Ampli combo per chitarra elettrica

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Ampli combo per chitarra elettrica

      Ciao a tutti
      avrei bisogno di acquistare un ampli da utilizzare soprattutto nello studiolo, pensavo ad un combo per comodità e per poterlo eventualmente portare in giro agilmente... ed anche perchè il budget non è molto alto...
      La musica che faccio è principalmente acustica o la massimo pop/rock, come chitarra ho la possibilità di utilizzare quando voglio una strato american pro (hss) che a mio giudizio ha un suono che si sposa alla grande con le mie necessità.
      Il budget sarebbe intorno ai 1000 €, max poco più. Sono ben consapevole che poter accoppiare testata e cassa sarebbe il massimo (sbaglio?) ma per il discorso portabilità preferirei fare così.
      So anche che per un ottimo suono è necessario alzare il tiro, ma per il momento credo di potermi accontentare di un prodotto discreto e possibilmente un minimo versatile, con un suono non troppo caratterizzante.
      Ah, effetti vari chiaramente non mi interessano, più semplice è meglio è, il suono me lo costruirei eventualmente con i pedali.
      Purtroppo la mia cultura musicale sul versante chitarre/ampli è appena sufficiente, da non chitarrista che sono. Un grazie di cuore a chi vorrà aiutarmi!
      Intanto grazie...Se fosse possibile corredare con qualche cosiderazione ve ne sarei grato. Avrebbe senso con quella cifra orientarsi su qualche valvolare (mi viene in mente ad esempio il classico ac30, ma non ne conosco il suono...)? Ripeto, non voglio fronzoli ma un buon suono clean (le chitarre sono spesso in primo piano, con molto spazio attorno) ed eventualmente ma non per forza un distorto per sonorità un pelo più rock. Purtroppo non ho la possibilità di fare delle prove. L'ampli lo userei comunque anche per qualche piccolo live, sempre a volumi umani (no batteria, 2 elettriche e 2 acustiche, tastiera e voci) genere come sopra.
      Grazie. Se qualcun altro volesse partecipare, ulteriori opinioni e consigli sono ben accetti. Anche per capire se la strada che sto prendendo si porta dietro troppi compromessi a livello qualitativo o se può già andare bene così, mi spiego: fermo restando che se si cerca un suono particolare ci si sbatte finchè non si ha trovato quel suono, quindi chitarra, pickup, ampli, ecc... per l'uso che ne devo fare mi va bene avere un ampli sempre a disposizione dal quale poter tirare fuori dei buoni suoni abbastanza ricchi e "veri" che si inseriscano bene nel mix, considerato che sono sempre mix poco affollati e con le chitarre piuttosto in evidenza,
      L'idea che ho, forse non corretta, è che il combo sia sempre un po' un compromesso ed ho un po' paura che a prediligere la portabilità si perda un po' di qualità complessiva che si troverebbe invece con una buona accoppiata testata/cassa. Chiaro che il budget lieviterebbe e nel mio caso non andrò mai a spendere 2000 € per un sistema del genere... Ma se qualcuno mi dicesse che salendo , che so, a 1300 farei un salto notevole (combo? testata e cassa?) potrei anche fare uno sforzo aspettando un po' e al limite anche sbattermene della comodità del combo. Spero di essermi spiegato...
      So che ci sono persone con molta esperienza qui dentro che sono anche ottimi chitarristi (nonchè moderatori ;) ), per cui senza fretta, ma mi farebbe molto piacere qualche feedback in più!
      Intanto grazie a mark88, loyuit, e dorian per le info.
      P.S. Il jazz non l'ho mai trattato, comunque prediligo suoni corposi ma puliti, con una certa definizione ma non vetrosi o taglienti...
      In effetti gli SR sono caldi e al tempo stesso corposi e definiti.
      ho conosciuto personalmente il signor Schertler ed è un vero appassionato , non solo un commerciante.
      Però non sono chitarrista, anche se ovviamente suono spesso con chitarristi.
      Nel mio campo a volte mi danno dei leslie che pesano un accidente ed in effetti non c'è paragone con le normali spie da PA....

      MacGyver ha scritto:


      L'idea che ho, forse non corretta, è che il combo sia sempre un po' un compromesso ed ho un po' paura che a prediligere la portabilità si perda un po' di qualità complessiva che si troverebbe invece con una buona accoppiata testata/cassa.


      Non è corretto, usare un combo non è un compromesso.

