Alimentatore microfono valvolare bruciato

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Alimentatore microfono valvolare bruciato

      Ciao ragazzi!!! io possiedo un microfono AT4060 valvolare dell'audiotechnica,che naturalmente funziona solo con il suo alimentatore dedicato.Il fatto è che dopo averlo prestato a un amico per fare delle take e provarlo,mi è ritornato inutilizzabile.mentre faceva una sessione ha diminuito la tensione da 230 volt a 120,ha detto che ha sentito scoppiettii e rumori,dopodichè l'ha spento.Che si sia bruciato è appurato,ho aperto anche per vedere e ho notato un piccolo componente arrostito,scusatemi ma non capisco molto di questo lato dell'elettronica,vedo solo che è un piccolo componente contrassegnato come R5,e non so effettivamente se si sia rovinato o bruciato altro.L'alimentatore si chiama at8560, è insostituibile e non si può acquistare a parte,quello che vorrei chiedere è un consiglio a chi ne capisce più di me,dove potrei portarlo?o comunque,è fattibile ripararlo?se ci fosse una piccola entità di danno?o mi devo rassegnare?grazie a chiunque risponda in anticipo,se servono e se potete darmi una mano posso allegare delle foto,stasera cercherò di portarlo in un negozio di riparazioni elettroniche,ma credo che non risolverò! sono pessimista ;)
      Ciao,
      contatta il distributore italiano di AudioTechnica e chiedi a loro come fare:

      Audio-Technica Distribution
      a Division of Sisme S.p.A
      Via Adriatica 11,
      60027 Osimo Stazione (AN) Italy
      Tel: +39 071 7819 666
      Fax: +39 +39 071 781 494
      E-mail: audio-technica@sisme.com
      Website: sisme.com

      Ciao,
      Mauro
      "qualsiasi cosa tu faccia...falla con stile" by F. Mercury

      It's not about the equipment, but about what you do with it.

      Gobert4 wrote:

      Il tuo amico è un emerito idiota....


      Concordo in pieno... ecco perchè non presto mai le mie attrezzature...

      Comunque, commenti e opinioni a parte, difficile dire se sia possibile ripararlo oppure no.

      Se la "botta" di tensione avesse bruciato soltanto il ponte a diodi e magari lo stabilizzatore di tensione che alimenta i filamenti della valvola, potrebbe anche essere riparabile da qualcuno esperto in materia.

      Nel caso in cui si sia bruciato il trasformatore la faccenda si complica, perchè solitamente quel tipo di alimentatore usa trasformatori con tensioni non standard... quindi difficilmente reperibili sul mercato della componentistica, perchè costruiti su specifica del produttore.

      Ci sono possibilità di adattamento se riesci a scoprire le tensioni di uscita, ma in ogni caso dovrai tribulare.

      Altra cosa che potrebbe essersi bruciata è la valvola, in particolare i filamenti.

      Visto che il tuo caro amico ha raddoppiato la tensione di uscita chissà che botta di tensione si son presi i filamenti, la valvola si sarà accesa come una lampadina...
      Saluti Mirco.
      ...le macchine non aggiungono nulla all'anima della musica.

      Post was edited 1 time, last by “mirco_band” ().

      menestrello wrote:

      Ciao,
      contatta il distributore italiano di AudioTechnica e chiedi a loro come fare:

      Audio-Technica Distribution
      a Division of Sisme S.p.A
      Via Adriatica 11,
      60027 Osimo Stazione (AN) Italy
      Tel: +39 071 7819 666
      Fax: +39 +39 071 781 494
      E-mail: audio-technica@sisme.com
      Website: sisme.com

      Ciao,
      Mauro




      Grazie per le info,è difficile anche reperire informazioni su internet su come agire,non sono tanto attenti a questo genere di assistenza.

      @Radioman non mi ricordo i colori radioman,ma se intendi erano leggibili non propio,era squagliato il componente,ma ricordo fosse dello stesso colore del componente affianco che si chiamava r6,credo siano le resistenze no?avevano tre fasce di colori..non mi ricordo i colori e ora ho lasciato l'alimentatore a un tecnico.Questo ragazzo mi ha detto che dovrebbe riuscire a ripararlo,che è possibile,è piu difficile se invece ha toccato l'alimentatore...lo stesso discorso che mi stai facendo tu @mirco_band Che poi,quello che è andato a toccare,non è nient'altro che l'adattamento per la tensione americana,da quello che mi ha detto cercava di toccare la levetta per il ground lift..poi non lo so,sperando che l'abbia spento subito..vedo che dentro aveva anche un fusibile,perche non ha funzionato?anche il mese scorso mi si è bruciata una cassa,e anche lì sembra che in italia non esista un assistenza del...uno che si occupava prima di quella marca addirittura mi ha detto fai prima a ricomprarla,mi sento sfortunato.
      ciao
      certo che il tuo amico ha cercato di switchare l ingresso dell alimentatore da tensione europea a tensione americana.

      questo vuol dire che in quella configurazione tutti i componenti sono stati sottoposti a una tensione e ad una corrente doppie rispetto al previsto.

