Consiglio kit microfono sotto i 100€

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Consiglio kit microfono sotto i 100€

      Salve a tutti,

      premetto che sono un neofita assoluto in questo campo, sono in procinto di acquistare la mia prima interfaccia audio (indeciso fra Presonus Studio 68C e Focusrite Scarlett 8i6 per poter sfruttare I/O digitali) per sperimentare qualche registrazione casalinga, principalmente di chitarra e voce.

      Dato che non mi servono risultati professionali e il tutto verrà utilizzato a solo scopo "ricreativo" in ambiente non trattato, non ho intenzione di spenderci molto.

      Quello che mi interessa principalmente è acquistare qualcosa che non generi troppo rumore e che sia utilizzabile sia per la voce che per chitarra acustica ed eventualmente microfonare l'elettrica.

      Avevo adocchiato inizialmente Audio-Technica AT2020 e AKG P120, però ho visto che andando a completare il tutto con un supporto elastico e filtro antipop le cifre lievitano notevolmente.

      Per questo motivo sto prendendo in considerazione il t.bone SC450 che al prezzo dei 2 microfoni "nudi" indicati sopra è corredato di tutto il resto.
      Da alcune review lette/viste in giro mi sembra sia un buon prodotto in relazione al prezzo (ad esempio paragonato all'NW-800 che si trova a prezzi ridicoli mi sembra un altro pianeta).
      Tuttavia ho visto che su queste pagine non incontra molti favori...

      Ora il dubbio è...serve davvero uno shock-mount per un utilizzo casalingo?
      Otterrei un risultato migliore con un AT o AKG montati direttamente sull'asta o sarebbero sprecati per l'utilizzo che intendo farne ed è meglio restare low-budget ed orientarmi sul SC450?

      Altre alternative senza salire di prezzo?!

      Grazie a chiunque voglia darmi qualche dritta.
      Date queste premesse:

      Dato che non mi servono risultati professionali e il tutto verrà utilizzato a solo scopo "ricreativo" in ambiente non trattato, non ho intenzione di spenderci molto.

      Dal mio punto di vista piuttosto che comprare un microfono condensatore cheap ti consiglio l'acquisto di un solido microfono dinamico.

      Quello che mi interessa principalmente è acquistare qualcosa che non generi troppo rumore e che sia utilizzabile sia per la voce che per chitarra acustica ed eventualmente microfonare l'elettrica.

      Viste le potenziali applicazioni direi Shure SM58 o SM57.

      Rientrano perfettamente nella fascia di prezzo che cerchi, per il tipo di microfono che sono suonano discretamente bene, indistruttibili, arrivano con la clip microfonica. :)

      Consiglio kit microfono sotto i 100€

      Grazie per il consiglio.

      Sinceramente non avevo proprio pensato ad un dinamico per l'utilizzo che intendo farne...(per l'elettrica è molto più probabile che utilizzi lo speaker emulator).

      Immagino che dovrei tirare il gain al massimo per riprendere lo strumento acustico con un po' di "aria", ma a quel punto non rischio di prendere dentro tanto rumore con i pre di una scheda di fascia economica?!

      Non l'ho mai usato per registrare a casa, ma un 57 usato lo comprai da portare sempre con me quando suonavo fuori in una vita passata...poi venduto quando smisi...
      Se i prezzi non sono cambiati tanto dovrei comunque andare sull'usato per stare sotto i 100€

      Di dinamici dovrei avere ancora un vecchio JTS da qualche parte...credo fosse qualcosa di simile al Beta 58

      Def_84 wrote:



      Immagino che dovrei tirare il gain al massimo per riprendere lo strumento acustico con un po' di "aria", ma a quel punto non rischio di prendere dentro tanto rumore con i pre di una scheda di fascia economica?!

      non è un SM7 o un ribbon che ha bisogno di molto gain, non cambia nulla rispetto ad un condensatore.

      al contrario, con un dinamico avrai meno problemi con la ripresa per via del minor rientro dell'ambiente della stanza.
      Per un utilizzo casalingo qualunque microfono va bene anzi di solito più spendi più il microfono è sensibile e più è difficile far venire pulita la registrazione.

