Cuffie per mixing e... mastering?

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Cuffie per mixing e... mastering?

      Ciao! Stavo leggendo qualche topic riguardo l'utilizzo delle cuffie per il mixing (e forse anche per il mastering?); non credevo fosse possibile ma invece, leggendovi, ho capito che nel caso in cui non si abbia a disposizione dei buoni (e costosissimi) monitor ed una stanza "trattata" adeguatamente, forse è meglio utilizzare delle buone cuffie aperte o semi aperte. Interessante!

      Dato che non ho la possibilità di avere una stanza adeguatamente trattata e non avrei neanche la possibilità di spendere così tanto per dei buoni monitor, stavo seriamente pensando di trovare un paio di cuffie buone per fare il 90% del lavoro di mixing e mastering. Per il recording ho già delle cuffie chiuse Philips SBC3155 (roba da antiquario, ma fanno il suo lavoro); per il mixing invece mi fanno fare una grande confusione :) Quindi per adesso sto utilizzando un impianto stereo "di casa" ma il risultato è che i pezzi suonano bene su alcuni impianti e molto peggio in altri.

      Dato che i topic aperti che ho trovato parlano solamente di differenze qualitative fra 2-3 modelli, potremmo usare questo topic per capire quali sono secondo voi le MIGLIORI CUFFIE in assoluto per questo genere di lavoro? E' ovvio che poi i gusti sono un pò anche soggettivi, ma è giusto per avere un parere abbastanza globale sulla questione :)


      Quindi la domanda è: quali sono, secondo le vostre esperienze, le migliori cuffie (di qualsiasi marca) che mi consigliereste per mixing e mastering?

      Budget: fino a 200-300€ (se poi meno, meglio!)
      ciao,

      dai uno sguardo al sito della sonarworks

      prendi una cuffia compatibile con il loro sw o direttamente una cuffia da loro con il file di calibrazione personalizzato

      io ho preso da loro una beyerdynamic 770 pro 250 ohm perchè dovevo fare dei lavori fuori studio, una volta tornato a studio sono rimasto sorpreso da quanto tutto quello che avevo fatto in cuffia mi ritornasse, in buona percentuale, con i miei ascolti

      ciao

      massimiliano
      BitBazar Srl ( ex cantoberon multimedia )
      Audio Mastering - Sviluppo software - Grafica - Duplicazione CD/DVD/BD
      Per Garagista
      Anche io uso 770 da anni
      Veramente splendide
      Da affiancare con una cuffia aperta tipo Dt990 o altre se vuoi avere più modalità di ascolto.
      Guarderó i software
      Grazie Massi
      Ciao
      ...The lovers will rise up
      And the mountains touch the ground...
      dt770 chiuse
      ​dt880 semi aperte

      ​una cosa che ti consiglio é farle andare una decina di ore in burn-in quando le prendi nuove. Anche le ultime che ho preso sono cambiate dal giorno alla notte dopo dieci ore di playback di riscaldamento, anche se inizialmente non ci credevo.

      gobbetto ha scritto:

      Io uso le Sennheiser HD650, anche se raramente mixo in cuffia. Ottime, le preferisco alle mie Beyer.

      Anche loyuit le consiglia; wow... ho cercato un attimo ed ho visto che hanno un bel prezzo (poco più di 300/350€). Queste sono aperte, giusto?

      Ma per queste ad alta impedenza necessito di amplificatore, giusto?
      Fino a quanti Ohm posso utilizzare semplicemente l'uscita della mia scheda audio esterna Behringer UMC2014HD ?
      Io uso le HD650 anche per ascoltare musica dal lettore mp3 o dal telefonino per la strada o in autobus. Il livello non è assordante, ma si sente bene. Nonostante siano aperte, puoi anche ascoltare una persona che parla alla radio senza perdere nemmeno una parola.
      Prima usavo le AKG K518LE, dopo aver attenuato le basse frequenze con un paio di RC e le risonanze con due ciuffetti di lana di vetro. Essendo chiuse e con un'impedenza più bassa, si sentiva decisamente più forte e i rumori erano molto attenuati, ma le HD650 suonano decisamente meglio! :) Delle K518 mi piace molto l'isolamento e la corposità (non invadente dopo le modifiche) delle basse frequenze e il fatto che, piegate, entrano anche nel marsupio. Essendo sovraaurali, poi, d'estate l'orecchio sta un po' più fresco.
      Le HD650 le presi a 260€ da Face the sound, con lo sconto per il primo acquisto, ma adesso mi sembra che non le abbiano.

