ANTELOPE ORION STUDIO 2017 vs rme fireface ucx

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      ANTELOPE ORION STUDIO 2017 vs rme fireface ucx

      Ciao a tutti, ho bisogno di un vs. gentile consiglio.
      voglio migliorare il mio setup attuale composto da: avalon m5/rme fireface ucx/u87, cambiando il tutto "tranne u87"con: ANTELOPE ORION STUDIO 2017 cosa ne pensate in generale?
      sembra che come Dynamic Range ho 10 DB in piu rispetto alla rme

      grazie a tutti
      ciao gobert4, grazie per la risposta, sicuramente il software della x6 funzionerà su pc , ma sul mio computer non ci sono quelle porte.. e non vorrei utilizzare schede aggiuntive per incrementare quelle porte .
      il Tuo ragionamento della "carta" non fa una piega, purtroppo non c'è modo di provare questa tipologia di strumenti.
      però ,guardando video, leggendo forum ecc non sembra male.
      il mio principale obbiettivo è : eliminare il pre avalon e utilizzare le varie emulazioni della scheda, ed in più avere una conversione decente
      Eliminare il pre Avalon per passare a quelli integrati è di certo un bel passo indietro.
      E i convertitori della tua RME sono molto più che decenti, direi proprio ottimi, non ha un gran senso fare spese per passare ad altro.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      ciao Pilloso grazie per il Tuo consiglio, adesso provo a fare 4 conti.
      vorrei migliorare la conversione, perché quella della rme fireface ucx potrebbe essere il max per l'home recording, però, io voglio sfondare il discorso Home reconding ed andare un po oltre ... principalmente, per quanto riguarda "l'avalon" conosco fonici famosissimi che stanno vendendo tantissimo del loro hardware per lavorare sulle emulazioni in questo senso.
      un esempio su tutti: guarda il video workshop di Pino Pischetola su youtube
      Pinaxa ha anni di esperienza per poter fare certe scelte (oltretutto discutibili a livello generale).
      Questo è il suo percorso, così come altri non solo non vendono nulla, ma continuano a comprare armamentari vintage costosissimi.

      Per assurdo, vuoi togliere un pre di livello; ma alzare la conversione RME, che consideri erroneamente "home", valutando convertitori praticamente di livello analogo.

      Qui emerge la differenza tra una scelta ponderata di un professionista con esperienza trentennale, contrapposta ad una scelta d'istinto su base emulativa.

      Bella incognita...
      Se vuoi un bel convertitore interfacciabile via usb al computer valuta la Adi2Pro. L'M5 é bellissimo ma dipende dal sound che cerchi.
      Se i convertitori della Ucx non ti soddisfano la Adi2Pro puó essere una bellissima alternativa. Compri un convertitore ottimizzato per fare quello, convertire. Hai un mic al top. Se lavori in mono puoi provare ad approfondire il tema preamps, possono esserci pre più vicini al tuo gusto rispetto all'M5. Se invece vuoi lavorare di emulazioni valuta un pre clean tipo M101 o Bg1 o Hv3c etc e una volta registrato al top puoi lavorare itb per caratterizzare a tuo piacimento.
      Ps Il range dinamico di un convertitore é importante ma non é il solo fattore da considerare.
      Ciao
      Se si vuole lavorare un po' seriamente sulle emulazioni del pre, è necessario non solo che il preamplificatore sia neutro, ma che, come per UA Unison (o Focusrite Liquid Channel, giusto per fare un altro esempio), sia concepito per variare certi parametri per "accoppiarsi" al pre emulato.

      In sostanza, i pre UA con le varie Apollo...
      Non so quanti altri prodotti ci siano sul mercato attualmente.
      Non credo che i convertitori RME dedicati abbiano un "cuore" molto diverso da quello delle loro stesse interfacce audio, saranno lievi differenze ma non ci spenderei dei soldi così come non ne spenderei in convertitori di altre marche.
      Se poi scavi a fondo e cerchi veramente ciò che non ti soddisfa nelle tue attuali registrazioni, secondo me la ragione la trovi altrove (microfono, ambiente, tecnica di missaggio e altro ancora).
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Ho avuto Ucx e attualmente utilizzo Adi2Pro. Al di la di altre caratteristiche che reputo altrettanto superlative come l'eq digitale integrato, l'hi power amp per le cuffie, i ref levels in input e output fino a +24, il class compliant, etc, reputo, a mio personale opinione e per il mio gusto, la conversione della Adi2pro superiore. Parliamo, credo, di convertitori differenti, che tra l'altro, nella Adi2Pro arrivano addirittura a 768khz di sample rate. Credo che anche i chips siano differenti. Comunque confrontare le specifiche. La Ucx grande scheda in ogni caso di livello professionale con cui poter fare lavori professionali se contestualizzata, nell'abilità del fonico e con i microfoni adeguati al sound e alle caratteristiche che si cercano nella registrazione. Le capacità di utilizzo valgono per ogni device utilizzato e la Ucx come credo la Antelope citata, che non conosco direttamente, rientrano in un livello pro. Quindi si, puoi tenerti quello che hai. Ma se vuoi ottimizzare io andrei di devices dedicati.

      Post was edited 2 times, last by “loyuit” ().

      Ciao a tutti. Vi ringrazio per la vostra preziosa disponibilità.
      per il momento l'unico investimento nuovo che ho fatto è passare dal magix pro al pro tools 12.
      ed ho lasciato tutto intatto, anche perché, da quello che mi avete fatto capire..è meglio che mi tenga quello che ho!
      @gobert4,il discorso dei 114 db....mi riferisco all'ampiezza di dinamica massima che può dare la scheda in fase di conversione.
      Gobert intende che se il convertitore DA lo usi solo per ascoltarti e non per passare dentro degli outboard, potrà al massimo migliorare un poco la qualità in ascolto ma non certo quella dei lavori.
      Altro discorso è invece per gli AD che possono migliorare le registrazioni, ma come ti dicevamo, in modo relativo.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.