati che ti da.

      JEDAFIOTTO wrote:

      allora perchè si vedono tanti sound engineers che allineano prima di sistemare la batteria in termini di quantizzazione ecc.....e non li vedi mai farlo dopo,questo punto non mi è del tutto chiaro.


      Perché ognuno fa come preferisce.
      In generale, però, l' allineamento NON viene fatto prima.

      Devi capire una cosa: quando registri una batteria, la relazione di fase tra i vari microfoni è parte del suono, quindi quelle relazioni che ti ritrovi sono come le ha volute chi ha registrato. E se sai registrare, e fai un buon suono, andarle poi a toccare può essere deletereo. Oppure no. Dipende sempre, per questo devi valutare caso per caso.

      Per questo la procedura "corretta" è prima l' editing, perché tu definisci un suono in ripresa, lo stampi riprendendolo, poi controlli se ci sono degli errori di esecuzion da sistemare, li sistemi e poi passi alla fase di mix, dove decidi l' elaborazione dei suoni... e spostare le fase E' un' elaborazione dei suoni.
      Poi nessuno ti vieta di farlo prima, ma potrebbe non funzionare e poi dovresti tornare indietro, ma ti perderesti l' editing...

      JEDAFIOTTO wrote:

      Dici che conviene allineare durante il mix,ma tu a fatti come lo fai? mixi la batteria ed allinei quando e come?


      Io, se lo faccio, lo faccio contestualmente al mix.

      Esempio...
      Apro gli OH, li ascolto, apro un eq, equalizzo, sento che la dinamica è eccessiva e che vorrei il rullante con un attacco più basso ed al tempo stesso più aggressivo, allora apro un comp, faccio un suono di partenza degli OH ed apro lo Snare Top. Lo sommo agli OH e vedo come suona, apro un eq ed inizio a lavorarlo, in solo ed insieme agli OH, sento la loro relazione. Se durante queste operazioni qualcosa nell' attacco non mi torna, con l' esperienza riesco a capire se sia o meno una questione risolvibile modificando il loro allineamento, e provo a farlo.

      Come vedi non è un' operazione che faccio a prescindere, ma un' operazione che si lega a tutte le altre.

      JEDAFIOTTO wrote:

      poi scusami una cosa ma se devi quantizzare una batteria come fai? la quantizzi e metti a tempo,se necessario,ma senza sistemare le tracce in fase?


      Esatto. Come detto, sono fasi separate.

      Rec > Edit > Mix

      La quantizzazione rientra nell' editing. L' eventuale allineamento nel mix.

      Imho.
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer
      Thread interessantissimo...dico la mia giusto per sapere la vostra opinione, io prima allinevo a mano e lo facevo partendo dal kick in via via fino agli oh, usando molto più l'orecchio che l'occhio, per questo gli oh li lasciavo alla fine per sistemarli a gusto. poi registravo su una traccia stero seperata un pezzettino di tutta la batteria per avere una ref di come suonava all'inizio poi man mano che mixavo se sentiovo che qualcosa non tornava lo confrontavo con la ref e cercavo il problema anche nella fase. ora come ora con auto allign lo faccio all'inizio ricampiono tutta la batteria e parto a mixare..se qualcosa non torna ri allineo

      p.s. non faccio tantissime batterie, o almeno non le faccio da parecchio ora son passato alla produzione e mi capita poco di dover registrare batterie..usiamo quasi sempre suoni virtuali e sempre abbastanza lontani da suoni di strumenti acustici
      @PAPEdROGA grazie delle ricchissime risposte,ho letto attentamente,ma non è facile digerire tutto e capire ogni punto completamente.

      Andiamo con ordine

      Si in effetti non è tutto oro ciò che luccica,anche in questo campo,son d'accordo,per certe cose auto align non mi ha entusiasmato molto

      Sul discorso fase è chiaro,ho capito il concetto,ed è tutto logico e naturale,difatti mi sa che abbandonerò discorso autoalign,mi fido di più
      del risultato che ottengo manualmente.

