Microfono per registrare la voce lirica con zoom h6

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Microfono per registrare la voce lirica con zoom h6

      Buonasera, spero sia il luogo giusto per porre questa domanda.
      Sono alla ricerca di delucidazioni su quale microfono sia più adatto a registrare la voce di un cantante lirico, in un ambiente molto ampio, quasi praticamente una sala di registrazione orchestrale. Detto ciò io possiedo al momento un registratore zoom H6, e informandomi sul web ho visto che con un budget di 350 euro la soluzione più ottimale possa essere un microfono a diaframma largo.
      Ora, i miei dubbi sono:
      • collegare un microfono a diaframma largo alla mia zoom H6 ha senso ai fini di qualità sonora? o dovrei prendere un diverso preamplificatore?
      • quale tipologia di microfono a diaframma largo mi consigliate e se avete dei modelli che ritenete validi al mio scopo quali sono?
      Grazie mille a chi mi potrà rispondere!!!
      Se il budget è di 350 euro non ha senso parlare di preamplificatori, meglio investire tutto nel microfono.
      Non so che scopo ha la registrazione, la finalità insomma, immagino non un lavoro di rilievo.
      La qualità ovviamente richiede una catena audio con tutti elementi all'altezza, lo Zoom non credo eccella come preamp e convertitori, d'altronde un microfono per quel budget sarà commisurato.
      Sicuramente un condensatore a diaframma largo, a quel prezzo si potrebbe tentare con un Audio Technica 4040 usato (nuovo sui 400).
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      nella ripresa della voce lirica l'ambiente è fondamentale in quanto la voce "corre" nell'ambiente e si arricchisce con le sue risonanze armoniche.

      una voce lirica ripresa in close mic è secca, spesso quasi sgradevole.

      la spiccata caratterizzazione formantica della proiezione vocale lirica necessita quindi delle risonanze ambientali.

      io rimarreri su di una ripresa con due microfoni XY, non è escluso che quelli in dotazione all'H6 alla fine possano darti risultati migliori di un solo diaframma largo di migliore qualità ma utilizzato male.
      Purtroppo il mic xy in dotazione con l'H6, fa sentire la voce distante, e non risalta le armoniche della voce, quasi non rispondesse alla frequenza specifica della voce.
      Poi forse è solo una mia impressione.

      Ma a volte sembra che il registratore del telefono le risalti più del mio zoomH6, poi invece quando devo registrare uno strumento sono abbastanza soddisfatto della qualità audio.

      Non è escluso comunque che io mi possa affidare anche ad un preamplificatore esterno, in verità vorrei spendere max 350 per un mic, poi posso valutare altre componenti.

      Poi per l'utilizzo sicuramente non lo userò per fare un disco, ma sicuramente per concorsi e per pubblicazioni, senza troppe pretese, ma con una buona naturalezza

      Post was edited 1 time, last by “Giginooo” ().

      Un preamp che ti faccia fare un salto di qualità può avere costi importanti, e in quella situazione lo collegheresti in ogni caso al preamp dello Zoom, che a modo suo continuerebbe a influire sul segnale, i convertitori restano quelli, insomma tanti fattori per cui eviterei di complicare le cose, ti conviene mantenere la comodità di quella portabilità e investire su un microfono di discreta qualità, poi a seconda della voce e di come suona la stanza, dovrai fare più prove a diverse distanze, secondo me dal metro in su.
      Se tu conoscessi qualcuno in zona che possa prestartelo per un giorno, ti toglieresti molti dubbi, fosse anche un comunissimo Rode NT1 o similari, almeno per capire come reagisce un diaframma largo in genere, dopo di che potresti pensare al mic giusto da comprare.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Si diciamo che la mia idea era quella di partire da un buon microfono, poi se è cosa cominciare a pensare piano piano ad una buona catena, ma per adesso mi potrei accontentare.
      Ho pensato anche io di provare prima come risponde un microfono di quel tipo, ma in questo periodo anche se sto a Bologna è complicato trovare ciò che cerco, comunque adesso valuto i mic che mi hai proposto e mi faccio un idea.
      Grazie mille intanto, poi se avete altri consigli li accetto molto volentieri!

