AKG c414 B ULS

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      AKG c414 B ULS

      Premesso che non'è in produzione da tantissimi anni, quelli che si trovano in giro, a parte il prezzo, sono spesso frusti (usati molto) spompi e poco performanti ... esistono alternative con una sonorità riconducibile a questo microfono ? i Nuovi XLS sono a dir poco "diversi" in peggio, e le varie emulazioni sono, nel migliore dei casi, pietose o si rifanno ai modelli EB che con l'ULS centrano poco...
      ... penso che un sogno così non ritorni mai più !
      Io ho letto, molto di recente, che AKG ha silenziosamente cambiato qualcosa nella produzione dei nuovi 414 (prodotti, credo, dopo il 2010), e che un XLS nuovo dovrebbe suonare meglio del precedente, meno 'storto' ed aggressivo su medie e medio alte, e più vicino a un B-ULS. Però non mi rischierei di comprarne uno per fare la prova... magari se hai l'occasione provalo.
      Comunque, il mio B-ULS è abbastanza lineare, con un certo bump attorno ai 100-200Hz che lo rende un pò 'velato', ma non so se è per via dell'età, perchè anche gli altri B-ULS che ho sentito in rete hanno questa caratteristica.
      Sulla voce, come microfono lineare, preferisco il TLM193 che ho preso di recente, anche se l'ho preso più per gli strumenti che per la voce, e inoltre è solo cardioide.
      Con poca spesa, potresti provare uno dei nuovi austrian audio, se poi ti basta il solo cardioide puoi risparmiare un bel po', c'è l'OC18 oppure è appena uscito l'OC16, a circa 350 euro: un pelo di self noise in più, diversa sensibilità ma stessa capsula, dovrebbe essere molto simile. Avrà un pelo di presenza in più sulle alte rispetto al B-ULS, ma visto come equalizzi il B-ULs non credo proprio che ti darà fastidio. Austrian Audio come probabilmente saprai è una ex-fabbrica AKG con ex-dipendenti AKG.
      simonluka, ho provato i CC8! anche se purtroppo molto brevemente. Per farla breve, come overhead personalmente li preferirei ai KM184, sono veramente pieni e lineari. Non ho potuto provarli abbastanza a lungo, ma l'unica cosa che non mi è piaciuta sono i bassi leggermente gonfi e il notevole effetto prossimità. In alto invece piacevoli e lineari, e ottimi sia nel medium range che come risposta fuori asse (bella e lineare). Bene anche sui transienti. Nel complesso un ottimo microfono, peccato per quei bassi un po' gonfi e l'effetto prossimità marcato. Prendile comunque come impressioni superficiali perchè non li ho provati estensivamente. La prima l'impressione è che sono quasi l'esatto opposto dei 184, in un certo senso: infatti i 184 sono enfatizzati in alto e 'svuotati' in basso, se non ricordo male dai 100Hz in giù (ma se guardi il grafico della risposta in frequenza pubblicato da neumann, rende perfettamente l'idea).
      Considerando che gli OH sono collocati a una certa distanza dal set, potrebbero essere un leggero passo in avanti rispetto ai Line Audio CM4 (per l'uso come overhead) ma ripeto... non ci sono arrivato.

      gobbetto wrote:

      simonluka, ho provato i CC8! anche se purtroppo molto brevemente. Per farla breve, come overhead personalmente li preferirei ai KM184, sono veramente pieni e lineari. Non ho potuto provarli abbastanza a lungo, ma l'unica cosa che non mi è piaciuta sono i bassi leggermente gonfi e il notevole effetto prossimità. In alto invece piacevoli e lineari, e ottimi sia nel medium range che come risposta fuori asse (bella e lineare). Bene anche sui transienti. Nel complesso un ottimo microfono, peccato per quei bassi un po' gonfi e l'effetto prossimità marcato. Prendile comunque come impressioni superficiali perchè non li ho provati estensivamente. La prima l'impressione è che sono quasi l'esatto opposto dei 184, in un certo senso: infatti i 184 sono enfatizzati in alto e 'svuotati' in basso, se non ricordo male dai 100Hz in giù (ma se guardi il grafico della risposta in frequenza pubblicato da neumann, rende perfettamente l'idea).
      Considerando che gli OH sono collocati a una certa distanza dal set, potrebbero essere un leggero passo in avanti rispetto ai Line Audio CM4 (per l'uso come overhead) ma ripeto... non ci sono arrivato.


      Uhm... Cavolo, rimango un po' perplesso. Purtroppo sono microfoni che non si trovano facilmente in giro, per cui è praticamente impossibile provarli prima di acquistarli (che sarebbe cosa buona e giusta).
      Non vorrei che gli facessi fare un acquisto azzardato.
      In effetti lui è abituato al classico 184, ma è pur vero che percorrere strade nuove non fa mai male. In fondo, prendendoli da Thomann, si possono sempre restituire.
      Vabbè, vedremo.
      Potresti spiegarmi cosa intendi per "non ci sono arrivato"? Nel senso che non sei riuscito ad ottenere lo stesso risultato ottenuto con CM4?
      ho trovato questa informazione senza apprfondimenti
      nuova versione C 414 XLS
      vecchia versione C 414B XLS
      sembra che qualche anno fa (circa 2010/2011) il C 414B XLS sia stato aggiornato, non trovo riferimenti, la versione attuale è la C 414 XLS (senza la lettera B)
      ... penso che un sogno così non ritorni mai più !

