Microfono a condensatore fascia bassa?

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Microfono a condensatore fascia bassa?

      Ciao a tutti. Da un po' voglio comprare un microfono che userò per narrazioni ma anche per registrare canzoni (saranno rap, quindi cantato abbastanza velocemente, non so se può essere di aiuto).
      Ho una voce non troppo calda, e per questo sono diretto verso un c01 piuttosto che all'AT2020 per dire. Ma ha un po' di rumore di fondo, o sbglio? Stavo poi pensando al c-3 e i due dovrebbero essere simili no? Anche se il samson sembra piu caldo, e mi piace.
      Sarebbe meglio un c01u? Oppure è meglio concentrarsi sull'XLR? Anche perchè con Windows 10 ci sono problemi con i driver e i microfoni USB giusto?
      Il microfono sarà abbinato alla UMC22 (in caso non sia un USB), ma non so davvero cosa scegliere, visto che comunque per questa fascia, 50-80€ ci sono parecchi microfoni, tutti simili a quanto pare.

      Tra tutto, quindi cavi, supporto scheda audio, non vorrei spendere piu di 150€.

      Qualche consiglio? Grazie in anticipo

      Post was edited 5 times, last by “Nerozione” ().

      CIao, benvenuto nel forum, se vuoi scrivere due righe per presentarti nell'apposita sezione, è più bello :)
      Venendo ai mic: in quella fascia i condensatori lasciano tutti molto a desiderare, aumentando un poco la spesa si fa una grossa differenza.
      Penso al Rode NT1a o ai SE di fascia bassa, siamo sui 150 euro, ma almeno iniziamo vagamente a somigliare ai mic seri.
      Valuta anche un mic dinamico, perché sotto i 100 euro avresti almeno un dinamico di buona qualità, invece di un condensatore dei più scarsi.
      Oppure se vuoi il condensatore a tutti i costi vatti a vedere qualche prova di questo cinese che ha avuto ottimi riscontri per la cifra ridicola che costa, avrà di certo anche lui i suoi limiti, ma forse è tra le scelte migliori tra i più economici, non mi stupirei se fosse meglio dell'AT2020 e dei Samson.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      I mic USB li lascerei proprio stare, non tanto per problemi di driver (che non mi risultano) ma perché in pratica integrano una scheda audio (scarsa) che ti paghi col microfono, il quale sarà un po' più caro ma non più performante.
      Meglio un mic "tradizionale" in una scheda audio, però mi sembra di capire che devi comprarla.
      La scheda audio ti dà però altri vantaggi, tipo monitorarti in cuffia come si deve, con un volume pratico da gestire, e anche collegare degli ascolti da studio, che se non hai oggi, magari potresti aggiungere un domani.
      Col mic USB risolvi il problema di registrare con un solo acquisto, ma resti sguarnito su tutto il resto, e non puoi collegarlo a nessuna scheda ma solo direttamente al pc.
      Certo il tuo budget per tutto è molto stretto, valuta il mic da 20 euro che ti ho linkato, la scheda Behringer dovrebbe fare quello che ti serve, non so poi con cosa ti ascolti ma se non hai nulla di adeguato, con 30 euro compri delle cuffie Superlux, altro prodotto con rapporto qualità-prezzo imbattibile.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Pilloso wrote:


      Venendo ai mic: in quella fascia i condensatori lasciano tutti molto a desiderare, aumentando un poco la spesa si fa una grossa differenza.
      Penso al Rode NT1a o ai SE di fascia bassa, siamo sui 150 euro, ma almeno iniziamo vagamente a somigliare ai mic seri.
      Valuta anche un mic dinamico, perché sotto i 100 euro avresti almeno un dinamico di buona qualità, invece di un condensatore dei più scarsi.
      Oppure se vuoi il condensatore a tutti i costi vatti a vedere qualche prova di questo cinese che ha avuto ottimi riscontri per la cifra ridicola che costa, avrà di certo anche lui i suoi limiti, ma forse è tra le scelte migliori tra i più economici, non mi stupirei se fosse meglio dell'AT2020 e dei Samson.


