Shure SM 57 forse lo amerai di più ...

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Shure SM 57 forse lo amerai di più ...

      Forse uno dei microfoni più usati, in assoluto è proprio lo Shure SM 57 con le sue varianti e declinazioni dal SM 58 all SM7B passando dai vari 55 SH a 545 SD etc ...
      la storia di questo microfono la potete leggere qui :
      shure.com/en-MEA/performance-p…the-history-and-the-facts
      Quello di cui voglio parlarvi è altro. Di come suona.
      Partiamo dall' Unidyne III la versione SM 57 del 1959 (dopo 3 anni nasce la serie SM) la capsula è la stessa, sempre quella ma cosa fà diverso il suono da un microfono del 1959 o meglio del 1962 a un SM57 comprato oggi dopo 59 anni ? Perchè, giustamente, si considera l'SM57 Unidyne III made in USA meglio "suonante" degli attuali ? avendo la stessa capsula ?
      Il primo fattore è dato dalla vetustà. Un microfono che ha lavorato tanto ha una risposta più lenta ai transienti e risulta più dolce e piacevole e perde una certa asprezza ma la vera differenza è nel trasformatore.
      Il trasformatore dei modelli messicani è molto diverso da quelli made in USA, vuoi per una maggiore economia di scala (L'SM57 doveva ed è inserito nella fascia più economica della proposta Shure) vuoi per la difficoltà a reperire alcune materie prime il suo trasformatore è stato cambiato.
      Queste osservazioni ma hanno spinto ad alcune considerazioni che sono :
      Come suonerebbe un SM57 col trasformatore originale ?
      Come suonerebbe un SM57 moderno dopo 1000 ore di uso "pesante" ?
      Come suonerebbe un SM57 moderno senza trasformatore ( 545 SD ) ?
      Ho inziato a darmi delle risposte alla prima domanda e sono entrato nell loop del modding del SM57, complici alcuni utenti di GearSpace che hanno stimolato la mia curiosità mi sono insinuato in un percorso iniziatico di conoscenza e pratica che prevede un non ritorno.
      Esistono diverse tipologie di modding dell SM57 che possiamo riassumere in 3 fattispecie:
      Eliminazione del trasformatore (la più nota ed abusata)
      Eliminazione della protezione della copertura della capsula (la meno nota e meno performante)
      La sostituzione del trasformatore con trasformatori ricreati simili agli originali o completamente riprogettati per (in teoria) migliorare le prestazioni e dare colori diversi al microfono.
      Di tutte queste modifiche esistono poi almeno due varianti di cambio timbro che non prevedono nessuna modifica ma l'utilizzo dei cappucci stopwind per mitigare le alte frequenze e che si possono provare sia sui microfoni nuovi che su quelli moddati o vintage.
      Shure A2WS, la protezione standard che ha un leggero impatto sulle alte frequenze o la Shure A81WS che diminuendo in modo importante le alte frequenze ne restituisce un suono più caldo.
      Sono stratagemmi usati sopratutto da chi usa questo microfono per le voci.
      Non sono interessato ad approfondire il discorso dei microfoni senza trasformatore poichè l'eliminazione del trasformatore comporta il rischio di bruciare la capsula se per sbaglio si attiva la Phantom e comunque si perdono circa 10 db di guadagno ( a parte una versione particolare di eliminazione del trasformatore sostituendolo con un piccolo circuito elettrico per recuperare questi 10 db ma rende obbligatorio l'uso della Phantom per alimentare il circuito fatto da Crimson Audio)
      E veniamo alla sostituzione del trasformatore dell SM57.
      Esistono diverse aziende in america che offrono questo servizio, le più quotate sono :
      TAB Funkenwerk
      Crimson Audio con la Serie Orange e Yellow, il primo più incentrato sulla ricerca del suono originale, il secondo con una maggiore presenza nella fascia alta per i cantanti.
      TAB Funkenwerk è forse il modding più diffuso, le differenze sono minime rispetto a un nuovo SM57 ma importanti.
      Crimson Audio con il suo Orange ha invece puntato a una più fedele riproduzione quindi con un risultato più consistente allargando sia in alto che in basso lo spettro di frequenze gestite aumentando l'intelligibilità e togliendo l'asprezza nelle alte frequenze e aumentando il calore in basso senza farlo diventare fangoso.
      Dopo diversi ascolti di take sui vari social, confronti con utenti vari ho deciso di procurarmi questa versione.
      Non ho un SM57 (negli anni ne ho avuto diversi e l'ultimo l'ho ceduto pochi mesi fà non pensando di poterlo utilizzare per un confronto) a breve faro una prova con un SM57 Unidyne III degli anni 90, intanto vi anticipo alcune riflessioni dopo alcune prime prove.
      Ci vuole un Pre robusto e ho un pre tolto da un mixer degli anni 70 copia di un Telefunken che spinge.
      Prove fatte sulla mia voce e su una chitarra Folk.
      Sulla voce : Chiaro, trasparente, presente (ho una voce tendenzialmente bassa) i medi spingono in avanti e durante l'ascolto in cuffia mi veniva il dubbio se stavo usando un condensatore, e no, è proprio un dinamico, l'effetto di prossimità è più smorzato rispetto ai nuovi SM57 ed'è più sfruttabile (per le alte frequenze, a parte l'eq ho sempre l'opzione di provare i due stopwind shure).
      Sulla chitarra con corde in metallo, contando che è un dinamico non l'ho posizionato al 14° tasto ma molto più vicino alla buca anche qui un risultato eccellente.
      Buono, eccellente ... ma rispetto a cosa ? Stiamo parlando dell'SM57 moddato verso il nuovo non moddato ?
      No intendo anche rispetto a microfoni a condensatore di medio livello che richiedono posizionamenti più precisi e interventi di eq e dinamica molto mirati ...
      Presto vi metterò qualche take,quando avrò finito di giocare e inizierò a ragionarci seriamente ...
      Per adesso ci prendo le misure e me lo godo così ...
      Infine, sui social si trovano diverse configurazioni di Eq per avvicinare il suono dell'SM57 a quello dell SM7B, funziona ? non funziona? se volete provare questi sono i parametri da modificare ...:
      10,5 Khz -4 Db 5Q
      6,4 Khz - 5 Db 5Q
      4,2 Khz - 3 Db 1Q
      100 Hz + 2 Db 1,5Q
      Passa Alto 80 Hz + 6 Db con pendenza 6

