Microfoni flat-response e frequenze

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Microfoni flat-response e frequenze

      Sto cercando di inquadrare il microfono giusto per me e le mie esigenze. Siccome ho un suono molto particolare e dettagliato, mi sto orientando verso una prospettiva realistica. Ovvero, un suono molto simile a quello udito uscire dall' amplificatore. Ne vale la pena quando si usa tantissimo il pulito ed a mio parere, è ciò che reputo più appropriato per me. Niente a che vedere con gli standard odierni. Così mi sto interrogando molto su quale microfono mi devo buttare, perché controllando in maniera abbastanza approssimativa, ho notato che tanti microfoni rinomati non sono flat response at all. Comunque costano ma magari non danno esattamente il suono che voglio, e questo mi disturba non poco.
      Pensavo inoltre che in alcune frequenze certi mics lavorano meglio, mentre in altre peggio. E' normale, ma ho questo dubbio: come faccio a capire su quali frequenze sto lavorando in un brano? Personalmente mi piace essere meticoloso e per creare un buon prodotto, per questo sono deciso a studiare l' occorrente e scegliere i giusti prodotti per riuscire a fare un lavoro abbastanza capillare. Cosa che reputo accettabile. Non sono uno che fa le cose per approssimazione. Consigli?

      Datman ha scritto:

      Microfoni flat-response e frequenze - Microfoni - Homestudioitalia | Il forum italiano di home recording e strumenti musicali[/url]']Il microfono migliore è quello che nasconde i difetti ed esalta le migliori caratteristiche della tua voce... :)


      Magari fosse solo un discorso di voce, con pochi mics devo registrare più strumenti. Cmq prendo per buona questa dritta. Ciò nonostante mi restano i dubbi riguardo le frequenze. Qual è il più corretto per le mie? :/
      le domande che stai ponendo secondo me non ti portano alla risposta che cerchi. facciamo un passo indietro:
      cosa devi registrare principalmente?
      a cosa lo colleghi il microfono?
      in che ambiente registrerai.
      cosa intendi con: " Niente a che vedere con gli standard odierni"?

      Una risposta flat non è necessariamente la cosa migliore.

      Il grafico che hai postato non è del Line Audio CM3 ma, come è scritto sotto del DPA4011A
      Concordo comunque che il CM3 è molto lineare ma io (ne ho due) non l'ho mai usato per la chitarra elettrica
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons

      Paul Rain ha scritto:

      Microfoni flat-response e frequenze - Microfoni - Homestudioitalia | Il forum italiano di home recording e strumenti musicali[/url]']le domande che stai ponendo secondo me non ti portano alla risposta che cerchi. facciamo un passo indietro:
      cosa devi registrare principalmente?
      a cosa lo colleghi il microfono?
      in che ambiente registrerai.
      cosa intendi con: " Niente a che vedere con gli standard odierni"?

      Una risposta flat non è necessariamente la cosa migliore.

      Il grafico che hai postato non è del Line Audio CM3 ma, come è scritto sotto del DPA4011A
      Concordo comunque che il CM3 è molto lineare ma io (ne ho due) non l'ho mai usato per la chitarra elettrica


      Praticamente di tutto: voce, chitarra elettrica, chitarra acustica, chitarra classica, basso elettrico, basso acustico e batteria. In previsione anche organo (tipo hammond) e piano. Niente midi ed emulatori, mi piace il suono reale. Quello vivo!

      I microfoni saranno associati ad una audient id14 e poi più in la ad una RME Babyface Pro con tanto di casse Yamaha HS7. Ho già casse e scheda audio.

      Intendo che la mia musica è musica vintage: tipo i The Pink Floyd, The Beatles, Queen, David Bowie, Jefferson Airplane, The Jimi Hendrix Experience, etc.. Musica molto distante dai canoni odierni. Tanto Jazz e Blues anche.

      Si può usare tuttavia, ho visto una comparazione con lo Shure SM7. Comunque quella immagine l' ho trovata fra i risultati ed ho creduto che fosse esattamente di quel microfono. Sarà stato un responso associato alle chiavi di ricerca. A volte succede, grazie per avermelo segnalato. Comunque il mio genere è a prescindere diverso da tutti quelli conosciuti sebbene proviene dalle suddette influenze. E non solo quelle, però in genere quel tipo di musica.
      Personalmente ho bisogno di una risposta quanto più approssimativamente rifacente al suono emesso dallo strumento/amplificatore. Perché ho un tipo di suono particolarmente dettagliato, con tanto feedback. L' ho premesso è qualcosa di nuovo, non esistente.

      Cmq sono orientato verso questo prodotto, anche se è omnidirezionale. Ma facendo attenzione, penso che anche le nostre orecchie siano omnidirezionali. Quindi, perché no..