      La procedura ok proverò a sperimentare iniziando ad allineare gli OH con lo Snare e poi il resto con gli OH,in effetti è questione di metodo e prove

      Sul discorso della relazione di fase tra i vari mic che è parte integrante del suono t do ragione,io ho cercato di microfonare tenendo conto di certo regole standard diciamo ed abbiamo scelto il suono che più ci piaceva "giocando" con i microfoni e alla fine il risultato ci piaceva,l'unica cosa che a sessione finita ho controllato era la fase tra i 2 OH,e sistemandola con autoalign ho notato che il suono è più corposo e presente,però ho fatto quest'operazione prima dell'editing,ora nel lato pratico vorrei cambiare metodo e fare questi check dopo.

      Riguardo le risposte che mi hai dato sugli interventi di allineamento tra i vari suoni durante il mix ho capito,ti chiedo solo se l'allineamento lo esegui spostando le tracce manualmente o se utilizzi un plug-in


      Ed arriviamo alla fine dove non mi è ancora chiaro un punto cruciale della questione ed è quello che mi è più difficile fare e capire,ossia la confusione che si viene a creare per me è nella parte di editing

      Alla fine mi dici che i passaggi sono Rec - Edit e Mix e nel mix comprendi l'allineamento in fase tra le varie track.

      Ok ma io qui ancora mi perdo perchè nell'editing,oltre alla pulizia delle tracks io vado a quantizzare e mettere a tempo la batteria e facendo così sposto inevitabilmente le tracce e quindi faccio lo stesso una sorta di allineamento,mi spiego meglio:

      Io utilizzo cubase e per mettere a tempo o quantizzare l'intera drum creo un gruppo cartella della batteria e gestisco la quantizzazione su tutte le tracce insieme e contemporaneamente,ma a volte capita che devo sistemare manualmente all'interno di una battuta la posizione di un rullante che è andato fuori troppo e che con la quantizzazione non è entrato perfettamente in griglia,a quel punto sarà meglio che sposto l'intera drum solo in quel punto,ma lo farò non tenendo conto dell'allineamento giusto?

      Ossia una volta io tagliavo,spostavo lo snare in griglia e allineavo già ad esso anche il resto,quindi facevo già un allineamento durante l'editing (messa a tempo o quantizzazione),a sto punto sbagliavo deduco,se devo tagliare quindi è meglio che lo faccio lasciando il mondo com'è e che solo alla fine della messa a tempo o quantizz. fisserò le mie tracce e poi procederò con l'allineamento,giusto?

      Se vedi in foto spostavo l'intero gruppo in griglia,tenendo come riferimento il transiente iniziale dello snare e poi avvicinavo e quindi piazzavo in griglia anche le parti in ritardo che nella foto se vedi risultano essere il pan dx e la room mono,la procedura corretta invece è:

      Sempre prendere il rullante come riferimento (parlo per questo caso) spostare l'intero gruppo in griglia e lasciare il resto così com è e solo dopo aver messo tutto a tempo,fisserò le tracce e poi se necessario allineerò tutto,giusto?
      Images
      • alli.jpg

        245.49 kB, 1,240×720, viewed 3 times

      Post was edited 1 time, last by “JEDAFIOTTO” ().

      @saglio grazie,si in effetti thread su questo argomento non ne ho visti qua su HSI,speriamo possa essere utile a molti

      Senti come ti trovi tu con autoalign? puoi spiegare meglio la tua procedura? cosa intendi che fai all'inizio con autoalign,forse mancava qualche virgola e non ho ben chiaro il tuo discorso,quindi tu durante il mix tieni un'istanza di autoalign aperta per fare il check? dove la tieni su ogni canale che vuoi allineare?se puoi spiega bene il tuo procedimento in modo che sia chiaro

      e Grazie ancora
      hai ragione, non si capiva molto ma ho scritto un po di fretta!

      Provo a spiegarmi meglio.

      In pratica in fase di editing con autoallign di melda prendo a riferimento la cassa (non chiedermi perchè, non c'è un motivo specifico è solo abitudine perchè è la primna traccia) e uso quella come riferimento e allineo tutto.

      dopo di che registro le batterie allineate su altre tracce, e quelle con autoallign attivo le inibisco e le nascondo.

      Man mano che procedo col mix della batteria se c'è qualcosa che non mi torna provo a riallineare perchè magari i Plugin mi hanno leggermente spostato le cose.

