Apriamo il Behringer DDX3216

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Apriamo il Behringer DDX3216

      Come prevedevo il mio amato DDX3216 ha avuto il primo problema: il display LCD è morto.
      Ho fatto moltissime ricerche ma niente da fare! Behringer non distribuisce più in Italia e i tecnici specializzati non hanno ne schemi ne parti di ricambio.
      Insomma se hai un vecchio apparecchio Behringer devi sperare che il tecnico sia bravo e ne abbia uno simile da cannibalizzare ma se ne hai uno nuovo e ti si rompe, buttalo o regalalo al tecnico di tua fiducia.
      Comunque, vista la situazione, ho cercato di aprire il mixer sperando che pulendo tutti i contatti il display tornasse in vita.
      Niente da fare. Però ho approfittato per documentare lo smontaggio e cambiare la ventolina. Poi ho unito ad altra documentazione di cambio condensatori dell'alimentatore per arrivare ad un PDF che condivido con voi. QUESTO IL LINK PER SCARICARLO.

      Comunque sono troppo affezionato a questo mixer e non posso praticargli l'eutanasia. Dopo molte telefonate su Roma ho trovato un tecnico disposto a metterci le mani.
      Quando riprenderò il mio amato vi farò sapere come è andata e, se è andata bene, vi darò anche i riferimenti del dottore.
      Ciao :thumbsup:
      Nel mio piccolo studio la cosa più importante è la tua musica
      Ciao,
      ho avuto anche io il DDX3216, ottimo mixer che mi ha dato nel mio piccolo grandi soddisfazioni.

      Ormai l'ho venduto da qualche anno perchè una serie di impegni per il quale mi era utile non si sono più concretizzati.

      Lo scorso anno però ho deciso di acquistare il nuovo XR18, inizialmente più per curiosità che per necessità e invece, dopo aver passato un periodo sullo scaffale, ho cominciato ad utilizzarlo sia come interfaccia multicanale per il recording in esterna sia come mixer vero e proprio per la mia attuale band. Devo dire che, per il costo di acquisto, oggi sotto i 400 euro mentre lo scorso anno eravamo attorno ai 600, è un prodotto fantastico. Lo puoi controllare in remoto con smartphone, tablet e addirittura dal pc, ti puoi collegare direttamente sulla porta ethernet cablata, oppure in wifi. Addirittura potete pilotarlo con 2 o più tablet in contemporanea, ottenendo una superficie di controllo con molti controlli in contemporanea.

      Inoltre, portando il controllo in regia via ethernet o wifi a seconda del dispositivo preferito, eliminate la stage box e cablate tutto al mixer direttamente sul palco.

      Quindi, ai nostalgici del DDX3216 io consiglio vivamente questo, sono certo che ne trarrete grandissime soddisfazioni....
      Saluti Mirco.
      ...le macchine non aggiungono nulla all'anima della musica.
      Mirco, grazie di aver condiviso la tua esperienza. Ottimo consiglio e ottima supersintetica recensione dellXR18. Anche il prezzo è imbattibile. Quello che però mi ha terrorizzato nella attuale mia ersperiernza avuta col DDX1632 è stata la frase dei tecnici "Behringer non distribuisce più in Italia. Non abbiamo ne schemi ne parti di ricambio. Possiamo riparare solo vecchie apparecchiature cannibalizzandone altre guaste". Ora, finchè si tratta di sostituire un elettrolitico in perdita, è facile e fattibile, ma per cose più serie non so come si potrebbe mettere. La cosa poi si fa ancora più seria se il mixer viene usato live in esterno. Certo se con l'XR18 hai fatto una decina di serate e si dovesse poi guastare, visto il prezzo, puoi permetterti di buttarlo e comprarne uno nuovo ma non si può lavorare per un mixer!
      Nel mio piccolo studio la cosa più importante è la tua musica
      strumentimusicali.net offre l'assistenza in garanzia: "entro 30 giorni scrivici e ti forniremo immediatamente le istruzioni per la soluzione del problema" (???... :) )
      Oltre i 30 giorni: "La spedizione verso il Centro di Assistenza è a carico del cliente. A fine riparazione il prodotto verrà restituito in porto franco, quindi senza spese aggiuntive." >:(

      Comunque, se un negozio italiano vende qualcosa, deve anche gestire le riparazioni. Non so esattamente che obblighi legali abbiano, ma per un certo tempo il negoziante o il distributore dovrebbe garantire l'assistenza, fosse anche inviando l'apparecchio direttamente alla Behringer. Behringer probabilmente lo sostituirà con uno nuovo, piuttosto che perdere tempo a ripararlo, anche perché li fanno in Cina e i componenti stanno lì!... :( Parecchi anni fa (2008) mi cadde il trasmettitore di un IEM della tedesca LD SYSTEMS e si ruppe il potenziometro dell'uscita di monitoria: chiesi di vendermi un ricambio, perché esattamente di quella forma. che entrasse lì, non ne trovavo uno in commercio. "I'm a skilled technician, I can replace it by myself..." alla fine, dopo qualche email, mi dissero che me ne avrebbero mandato uno gratuitamente. Finalmente arrivò in una busta, lo presi e... era stato dissaldato da un altro apparecchio! Evidentemente non avevano parti di ricambio, perché gli apparecchi venivano costruiti in Cina e in Germania arrivavano solo già montati.
      Gianluca
      Youtube: goo.gl/522kv4

      Post was edited 2 times, last by “Datman” ().

      Ciao,
      che Behringer non distribuisca più in Italia mi sembra decisamente una cosa strana!
      Certo è strano anche che l'XR18 che lo scorso anno costava 600 euro oggi sia proposto quasi a metà prezzo senza essere sostituito da nuovi modelli.

      Che il mercato musicale non sia fiorente in Italia lo immagino...

      scarse serate per i musicisti = pochi soldi per acquistare attrezzature,

      però che una Behringer si ritiri, con tutta la robetta economica che hanno sempre piazzato sul mercato, la trovo alquanto strana come cosa.
      Saluti Mirco.
      ...le macchine non aggiungono nulla all'anima della musica.