Chitarre High gain, alternativa al 57?

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Chitarre High gain, alternativa al 57?

      Sto cercando un suono high gain, heavy metal, suono pieno ma bello dettagliato (rif. John Petrucci, Dream Theater).
      Ho cercato informazioni sulla microfonazione che usa di solito ovvero SM57 + KSM313 (Shure a nastro), talvolta SM7B, MD421, Beyer M160. Ma sempre il 57.

      Ora sto usando SM57 e Beyer M160 e sono contento del suono, ma la parte di dettaglio (57) mi suona sempre "grainy" poco definito, sporco, economico... ha qualcosa che non mi convince.

      Ho provato con un Sennheiser MD421 e il suono mi convince molto di più, più presente, più dettagliato, più vero. Ma un pò troppo chiaro.
      C'è un alternativa al 57? Ho sentito parlare bene del Beyer M201TG.

      Post was edited 1 time, last by “mark88” ().

      Ragionando per coppie... :D

      Tenendo fermo il solito Royer 121, oltre a quelli che hai nominato, come compagno valuterei:
      DPA 4011A
      AKG c414
      Shinybox 46MXL (nastro)
      Peluso R-14 (nastro)
      =:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:
      L'M201 é un eccellente microfono per il tipo di suono che cerchi. E' un ipercardiode (cioé riprende un pochino anche da dietro), ha piú bump sulle basse rispetto ad un SM57 e forse le alte un pochino piú morbide. Si puó tranquillamente usare come unico microfono sulla cassa dell'ampli.

      Solo che, con i microfoni che hai, io mi sentirei giá a posto (anche io ho MD421, qualche SM57, l'M201 e qualcos'altro). Piuttosto che spendere altri soldi cercherei di capire bene cos'altro non ti piace. Non cercherei un altro microfono.

      Ampli? Cassa? Speakers?

      PS: io uso solo SM57.

      mark88 wrote:

      Sto cercando un suono high gain, heavy metal, suono pieno ma bello dettagliato (rif. John Petrucci, Dream Theater).
      Ho cercato informazioni sulla microfonazione che usa di solito ovvero SM57 + KSM313 (Shure a nastro), talvolta SM7B, MD421, Beyer M160. Ma sempre il 57.

      Ora sto usando SM57 e Beyer M160 e sono contento del suono, ma la parte di dettaglio (57) mi suona sempre "grainy" poco definito, sporco, economico... ha qualcosa che non mi convince.

      Ho provato con un Sennheiser MD421 e il suono mi convince molto di più, più presente, più dettagliato, più vero. Ma un pò troppo chiaro.
      C'è un alternativa al 57? Ho sentito parlare bene del Beyer M201TG.


      Sei sicuro che il sound dei tuoi riferimenti sia fatto soltanto da microfono e ampli?
      Miking (con più microfoni close e ambient), effetti, compressione, equalizzazione, preamplificazione, supporti di registrazione, ambiente, convertitori, chitarra e chitarrista li hai considerati?

      Post was edited 1 time, last by “loyuit” ().

      davidosky wrote:

      Ampli? Cassa? Speakers?


      Cassa Mesa 2x12 Rectifier.

      Archverb wrote:

      Tenendo fermo il solito Royer 121, oltre a quelli che hai nominato, come compagno valuterei:
      DPA 4011A
      AKG c414
      Shinybox 46MXL (nastro)
      Peluso R-14 (nastro)

      Si il suono va a coppie: dettaglio + corpo. Lo standard è il 121 non c'è dubbio, ma il 160 mi piace molto ed è un'ottimo sostituto visto che microfono spesso l'intero gruppo - quindi un figura 8 sarebbe poco gestibile.

      Il problema comunque è nel dettaglio: il 57 ha il suono giusto ma suona "male" in confronto a un 421. Magari sbaglio solo la posizione del microfono o serve solo un pò di eq.

      Va bene metterlo a un cm dalla griglia? Posizione tra cono e parapolvere, dritto.
      Invece il 160 l'ho messo leggermente inclinato verso destra e una decina di centimentri dalla griglia per evitare danni ai nastri.
      Che testata line6? :huh:

      Ho ascoltato comunque.

