focusrite isa 430 mk2 - impressioni

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Ciao, io ho avuto il 428, che è la versione solo pre (moltiplicato x 4) quindi non channel strip.
      Ti dirò che come pre è risaputo che sta un po' sotto a quelli top, parliamo di dettaglio e qualità del suono.
      E' molto meno incisivo di Api, Avalon, e compagnia bella, ma ovviamente una spanna sopra ai pre integrati nelle schede audio di qualità, quindi sta nel mezzo.
      Suono interessante, piacevole frizzantino di trasformatore, ma niente di memorabile, e comunque un po' offuscato da macchine superiori, più reattive ai transienti, più dettagliate, più tutto.
      In configurazione channel strip sicuramente è più apprezzabile e versatile, ma non credo che nessuno dei suoi stadi sia qualcosa di irrinunciabile, insomma non mi è mai sembrato un must, anche se una quindicina di anni fa andava fortissimo, poi non se ne è più sentito parlare, forse una moda del momento.
      Secondo me la forza di questi ISA è proprio nelle versioni 428 e 828 che ti permettono di portare a casa tanti canali di buona qualità a un prezzo onesto, su un canale ha senso invece l'ISA One, non mi spingerei ad investire sulle altre versioni, meglio un pre "puro" dedicato, o se deve essere un channel strip, qualcosa di fascia superiore, con più incisività, a partire dai cloni 1073 con eq che sicuramente a un prezzo simile hanno più carattere e il vero suono storico a cui gli ISA aspiravano, ma che imitano talmente tanto alla lontana che ne è rimasto ben poco.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Sono cose diverse, se vuoi il suono caratteristico del vintage meglio un clone tipo Heritage, se vuoi un suono più soft e flessibile meglio l'ISA One. Il primo è più riconoscibile e non adatto a tutto, gli ISA moderni sono molto più elastici come impiego, ovviamente rinunciando al suono riconoscibile del 1073 di cui hanno solo una vaghissima ispirazione.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      ciao Pilloso grazie
      sapevo delle caratteristiche ma ero curioso perchè non ho esperienze dirette e anche perchè vedo sul fronte dell'usato che non si trovano heritage...o non li comprano o chi ce l'ha se li tiene
      epiphone dot , epiphone sg , squire precision
      Non che gli Heritage siano oro colato, ho solo sentito delle comparative e in tutte emerge che tra i cloni 1073 più commerciali sarebbero quelli più vicini all'originale, sicuramente meglio dei WA che escono un po' penalizzati dalle comparative (in particolare per dettaglio e transienti).
      Poi c'è l'Heritage da 1000 euro e quello che costa il doppio, fatto ancora a mano e con componenti di qualità superiore, mi pare in particolare l'alimentazione, che è la parte più trascurata nei cloni "a buon mercato".
      Ma poi ci sono anche Golden Age e BAE che non ho ancora citato ma dovrebbero essere migliori degli Heritage economici, però preferisco lasciare la parola a chi li conosce meglio.
      E poi ci sono anche cloni fatti con kit tra cui gli AML che dovrebbero essere a loro volta vicini all'originale.
      Naturalmente su un forum si usano aggettivi che tentano di descrivere un suono, ma sono tutte cose che vanno ascoltate di persona.
      Il 1073 quando ci metti mano capisci perché è così riconoscibile e particolare, a prescindere da quanto il clone gli si avvicina, bisogna capire se è quello che fa per noi. Se hai altri pre più puliti e neutri sicuramente può fare comodo, se è l'unico non so se si può sfruttare sempre, dipende da voce, genere musicale e tutto il resto.
      Io ad esempio quando faccio del parlato non lo uso assoluamente perché non voglio colorare una voce che deve essere più naturale.
      Se invece canto qualcosa di cantautoriale o pop mi dà quel tocco di carattere e di suono "noto" che dà una sensazione di brano radiofonico.