      Se proprio vuoi spendere soldi prendi un dinamico costoso, altrimenti uno economico ma il condensatore per amatori è da evitare.

      Io agli shure preferisco decisamente gli akg o i sennheiser... Guardati dei video di confronto in inglese prima di piangere una spesa frettolosa.

      In ultimo, non sottovaluttare il cavo, conviene prenderlo decente, influisce non poco sul suono

      Post was edited 3 times, last by “Simone189” ().

      Consiglio kit microfono sotto i 100€

      Grazie a tutti per le spiegazioni ed i consigli!

      Ora, prima che qualcuno pensi che mi sono fissato sull'idea del condensatore e che voglio sentirmi dire quello che mi aspetto (capita spesso sui forum), ci tengo a precisare che le domande che faccio sono per cercare di capire qualcosa di questo "mondo" che conosco poco.

      Ho ascoltato diversi video su youtube usando le mie AKG K 240 mkII (non sono il massimo, lo so, ma ho queste per adesso) spaziando fra test di microfoni dinamici ed a condensatore a diaframma sia stretto che largo e devo dire che i mic a condensatore mi danno sempre quell'impressiome piacevole di "calore e presenza" senza essere "violenti" mentre i dinamici alle mie orecchie suonano quasi "compressi e secchi" e molto "in faccia". L'ascolto di una semplice traccia di voce fatta con un mic a condensatore alle mie orecchie suona più "naturale" rispetto ai dinamici che mi sembrano più "artificiali", come se mancasse sempre qualcosa.
      Range di prezzo considerato fra i 20€ ed i 150€
      Dal t.bone MB85 Beta al Sennheiser E945 per i dinamici e dal Neewer NW-800 al Rode NT1-A per i condensatori.

      In sostanza, l'idea che mi sono fatto è che le riprese fatte con un dinamico saranno molto più facili da gestire perché ci saranno "meno cose" da gestire e quella "naturalezza" che associo al condensatore potrà essere recuperata parzialmente con un po' di effetti di ambiente.
      È per questo che consigliate i dinamici per un neofita come me?!

      Restando sulle aternative economiche...
      Purtroppo non ho trovato una prova come vorrei dei t.bone MB85 BETA ed MB75 Beta, però vedo che in tanti ne parlano bene. Da quel poco che ho ascoltato non sembrano male ma forse un po' meno "pieni" rispetto a Shure 57/58.
      Voi li consigliereste per fare un po' di home recording senza pretese o vanno bene solo per il live e per quello che vorrei fare io resta sempre meglio uno Shure?

      Pensavo che allo stesso prezzo di un SM57 potrei farci entrare un paio di "cloni" magari dalle caratteristiche complementari senza dover perdere troppo in qualità...

      Grazie a tutti quelli che vorranno intervenire

      Post was edited 1 time, last by “Def_84” ().

      A me non piace l'sm58, per me suona meglio la versione più economica della stessa marca... Funzionano entrambi.

      Definiscimi qualità...
      Se esistesse una "scala di qualità" dei microfoni allora ogni studio di registrazione ne avrebbe uno solo assoluto e userebbe sempre e solo quello.

      La verità è che solamente alcune cose con alcuni microfoni non si possono fare e altre forse si ma te che non devi scaricare le tasse o essere ingaggiato da una grande etichetta prendi quello che piace a te... Magari puoi non prendere proprio lo scarto altrimenti non ti funziona o non ti funziona bene ma non fare neanche castelli in aria.

      Def_84 wrote:

      Ho ascoltato diversi video su youtube usando le mie AKG K 240 mkII (non sono il massimo, lo so, ma ho queste per adesso) spaziando fra test di microfoni dinamici ed a condensatore a diaframma sia stretto che largo e devo dire che i mic a condensatore mi danno sempre quell'impressiome piacevole di "calore e presenza" senza essere "violenti" mentre i dinamici alle mie orecchie suonano quasi "compressi e secchi" e molto "in faccia"


      I video su gliutub potrebbero essere manipolati all'esigenza, poi c'è la conversione audio per renderli non troppo pesanti, poi arriva da te e passa nelle "tue" catene audio, e potrebbe cambiare ancora!
      Morale: lasciano il tempo che trovano e non sempre sono veritieri della realtà!

