Consiglio acquisto microfono

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Consiglio acquisto microfono

      Buongiorno a tutti, volevo chiedere un consiglio per l'acquisto di un microfono da studio.
      Ho una stanza di circa 15,00 mq dove ho realizzato il mio home recording.
      Le pareti sono parzialmente trattate ma per registrare la voce ho realizzato una cabina con 3 pareti e chiusa sopra con del fono assorbente.
      Non faccio lavori per altri ma solo per divertirmi a registrare ciò che suono e la voce della cantante con la quale faccio dei live in duo suonando musica jazz e bossanova.
      La mia attrezzatura è la seguente:

      - Yamaha HS7
      - Focusrite Claret 4 pre
      - Focusrite Isa One
      - Microfono Shure Sm7b
      - Cavi rigorosamente Reference RM01.

      Premetto che registro solo con suoni sintetizzati (non strumenti dal vivo) e con il microfono solo la voce.

      Con lo shure, che so essere un dinamico, fino ad adesso, per quello che faccio mi trovo bene anche perchè oltre a registrare la voce della cantante, registro anche voci parlate (monologhi teatrali e cose simili)

      Non so cosa possa essere registrare con un cardiode a diaframma largo e poichè mi incuriosisce molto l'idea vorrei acquistarne uno per capire qual'è la differenza in termini di resa rispetto al mio SM7b

      Non ho un budget estremamente alto ma avevo pensato a uno di questi:

      - AKG C 314
      - Neuman TLM 102
      - SE electronics 4400a

      Voi quale consigliereste? Pregi e difetti di quelli menzionati (mi aspetto pareri da chi li conosce e li ha testati sul campo) Se avete altri marchi e modelli attendo vostri preziosi consigli.

      La domanda più importante che vi faccio essendo io un neofita dell'home recording è se conviene acquistare un microfono a diaframma largo? Sentirei la differenza rispetto al mio Shure oppure, per quello che faccio è una spesa inutile?

      Grazie e buona giornata
      Ciao, io credo che il tuo sia proprio il caso in cui un microfono a condensatore a diaframma largo ci sta, perché ampli le possibilità che oggi si restringono al tuo dinamico, che anche se molto valido, non è sempre il meglio per tutti gli impieghi.
      Il condensatore si contrappone per dettaglio e sensibilità, per apertura sulle alte, insomma si comporta diversamente e suona diversamente.
      Però tra quelli che hai citato ti consiglierei solo l'SE, gli altri sono sì validi ma in quella fascia più marchio che sostanza.
      In quel budget considera anche gli Audio-Technica 4040, 4047 e 4050, se alcuni superano la cifra valuta anche un usato.
      Un po' sotto c'è il Rode NT1000.
      Per ora mi vengono in mente questi, magari altri suggerimenti verranno da altri utenti.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      ciao
      premesso che un microfono che va bene su tutte le voci al mondo probabilmente non esiste, dovresti trovare quello più adatto alla tua voce. E potrebbe andar bene anche quello che già hai, perchè è un microfono usato molto in registrazione, e può essere d'aiuto in ambienti poco trattati, ha una buona definizione per essere un dinamico e ha le caratteristiche utili del dinamico rispetto al condensatore (meno sensibilità rispetto all'acustica della stanza).

      Di quelli citati conosco il c214 che se non sbaglio è come il c314 ma cambia la possibilità di selezionare il diagramma polare. è un microfono che risulta frizzante sulle alte frequenze.
      Grazie per gli interventi.
      Ecco, questo problema del "frizzante" sulle alte è una cosa che ho letto spesso per i microfoni a diagramma largo.
      Quindi a quanto ho capito non esiste in questa fascia di prezzo un microfono a diagramma largo che suoni caldo un pò come il mio Shure (anche se so essere un dinamico e quindi diverso per concezione)
      Ho dimenticato di dirvi che avevo un rode Nt2A e quello che usciva non mi piaceva molto, era troppo freddo, glaciale direi.
      Sarà la stessa cosa anche con uno dei microfoni che ho proposto perchè è la caratteristica del microfono a diagramma largo e cardioide?
      Sto cercando di capire se rimanere con lo shure o prendere un cardioide, sono molto indeciso.

