Scelta monitor da studio - budget 500-600 euro

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Scelta monitor da studio - budget 500-600 euro

      Salve a tutti,
      Mi sono iscritto a questo forum, avendo letto numerose discussioni riguardo le attrezzature da studio, per chiedervi un consiglio su delle monitor in quella fascia di prezzo.
      Sto vendendo le mie Krk rokit 6" g3 per passare a qualcosa di più affidabile e molto lineare a livello di risposta in frequenza e che vada bene per un ambiente piccolo leggermente trattato con bass traps e altri pannelli.
      Nelle mie ricerche ho trovato interessanti le : Focal cms 40-50, Focal alpha, Event 20-20, Eve audio sc205 e Jbl lsr 305.

      Grazie,

      Scabrosus. 8) :D :D
      Se non erro le 2020 spingono parecchio in basso rispetto agli altri monitor che hai citato.
      Sulle focal sempre sentito parlar bene, mai riuscito a provarle, le eve sono belle e dettagliate anche se in confronto doretto ho personalmente preferito adam.
      Jbl non provate, in quella fascia cmq ti consiglio di guardare anche tannoy e se cerchi linearità anche un msp5 o 7 yamaha
      Mi sento anch'io di consigliare Yamaha MSP-5 Studio, che ho da anni e restituiscono un suono piacevolmente analitico. A loro ho affiancato MSP-7, sempre per rimanere in casa Yamaha, anche se trovo eccellenti pure Dynaudio e Adam.
      Forse 500€ sono sufficienti per acquistare un solo MSP-7...
      Ohne Musik wäre das Leben ein Irrtum

      N.B. Non rispondo più a mail o telefonate con quesiti tecnici
      Grazie a tutti per i suggerimenti!
      Le mie prime monitor sono state delle yamaha HS5 e mi sono trovato molto bene, risposta abbastanza piatta ed anche se erano carenti sotto le 70 hz traslavano bene e suonava tutto alla grande. Con le rokit invece devo dire che la risposta in frequenza in alcuni tratti è mascherata e artificiosa.
      Le msp5 studio non le avevo considerate, potrebbero andare bene per qualsiasi utlizzo ? e per fare un mastering grossolano ?
      Grazie ! :)
      per il poco che ti posso dire:
      EVE Audio eccellenti, uguali a ADAM serie A_X (è l'ex socio che si è messo in proprio) unica differenza un pelo meno graffianti sugli acuti.
      Focal Alpha stesso suono delle Adam economiche serie F (F5, F7), buone.
      JBL lasciale dove sono.
      Yamaha MSP le ho provate poco, ma se puoi prendere le Eve o le Adam io non ci penserei due volte.

