Subwoofer + Casse monitor

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Dj Fugo ha scritto:

      Ma posso metterci delle belle tende spesse per aiutare il suono ad essere assorbito bene. Che ne pensi? =)

      Ti consiglio di andare al risparmio almeno per la tenda, vai in un negozio di scampoli e cerca del velluto pesante tipo quello usato per le tende dei teatri, oppure ti fai un giro da qualche tappezziere/arredatore e chiedi se ha qualcosa del genere da svendere.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      MacGyver ha scritto:

      Un veterano ferrarese mi fece un giorno una rivelazione, che non esito a rendere pubblica: se non tratti in maniera massiccia (pareti) un ambiente del genere con bass trap BEN STUDIATE ed ACCORDATE perdi solo tempo. Anche @gobbetto lo ha detto e ripetuto... Propongo a questo punto, a titolo umanitario, una colletta per i 70 euro del progetto di oudimmo.


      Sarebbe fantasticooo <3 8o <3 Hahhaha!

      Pilloso ha scritto:

      Se poi ci fossero problemi seri di basse conviene investire in delle vere bass-trap accordate, che occupano meno spazio e funzionano meglio.


      Ok, vada per le bass traps! =)
      Le devo mettere a tutti i 4 angoli in basso?

      Pilloso ha scritto:


      Dovresti chiudere gli angoli della stanza dal pavimento fino al soffitto (cerca superchunk) e ancora non basterebbe. Però non voglio portarti su un trattamento estremo, perché in fondo non metterai degli ascolti così problematici da gestire


      Anche se decidessi di mettere le Hs8 non avrei bisogno di superchunk, vero? Spero XD..

      Pilloso ha scritto:

      Se poi ci fossero problemi seri di basse conviene investire in delle vere bass-trap accordate, che occupano meno spazio e funzionano meglio.
      Insomma ti sei lanciato sul fai-da-te proprio sull'unica cosa che invece avrebbe senso comprare già fatta


      Grande mi hai fatto stra ridere! Hhaha, non sapevo in cosa mi imbarcavo! Inconsapevolmente si fanno tante cose folli effettivamente! Tipo questa XDXDXD

      gobbetto ha scritto:

      La lana di roccia funziona ad assorbimento: per arrivare a 40Hz devi fare forse un metro di spessore, forse ancora di più, dipende dalla resistività della lana e dalle altre sue caratteristiche. Ma questo già te lo avevo detto prima, ricordi?


      Devi perdonarmi se puoi..io non avevo capito veramente quello che mi avevi detto misa...perchè sono un novizio su questa materia, e certe cose le assimilo a fatica. Sul web non ho mai trovato delle nozioni semplici e alla portata di tutti...come delle linee guida semplici per assemblare uno studio. E faccio molta fatica ad approcciarmi alla materia. Di fatti non vedo l'ora di passare la parola ad Oudimmo, di modo da affidarmi nelle mani di tecnici. Comunque pian piano, sento che alcune cose mi stanno entrando in testa. Lana di roccia=trattamento dalle medio-basse in su...approssimativamente.