      Magari è un metodo errato o controproducente, però lo uso perchè mi permette impostare una sorta di matrice del suono della batteria, che devo percepire in tutta la fase di mix. Voglio che quello sia il suono finale, ovviamente abbellito e rifinito.
      Durante la fase di mix nel momento in cui mi viene a mancare la matrice e la drum non mi suona come dovrebbe riallineo e la matrice di batteria salta sempre fuori...abbellita!
      eccomi,buongiorno,qua secondo me c'è ancora un po di confusione @saglio ho capito che metodo utilizzi,però vedi tu per dire tendi ad allineare durante l'editing,cosa che prima si parlava non esser tanto corretta,se leggi la risposta di pape sopra,per dire anche in questo tutorial




      si tende ad allineare prima dell'editing,guardate da 1:03 cosa fa questo tecnico,comunque si fai bene secondo me saglio a fare dei confronti pre e post mix con l'altra rec di batteria che hai copiato o ri-registrato come dici (intendi che le esporti o fissi presumo,non penso che le riregistri)

      JEDAFIOTTO wrote:

      a volte capita che devo sistemare manualmente all'interno di una battuta la posizione di un rullante che è andato fuori troppo e che con la quantizzazione non è entrato perfettamente in griglia,a quel punto sarà meglio che sposto l'intera drum solo in quel punto,ma lo farò non tenendo conto dell'allineamento giusto?


      Occhio, la batteria DEVI editarla SEMPRE multitraccia. Non puoi spostare una traccia e lasciare ferme le altre, o spostarle differentemente.
      E' una ripresa multitraccia ed ogni qualvolta sposti differentemente una traccia rispetto alle altre, modifichi pesantemente il suono.

      Ricorda...

      1 - Non mischiare le due fasi. Separa mentalmente e fisicamente la quantizzazione dall' allineamento.
      2 - Prendi i tutorial per quello che sono, non per oro colato. Così come i pareri sui forum, come questo mio post.
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer

      JEDAFIOTTO wrote:

      ri-registrato come dici (intendi che le esporti o fissi presumo,non penso che le riregistri)


      Si dico che la riregistro nel senso che invio tutte le tracce allineate ad altre tracce nuove e faccio rec..

      JEDAFIOTTO wrote:

      però vedi tu per dire tendi ad allineare durante l'editing,cosa che prima si parlava non esser tanto corretta


      si si ma infatti per quello ho detto non intervengo su cosa sia meglio ma semplicemente dico come faccio io, vorrei capire pure io se sto facendo qualcosa che potrebbe essere controproducente.

      La mia routine è che cerco nei limiti del possibile di far suonare il mix gia in fase di editing. quindi mettendo a tempo le cose, mettendole in fase, pannandole, andando un po oltre faccio anche volumetria e inizio a fare gli shelf su tutte le tracce (dove serve). quella è la mia base di partenza, la mia matrice. quindi dall'inizio alla fine del mix quello è il suono che voglio, ovviamente abbellito e curato ma la matrice deve essere quella. questo mi sembra che mi permetta di mantenere il sound più naturale e più vicino al suono proprio di quegli strumenti per non sentirmi dire poi "ma il fonico mi ha cambiato il suono".detto ciò in fase di editig metto anche in fase la batteria con autoallign e mentre la sto mixando se sento che mi sto allontanando dalla matrice faccio una ricerca dei motivi..spesso mi basta riallineare
      @PAPEdROGA si lo so,ho detto che sposto l'intera drum in quel punto,no solo lo snare,si comunque hai ragione non devo confondere le 2 parti,farò prima la quantizz. e poi l'allineamento se serve e dove serve

      si i tutorial cerco sempre di filtrarli,dovrò stare ancora più attento

      Ultime 2 curiosità:

      - seguendo il metodo della quantizz noto che molti utilizzano per dire il beat detective su PT o su Cubase (non so come si chiami lì) ma senza usare gli algoritmi di stretch perchè risultano essere ancora innaturali e artificiosi a detta di molti e quindi si preferisce utilizzare il metodo manuale in certi casi dove occorre un edit più approfondito,voi cosa ne pensate di questa cosa? li usate durante l'operazione di quantizz. nella vostra daw?