      Musicante79 wrote:

      Ecco, questo problema del "frizzante" sulle alte è una cosa che ho letto spesso per i microfoni a diagramma largo.

      No il frizzante non c'entra né con i condensatori a diaframma largo né con la fascia di prezzo, anche se quelli economici spesso hanno delle alte un po' enfatizzate per suonare aperti, certo che se come termine di paragone hai il tuo Shure, che è un esempio molto scuretto e smorzato sulle alte, i condensatori ti sembreranno tutti freddi.
      Io pensavo proprio che per questo motivo un condensatore facesse al caso tuo, per avere un suono che si contrappone al dinamico e ti permette di avere più aria e dettaglio, ma se già un Rode NT2a ti sembra glaciale temo che la scelta diventi difficile.
      Puoi tentare con il rode NT1 (non "a") che ha delle alte più naturali e meno enfatizzate rispetto agli altri Rode, e siamo anche su un budget più contenuto di quello che ti eri prefissato, ma magari prima vedi se riesci a farti prestare qualcosa per fare delle prove e ascolti da te.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Post was edited 1 time, last by “Pilloso” ().

      Grazie per le risposte.
      Purtroppo non ho nessuno che possa prestarmeli ma per provarli devo solo acquistarli e con questo dannato covid in giro non mi va di trovarli nell'usato. Come si dice: Prevenire è meglio che curare.
      Quindi ho capito che tra quelli da me citati avrò sempre più o meno un suono simile al Rode che avevo, giusto?
      E ho capito che forse tra quelli da me proposti, prendere l'SE 4400a è il miglior prodotto qualità/prezzo, giusto?
      Ma non sai se l'SE suona come vuoi, io so solo che se ne parla bene e sicuramente sì, vale quello che costa.
      Riguardo il Covid capisco il timore ma secondo varie ricerche il virus dura sui vari materiali da un minimo di pochi minuti a un massimo di una manciata di ore, nella peggiore delle ipotesi bisogna attendere max 72 ore per un azzeramento totale della carica virale, quindi tempo di imballo e trasporto e quando ti arriva è già a posto.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Anche io opterei per un usato, lo provi per un po' e se non ti piace lo rivendi senza perderci troppo.
      Io voto per un AKG C414 ma va a gusti (se ne trovano diversi sul mercato dell'usato e si rivende facilmente se non ti piace).

      danny83 wrote:

      (...) può essere d'aiuto in ambienti poco trattati, ha una buona definizione per essere un dinamico e ha le caratteristiche utili del dinamico rispetto al condensatore (meno sensibilità rispetto all'acustica della stanza).
      E' il solito discorso... Mentre il microfono a condensatore da studio non ha un antipop interno molto efficace (per garantire la trasparenza in ogni situazione) e va usato da una certa distanza, interponendo anche un antipop esterno, il microfono dinamico si usa solitamente da vicino, quindi prende il suono diretto più forte del microfono a condensatore, a parità di riverbero ambientale: a parità di suono diretto, il riverbero ambientale del microfono dinamico, tenuto vicino, è più basso.
      Gianluca
      Youtube: goo.gl/522kv4
      Musicante79, considera che le parti principali che andranno a determinare il suono registrato sono tre: microfono, preamplificatore e convertitore AD.
      Quindi tieni anche presente, oltre al mic, il pre come elemento rilevante per caratterizzare la risposta alla sorgente e la pasta del suono. La conversione la riterrei la meno determinante, seppur importante anch'essa.
      Quindi si tratta sempre di un blend che ci darà una risultante.
      Abbina mic e pre secondo il sound che cerchi
      Ciao
      Loyuit, come indicato ne mio primo post ho un preamplificatore ISA One e poichè come specificato prima sono un neofita dell'home recording, non saprei quale potrebbe essere l'accoppiata vincente tra mic e preamp.
      Considerando che ho l'ISA ONE e che non vorrei venderlo, per avere un suono per voce maschile e femminile per genere jazz e bossanova e un pò di musica leggera (quindi niente Rock urlato) quale potrebbe essere il mic che meglio si accoppia con l'ISA ONE?
      Non posso prendere in considerazione L?AKG 414 perchè è di gran lunga superiore al mio budget. Posso spendere al max 500 euro.
      Vi ripeto che non sono esperto di mic e preamp, quindi perdonatemi se dovessi scrivere delle eresie.
      Grazie a tutti
      Ciao,
      ho letto velocemente il 3D, comunque vedo che già possiedi un ISA ONE e un SM7B quindi dinamico.