      Mi sento di poter dire che un altro microfono non serve (cioè il problema non è li).

      EDIT: la somma SM57 + M160 non mi sembra male, ma faccio fatica ad ascoltarla cosi... Sto confrontando con il video della MKIIC+ di JP. Per caso hai i file senza base? Proverei a sentire almeno con HPF ed LPF.

      Post was edited 1 time, last by “davidosky” ().

      Intendo senza Michelino alla batteria :), solo la traccia di chitarra.

      Riguardo allo Spidervalve sono un po' scettico: il 90% del suono di una testata è fatto dal preamp, a meno di tirare il volume a cannone. Il preamp dello SV sono le solite emulazioni line6 (ho avuto il primo spider, il podX3 e l'HD300) e alla fine della fiera un ampli vero è un'altra cosa. Se penso che per poche centinaia di euro in più c'è la 6505 (6505+, 5150, 5150II), che è un amplificatore micidiale...
      Ed io che stavo a considerare le possibili diverse sfumature tra le migliori accoppiate di mic... :D

      Concordo con chi ha fatto notare che con tale catena di amplificazione sia quantomeno "accademico" stare a disquisire su come correggere le carenze della ripresa attraverso i microfoni.

      Non concordo sul fatto che il 90% del suono di un ampli lo faccia il pre. Roba che solo il tipo di rettifica ( valvolare o a stato solido) cambia il risultato dal giorno alla notte, come del resto la presenza delle varie 6L6 El34 6v6,ecc.. per cui il finale è stato concepito. E questo senza considerare la saturazione delle finali stesse, anche solo considerando "timbri clean"

      Poi una curiosità. Di che finale Bogner stiamo parlando? di quello di un ampli, utilizzando il loop fx, o cosa?
      =:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:

      Archverb wrote:


      Non concordo sul fatto che il 90% del suono di un ampli lo faccia il pre. Roba che solo il tipo di rettifica ( valvolare o a stato solido) cambia il risultato dal giorno alla notte, come del resto la presenza delle varie 6L6 El34 6v6,ecc.. per cui il finale è stato concepito. E questo senza considerare la saturazione delle finali stesse, anche solo considerando "timbri clean"


      La rettifica riguarda l'intero amplificatore, non solo il finale, si tratta soprattutto di drop di volume e un leggero sag in caso di rettifica a valvole (parlo della Dual Rectifier).

      Qui è spiegato bene.

      Post was edited 1 time, last by “davidosky” ().

      davidosky wrote:


      La rettifica riguarda l'intero amplificatore, non solo il finale, si tratta soprattutto di drop di volume e un leggero sag in caso di rettificazione a valvole (parlo della Dual Rectifier).
      Qui è spiegato bene.


      Si appunto, non riguarda il pre.
      Sarò saccente :D , ma dopo mezzo secolo di utilizzo di ampli a singola ( a tubi e stato solido) e doppia (tra i Mesa oltre alla classica testatona ho avuto anche combo " dual rectifier") conosco la differenzache quasta comporta sul timbro e la risposta dell'ampli, senza necessità di letture ^^
      =:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:=:
      Aggiungo anche un confronto fra valvole del finale. Poi, ognuno è libero di decidere se fa una differenza grande o piccola, ci mancherebbe ;) (ok ok, lo so, il finale non sono solo le "valvole del finale", c'è il trasformatore, potrebbero esserci altri controlli di tono, ma è per dare un'idea).

      Si, certo non metto in dubbio l'esperienza :) (che peraltro penso di avere anche io: anche io ho posseduto e possiedo ancora diverse testate).
      Comunque tornando alla situazione del thread starter non sto dicendo che il Line6 non va bene e se non c'è almeno la 6505 ciccia.

      Solo che in questo momento mi riesce difficile fare confronti con un target. Poi se è ripreso con la chitarra direttamente nell'ampli facendo monitoring direttamente dall'ampli nella stessa stanza dei monitor la vedo dura fare tweaking dei microfoni e dell'ampli, a prescindere dagli strumenti usati.

      Per il momento lascerei pure perdere la multimicrofonazione.

      Aggiungo altra carne al fuoco: what about reamping? Darebbe molta più libertà di tuning senza pensare alla performance.