      A quel punto il danno é tutto da valutare e resta da verificare anche il mic...

      se il trafo si é salvato la strada é in discesa, se il trafo fosse andato e magari ti sei giocato pure la valvola, inizierei a fare due conti sull acquisto del nuovo.

      casomai non fosse riparabile io potrei essere interessato al ritiro di quel che resta, mic e alimentatore, in quel malaugurato caso, se vuoi, scrivimi un pm.

      Inviato dal mio SM-T325 utilizzando Tapatalk
      Saluti Mirco.
      ...le macchine non aggiungono nulla all'anima della musica.
      No guarda,il mic funziona,per fortuna ;) ho potuto provarlo in un altro alimentatore da un conoscente che ha il mio stesso at,comunque secondo me il trasformatore ha resistito,vedremo che mi dicono. In tutti i casi il ragazzo mi aveva già detto che il mic all'80 per cento non si era danneggiato.che cosa puo danneggiare un evento del genere?certo non lasciando che la corrente fonda tutto,ma spegnendolo quando sta iniziando a bruciare componenti.Nel senso dovrei far controllare bene anche il mic,per te? comunque se cerchi un at 4060 ne ho visto uno sul mercatino l'altro giorno.
      Se ha dato una botta di tensione, probabilmente è partito un condensatore.
      Di solito gli alimentatori per valvolari sono molto simili e le tensioni di anodica si basano su celle RC (resistenza condensatore).
      Se la R5 è uguale all'altra, probabilmente ci sono due celle.
      Quindi dovrebbero esserci due condensatori elettrolitici uguali vicino (due barilotti con scritto xx uF - 300Volt o simili)
      Se il condensatore "servito" da quella R5, è andato in corto per via della alta tensione, la corrente è passata tutta per la povera resistenza.
      Controlla se i condensatori sono integri .
      Controlla sopratutto che la parte superiore, di metallo e di solito "incisa" a croce, sia piatta e non "bombata".
      Nel caso sia gonfia , quella è una caratteristica di sovrapressione interna dovuta a gusto.

      Posta una foto dell'interno e vediamo anche come è configurato, perché da quel che vedo in rete è bassetto come alimentatore ma escluderei sia uno switching proprio per il fatto che ha la commutazione 220-110.

      8)
      Ho visto cose...
      VUmeter in fiamme sul bridge di una console Orion
      ed ho visto i supertweeter balenare nel buio sui monitor Tannoy
      e tutti quei momenti andranno perduti in un mastering
      ....è tempo di mixare...

      PTOPRoJect wrote:


      Posta una foto dell'interno e vediamo anche come è configurato, perché da quel che vedo in rete è bassetto come alimentatore ma escluderei sia uno switching proprio per il fatto che ha la commutazione 220-110.

      8)


      Ciao PTOPRoject,
      per quanto riguarda l'alimentatore dubito sia switching, quello del mio SCT700 ad esempio è un classico a trasformatore con ponte diodi e condensatori per raddrizzare e livellare.
      Quanto al cambio di tensione, che è presente anche sul modello in mio possesso, è realizzato semplicemente usando un trasformatore a doppio avvolgimento.

      In ogni caso anche io sono curioso di sapere come è andata a finire...
      Saluti Mirco.
      ...le macchine non aggiungono nulla all'anima della musica.
      @classic Ciao,grazie ragazzi per le risposte,non sono riuscito a risolvere niente,ho lasciato l'alimentatore a un tecnico,che sino ad oggi,non è riuscito a fare niente di che,quindi ho deciso di passare a riprendermelo domani,visto che le sue ferie vanno "da uno di questi giorni" alla "seconda settimana di settembre" e non ho intenzione di aspettare,ho visto che in questo tempo perso è entrata in ferie anche la rivendita ufficiale sisme e che riapre il 28 agosto,solo che preferivo farlo fare così,diciamo,senza spendere una cifra,ma sembra che io non trovi nessuno che sappia come muoversi,questo tecnico dice che pèr procedere aveva bisogno di un diodo "e202" che non riusciva a trovare,perche la ditta dove l'ha visto non rispondeva alle email,dicendo che anche se avesse chiamato doveva mandare email,lì sino ad oggi,come ho detto mi sono scocciato e ho deciso di riprendermelo.Come lo riavrò tra le mani posterò una foto,non ho scritto altro per il fatto che non potevo fargli ne foto nè controllarlo,comunque di questo diodo qualcuno sa qualcosa?perchè da come parlava la riparazione era fattibile senza spedirlo alla sua azienda,che ne pensate? anche perche missà che rimarrà solo quella chance,non trovo nessuno che possa occuparsene.
      dipende dove stai, a Cornaredo c'è il tecnico che collabora con Ribera oppure se stai verso Pavia lì ci abita Silvano Ribera e sarebbe l'occasione per provare uno dei suoi mic, tra l'altro l'AT4060 l'ho anch'io ma rispetto ai mic Ribera ce nè di strada...