      Il fan controller l' ho trovato, quindi il rumore delle ventole non sarà più un problema. :thumb up:
      Inoltre volevo mettere in chiaro che a me non piacciono quei prodotti che enfatizzano solo alcune frequenze a discapito di altre. Ho bisogno di un microfono o coppia di microfoni estremamente versatili. Sto ancora decidendo se registrare in mono o stereo. Finora per lo stereo non ho visto un gran beneficio, dopotutto gli ampli a mia disposizione sono comunque mono. Quindi, magari non ha senso, poi guardando dei tutorials mi sembra che a volte possa essere superfluo in un mixing.
      Non voglio smontare il tuo entusiasmo, ma non credo che esista un modo peggiore per valutare un microfono di guardare i grafici di risposta in frequenza.

      Quei grafici ti restituiscono un solo parametro su un' infinità di parametri effettivamente costituenti il suono di un mic. In più sono parametri non sempre reali, soprattutto per microfoni entry level dove spesso il controllo delle unità non viene fatto, e se viene fatto i gradi di tolleranza sono altissimi.

      A questo punto, se ti bastasse semplicemente un microfono con un grafico piatto, potresti prendere una coppia di Behringer ECM8000, che nell' usato puoi portare a casa a poco più di 50€ totali.
      Ma poi attaccali e riprendici uno strumento qualsiasi...
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer

      PAPEdROGA ha scritto:

      Non voglio smontare il tuo entusiasmo, ma non credo che esista un modo peggiore per valutare un microfono di guardare i grafici di risposta in frequenza.

      Quei grafici ti restituiscono un solo parametro su un' infinità di parametri effettivamente costituenti il suono di un mic. In più sono parametri non sempre reali, soprattutto per microfoni entry level dove spesso il controllo delle unità non viene fatto, e se viene fatto i gradi di tolleranza sono altissimi.

      A questo punto, se ti bastasse semplicemente un microfono con un grafico piatto, potresti prendere una coppia di Behringer ECM8000, che nell' usato puoi portare a casa a poco più di 50€ totali.
      Ma poi attaccali e riprendici uno strumento qualsiasi...


      A parte che gli ECM8000 suonerebbero di certo piu' reali di 2 SM57 che e' l'obbiettivo di chi sta ponendo le domande... Non vedo perche' uno non possa suonare del rock usando microfoni orchestrali di qualita'.

      Certamente le misurazioni non le vai a fare sul SM57 col trasformatore in cui devi pregare iddio che il messicano che ha fatto gli avvolgimenti non fosse brillo quando li ha fatti...

      Poi stiamo parlando dei Line Audio, ci fanno i paragoni con gli Schoeps e ci saranno sicuramente un sacco di utenti che sanno di che cosa stanno parlando.

      The clown 2.0 ha scritto:

      A parte che gli ECM8000 suonerebbero di certo piu' reali di 2 SM57 che e' l'obbiettivo di chi sta ponendo le domande...


      Certo, suona più veritiero nella risposta in fequenza su segnali semplici. Ma dagli in pasto segnali impulsivi, non sempre restituisce un suono credibile. Hai seri problemi negli estremi di banda e nella risposta dinamica. Partono delle plosive che non senti in nessun altro mic.
      Voglio dire che l' ECM fa schifo? No, ne ho due, non penso che facciano schifo, ma non li prenderei per mic lineari da utilizzare in contesti in cui voglio un suono reale solo perché il loro grafico è piatto.

      Ma poi la questione è più ampia. Molto più ampia.

      Un ECM di fronte ad un cabinet per chitarra non restituisce un suono più fedele di un 57, perché ciò che tu senti quando ascolti una chitarra non è il suono nel punto di emissione, in cui piazzi il microfono.
      Quindi tu piazzi un ECM8000 di fronte ad un cono, registri, ascolti e ti chiedi da dove stia arrivando quello sciame di zanzare.
      Questo perché una registrazione non sempre risulta più vera e reale se il microfono è di per sé più vero e reale. Riprendi in modo puntiforme una sorgente che puntiforme non è...

      Un SM57, con la sua risposta e il suo filtraggio, piazzato davanti ad un cono, restituisce un suono che è molto più vicino a ciò che senti mentre suoni rispetto a qualsiasi super microfono lineare.
      Non per niente è da sempre il microfono più usato sulle elettriche. Insieme ad un altro microfono che è l' opposto della linearità, il Royer 122.

      Con questo voglio dire che non puoi riprendere un ampli con un Line Audio CM03 o con un Oktava Mk012 o con un DPA?
      Certo che puoi farlo, chi lo mette in dubbio. Metto in dubbio solo il criterio di scelta basato sul solo grafico.