      Wow, ho provato il NW-700, e non l'800 che hai citato tu, ma ascoltando le prove su internet non pensavo ci fosse cosi poca differenza tra i microfoni sotto i 100€ e il suddetto. Forse devo lavorare di più sull'editing.

      Ad essere onesto non ho proprio cercato sopra quella fascia, ma ho letto parecchie volte il nome NT1a, che a quanto pare è uno dei migliori? Nel caso decidessi di prendere questo, o comunque qualcosa di questa fascia, dovrei anche cambiare scheda audio?

      P.S. Si hai ragione, mi scuso per la mancata presentazione
      Non ho ancora capito se una scheda audio ce l'hai oppure no.
      Se hai un ingresso XLR sulla scheda, i microfoni citati puoi collegarli tutti senza problemi.
      Il Rode NT1a è sicuramente una buona scelta nella sua fascia, standard abbastanza conosciuto e a quanto pare usato anche per fare qualche brano commerciale, seppure spendendo di più ci siano ovviamente scelte migliori, ma credimi ha già qualità sufficienti per fare lavori seri, sia di speakeraggio che musicali.
      La stessa cosa non potrei dirla degli altri modelli citati, che sono tutte cineserie, lì si fa semplicemente a gara ad azzeccare quello con meno difetti udibili, ma tutti hanno dei limiti abbastanza evidenti.
      Il Rode lo trovi anche in un bundle che ti dà già supporto e qualche altro accessorio.
      Rigorosamente obbligatorio, con questi microfoni, un filtro antipop, altrimenti rovini qualsiasi registrazione, quindi il bundle può convenirti visto che ci mettono un po' tutte cose che di certo ti serviranno incluso il filtro.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Pilloso wrote:

      Non ho ancora capito se una scheda audio ce l'hai oppure no.


      No la scheda audio non la ho, stavo pensando di acquistare questa:

      amazon.it/gp/product/B00FFIGZF…smid=A3JULAK39SLJ94&psc=1

      Oppure è "doveroso" prendere qualcosa del genere? :

      amazon.it/Focusrite-Scarlett-S…usical-instruments&sr=1-2

      Visto che sarà il primo microfono però non sono sicuro di voler prendere subito qualcosa come il Rode, visto che tutti consigliano comunque il Neewer di cui parlavi anche tu per iniziare. Anche perchè con il rode andrò a spendere sui 250€ comprendendo tutto. :wacko: :wacko:
      Potrei al massimo prendere una delle schede audio sopracitate da abbinare al NW-800 che poi cambierò con un altro microfono?

      Post was edited 1 time, last by “Nerozione” ().

      Come scheda audio non ti so dire la differenza in qualità tra le due, bisognerebbe conoscerle entrambe e lascio la parola a chi le ha magari confrontate.
      Anni fa avrei detto di evitare Behringer, ma sono salite in qualità, mentre per Focusrite questa è la fascia più bassa non paragonabile ad altri loro prodotti, immagino che queste due se la giochino quasi alla pari.
      Per le tue esigenze già con la Behringer dovresti trovarti bene, se vuoi qualche certezza in più e risparmi sul mic prendendo quello da 20 euro, potresti spingerti sulla Focusrite, valuta un po' l'insieme.
      In fondo per 20 euro se anche un giorno vuoi cambiarlo non ci rimetti una follia, e per partire riesci già a farci parecchie cose, così prendi confidenza con questa tipologia di microfoni e impari a conoscerne pregi e difetti.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      No, ci sono anche recensioni di chi ne ha di più blasonati e li ha confrontati in studio, certo non lo decretano il migliore, ma il fatto che non sfiguri troppo vicino a roba molto più costosa fa pensare che quei 20 euro li valga tutti, e non è da escludere che valga anche più di un modello da 50 o 70 euro dove i 2/3 del prezzo lo fanno il marchio e la catena di distribuzione, che per i cinesi sono passaggi saltati.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Mi avete detto anche di valutare un buon dinamico, ma è necessario visto che sarò sempre al chiuso?