      Il calore e la presenza in genere viene creata dopo, ma come ti è stato già detto un condensatore cattura più "aria", e se l'aria è inquinata di conseguenza avrai una traccia inquinata.
      Per registrazioni ottimali non basta comprare il microfono, ma avere la fortuna (a volte capita) di avere un ambiente adeguato alla registrazione, altrimenti bisogna adeguarlo.
      Quindi, se vuoi la registrazione amatoriale per buttare giù le idee e fare dei memo, va bene spendere poco, e puntare sul dinamico.
      Per quelle più evolute sei assolutamente fuori budget, non sono di soldi ma anche (e soprattutto) di esperienza necessaria per avere un prodotto all'altezza.
      Resistance... is futile. We are KORG, so you'll be synthetized!
      Considera che tutti i dinamici attorno ai 100 euro, come gli Shure SM57 e 58 sono prodotti professionali e di riferimento. Con poco più di 300 euro già compri i dinamici più costosi e sofisticati sul mercato.
      I condensatori invece sono molto più complessi e se parliamo di prodotti professionali, considerati riferimenti, siamo sicuramente sopra i 1000 euro, per arrivare a dei top di gamma che costano diverse migliaia di euro.
      Se la vediamo in questa ottica, è facile capire come un condensatore sotto i 100 euro non possa che essere un giocattolo, così come lo sarebbe un dinamico da 10 euro, praticamente il microfono del Cantatu.
      Certo funzionano, ma con molti limiti che emergono non appena ci metti le mani in mix, perché certe frequenze sono carenti, non si riescono a equalizzare, anche se sulle prime perfino un Neewer ti può dare l'idea di apertura e trasparenza, in realtà è tutto artefatto e pompato elettronicamente proprio per rendere quella sensazione molto diversa dai dinamici che tutti conosciamo, così da sembrare più reattivo e performante di un mic comune, in realtà è una cadrega.
      Tra i condensatori più economici, i primi a risultare un minimo dignitosi sono proprio i Rode NT1 (o NT1a) e proprio per questo vengono spesso consigliati come base di partenza per chi comincia.
      Sotto di quelli è veramente difficile trovare un microfono a condensatore valido, quei 50-70 euro in meno fanno veramente una grossa differenza in termini di qualità dei componenti e resa.
      Se puoi arrivare ai 150 del Rode e sei convinto per un condensatore, allora può avere un senso.
      Se il budget deve fermarsi a 100 e vuoi un buon microfono che fa il suo lavoro anche in un ambiente non trattato, vai per un SM58.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Considera pure che l'SM58 per la voce viene sempre aggiustato con l'equalizzatore. Per un uso ravvicinato, in un mixer classico la manopola dei bassi va a circa -8dB e quella degli alti a circa +2dB. Con questo ti voglio dire che in qualunque video su Youtube o altra registrazione dimostrativa non ascolterai mai il suono del microfono così com'è, perché non sarebbe il suono che ti aspetti, quello che sei abituato a sentire quando un cantante famoso canta con quel microfono, ma molto meno bello. L'SM58, d'altra parte, è un microfono che nacque circa mezzo secolo fa per un uso generale, seppure con una risposta in frequenza modellata con caratteristiche specifiche per la voce. Se fosse stato pensato solo per voce dal vivo, le basse frequenze sarebbero state molto attenuate per compensare l'effetto prossimità, invece le hanno lasciate per permetterne l'uso per la ripresa di strumenti musicali.
      Il Rode M1, per esempio, è, viceversa, pensato esplicitamente per la voce ed è già tagliato alle basse frequenze. L'M1, all'occorrenza, puoi collegarlo a una cassa attiva senza alcuna equalizzazione e la voce esce bene; nelle stesse condizioni, l'SM58 esce gonfio e pieno di "pop".
      Gianluca
      Youtube: goo.gl/522kv4

      Post was edited 1 time, last by “Datman” ().