      The clown 2.0 ha scritto:

      Non vedo perche' uno non possa suonare del rock usando microfoni orchestrali di qualita'.


      Nessuno ha detto che non si possa fare. Parlavo del metodo di scelta di un microfono basato solo su un grafico.

      The clown 2.0 ha scritto:

      Poi stiamo parlando dei Line Audio, ci fanno i paragoni con gli Schoeps e ci saranno sicuramente un sacco di utenti che sanno di che cosa stanno parlando.


      Anche qui... Parlavo esclusivamente del metodo di scelta del microfono, non del singolo microfono. Non parlo male dei Line Audio, ma del sistema con cui l' utente sta valutando i singoli microfoni.

      Un grafico è solo un grafico, per di più realizzato dalla casa madre.
      Se avesse tanto valore, anche i monitor audio si potrebbero selezionare in base al loro grafico. Ma poi, caso assurdo ma vero, i monitor universalmente riconosciuti come "migliori" hanno dei grafici reali che sono tutt' altro che piatti... mentre una cassetta da due soldi che compri in offerta ad Unieuro ti mostra un grafico piattissimo.
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer
      C'hai le tue opinioni e le tue ragioni che sono comunque poche, secondo me.

      A dire che, secondo te, un microfono non lineare restituisce un risultato piu' reale beh... mentre suoni... a che distanza? puoi suonare a 10 cm dall'amp o a 5 metri e in entrambi i casi, a parita' di posizionamento, l'omni condenser e' 10 volte piu' reale di un dinamico con o senza trasformatore.

      Le zanzare e' perche' quelli che suonano la chitarra vogliono fare Jimi Hendrix e tirano su tutto a casotto... :D poi te dici che sto "casotto", insieme all'altro "casotto" del 57 faccia piacere ad una certa fetta di ascoltatori non ne dubito.

      A titolo del tutto personale mi sono francamente rotto di sentire "casotti".

      PAPEdROGA ha scritto:

      Vabbè...


      Ok, ho capito cosa comprendeva una grossa parte del discorso.

      Si, l'utente fa benissimo ad acquistare un microfono piuttosto che un altro semplicemente paragonando i grafici di risposta in frequenza e polar pattern.

      1-Tutte le aziende tenderanno a pubblicare i dati in una maniera a loro un po' piu' "favorevole", non certo solo quelle economiche
      2-Prima di dire che i dati sono falsi o tendenziosi bisogna esserne sicuri al 100%.
      3-Uno compra il microfono, lo prova e vede se fa quello per cui gli e' stato venduto.
      4-Il fatto che i microfoni costino 20 euro l'uno e' che sono 50 anni che sono costruiti alla stessa maniera, non c'e' trucco, non c'e' inganno.
      5-Per quanto fasulli siano o non siano i diagrammi di produttori piu' o meno blasonati sono sempre piu' attendibili dei "pareri da forum", i miei per primi, i vostri per secondi.

      Microfoni flat-response e frequenze

      Va bene.

      Vai Warmuser, acquista un solo microfono con cui registrare tutto e sceglilo basandoti sui grafici di risposta in frequenza del produttore. Il grafico più piatto è il migliore che puoi prendere. Ovviamente sempre occhio al prezzo, cerca di spendere il meno possibile, sempre e comunque.

      Sono felice che il forum possa essere così utile al prossimo :)
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer

      PAPEdROGA ha scritto:

      Va bene.

      Vai Warmuser, acquista un solo microfono con cui registrare tutto e sceglilo basandoti sui grafici di risposta in frequenza del produttore. Il grafico più piatto è il migliore che puoi prendere. Ovviamente sempre occhio al prezzo, cerca di spendere il meno possibile, sempre e comunque.

      Sono felice che il forum possa essere così utile al prossimo :)


      Vedi mo che con un pizzico di ironia si fanno anche dei discorsi normali ?! :D

      Il forum e' utilissimo come forma di confronto tra varie esperienze no come posto dove trovare la verita'. O quantomeno pare a me ma non gestisco forum di professione.

      Io dico, vai Warmuser, acquista 2 C-2, 2 ECM8000, 2 SM57, 2 CM3 e 2 Schoeps, li piazzi stereo a distanza interaural e registri in conteporanea 1 ambiente con sorgenti sia ferme che in movimento e poi saprai, piu' o meno, cosa e' piu' o meno "reale".

      Cerca la realta', e' un desiderio che provo anch'io e la roba piu' reale che ho sentito in vita mia sono le cuffiette binaurali della roland dotate di microfoni dal prezzo e dalle caratteristiche tecniche "vergognosi".