      Quindi, visto che le "mezze misure" non le sto più considerando, è consigliabile prendere comunque prima il microfono da 20€ e non subito l'NT1a? O conviene aspettare un po' e prendere il rode?

      Post was edited 1 time, last by “Nerozione” ().

      1 - proprio perché sei al chiuso, in un ambiente magari non trattato a dovere, il dinamico ti mette al riparo da mille problemi di ambiente e riflessi che un condensatore capta spesso anche troppo per questioni di sensibilità.
      Idealmente l'ambiente perfetto per registare è proprio all'aperto perché non hai pareti e riflessi che disturbano (ovviamente, escludendo tutti i rumori in cui si incappa all'aria aperta).
      2 - se puoi aspettare un po', certamente è meglio spendere nel Rode, e se non hai aspettative troppo alte per te potrebbe essere veramente il mic della vita o almeno quello che ti porterai dietro per un bel po' di anni senza il dubbio continuo di doverlo cambiare. E' un mic di fascia bassa ma molto serio, adatto a fare lavori professionali, con risultati dignitosi, lo stesso non si può dire degli altri, nemmeno del Neewer naturalmente.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Beh certamente voce e genere musicale determinano la scelta del mic, comunque in quella fascia la scelta di mic indovinati non è ampissima e penso che abbia la precedenza trovare il prodotto più versatile e con una buona resa.
      I rode NT1 - NT2 mirano a imitare idealmente un grande standard che è il Neumann U87, insomma la tipologia è quella, li ho confrontati di persona (NT2a e U87ai) e il Rode non sfigura molto considerando che costa 15 volte meno.
      Ovvio sto parlando approssimativamente, un mic di qualità come il Neumann ha altri pregi che si apprezzano usandolo, ma dico tanto per capire il tipo di suono visto che stiamo parlando di quello.
      E' un mic dal suono "classico" incentrato sulle medie, con un pò di frizzantino e enfatizzazione sulle medio-alte che ne esalta le caratteristiche e mette in luce certe consonanti, è perfetto per lo speakeraggio, per le voci femminili, e anche le maschili in certi generi, credo che col rap possa cavarsela alla grande.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Ovvio che un mic da 20 euro abbia limiti, e poi è molto facile che capitino modelli difettosi, con più o meno disturbi, fa parte del gioco se si vuole prendere un giocattolo, poi c'è anche caso che quelli funzionanti abbiano dei pregi superiori a prodotti da 50 euro, che non sono poi tanto più raffinati.
      Però dovessi spenderli io, direi o dinamico (stando in uno standard tra quelli più conosciuti e affidabili) oppure un NT1a che almeno come condensatore è dignitoso sotto ogni aspetto.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Caldo rispetto a cosa? Stiamo parlando di dettagli in un campo in cui ancora devi ancora fare i primi passi.
      Il dinamico che non ti convince è invece una proposta sensata, il classico SM58 ti toglie da qualsiasi problema, una sicurezza, e ha anche il corpo necessario per sostenere la voce fino alle basse frequenze.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Intendo sempre il fatto che l' NT1-a sia incentrato sulle alte, (o e così per i rode in generale?) E volevo sapere se c'era qualcosa di più equilibrato? Comunque sia la maggior parte delle persone ne parla bene, non so se per via della campagna che può aver fatto la compagnia o cosa.

      Un altra cosa: la scheda audio ha un ruolo molto importante?
      Ne parlano bene perché va bene, non c'è campagna che tenga.
      Incentrato sulle medioalte non è una carattersistica negativa, ma bisognerebbe sentirlo per capire di cosa stiamo parlando, sono finezze, è un mic diffuso perché vale tutto quello che costa e anche di più.
      La scheda audio ovviamente conta, è un altro anello importante della catena, ma anche in questo caso per fare la differenza occorrono spese superiori, meglio fare un passo per volta, scheda Behringer o la Focusrite, e mic almeno di qualità, così ti resta.
      In futuro al limite passerai a una scheda superiore (se servisse) ma il mic ti durerà a lungo, a differenza del cinese che sarebbe solo un qualcosa per partire.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.