      - invece per quanto riguarda la room mono o stereo che sia,utilizzando il metodo della quantizz e taglio e alla fine dissolvenze incrociate per chiudere gli spazi ecc...,ma di logica sulla room secondo voi non si dovrebbero sentire di più questi tagli essendo una traccia con transienti piccoli e con code molto più lunghe? cosa ne pensate?

      JEDAFIOTTO wrote:

      - seguendo il metodo della quantizz noto che molti utilizzano per dire il beat detective su PT o su Cubase (non so come si chiami lì) ma senza usare gli algoritmi di stretch perchè risultano essere ancora innaturali e artificiosi a detta di molti e quindi si preferisce utilizzare il metodo manuale in certi casi dove occorre un edit più approfondito,voi cosa ne pensate di questa cosa? li usate durante l'operazione di quantizz. nella vostra daw?



      io vado di warp, è vero che se tiri troppo si sente, ma io su questo sono intransigente, se devo tirare troppo faccio rifare la parte!

      JEDAFIOTTO wrote:

      - invece per quanto riguarda la room mono o stereo che sia,utilizzando il metodo della quantizz e taglio e alla fine dissolvenze incrociate per chiudere gli spazi ecc...,ma di logica sulla room secondo voi non si dovrebbero sentire di più questi tagli essendo una traccia con transienti piccoli e con code molto più lunghe? cosa ne pensate?



      le room io non le allineo, a meno che il singolo colpo sia molto fuori ma tendenzialmente lo lascio com'è mi da più sensazione di veridicità, è quella cosa che mi rirende reale l'artificiosa batteria ritoccata

      PAPEdROGA wrote:

      Lo stretch/warp sulle batterie è il male assoluto...


      Posso chiederti il perchè? Io l'ho sempre usato e non ho mai trovato grossi problemi. ovviamente quando le correzioni sono piccole..perchè ad un certo punto si sente la stretchata e a quel punto intervengo a mano..ma nei limiti dell' "umano" non ho mai avuto problemi. però magari mi frega l'inesperienza..
      le room io non le allineo, a meno che il singolo colpo sia molto fuori ma tendenzialmente lo lascio com'è mi da più sensazione di veridicità, è quella cosa che mi rirende reale l'artificiosa batteria ritoccata[/quote]

      non hai capito @saglio,non parlo di allineamento ma di quantizzazione,quando quantizzi agisci sull'intero gruppo di batterie!!! a tal proposito @PAPEdROGA tu cosa ne pensi di questa cosa?


      Per diversi motivi. I più importanti e facilmente riscontrabili direi che sono...

      Modifica dei transienti - Prova ad analizzare cassa e rullo prima e dopo lo stretch, vedrai come la forma d' onda sia totalmente differente e la dinamica "sminchiata". Spesso si genera anche del pre-ring, che su un suono percussivo è davvero terribile.

      Modifica delle fasi - Per quanto l' algoritmo utilizzato sia lo stesso e l' operazione fatta sull' intero gruppo, il lavoro di stretching non è univoco e modifica le relazioni di fase tra i singoli canali. Ti basta una qualsiasi prova stretchando i due OH (L ed R) ed i due Snare (Top e Bot), sentirai che ad ogni colpo il suono sarà differente e con buona probabilità la posizione del rullante varierà (dx - sx, avanti - indietro).

      Ad oggi sulle batterie direi che tra quantizzazione classica e warp non c'è proprio partita.
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer

      saglio wrote:

      PAPEdROGA wrote:

      Lo stretch/warp sulle batterie è il male assoluto...


      Posso chiederti il perchè? Io l'ho sempre usato e non ho mai trovato grossi problemi. ovviamente quando le correzioni sono piccole..perchè ad un certo punto si sente la stretchata e a quel punto intervengo a mano..ma nei limiti dell' "umano" non ho mai avuto problemi. però magari mi frega l'inesperienza..


      Io fin'ora l ho sempre usato su bassi e chitarre,ma devo dire che in certi casi il risultato è davvero artificioso e poco credibile,penso che anche per questi tipi di strumenti la quantizz sia il metodo migliore