MIxer Soundcraft Mtk VS ALLEN & HEATH ZED FX - Processore effetti

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      MIxer Soundcraft Mtk VS ALLEN & HEATH ZED FX - Processore effetti

      Ragazzi buon di, devo acquistare un nuovo mixer live, diciamo che sono orientato verso questi 2 prodotti (indipendentemente dal numero di canali)
      Quello che non riesco a capire, visto che non si trovano tanti video demo su internet, le potenzialità dei processori di effetti in dotazione.

      Se qualcuno di voi li ha usati o sentiti può darmi un consiglio?
      A me servono principalmente effetti voce, quindi reverberi e delay, con la possibilità di miscelarli magare insieme... sulla qualità dei 2 processoriperò non c'ho capito molto.
      Ho letto che il soundcraft MTK da la possibilità di agiungere ad ogni canale un VST qualsiasi, quindi presumo anche degli effetti... sarebbe interessante

      Grazie a chi mi vorrà dare un contributo, e buona musica a tutti :thumbsup: :thumbsup:
      Ho il Signature 22 MTK (lo uso per i miei synth, perché gli ingressi della scheda audio non mi bastano). Per quanto riguarda gli effetti interni del mixer (utilizzabili in mandata), penso che facciano il loro lavoro ma non li ritengo niente di eccezionale.
      Una cosa carina è che il modello 22 canali dispone di due effetti e ci sono le mandate anche tra i canali effetti (quindi puoi mandare parte dell'output del processore 1 - dove potresti aver messo un delay - verso il processore 2 - dove potresti aver messo un riverbero).
      Come già detto, a mio avviso gli effetti di serie non sono niente di che. Se usassi quel mixer per fare piccoli spettacoli, quasi certamente farei uso degli effetti integrati (invece di portare dietro altro hardware), però non li ritengo paragonabili ad un buon multieffetto o a dei plugin vst dedicati (ma penso che valga per qualsiasi multieffetto integrato nei mixer, non solo per la serie Signature).
      Una aspetto del multieffetto della serie Signature che personalmente mi snerva è che non memorizza l'ultimo effetto selezionato: alla riaccensione torna sull'effetto di default e bisogna girare nuovamente l'encoder per selezionare l'effetto desiderato (i due controlli di ciascun effetto invece sono dei potenziometri e non soffrono di questo problema).


      Per quanto riguarda il discorso dei plugin vst: la serie Signature MTK integra una scheda audio multicanale, quindi puoi prelevare l'audio su ciascun canale (subito dopo il gain), mandarlo ad un computer, usare degli effetti sul computer (con il software che preferisci) e ritornare l'audio - sui vari canali del mixer. Ovviamente avrai la latenza introdotta dalla scheda audio e dagli effetti (esattamente come se usassi una scheda audio al posto del mixer... anche perché la serie Signature MTK è a tutti gli effetti una scheda audio). E ovviamente per usare gli effetti VST devi portarti dietro un computer, perché il mixer non integra alcun host vst (magari!).
      Sull'entità della latenza non so darti informazioni perché non ho mai usato il mixer in questo modo, senza contare che dipende anche dagli effetti di cui si fa uso (alcuni introducono maggiore latenza). Quanto questo costituisca un problema è oggetto di valutazioni personali (a seconda dei musicisti, degli effetti, della situazione...) ma come regola generale meno latenza hai e meglio è.

      Ovviamente se su un canale non premi il tastino usb, l'audio passa diretto dall'ingresso del mixer all'equalizzatore, senza introdurre alcuna latenza (da questo punto di vista è un normale mixer analogico).

      Quello che a mio avviso è un grosso limite della serie Signature è la mancanza di prese insert. Se vuoi mettere un processore di segnale in insert su un canale (ad esempio un compressore), hai due strade: o usi degli effetti su un computer (sfruttando la scheda audio integrata del mixer), oppure devi metterlo tra la sorgente e l'ingresso del canale del mixer. In questo secondo caso, non è un gran problema finché vuoi mettere un compressore su una tastiera perché si tratta di segnali con livello di linea, mentre se vuoi mettere un compressore su un microfono ti serve anche un preamp (quindi la catena diventa microfono -> preamp -> compressore -> mixer), con conseguenti costi e ingombri aggiuntivi legati al preamp.
      Sui mixer Signature c'è solo un semplice limiter su parte dei canali, pertanto la mancanza di prese insert può essere una limitazione di cui tenere conto.
      Nel mio caso è un limite con cui posso convivere serenamente perché il mixer mi serve solo per le tastiere, ma se facessi uso di microfoni credo che avrei preso un mixer dotato di insert (in modo di poter aggiungere un paio di unità rack di compressione) oppure direttamente un digitale (che anche quelli avranno la loro latenza intrinseca, anche se suppongo non sia paragonabile a quella introdotta da un computer).


      Opinioni personali, ovviamente.
      Il rispetto si costruisce solo insieme.
      Grazie mille Sin Night sei stato più che esaustivo e dettagliato... io principalmente lo dovrei usare per il live quindi devo prendere un mixer che suona pulito con dei buoni effetti voce... l'mtk mi intrigava per la possibilità di inserire effetti da vst (non ho problemi a integrare un portatile nei miei live, il che mi permetterebbe anche di registrare in multitraccia qualcosa)...
      Ovviamente se visti i miei scopi secondo te mi posso indirizzare su qualcosa di meglio accetterò di buon grado un tuo consiglio.
      Grazie
      Per suonare pulito, suona pulito (se non suonasse in maniera decente, dubito avrebbe un posto nel mio setup).
      Sulla bontà degli effetti di serie, bisogna intendersi: il mio riferimento è roba tipo H9 di Eventide, sono abbastanza difficile da accontentare... poi magari nell'ambito dei piccoli live sono sufficienti.
      Il rispetto si costruisce solo insieme.