      Mi piacerebbe acquistare delle buone cuffie chiuse. Le DT770 sono interessanti, anche se un po' ingombranti rispetto alle K518 che metto comodamente in una valigetta quando faccio registrazioni con la Handycam su treppiedi. Per la sensibilità, mi servirebbe la versione a 80 ohm. Purtroppo, però, non ho trovato valori di sensibilità dichiarati esplicitamente per ogni versione, contrariamente ad altri produttori. Come suonano le diverse versioni? Ci sono differenze? Le "pro" hanno differenze?
      P.s.: sembra che la versione M abbia un isolamento migliore, con un archetto più rigido (secondo "cuffietop").
      Gianluca
      Youtube: goo.gl/522kv4

      Il messaggio è stato modificata 7 volte, ultima modifica da “Datman” ().

      Datman ha scritto:


      Mi piacerebbe acquistare delle buone cuffie chiuse. Le DT770 sono interessanti, Per la sensibilità, mi servirebbe la versione a 80 ohm. Purtroppo, però, non ho trovato valori di sensibilità dichiarati esplicitamente per ogni versione, contrariamente ad altri produttori. Come suonano le diverse versioni? Ci sono differenze? Le "pro" hanno differenze?
      P.s.: sembra che la versione M abbia un isolamento migliore, con un archetto più rigido (secondo "cuffietop").


      oltre all'archetto più rigido (versioni pro vs. versioni edition in quanto pro e pro-M condividono lo stesso archetto)
      le pro-M sono completamente chiuse (sospensione pneumatica) mentre le normali pro sono bass reflex (hanno un piccolo condotto di 4 mm di diametro sui padiglioni). la pro-M ha i cuscinetti in similpelle (le pro non M li hanno in vellutino) che insieme alla sospensione pneumatica crea nelle orecchie un effetto "ventosa" che ti isola maggiormente ma che inevitabilmente ti farà bollire le orecchie dopo qualche decina di minuti. il potenziometro sul cavo delle pro-M l'ho sempre considerato un difetto tanto che l'ho sempre eliminato .

      per me le DT770 pro-M sono cuffie da tracking o da batteristi, difficile tenerle indossate per lunghi periodi.

      per ascolto spensierato meglio le DT990 edition (aperte) 250 Ohm con amplicuffia o uscita cuffia potente.
      per ascolti rigorosi (mixing) meglio le DT880 edition 250 Ohm (semichiuse) da considerare in mix l'estremo dettaglio e la tendenza alla brillantezza (che se non compensata porterà a mix chiusi) ma le DT880 richiedono per esprimersi al meglio di un buon amplicuffia.

      sia con le DT990 che con le DT880 se ascolti ad alto volume ti sentiranno anche dalla stanza accanto.


      man mano che l'impedenza sale l'equipaggio mobile è maggiormente smorzato, ma probabilmente le differenze che ho riscontrato dipendono anche dal differente fattore di smorzamento dell'amplicuffia utilizzato.

      SimoBarzo ha scritto:

      Come si fa il "riscaldamento" di una cuffia?


      per "rodarle" le lascio una settimana a medio livello a riprodurre una sinusoide @ 20 Hz. dopo un centinaio di ore le sospensioni si stabilizzano ed il suono si addolcisce (un poco, parliamo di dettagli non di differenze macroscopiche). attenzione che nelle cuffie con l'utilizzo si ammorbidiscono/schiacciano i cuscinetti ed il variare anche di pochi mm della distanza orecchio/membrana cambia la risposta in frequenza del sistema cuffia/orecchio.
      Ah ma allora ho capito perche mi suonano meglio le vecchie dt770 rispetto alle nuove dt770.
      Cuffia che cmq è troppo dura con i pre cuffie scarsi che ho io e quindi tende a frequenze acute piuttosto enfatizzate, come anche le mie adam a7x. Mi sa che ho cambiato gusti preferisco suoni più morbidi ultimamente e mannaggia a me quando ero in negozio a scegliere tra le bm6 e le a7x ho sbagliato proprio scelta