Recap e manutenzione a GL3000

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Recap e manutenzione a GL3000

      Salve a tutti! :thumbsup:

      Mi è appena capitata l'occasione di avere fra le mani, in studio da me, un Allen&Heat GL3000 datomi in "prestito / provalo / almeno non sta chiuso nel case", da un amico.
      Ora, il banco presenta la necessità di una manutenzione generale, e credo quasi sicuramente di un recap.

      - Secondo voi ne vale la pena su un mixer del genere?

      - Nel caso, quali condensatori dovrei cambiare secondo voi? Solo gli elettrolitici dell'eq, oppure tutti i condensatori della strip?

      - Sempre nel caso, che brand di condensatori mi consigliate? (qualcosa di proporzionato alla situazione, e quindi non condensatori da 8 euro al pezzo :D )
      In generale, i condensatori che invecchiano maggiormente sono quelli abbastanza piccoli che stanno vicino a dissipatori o, comunque, in zone calde e/o sono soggetti a forti correnti impulsive, come quelli all'uscita degli alimentatori switching. Per sapere quali vanno sostituiti, ti conviene acquistare un misuratore di ESR:
      google.com/search?q=esr+meter&tbm=isch
      o un prova componenti generico:
      google.com/search?q=t+tc+transistor+tester&tbm=isch
      Per quest'ultimo devi stare attento a scaricare i condensatori prima di misurarli, altrimenti si rompe facilmente, però con pochi soldi hai uno strumento che, oltre a misurare la resistenza serie dei condensatori, prova transistor e diodi, anche LED.
      Dopo averne provati alcuni, è ragionevole supporre che gli altri condensatori montati nello stesso posto sulle altre schede staranno nelle stesse condizioni, buone o cattive che siano.

      Per quanto riguarda la marca, credo che, salvo sceglierne di particolarmente pregiate, non ci siano marche che si distinguano dalle altre...
      La performanza mi fa dubitare della sapienza.
      Gianluca

      Youtube: goo.gl/522kv4
      i condensatori più stressati sono i principali sull'alimentazione, i più grossi della scheda di alimentazione, ma misurali prima, potrebbero essere ancora in buono stato. Jim Williams su gearslutz consiglia la serie FM della Panasonic o i Rubycon Z. Più che un recap completo di quelli sulle schede audio potrebbe aiutare un bypass con un condensatore plastico di capacità almeno 1/50 1/100 del condensatore originale. In rete si trova anche il service manual elektrotanya.com/allen-heath_gl3000_sm.pdf/download.html

      Post was edited 1 time, last by “Radioman” ().

      Source Code

      1. ​In generale, i condensatori che invecchiano maggiormente sono quelli abbastanza piccoli che stanno vicino a dissipatori o, comunque, in zone calde e/o sono soggetti a forti correnti impulsive, come quelli all'uscita degli alimentatori switching. Per sapere quali vanno sostituiti, ti conviene acquistare un misuratore di ESR:


      Lo vado subito a guardare ;)

      Source Code

      1. ​Dopo averne provati alcuni, è ragionevole supporre che gli altri condensatori montati nello stesso posto sulle altre schede staranno nelle stesse condizioni, buone o cattive che siano.


      Ottima deduzione :thumbup:


      Source Code

      1. ​i condensatori più stressati sono i principali sull'alimentazione, i più grossi della scheda di alimentazione, ma misurali prima, potrebbero essere ancora in buono stato. Jim Williams su gearslutz consiglia la serie FM della Panasonic o i Rubycon Z. Più che un recap completo di quelli sulle schede audio potrebbe aiutare un bypass con un condensatore plastico di capacità almeno 1/50 1/100 del condensatore originale. In rete si trova anche il service manual


      Ok, controllerò il suo alimentatore da rack e vediamo come stanno i relativi condensatori ;), tanto devo fargli già una manutenzione ordinaria con sostituzione del cavo dall'alimentatore al banco... (secondo me è troppo sottile).
      Giusto una domanda sul bypass che fra l'altro ho visto fare anche da altri...
      Ma per bypass si intende proprio un annullamento dell'effetto dell'eq?
      Cioè, se bypasso i condensatori dell'eq, l'eq non funziona più, giusto?
      Altra domanda...

      Leggo che molti decidono di cambiare gli operazionali dei mixer per migliorarne il suono.
      Ma.... di operazionali dentro un mixer ce ne sono davvero tanti cacchio.

      Quali vanno sostituiti di solito?
      Quelli sui canali di ingresso, o quelli sui gruppi e sulla sezione master?
      Vanno semplicemente cambiati con altri nuovi ma identici della stessa serie, oppure con un altro modello più performante ma con stessa piedinatura?

      Cioè, di solito come si procede?
      Aggiornamenti...

      Allora... inizio ad essere sempre meno convinto di prendere questo mixer... (Allen & Heat GL3000 24ch).

      Più che altro perchè ha davvero troppi bisogni!

      Per ora ho provato solo 3 canali al volo (sto saldando i D-sub/TRS per poter provare tutto per bene), e già quei 3 hanno dato problemi... i fader non vanno per niente bene, alcuni pulsanti pure.
      Inoltre, mi piacerebbe fare alcune MOD fra cui:
      - Bypass condensatori EQ con plastici in parallelo
      - Sostituzione operazionali dei Pre, dei Gruppi e del Master LR (per iniziare pensavo a degli OPA2132 single o dual in base all'occorrenza)
      - Rifare il cavo di alimentazione fra PSU e banco (troppo sottile secondo me)
      - Sostituzione dei condensatori almeno del PSU
      - AGGIUNTA DEI DIRECT OUT SU OGNI CANALE (predisposti su scheda come da schema)

      Il costo di tutte queste operazioni lievita con estrema facilità! Solo di fader se ne cambio 16+8+2 siamo a circa 260 euro!
      più tutte le altre mod...

      Secondo voi, ne vale davvero la pena per un banco che mi verrebbe lasciato a 200 euro, oppure conviene che guardo altrove?
      Ciao, ho visto che su Roma c'è un annuncio dello stesso mixer a 500 euro, dice perfettamente funzionante e con possibilità di provarlo.

      Non so di dove sei ma se sei convinto di prendere questo mixer ti conviene semmai prenderlo funzionante (ammesso che lo sia veramente) piuttosto che rimettere mano su tutti i componenti, su cui oltre al prezzo singolo devi aggiungere la manodopera..

      Inoltre baderei molto all'unicità del prodotto, per cui deve valere davvero la pena rimetterlo a nuovo. Se invece parliamo di un prodotto che di unico ha poco e niente tanto vale cercare qualcosa di simile