      Giginooo wrote:


      Grazie mille intanto, poi se avete altri consigli li accetto molto volentieri!

      due superlux Pro238 Mk2 ne ho giusto in vendita una coppia ed in passato li ho utilizzati proprio per questo tipo di riprese.
      membrana da 1" in un corpo stage e pronto accomodo li colleghi allo zoom, poi più aventi prendi un preamplificatore.

      Giginooo wrote:

      Leggo che l'SM94 è consigliato maggiormente per gli strumenti...

      Probabilmente perché non è perfettamente lineare, ha una sua personalità, ma non credere che altri microfoni a 100~200€ ti garantiscano una risposta migliore e, comunque, una risposta un po' modellata può essere piacevole.

      Considera che una buona parte del costo di un buon microfono sta nel garantire la costanza della risposta fra tutti gli esemplari prodotti: più sono economici, più ci sono differenze fra uno e l'altro. Se ci fai caso, ci sono diversi produttori di microfoni poco costosi che vendono anche i microfoni a coppie ("matched pair") comunque a buon prezzo, mentre ciò è ben più raro fra produttori più rinomati, oppure una coppia di microfoni abbinati è molto più costosa di due microfoni, perché l'abbinamento è fatto con estrema pignoleria. Nel caso dei classici Shure, se acquisti due microfoni dello stesso modello le differenze nella risposta fra loro e rispetto a quella dichiarata sono modeste, mentre se acquisti microfoni di marche economiche non è dato sapere quanta differenza ci possa essere fra gli esemplari prodotti e rispetto alla risposta dichiarata. Nota che "cineserie" sono vendute anche da produttori famosi nelle serie economiche.

      Circa 30 anni fa acquistai una coppia di SM94 e mi sono sempre piaciuti molto. Ricordo che, giovane e inesperto, quando andai ad acquistarli il negoziante ne aveva uno solo e cominciai acquistando quello, per non tornare a casa a mani vuote. Il secondo lo acquistai circa una settimana dopo. Guardando dentro, poi, mi resi conto che usavano transistor diversi e c'era anche qualche piccola differenza interna nella meccanica, nel corpo. La risposta, però, è praticamente identica! Inoltre gli SM94 hanno un'isolamento dai rumori di maneggiamento che non ho mai riscontrato in altri microfoni con direttività cardioide (gli omnidirezionali sono intrinsecamente quasi insensibili ai rumori di maneggiamento). La massiccia capsula electret, infatti, è sospesa su tre tubetti di gomma lunghi circa 3cm che la isolano perfettamente. Ormai sono fuori produzione; a vederla, però, non mi piace tanto la risposta dell'SM137 e del KSM137, seppure un po' più silenziosi dell'SM94 (ma più economici).
      La performanza mi fa dubitare della sapienza.
      Gianluca

      Youtube: goo.gl/522kv4

      Post was edited 1 time, last by “Datman” ().

      Immagino che sia per la questione che dovrebbero essere presi a coppia per farli lavorare bene.
      Secondo te è una spesa eccessiva anche in termini di qualità?
      Perché cercando in qualche altra conversazione gli Haun sembra che ricordino molto gli shoeps, che sono ottimi per le registrazioni liriche vocali e classiche in generale.
      Se vuoi fare riprese stereo, puoi prendere in considerazione un Audio Technica AT825 usato (è fuori produzione). Nel Giugno 2018 mi trovavo in vacanza a Parigi: lo trovai su ebay e lo acquistai di persona a 120€ davanti al Louvre. :) Purtroppo, però, al momento non ne vedo in vendita a un prezzo simile.
      La performanza mi fa dubitare della sapienza.
      Gianluca

      Youtube: goo.gl/522kv4

      Post was edited 1 time, last by “Datman” ().

      Giginooo wrote:

      Chiedendo sul sito di Thomann, mi hanno consigliato questo mic:
      m.thomann.de/it/haun_mbc_440.htm
      Conoscete? Cosa ne pensate?

      Ti hanno consigliato bene. Sono i migliori microfoni nel mercato, considerando il rapporto qualità prezzo. Sono gli MBHO, ora chiamati solo Haun, il cognome del titolare. Nessuno li compra perché non sono ne costosi ne economici, e lo zero marketing li rende praticamente irrivendibili. Suonano molto ma molto bene. Sono garantiti a vita. Però prenderei l'omni.