      Per quanto riguarda l'ISA ONE una delle accoppiate vincenti è proprio quella con il TLM102 che hai considerato.

      Tutto questo però deve essere valutato alla luce del suono che cerchi... mi spiego meglio.

      L'accoppiata ISA + TLM102, che io già possiedo, ti porta ad un suono molto aperto, piuttosto avanti sulle medio alte...
      Nel mio caso personale, quel tipo di suono non mi piace, preferisco i suoni più morbidi e rotondi, pertanto tendo ad utilizzare maggiormente altri preamp che ho in studio ed altri microfoni.

      Spesso uso l'ISA con microfoni dinamici con il Beyerdynamic TG69 oppure con un valvolare completamente custom realizzato da me... Devo dire che su tutto il parco microfoni, il TLM 102 è quello che rimane più tempo nell'armadio...praticamente sempre.. ma è questione di gusto.

      Quindi se quello che cerchi è un suono aperto, abbastanza "aggressive" sulle medio alte ok per l'accoppiata ISA + TLM altrimenti sono convinto che già con l'SM7B sei messo molto bene.

      Per la musica leggera ok per il TLM, se vuoi seguire un pò la "moda sonora odierna", se invece mi parli di Jazz, sul quel tipo di brani io vado di microfono a nastro e preamp rigorosamente valvolare.
      Saluti Mirco.
      ...le macchine non aggiungono nulla all'anima della musica.
      Esatto,
      la cosa importante, prima di acquistare microfoni e preamp è quella di avere in mente il tipo di suono che cerchi.

      In tempi "grassi" ho avuto la fortuna di poter acquistare un buon parco microfoni e preamp e di poter così sperimentare i vari accoppiamenti alla ricerca del suono che mi interessava.

      Nel corso del tempo, anche a fronte dell'utilizzo che abitualmente ne facevo, ho venduto ad esempio i microfoni che non utilizzavo mai, proprio perchè il loro suono non mi dava il risultato voluto. Uno fra tutti il RODE NT2-A, un microfono apparentemente ben suonante ma che poi in mix non va da nessuna parte. Ho venduto anche una coppia di AKG Perception, acquistati usati per impieghi "minori" che alla fine occupavano solo il posto nell'armadio.

      I preamp invece li ho tenuti tutti, per fortuna, proprio perchè ciascuno di essi mi offre possibilità diverse e tutti mi sono utili.
      Ad oggi il parco microfoni e preamp é così composto:

      Microfoni:
      Neumann TLM 102, condensatore a diaframma largo
      SE Electronics SE1a, coppia condensatori a diagramma stretto
      Beyerdynamic M69TG dinamico
      Shure SM57
      T-bone SCT 700 diaframma largo valvolare completamente customizzato
      Golden Age R-1 Active microfono a nastro

      Preamp:
      Focusrite ISA ONE a stato solido
      TL Audio 5051 channel strip solid state + valvolare
      Universal Audio SOLO 610 valvolare.

      Devo dire che in generale la cosa migliore è provare in prima persona, valutare e poi eventualmente liberarsi di ciò che non ti piace rivendendolo sul mercatino.

      Comunque, avendo un'idea di principio sul suono che si desidera, si può già orientare la scelta in maniera abbastanza mirata.

      Devi inoltre considerare che per registrare in generale ti serve un parco eterogeneo perchè oggi è una voce femminile, domani è una voce maschile, una chitarra, uno strumento a fiato ecc.. quindi ovviamente sarebbe opportuno avere le giuste attrezzature per far fronte alle varie situazioni.
      Saluti Mirco.
      ...le macchine non aggiungono nulla all'anima della musica.