      Post was edited 1 time, last by “AlessioBlve” ().

      no, no, nel senso che li ho provati per poco tempo, e non come overhead. E quindi non li ho confrontati ai CM4.
      Come al solito bisogna intendersi quando si parla di microfoni, anche criticamente. Ripeto, sono degli ottimi mic, ma vanno usati da quello che ho potuto ascoltare, con un po' di distanza dalla fonte. Quindi, penso sarebbero ottimi come OH, come mic spot sui pezzi della batteria non credo.
      Se il batterista è abituato ai 184 nel senso che gli piacciono e cerca quel suono, allora non vedo perchè cambiare, specialmente per dei microfoni che sono abbastanza diversi sia in alto che in basso. Per me, se mi regalano dei 184 me li vendo l'indomani... magari per lui sono esattamente quello che cerca, che ti devo dire? :D
      I CC8 sono microfoni lineari, equalizzati in free field ma con un leggero lift sugli alti (a mala pena percepibile), quindi casomai vanno paragonati con microfoni con una curva di eq simile, come appunto i Line Audio CM4. La prima domanda è: vuoi microfoni equalizzati in free field (lineari) o in diffuse field (enfasi sugli alti)? Se preferisci questi ultimi per un determinato uso che ti proponi di farne, allora i CC8 non sono chiaramente la strada da seguire, e lo stesso vale per i CM4 (che hanno addirittura anche un pelo di roll-off sulle altissime, a differenza dei CC8). Sono proprio mic diversi, servono a scopi diversi, oppure rispondono a gusti diversi. Dei 184 non mi piace quello 'svuotamento' in basso (mancanza di corpo), che però potrebbe tornare utile se, viceversa, fai una microfonazione in stretta prossimità. Non mi piace nemmeno il loro lift sugli alti, non perchè sono contrario per principio al lift sugli alti, ma perchè dipende da COME è fatto, da come suona. Per me: U67 sì, AKG C460 sì, KM184 no, Oktava 012 bleah.
      Ma sono ovviamente pareri e gusti personali.

      AlessioBlve wrote:

      ho trovato questa informazione senza apprfondimenti
      nuova versione C 414 XLS
      vecchia versione C 414B XLS
      sembra che qualche anno fà il C 414B XLS sia stato aggiornato, non trovo riferimenti, la versione attuale è la C 414 XLS (senza la lettera B)


      sì infatti Alessio, anche a me sarebbe piaciuta qualche info più precisa. Se cerco entrambi i nomi, comunque vengono fuori microfoni che mi sembrano esteriormente indistinguibili.
      Ma a te il mic serve multi-pattern?
      Mo' dico una roba un po' forte... non sono mai stato un fan di Warm Audio, ma anche loro fanno il WA-14 che spacciano per replica della versione vintage, con tanto di riproduzione della capsula storica.
      Ok, chiaro, è un clone, e WA non fa imitazioni così fedeli... ma non potrà essere più distante dall'originale di un AKG nuovo... almeno il WA prova a imitarlo, il vintage...
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      invece... @simonluka , non fare troppo affidamento su quello che ti dicevo sugli Se electronics SE8. Li ho provati ordinando un usato su amazon, e secondo me avevano qualcosa che non andava (un indizio è che avevano un self noise diverso tra di loro... cosa strana per microfoni venduti in coppia, anche se non matchati). Inoltre li ho provati su applicazioni specifiche che mi interessavano, anche come spot mic sulla batteria, ma non come overhead.
      Ho sentito delle registrazioni di classica fatte con gli SE8 messi a paragone con i 184... assolutamente paragonabili, mi hanno impressionato. Secondo me quelli che ho provato io non erano buoni esemplari. Oggi come oggi li riproverei. E sono mic un po' più chiari dei CC8 e più vicini ai 184 come voicing.
      Poi per fortuna thomann e amazon non fanno storie per i resi.

      gobbetto wrote:

      no, no, nel senso che li ho provati per poco tempo, e non come overhead. E quindi non li ho confrontati ai CM4.
      Come al solito bisogna intendersi quando si parla di microfoni, anche criticamente. Ripeto, sono degli ottimi mic, ma vanno usati da quello che ho potuto ascoltare, con un po' di distanza dalla fonte. Quindi, penso sarebbero ottimi come OH, come mic spot sui pezzi della batteria non credo.
      Se il batterista è abituato ai 184 nel senso che gli piacciono e cerca quel suono, allora non vedo perchè cambiare, specialmente per dei microfoni che sono abbastanza diversi sia in alto che in basso. Per me, se mi regalano dei 184 me li vendo l'indomani... magari per lui sono esattamente quello che cerca, che ti devo dire? :D
      I CC8 sono microfoni lineari, equalizzati in free field ma con un leggero lift sugli alti (a mala pena percepibile), quindi casomai vanno paragonati con microfoni con una curva di eq simile, come appunto i Line Audio CM4. La prima domanda è: vuoi microfoni equalizzati in free field (lineari) o in diffuse field (enfasi sugli alti)? Se preferisci questi ultimi per un determinato uso che ti proponi di farne, allora i CC8 non sono chiaramente la strada da seguire, e lo stesso vale per i CM4 (che hanno addirittura anche un pelo di roll-off sulle altissime, a differenza dei CC8). Sono proprio mic diversi, servono a scopi diversi, oppure rispondono a gusti diversi. Dei 184 non mi piace quello 'svuotamento' in basso (mancanza di corpo), che però potrebbe tornare utile se, viceversa, fai una microfonazione in stretta prossimità. Non mi piace nemmeno il loro lift sugli alti, non perchè sono contrario per principio al lift sugli alti, ma perchè dipende da COME è fatto, da come suona. Per me: U67 sì, AKG C460 sì, KM184 no, Oktava 012 bleah.
      Ma sono ovviamente pareri e gusti personali.


      Si, sono assolutamente d'accordo.
      Vedremo il da farsi. Grazie! :love:

      gobbetto wrote:

      invece... @simonluka , non fare troppo affidamento su quello che ti dicevo sugli Se electronics SE8. Li ho provati ordinando un usato su amazon, e secondo me avevano qualcosa che non andava (un indizio è che avevano un self noise diverso tra di loro... cosa strana per microfoni venduti in coppia, anche se non matchati). Inoltre li ho provati su applicazioni specifiche che mi interessavano, anche come spot mic sulla batteria, ma non come overhead.
      Ho sentito delle registrazioni di classica fatte con gli SE8 messi a paragone con i 184... assolutamente paragonabili, mi hanno impressionato. Secondo me quelli che ho provato io non erano buoni esemplari. Oggi come oggi li riproverei. E sono mic un po' più chiari dei CC8 e più vicini ai 184 come voicing.
      Poi per fortuna thomann e amazon non fanno storie per i resi.


      Ma certo. In effetti li avevo consigliati nei primi post di questo 3D, proprio perché li ho sentiti sia sulla registrazione di un'acustica che su una di batteria (usati ovviamente ocme OH) fatte da un mio amico e mi erano piaciute molto.
      Purtroppo immagino che il controllo qualità non sia di altissimo livello, anche se, devo dire, questo mio amico non ha mai riscontrato alcun problema, neanche con il Gemini II che ho personalmente provato nel suo studio ed ho trovato molto bello.
      Penso che ci voglia anche un po' di (*)
      Oltre che Warm audio fanno cloni 414 (di cui parlano bene) anche Advanced Audio, Microphone parts ed SE Electronics. Purtroppo c'è poco come demo per poter giudicare anche superficialmente. Diciamo che la Austrian Audio è la casa con più 'titoli' per fare il nuovo 414, ma ovviamente non ho idea se sia il migliore.
      Alessio, per il mio gusto, se ti interessa solo cardioide ed un mic molto lineare, il TLM193 è meglio del 414 B-ULS in cardioide. Ma è il mio gusto...
      Quando l'ho preso mi sono fatto convincere da diversi utenti di gearslutz che lo ritengono anche leggermente superiore all'U89 (hanno la stessa capsula). Anche su questo non so nulla, però che è un ottimo microfono non ci piove.

      simonluka wrote:


      Purtroppo immagino che il controllo qualità non sia di altissimo livello, anche se, devo dire, questo mio amico non ha mai riscontrato alcun problema, neanche con il Gemini II che ho personalmente provato nel suo studio ed ho trovato molto bello.
      Penso che ci voglia anche un po' di (*)


      esattamente, questo è sicuro, risparmiano sul controllo di qualità. Anche prima di prenderli avevo letto un sacco di gente che si lamentava del self noise superiore al dichiarato... dopo i primi batch hanno risolto il problema (sembra).

      gobbetto wrote:

      Oltre che Warm audio fanno cloni 414 (di cui parlano bene) anche Advanced Audio, Microphone parts ed SE Electronics. Purtroppo c'è poco come demo per poter giudicare anche superficialmente. Diciamo che la Austrian Audio è la casa con più 'titoli' per fare il nuovo 414, ma ovviamente non ho idea se sia il migliore.
      Alessio, per il mio gusto, se ti interessa solo cardioide ed un mic molto lineare, il TLM193 è meglio del 414 B-ULS in cardioide. Ma è il mio gusto...
      Quando l'ho preso mi sono fatto convincere da diversi utenti di gearslutz che lo ritengono anche leggermente superiore all'U89 (hanno la stessa capsula). Anche su questo non so nulla, però che è un ottimo microfono non ci piove.


      Ho paura che Alessio non ami particolarmente il suono Neumann sulla sua voce. Anche se io, invece, lo trovo molto bello.
      Ad esempio abbiamo provato insieme il 105 sulla sua voce in studio da Mauro Menestrello qualche mese fa e a me era piaciuto moltissimo.