      Ma magari su altre voci non vale già più, quindi è tutto da valutare e soprattutto provare.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      grazie Pilloso
      mi sà che allora conviene procurarsi un pre pulito tipo isa one e/o grace m101e poi al limite prendersi un golden age per poter ampliare il campo d'azione.in effetti heritage anche negli u.s.a. i modelli base con 440 dollari circa te li vendevano e quelli con eq 660 $ , mentre i neve originali partivano da tre volte tanto...
      epiphone dot , epiphone sg , squire precision
      I Neve "originali" sono quelli vintage, perché a detta di chi li conosce bene, quelli oggi marchiati Neve sono a loro volta dei cloni, sicuramente di qualità, ma diversi dai modelli originali, a cui invece cercano di rifarsi più fedelmente alcuni cloni odierni di terzi.
      Però non fare queste valutazioni sulle chiacchiere, cerca di provare qualcosa se puoi, presso amici, altri sudietti o utenti del forum della tua zona.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      ciao Pilloso
      sono rientrato dagli usa per un viaggio lampo e lì mi sono acquistato una nuova scheda audio ( dove ho risparmiato ) ed e' li che ho visto un neve '' originale '' 5211 (o perlomeno era dentro a una scatola ruper neve originale bianca - non so' distinguere poi se era originale o meno) a 1500$ oltre che agli heritage ed a altro....era solo quello quel che volevo dire....
      a Genova non c'e' modo di provare nessun preamplificatore nei negozi...e' solo per quello che cerco supporto dal forum....già confronto a qualche mese fà ho già le idee piu chiare sulle caratteristiche ed è importante . non ho soldi da buttare e mi piace investirli al meglio.
      e ti ringrazio particolarmente sulla tua disponibilità colloquiale :)
      epiphone dot , epiphone sg , squire precision
      Effettivamente è raro che un negozio faccia provare dei pre, anche perché l'unico modo di fare una prova che abbia senso è portarseli a casa qualche giorno.
      Però sono certo che nella tua zona ci sarà qualche utente del forum che magari ha un po' di pre in casa, anche se non dei Neve o cloni, giusto per farti sentire una varietà di suoni che ti diano qualche idea delle coordinate tra cui muoverti.
      Le prove online in questo senso purtroppo dicono pochino, da "vicino" si sentono le vere caratteristiche e sfumature di queste macchine.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Ciao, mi è venuto in mente che di cloni 1073 interessanti c'è anche lo Stam Audio, che costa poco più dei WA e Heritage ma pare sia un po' più accurato, Stam è un fanatico dei componenti scelti e produce in piccola serie, i suoi cloni hanno per forza di cose un qualcosa in più.
      Cerca il sito e vedrai quanta bella robina, sono distribuiti anche in Italia da un rivenditore di Roma, oppure acquisti direttamente dal suo sito guardando i tempi di produzione.
      Però occhio che le riproduzioni dei vintage sono sempre macchine con un carattere riconoscibile, non ultra-versatili, se hai dubbi e vuoi provara un pre senza rimetterci, cerca un ISA One usato e se non ti piace lo rivendi per quello che hai speso, se comunque non hai ancora macchine dedicate potrebbe essere un buon compagno per fare un bel po' di strada.
      Un altro usato degno di nota, Universal Audio Solo 610 che è la versione "ridotta" di un loro pre a valvole storico, più caro dell'ISA One ma forse più interessante (dipende poi da mic, voce e tutto il resto).
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      ciao Pilloso buongiorno
      effettivamente stò leggendo parecchio per cercare di capire un qualcosa che,in fondo, solo le orecchie possono darti.....ma reputo corretto informarsi per cercare di individuare l'attrezzo giusto...io suono solo file audio e son cresciuto con hendrix e zappa e bene o male la mia ispirazione giornaliera e costante è quella....ho ben capito che l'isa one e' un pre abbastanza fedele e capace di alzare il livello d'ingresso direi in un modo professionale e anche per il microfono voce penso sia ottimale...però e' vero che se trovassi qualcosa di più vintage sarei anche disposto a considerare un acquisto più caro...ora vado a cercare qualcosa su stam audio che non conoscevo...
