un Amplificatore che possa essere definitivo (l'eterna domanda)

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      un Amplificatore che possa essere definitivo (l'eterna domanda)

      Ciao ragazzi,

      dopo tanto ricompaio, sarà un post lungo ma non riesco a fare altrimenti.
      Chi mi ha conosciuto in questi anni di forum(s) sa che ho passato periodi altalenanti nella musica, trovando e perdendo certezze sia nel ''materiale umano'' con gruppi lasciati, persi, sciolti o entrambi, sia nel ''materiale suonante'' con acquisti, vendite, autocostruzioni e alla fine affidamento totale al software.
      Dopo l'ennesimo periodo di quiescenza mi ritrovo a voler ripartire con un gruppo e di conseguenza a rimettermi in casa un po' di valvolame, cercando di fare tesoro delle cagate (aka errori o presunti tali) del passato in modo da arrivare a portarmi a casa qualcosa che sia il più possibile ponderato così da evitare ripensamenti e ritornare nella spirale g.a.s. Almeno per quanto riguardi il pezzo principale vale a dire l'amplificatore.
      Agli albori della mia vita musicale, ho inziato, mettendo le mani su Marshall (valvestate prima, Dsl poi) e ci ho sempre litigato, forse per inesperienza forse per gusto personale non è mai uscito un suono che mi piacesse, ho provato Brunetti ed anche là un bel fail, lasciamo perdere la parentesi combo ''artigianale'' che ha funzionato fin là visto che poi alla prova di sala e sopratutto live si è rivelato troppo stanco e con troppo poco volume per fare bene il suo lavoro anche se da un lato ero riuscito a creare una buona alchimia con tutti i pedali diy che nel tempo c'avevo affiancato.
      L'unico colpo di fulmine che ho avuto con un amplificatore, nel senso che ho collegato la chitarra fatto due settaggi al volo ed è uscito quello che volevo è stato con Mesa Boogie, più di preciso con un Dual Rectifier, matrimonio che è durato poco in primis perché il gruppo per cui l'avevo preso quasi a posta è morto, ed anche perché era un mostro, nel senso sia positivo (versatilità e suono) sia in quello negativo, tre canali (tanti, troppi forse per me) e 100W valvolari in pratica insfruttabili ed ingestibili. Ovviamente per la serie da un estremo all'altro son passato al minicombo artigianale da 5W che vi citavo poco sopra. Durante il periodo di ''letargo'' ho avuto modo di provare anche il 5150 Peavey e vi dirò che mi è piaciuto molto anche quello ma anche qua si è presentato il problema del ''loud''.
      Poi con la complicità di internet e di @F.Blues; ho scoperto tutto quel sottobosco di ampli cheap quali Jet City (by Soldano) Bugera (by Behringer) Vht (by Fryette), economici, belli, anche ben suonanti se volete ma poi potrebbe andare a finire come sempre che mi metto a vendere per cercare qualcos'altro, forse proprio perchè per fare uscire il suono che piace a me ci devo mettere sempre qualcosa di mezzo (distorsione, overdrive e quant'altro).
      Alla fine, facendo Hard 'n' Heavy, mi sono dato dei punti ''fissi'': Due canali indipendenti anche di eq, possibilmente con il riverbero ''onboard'' un send\return (poca importanza se seriale o parallelo) ed una potenza che non superasse i 50W magari con la possibilità di gestirla dimezzandola visto che vorrei sfruttarlo anche al di fuori di una sala prove o di un live.
      Neanche a farlo a posta son tornato a Petaluma in casa Mesa per vedere finalmente di tenermi stretto uno dei loro prodotti visto che è stato uno (se non l'unico) sound che mi ha colpito -molti di voi diranno che come Mesa suona solo Mesa o che quel tipo di sonorità ti piace o non ti piace senza vie di mezzo quindi se ti piace quel suono non hai scelta- nel frattempo la loro offerta è aumentata a dismisura (i prezzi si sa quali sono e non mi ci soffermo nemmeno), quindi armato di pazienza mi sono spulciato manuali, recensioni ufficiali, recensioni di negozi, recensioni di privati, forum, per farmi un'idea ed evitare di agire d'impulso e far danni principalmente al portafoglio.
