Scelta microfono misura

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Scelta microfono misura

      Volendo passare alla pratica, dopo un certo trattamento alla stanza, è arrivato il momento di misurare.
      L'idea è di cercare un mic un po' al di sopra del Behringer, che a quanto pare non è male come qualità ma da un articolo all'altro può esserci una certa varianza e i mic non vengono misurati individualmente dalla casa.
      Due prodotti che invece dovrebbero essere più "curati" sotto questo aspetto (e che escono con dati di taratura individuale) sono:
      - Sonarworks XREF 20 (che costa quando il Behringer o poco più, forse è proprio lo stesso prodotto, ma almeno ha una taratura sua)
      - Beyerdynamic MM1 (più caro ma forse anche più raffinato, e alcuni lo usano con soddisfazione anche per riprendere room e strumenti acustici)

      Chiedo a chi ha esperienza con questi prodotti di darmi un consiglio, ma eventualmente di suggerire anche altro.
      Grassssieeee.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Guarda tempo fa avevo chiesto più o meno la stessa cosa a Gobert, del forum, e mi diceva che nonostante le innegabili differenze di risposte di un prodotto economico come il Behringer, comunque quel microfono ti dà una indicazione di massima più che sufficiente per un home studio. Se cerchi la perfezione allora non credo che sia una questione (soltanto) di microfono.
      Credo di poter dire anche che la misurazione è più che altro una curiosità, a livello di home studio, per valutare ad esempio le differenze tra il prima e il dopo trattamento. Ma in sostanza, se metti con criterio bass trap, diffusori e broadband, l'equilibrio tra le frequenze e l'appiattimento del grafico di risposta in frequenza, nonché la diminuzione dei tempi di decadimento, sono praticamente garantiti. Quella che non è garantita è la perfezione da studio super professionale...
      In sostanza già conoscendo le dimensioni della stanza (ammesso che sia una stanza regolare e i calcoli siano facili) si possono già matematicamente calcolare SBIR e modali, e quindi sapere come e dove agire, senza fare alcuna misurazione. In sostanza questo per un home studio è molto più che sufficiente.

      Scelta microfono misura

      @Pilloso, non per demoralizzarti, ma vedrai talmente tante montagne russe che dello spostamento del decimo di Db del microfono non te ne preoccuperai piú...
      E poi confermo la bontà del behri, al massimo ció che potresti fare sarebbe spedire il behringer a far calibrare. Te lo rimandano col profilo corretto.

      Inviato dal mio SM-A520F utilizzando Tapatalk

      gobbetto ha scritto:

      in sostanza, se metti con criterio bass trap, diffusori e broadband, l'equilibrio tra le frequenze e l'appiattimento del grafico di risposta in frequenza, nonché la diminuzione dei tempi di decadimento, sono praticamente garantiti.


      Eh ma io mi trovo proprio al punto in cui non so se sto trattando poco o troppo, quindi voglio vedere coi miei occhi dove fermarmi, e anche conoscere i difetti della stanza, ovvero le frequenze dove ho buchi e picchi, per tenerne conto durante i mix.
      Ho costruito pannelli in abbondanza, alcuni hanno una posizione scontata, altri posso anche provarli in mezzo alla stanza e vedere che effetto ha.
      Voglio anche provare con sub o senza per scegliere la migliore soluzione, e giocare di volumi e crossover vedendo di volta in volta il risultato per ogni esperimento.
      E so bene che resterò lontano dalla perfezione ma quello che cerco mi sembra il minimo sindacale.

      @MacGyver pensavo la stessa cosa, infatti sta taratura per le nostre situazioni è un po' una barzelletta, anche se chi ha investito in qualcosa di più qualitativo dice di trovare maggiore accuratezza, quindi una differenza ci sarà, forse non tanto sulla taratura ma proprio sull'affidabilità del mic nel captare distintamente le frequenze vicine.

      Comunque credo mi abbiate risposto, per quello che mi serve non vale la pena di cercare un prodotto tanto raffinato, il Sonarworks è in pratica un Behringer con qualche attenzione in più, costa uguale, ne parlano bene, al momento propendo per questa direzione salvo che qualcuno non mi chiarisca i vantaggi di prodotti superiori.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Un'idea bislacca: scusate, ma se è vero che stiamo a badà al capello quando le nostre stanze avranno un grafico tipo montagne russe con buchi e picchi di parecchi db, allora per misurare tanto vale che usiamo un buon condensatore un po' piatto, anche senza il mic di misura, no?
      Tipo l'AT4040 sapendo che ha una curva irregolare soltanto sopra i 6-7000hz, dove comunque ci sono meno difficoltà a intervenire, non potrei usarlo per misurare la stanza nella gamma medio-bassa, dove quel mic è piuttosto lineare?
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “Pilloso” ().

      Ottimo! Allora oggi mi metto già all'opera.
      Poi @gobbetto volevo chiederti se sai qualcosa riguardo l'autocostruzione di risuonatori di helmholtz, so che si possono acquistare ma visto che costicchiano e riesco a costruire un po' di tutto, vorrei provare.
      Ho letto alcuni vecchi 3ad con link che non esistono più, e ho trovato alcuni fogli di calcolo online per diverse tipologie, ma nello specifico vorrei fare quelli piccoli da piazzare in punti strategici, hai qualche dritta?
      Al limite poi apro un altro 3ad per non andare OT qui, direi che per me la questione microfono da misurazione è chiara e risolta.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      In gamma bassa i behringer sono precisi ed ottimi anche in contesti da risultati professionali, proprio perché anche un trattamento di altissimo livello avrà comunque scarti di qualche dB...
      Al max, compralo calibrato o fallo calibrare in seguito (io mi sono affidato alla isemcon).

      Laddove sono necessarie misure molto più precise, occorrono microfoni dedicati, calibrazioni e certificazioni varie...Ma non rientrano nelle situazioni home e self made (anche in quelle super evolute).
      Gobert quando é che ci fai un tutorial dalla a alla z su come trattare una stanza?
      (OT puoi dirmi anche quanto potrebbe venire a costarmi un equalizzatore Aml dual mono assemblato da te?)
      Tutto é Soggettivo

      Il messaggio è stato modificata 3 volte, ultima modifica da “loyuit” ().

      Grazie anche a te Gobert.
      Intanto inizio a muovermi con il Neumann, perché come detto mi interessano i buchi grossi e penso basti già quello a vedere, ho appena fatto le prime misurazioni con Room Eq Wizard, apro un nuovo 3ad per discuterne, per chi volesse darmi una mano, come sempre graditissima :)
      Siamo tutti sulla stessa Bark.