      I vantaggi che hai nel scegliere un sistema testata e cassa sono la possibilità di abbinare la testata con casse (e quindi coni) differenti e la minore sollecitazione (e qui si parla in particolar modo di amplificatori valvolari) che subiscono i componenti dell'amplificatore a causa delle vibrazioni dei coni.

      I contro sono i costi maggiori e (cosa da non sottovalutare assolutamente) la difficoltà a scorazzrti in giro una 4x12 (ma anche una 2x12).

      I vari modelli che vedi uscire sia come testata che come combo hanno nella stragrande maggioranza dei casi la stessa identica parte circuitale.

      Io ho un mesa mark IV che era orginiariamente un combo ma che ho montato in un chassis da testata dato che avevo una 4x12 roadking; la testata ed il combo sono lo stesso identico amplificatore.
      Ho anche un marshall combo superlead del '79 che è lo stesso identico amplificatore che veniva montato nelle stesse famigerate testate.

      Inoltre giusto per buttare benzina sul fuoco... un fender Twin ti sembra un compromesso?

      Tornando al tuo quesito, se il target sono piccole sale piccoli club, ti consiglio di tenerti basso con la scelta del wattaggio sopratutto se parliamo di amplificatori valvolari e se vuoi sfruttarli a dovere.

      Se hai principalmente bisogno di un buon pulito condivido chi ti ha consigliato di considerare i Fender; un ampli molto usato in questo senso (suono pulito come base per aggiungere pedalini ed effeti vari) è l'Hot Rod che dovrebbe anche rientrare nel tuo budget.

      Ciao

      railrock ha scritto:

      MacGyver ha scritto:


      L'idea che ho, forse non corretta, è che il combo sia sempre un po' un compromesso ed ho un po' paura che a prediligere la portabilità si perda un po' di qualità complessiva che si troverebbe invece con una buona accoppiata testata/cassa.


      Inoltre giusto per buttare benzina sul fuoco... un fender Twin ti sembra un compromesso?

      Ciao


      No dai, non serve buttare benzina sul fuoco... :)
      Parlando di compromesso mi riferisco al modo in cui sono alloggiati i componenti ed alla resa finale, avevo l'impressione che l'interazione tra i componenti (come dici tu valvole sollecitate, ma anche cassa che suona in modo diverso dovendo alloggiare tutto ciò che diversamente sarebbe contenuto dalla testata) potesse far perdere qualità. Tutto qui, ma ripeto, sono abbastanza inesperto in questo frangente e chiedo consigli appunto per questo. Grazie mille del tempo speso per la spiegazione e della segnalazione, so che dalla rete è difficile farsi un'idea ma proverò a dare un'occhiata al Fender in questione.
      ci sono dei combo che suonano in modo spettacolare. il mio consiglio è prendere un valvolare con il suono che cerchi, il resto vai di effetti esterni.

      come consigliato da railrock stai basso con il wattaggio (se valvolare). in sala prove abbiamo un Engl da 15W e credimi a 3 di volume è molto alto
      Quindi dici che l'hot rod è troppo? Perché ha delle caratteristiche interessanti... per quello che ho potuto sentire e leggere mi ha fatto un'ottima impressione. Ma per trovare il volume giusto non posso agire sul volume di uscita senza perdere saturazione?
      Allora mi sa che devo studiarmi la cosa, perchè inizio a fare confusione.
      Ho sempre creduto che il master pilotasse solo il finale (quindi segnale già preamplificato, di linea per intenderci), per cui ho sempre e solo smanettato sul gain e l'eq per fare il suono.
      Per farti capire ho sempre considerato la sezione gain/eq come quella che va a lavorare sul preamp, vedi saturazione ecc. Il master l'ho sempre trattato solo come puro controllo di volume, immaginando che lavorasse solo sul segnale di linea e quindi andando a modificare il livello di amplificazione da segnale di linea a segnale di potenza.
      Quindi se mi dici che il master influisce anche sulle valvole devo rivalutare tutto, cado un po' dalle nuvole...
      Ecco dov'era la mia lacuna... credevo che le valvole si trovassero nel pre ed invece se ho ben capito fanno parte dell'amplificatore di potenza...giusto? È per questo che anche lui va tirato quanto basta...
      Grazie per la dritta degli attenuatori, per poterlo usare su un combo dovrei smanettare un po' e collegarlo tra amplificatore e cono quindi...
      Mi studio un po' la cosa.
      Thanks Nordberg/Gobert e loyuit