      altro dubbio che ho è che i cloni neve o gli originali mi sembrano piu idonei a preamplificare strumenti che non voci....e in quel caso servirebbero due preamp...uno per strumenti e l'alto per la voce..
      grazie come sempre dei tuoi preziosi consigli
      epiphone dot , epiphone sg , squire precision
      Certamente gli ISA sono professionali a tutti gli effetti, i Neve 1073 più strumenti che voci non direi, alcuni cloni non hanno nemmeno un ingresso instrument e proprio sulle voci danno il meglio, certamente non guasta neanche microfonarci chitarre e bassi, o collegarli in diretta, dove si può.
      Il mio consiglio semplicemente era, nel caso tu non avessi nessun modo di sentire dei pre, di partire da un ISA One usato, che sono sicuramente pochi soldi e spesi bene, visto che li recuperi quando vuoi, intanto ti fai le ossa su una macchina di tutto rispetto e inizi ad avere un riferimento che può esserti utile per il passo successivo.
      Ciò non toglie che se trovi un'occasione su un 430 non ne valga la pena, puoi imparare anche dalle sue sezioni comp ed eq, però i costi cambiano e anche la possibiltà di rivenderlo in fretta.

      Attualmente il tuo setup qual è? Quale scheda e microfoni?

      Per il resto occhio che c'è vintage e vintage, il suono colorato e "graffiante" di un Neve si contrappone a quello "cremoso" di altre macchine che a loro volta hanno fatto la storia. Da una parte i trasformatori, dall'altra le valvole, e non è neanche così scontato, come si crede, che da un versante il suono sia sempre aggressivo e dall'altro sempre caldo, perché a seconda della macchina le carte si mischiano, bisogna sentirle e provarle a fondo, il tutto per dire che le ricerche in rete ci diranno sempre poco.
      Anche la spesa non è indicativa, perché a volte trovi quello che più fa per te spendendo meno, quello che conta resta sempre e solo il suono.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Post was edited 2 times, last by “Pilloso” ().

      ciao
      parole sante direi...
      ho fatto un viaggetto negli stati uniti e mi sono comprato una presonus 192 studio mobile e provandola direi che ha i pre piuttosto nitidi e mi piacciono e ha inoltre la possibilità di escluderli.e poi ho sempre un sempre un sm58a..potrei prendere un isa one usato e un golden age nuovo così da poter ampliare le caratteristiche sonore....mi ero un pò affezionato a un spl track one nuovo...ma forse prendere i due che ho detto spenderei la stessa cifra e potrei rivenderli nel caso senza perderci troppo e sperimentare un pò di piu...e mi servira' anche un mic a condensatore...hai un consiglio su un mic condensato senza svenarmi? grazie
      epiphone dot , epiphone sg , squire precision
      Certo fare i conti coi pre senza il microfono mi pare un po' prematuro.
      A basso budget adoro i Rode, a partire dall'NT1a, o il fratello NT2a che ha più figure polari, casomai servissero.
      Il suono imita vagamente quello Neumann. A cifre abbortabili trovi i kit di Rode che hanno mic + filtro antipop e supporto elastico.
      Più arioso e pulito l'AT4040, un po' più musicale il 4033, per entrambi siamo sotto i 400.
      A queste cifre trovi anche alcuni modelli SE molto interessanti.
      Ma anche in questo caso dovresti avere idea dei suoni prima di spendere soldi.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      ciao
      per ora ho shure sm58a...questo e' di base ma e' dinamico..per quello che ti ho chiesto qualche dritta per un condensatore.
      ho controllato stam audio e sembrano parecchio belli pero' usati non ce ne sono e nuovi o li prenoti o li acquisti da stam che e' in cile e ho letto di clienti che aspettano anche un anno un anno e mezzo prima di riceverli....piuttosto laborioso il tutto direi....
      epiphone dot , epiphone sg , squire precision