      Simone189 wrote:


      ..
      Definiscimi qualità...
      Se esistesse una "scala di qualità" dei microfoni allora ogni studio di registrazione ne avrebbe uno solo assoluto e userebbe sempre e solo quello.


      Mi riferivo alla qualità della registrazione.
      Non mi serve qualcosa tipo studio professionale ma vorrei evitare di prendere qualcosa inutilizzabile perché magari genera rumori strani o prendere qualcosa di sbagliato per l'utilizzo che ne devo fare.

      Come quando comprai la mia prima chitarra elettrica, cercai qualcosa da non spendere troppo, ma che almeno non avesse tasti "che friggono" e che stesse bene accordata, in caso contrario, da neofita, mi sarei subito scoraggiato.

      Vedo che mi parlate di varie correzioni da fare a livello di mix, ma io non ho la più pallida idea di come metterci le mani, non ho nemmeno mai aperto una DAW e so a malapena cos'è un plugin...
      Probabilmente col tempo magari imparerò a metterci le mani, ma per ora per me ha poco senso parlare di questo.

      Non per nulla, se guardate il mio primo post chiedevo semplicemente se fosse o meno necessario utilizzare uno shockmount proprio perché volevo capire da voi esperti se mi conveniva investire più sul microfono e lasciare perdere il sostegno o se questo petesse inficiare la regstrazione prendendo dentro rumori o disturbi vari generati dalle vibrazioni.

      Io vengo dal mondo dell'automotive...il paragone è quello di mettere il motore da 200cv su una panda lasciando la meccanica originale...non ha senso...meglio un motore da 150cv ma su un telaio rinforzato e con sospensioni e pneumatici adatti. E soprattutto meglio investire 500€ in un corso di guida che in un terminale tamarro.

      Per questo motivo mi ero orientato verso un mic a condensatore perché mi sembrava la cosa più semplice: full range e risposta piatta, prende quello che succede così com'è. Job done.

      Ma mi avevte fatto capire che in un ambiente non trattato potrebbe essere un problema. (..ammesso che io sia in grado di percepire questa differenza...)

      Quindi, meglio tornare con i pedi per terra.

      Detto questo vi ringrazio per tutti i Vostri interventi, mi state dando un sacco di informazioni interessanti.

      Simone189 wrote:

      @Def_84 se proprio ami il suono del condensatore compra questo.

      m.thomann.de/it/zoom_h1n.htm?o=4&search=1604744792

      (è pure stereo) Per un condensatore equivalente per la musica ti chiedono una marea di soldi e ci sono passato da poco, perché il condensatore largo è soprattutto uno status.
      Interessante...

      Ma dovrei registrare su sd e ogni volta importare la traccia su una eventuale DAW?

      Simone189 wrote:

      @Def_84 se proprio ami il suono del condensatore compra questo.

      m.thomann.de/it/zoom_h1n.htm?o=4&search=1604744792

      (è pure stereo) Per un condensatore equivalente per la musica ti chiedono una marea di soldi e ci sono passato da poco, perché il condensatore largo è soprattutto uno status.

      Scusa la franchezza ma non ho capito il senso del consiglio, né la considerazione sui condensatori, lo trovo un post molto fuorviante.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Pilloso wrote:

      Simone189 wrote:

      @Def_84 se proprio ami il suono del condensatore compra questo.

      m.thomann.de/it/zoom_h1n.htm?o=4&search=1604744792

      (è pure stereo) Per un condensatore equivalente per la musica ti chiedono una marea di soldi e ci sono passato da poco, perché il condensatore largo è soprattutto uno status.

      Scusa la franchezza ma non ho capito il senso del consiglio, né la considerazione sui condensatori, lo trovo un post molto fuorviante.


      se è per questo io trovo che tu non hai orecchio ma sono mie considerazioni personali e come tali vanno prese.

      Mi hai consigliato un microfono a condensatore "meno squillante" che è più squillante di quello che volevo comprare io...

      Post was edited 1 time, last by “Simone189” ().