      A priori sono andato ad escludere il Mark V, per il semplice fatto che anche se il prezzo dell'usato può essere allettante una volta che si va ad indagare non è proprio un amplificatore plug and play: tre canali Nmila settaggi, gente che ci ha messo tre anni per cavarci fuori un suono decente: non fa proprio per me, esclusi anche i Rectifier: ne ho già avuto uno e sebbene ce ne siano una camionata di usati avrei gli stessi problemi di quando ne ero un felice possessore.
      Mesa, diabolicamente, ha creato due mini-ampli se così li vogliamo chiamare: il Mini Rectifier che è allettante sia come prezzo dell'usato sia per il fatto che risponde a quello che cerco, gli manca giusto il riverbero integrato ma nulla che non si possa rimediare con un buon pedale, è un 25-10W e quindi sembra anche abbastanza ''calmo''; a novembre è uscito anche il Mini Mark V wattaggio uguale al precedente, due canali, questo però ha il riverbero integrato, addirittura la D.I. e l'uscita cuffie infine pure l'eq grafico del fratello maggiore, essendo appena uscito usato pari a zero e costo del nuovo abbastanza alto (1729 dal tetesco). Non potendo provare né l'una né l'altra mi affido alla rete: se sulle recensioni ufficiali e di utenti generici medi\shop i due mini ampli suonano ottimamente (addirittura mi salta in mente di portarmi a casa il Mini Recto e di affiancarci lo stomp sempre Mesa che riproduce l'eq, visto che il plus è notevole) poi quando si vanno a leggere i commenti o i forum si leggono una marea di opinioni di questo tenore: ''un ampli nato per le 6L6 non può funzionare bene con le EL34'' oppure che ''25W sono troppo pochi e non potrai mai ottenere una botta di un ampli da 100W'', ''è una ciofeca'', ''con che cosa la misurano poi la potenza'', ''non starai mai sopra ad un batterista'' eccetera eccetera, collateralmente si trovano molti commenti diametralmente opposti a quelli qua sopra ed è leggermente spiazzante sentire una cosa leggerne un'altra e il suo esatto contrario.
      Quindi dico: cerchiamo una via di mezzo! Mi trovo davanti all'express 5:50 plus, che ha tre settaggi per il wattaggio (5-25-50) valvole 6L6, due canali, riverbero per ogni canale, Fx loop e l'eq del mark V al seguito con un prezzo comunque non folle anche del nuovo, ma da quel che si legge è un amplificatore bluseggiante\rockkeggiante, non certo una cosa da Lamb of God, vengo smentito da un tizio che ci fa metallo senza problemi, ma anche qui si trovano in giro commenti esattamente uguali a quelli degli altri due con le stesse conseguenze.
      Purtroppo NON ho la possibilità di provarli, qui nei dintorni (fino a Montebelluna) c'è poco o comunque solo determinati pezzi, quindi non posso attaccarci la chitarra provarli e decidere.
      Se avete avuto la pazienza di arrivare fino in fondo a questo post eterno chiedo a voi cosa fareste nella mia situazione, a parte andare a giocare il denaro per l'ampli ai cavalli..

      Graziee!

      A.

      P.S. sarei orientato su una testa, per poi affiancarci una 2x12 con i V30.

      perpi81 wrote:


      ahah è un merito non una colpa :D

      grazie per la precisazione fabio, pensavo fossero legate tipo VHT produzione low cost e fryette High end

      se riesci a darmi una mano anche sul resto vengo a trovarti fino in sicilia a piedi

      A.


      F.Blues wrote:


      è che tu sconfini in territori musicali che non frequento più da un pezzo


      Queste ve le anticipo io, risparmiate il copia\incolla...
      :thumbsup: :D
      2 x Heritage 1073. Neumann U87Ai, Neumann km84. Apogee rosetta 200.

      MrRed wrote:

      L'hai mai provata, sempre restando in casa mesa, la transatlantic?


      si sentita, il TA-30, non riesco a provarla perchè nei dintorni non c'è nulla come dicevo sopra; da quello che ho sentito su internet è un ampli che sembra versatile ma non vorrei poi trovarmi con una cosa nè carne nè pesce o comunque che non risponda alle sonorità che cerco al momento, è una seccatura non poter provare di persona, ma tant'è...

      @ carnival; se era una battuta non l'ho capita se era altro l'ho capito ancora meno senza polemica alcuna.

      A.