      queste le immagini dell'esemplare in mio possesso :

      ibb.co/Vjysbfp

      ibb.co/gPMLfVN
      ... penso che un sogno così non ritorni mai più !

      Post was edited 6 times, last by “AlessioBlve” ().

      Interessante Alessio, avrei una domanda: come si riconosce un SM57 Unidyne III degli anni 90?
      Io ne ho comprati un paio a fine anni '90, usati davvero poco, ho ancora le scatole da qualche parte, ma ero convinto che non fosse cambiato nulla da allora a oggi.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Alessio, io posseggo un 545d unidyne III vecchissimo...un ricordo di un amico che non c'è più...suona malino però...credo abbia anche preso innumerevoli colpi...si può metterci mano e soprattutto ne varrebbe la pena? Non so se può essere utile nella discussione ma vi segnalo questo( su youtube) : Ari Hest The green room sessions ep. Fatto tutto dall'artista medesimo in casa sua con garage band, una scheda m-audio, acustiche,elettriche,voce etc....tutto registrato con un sm 57. Il risultato vi stupirà. Poi lui è bravo e questo magari fa un pò...di differenza.
      Ciao Beatnik, il 545 è praticamente un SM57 unidyne senza trasformatore, quindi il problema è della capsula, il valore della sostituzione della capsula non è elevatissimo ma cambia irrimediabilmente il suono, non tanto come timbro, le vecchie e le nuove capsule sono sempre le stesse ma la differenza la fà il fatto che ha lavorato molto e il suono si è addolcito ... Personalmente terrei quel microfono come ricordo e ne prenderei uno nuovo ...
      ... penso che un sogno così non ritorni mai più !