      (consiglio spassionato... rapina qualcuno... e prenditi le A7X o le EVEsc207.... :whistling: )
      Mentre per quanto riguarda la questione basse frequenze ... Le MSP 5 sono carenti come le HS5 o hanno qualcosa in più ?
      Le Eve sc205 e le adam a5x hanno qualcosa in più sulle basse ?
      La frontal bass port potrebbe essere migliore per un ambiente poco trattato, specialmente se posizionate vicino agli angoli ?
      Le msp sono molto più precise delle hs, precise in tutti i sensi, dalla dinamica alla separazione dei suoni.
      Soprattutto ho sempre trovato le hs7 un po lente, un po poco chiare nei transienti di attacco e con le alte troppo morbide: il rischio per me era fare mix troppo brillanti, di saturare troppo senza accorgermene bene e di non controllare bene la microdinamica soprattutto sulle alte frequenze.
      Chiaramente un professionista certi errori non li fa a prescindere, ma io "se non sento" faccio danni. Con le msp (le ho usate poco perchè erano di un mio amico che me le aveva imprestate) avevo immediatamente corretto tutte queste cose nel mix già dopo il primo ascolto e il brano ha traslato alla perfezione su tutti i sistemi di ascolto provati.
      Ora ho le adam a7x, devo ancora conoscerle bene ma anche qui la precisione è nettamente superiore alle hs e le basse molto presenti e ferme (stanza permettendo)
      Le dynaudio bellissime sulle medie..molto più di adam, suonano più naturali, vere, e meno enfatizzate in generale. Ma secondo me senza un sub non essendo molto generose sotto credo non siano adattissime ad alcuni generi musicali in cui vuoi sentire le basse che spettinano, cioè non penso che chi produca house possa apprezzare un bm, mentre chi fa musica più acustica (classica jazz folk ecc) sicuramente apprezzerà di più una bm6 rispetto ad una a7x.
      NB Questi sono tutti miei pareri personali, non basarti su cosa sento io, i monitor li deviprovare e devono calzare a pennello con il tuo setup la tua stanza le tue preferenze e il genere musicale.
      Per quanto riguarda la mia esperienza con Yamaha MSP-5, utilizzate come nearfield monitor (quindi a distanza piuttosto ravvicinata) posso dire solo che hanno la stessa "precisione" di una cuffia AKG K-240 mkII... solo che non generano quel senso di costrizione dopo qualche ora d'uso.
      Il monitoraggio lo effettuo essenzialmente durante la fase compositiva, di arrangiamento, scelta dei suoni e disimpegnato divertimento (leggasi "cazzeggio"). Ascoltare via cuffia il segnale che esce dalla scheda audio o attraverso MSP-5 è - almeno per le mie orecchie - esattamente lo stesso. Quindi, alti cristallini, le frequenze medie e medio basse ben rappresentate. Non so fino a quanto possano spingersi verso il basso, tuttavia le note gravi del pianoforte vengono comunque rappresentate in modo più che dignitoso. Aggiungendo un subwoofer le cose migliorerebbero sensibilmente, ma questo comporterebbe pure un uteriore esborso.
      Ohne Musik wäre das Leben ein Irrtum

      N.B. Non rispondo più a mail o telefonate con quesiti tecnici
      Può essere, poi peraltro non è detto che ci sia assoluta coerenza fra la sostanza e magari la politica commerciale scelta. Ad esempio, creo la serie HS, le faccio i coni bianchi, la vendo in una fascia di prezzo competitiva con l'home-studio come target, le proclamo eredi legittime delle NS10, ne vendo un sacco; nel contempo metto sul mercato un prodotto con target leggermente più alto (le MSP), che non richiama il modello storico, ma di fatto può rappresentare oggi uno standard di riferimento attendibile, come 30 anni fa lo erano le NS10. Ci sta ;)
      Di sicuro né le MSP né le HS suonano come le NS10, perché quella risposta funzionava bene in quell'epoca; anche se la tendenza a suonare con leggermente meno enfasi su range basso ed alto rispetto ai marchi di tendenza odierni rimane una caratteristica tutta Yamaha.

      cavaliereinesistente ha scritto:

      Può essere, poi peraltro non è detto che ci sia assoluta coerenza fra la sostanza e magari la politica commerciale scelta. Ad esempio, creo la serie HS, le faccio i coni bianchi, la vendo in una fascia di prezzo competitiva con l'home-studio come target, le proclamo eredi legittime delle NS10, ne vendo un sacco; nel contempo metto sul mercato un prodotto con target leggermente più alto (le MSP), che non richiama il modello storico, ma di fatto può rappresentare oggi uno standard di riferimento attendibile, come 30 anni fa lo erano le NS10. Ci sta ;)
      Di sicuro né le MSP né le HS suonano come le NS10, perché quella risposta funzionava bene in quell'epoca; anche se la tendenza a suonare con leggermente meno enfasi su range basso ed alto rispetto ai marchi di tendenza odierni rimane una caratteristica tutta Yamaha.

      Vorrei aggiungere però che, cronologicamente, la serie MSP è entrata in commercio molto prima della serie HS. Per assurdo, è proprio perché so "come" suonano le mie MSP-5 e MSP-7 Studio che mi tengo ben alla larga dalla serie HS. :D
      Ohne Musik wäre das Leben ein Irrtum

      N.B. Non rispondo più a mail o telefonate con quesiti tecnici
      Sì... Ricordo quando il mio socio dell'epoca rimpiazzò le NS10 con delle MSP10 (credo intorno al 2003), la sensazione è stata di un salto epocale :)
      (mi sono espresso impropriamente, non intendevo dire che le due uscite siano state contemporanee, ma semplicemente che se entrambe le serie sono a catalogo... un motivo ci sarà, come giustamente sottolinei).