Conviene o no riparare un AKG C451?

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Conviene o no riparare un AKG C451?

      Possiedo un AKG C451EB (quello degli anni '80 non il modello B attualmente in produzione) con capsula CK1 (la capsula non il profumo.... :rolleyes: ) che ha iniziato a dare problemi quali livello di uscita basso, fruscio e rumori elettrici vari.
      L'ho mandato in assistenza per preventivare la riparazione, ma tra sostituzione della capsula e manodopera m'hanno chiesto 240€ 8|
      Ne vale la pena ripararlo oppure conviene lasciar stare e cercare sul nuovo?
      "Per sua natura la musica non può spiegare niente: né delle emozioni, né dei punti di vista, né dei sentimenti, né dei fenomeni della natura. Essa non spiega che se stessa." (Igor Stravinsky)
      FACEBOOK
      Si fa presto a dire che bisogna cambiare la capsula... A me diagnosticarono che nel DAT portatile bisognava cambiare tutto non ricordo che... (una scheda intera). Mi ci misi io, cambiai 38 condensatori elettrolitici e adesso, dopo oltre 10 anni, funziona ancora...

      Cambia i condensatori elettrolitici (costano poco); se ancora non funziona cambia i transistor (lascerei in pace il FET d'ingresso). Trovi lo schema in
      elektrotanya.com/akg_c451eb_c4…on_sch.djvu/download.html

      Anche le resistenze, dopo decenni, possono alterarsi pesantemente. Controlla con un multimetro soprattutto quelle di valore più elevato.

      Per aprire il djvu devi installare il programmino freeware, pulito, che trovi nello stesso sito:
      elektrotanya.com/?q=hu/needed_progs

      Fai sapere...
      Ciao!
      Gianluca
      Youtube: goo.gl/522kv4

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “Datman” ().

      Una serie, un genere, un tipo di condensatori. I tantalio a goccia di tanti anni fa avevano il vizio di andare in corto, fino ad esplodere se avevano energia sufficiente a disposizione. Gli elettrolitici, invece, si seccano fino ad azzerare la capacità (rimangono centinaia o migliaia di pF...) o perdere liquido, in particolare gli SMD verticali e quelli piccoli non SMD e in zone calde del circuito.
      Gianluca
      Youtube: goo.gl/522kv4

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “Datman” ().