      Domani posterò alcune foto del mio armadio svuotato completamente.....ci ho lavorato tutto il pomeriggio! Lo studio si sta realizzando! It's a dream :love:
      Per chiarezza:
      in alcuni studi professionali, con progetto seguito da un tecnico di acustica serio, per i bassi ho visto fare solo dei superchunk, ossia dalla stanza vengono eliminati gli angoli (i punti in cui i bassi vanno più ad annidarsi) e riempiti con lana di roccia, tagliandoli in diagonale (se fai una ricerca li vedi).
      Questo naturalmente oltre alle pareti trattete con pannelli.
      E' teoria diffusa che le bass-trap accordate siano più efficaci dei superchunk, o cumunque diciamo che uno studio magari può permettersi di mettere entrambi (non solo in termini economici ma anche nello "scasinare" un ambiente), mentre in casa è più difficile installare superchunk, anhce perché se ti metti a tagliare gli angoli in diagonale in una stanza già piccola alla fine ti mangi un sacco di spazio, oltre che trasformare una stanza di casa con lavori un po' troppo impegnativi, e in alcuni angoli magari non c'è possibilità (dove ci sono porte, prese elettriche, ecc.).
      Ecco allora che nel tuo caso le bass-trap accordate possono avere più senso (sempre assieme ai pannelli alle pareti, si intende).
      Non so dirti esattamente dove vanno piazzate, ma temo che gli angoli siano solo un inizio, possono servirne più di 4 anche se la stanza è piccola, però se non metti casse esagerate, secondo me puoi anche fermarti a poche trappole, considera che molti lavorano senza averle e sopravvivono comunque, stiamo per correttezza parlando di una sistemazione ideale, ma non sei obbligato a fare tutto per suonare, puoi anche iniziare o fermarti a un compromesso.
      Un dettaglio importante: bass-trap accordate significa che sono appunto tarate su una frequenza, ovvero dovresti comprare quelle che vanno ad abbattere la frequenza più invadente nella stanza, che potrebbe essere 60 -80 - 100hz o anche altro.
      Quindi prima di comprarle occorre fare una misurazione perché diversamente, a caso, prenderesti il prodotto sbagliato.
      Comunque il mio consiglio è di iniziare con una manciata di pannelli e aspettare per le trappole.
      Quelli fondamentali li devi mettere nel punto in cui la parete riflette dalla cassa verso il tuo orecchio.
      Pensa alla stanza come a un biliardo, ti siedi nel tuo punto di ascolto, o casomai tendi una corda, comunque ci siamo capiti, vedi dove il suono potrebbe andare a colpire la parete e rimbalzare al tuo orecchio, facendo una V.
      In quel punto va messo il pannello.
      I pannelli sono il doppio efficaci se montati distanziati 5cm dalla parete, Oudimmo dovrebbe avere gli accessori apposta, oppure ti procuri qualcosa in ferramenta (tappi, spessori, ecc).
      Ma attenzione, un'idea potrabbe essere anche avvicinarti il pannello ai tuoi fianchi, Specie perchè dove hai la finestra diventa un po' difficile metterlo. A tal proposito, Oudimmo ha anche i piedistalli per tenere i pannelli in piedi (non so se anche per alzarli all'altezza della testa, prova a cercare). In questo modo avresti dei pannelli in mezzo alla stanza che fermano i primi riflessi, te li tieni alle tue spalle, a metà tra orecchie e casse, e lavorano su entrambi i lati perché liberi in mezzo alla stanza. Alle pareti nel punto del riflesso metti quello che ci sta, e sulla finestra come detto una tenda in velluto pesante.
      Nota: La libreria non era neanche tanto sbagliato spostarla alle tue spalle, ti spiego perché:
      di norma la parete alle spalle dell'ascoltatore non va trattata con del fonoassorbente, ma con dei qrd o riflettenti che riflettono in modo vario e non come una parete nuda. In genere sono calcolati sulle misure della stanza e realizzati in legno, ma ne esistono anche di già fatti in plastica, e ovviamente sono "standard".
      Questo per dirti che, alle tue spalle, una libreria piena di oggetti che riflettono il suono in modo naturale e vario, potrebbe non essere così sbagliata. Ti risparmi di trattare pesantemente quella parete, eviti di stravolgere la stanza e portare via roba in cantina, quando magari averla su quella parete potrebbe avere una sua funzione anche ai fini audio. Magari ficchi giusto qualche pezzetto di materiale nelle mensole più vuote o che lasciano pezzi di parete troppo in vista, per il resto saranno gli oggetti, libri e robe varie a rifrangere le onde in modo naturale (in alcuni studi ho visto muri in pietre irregolari, probabilmente c'era dietro un calcolo, ma il concetto resta quello: rifrazione naturale e non parete liscia).
      Con gli altri pannelli invece insisterei su altre aree, la parete della porta, magari uno sulla porta stessa, il soffitto nella zona sopra i tuoi ascolti (cerca cloud audio per vedere come si fanno le "nuvole" che non sono altro che altri pannelli sospesi con staffe a soffitto o cavetti di acciaio) e poi vedi cosa resta troppo libero, magari anche uno dietro le casse (la parete a cui appoggi la scrivania).
      Secondo me con un lavoro del genere fai già grossi passi avanti e potresti anche non sentire il bisogno delle bass-trap.
      P.S. il divano lascialo assolutamente e cerca di spingerlo in un angolo, con la sua imbottitura spessa ha funzione di bass trap o comunque qualcosa assorbe.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Pilloso considera che per "angoli" in acustica si intende ogni punto di intersezione tra le pareti, quindi sono "angoli" non solo quelli verticali, ma anche quelli orizzontali sia in alto (incrocio tetto-parete) che in basso (incrocio pavimento-parete). Nelle stanze con problemi di spazi si potrebbero intanto trattare gli angoli orizzontali superiori (incrocio tetto-parete), possibilmente tutti e quattro: di solito lì si riescono a posizionare dei pannelli. Io al momento ne ho sei posizionati così, a 45 gradi negli angoli orizzontali superiori, proprio per lasciare il gap di aria dietro e massimizzarne l'efficacia. negli angoli verticali non c'è nulla al momento, ma ti posso dire che rispetto a prima ci sono tre abissi. Bassi controllati e precisi.
      Ovviamente la soluzione è sempre la stessa: progetto. Per evitare posizionamenti o scelta dei pannelli non ideale.

      gobbetto ha scritto:

      a 45 gradi negli angoli orizzontali superiori, proprio per lasciare il gap di aria dietro e massimizzarne l'efficacia.

      Curioso, non li ho mai visti messi così, anche perché per le basse si è sempre detto di riempire (spessore= assorbimento basse), non a caso i superchunk sono pieni.
      Ma non sono per le teorie assolute quindi ben venga che tu abbia trovato la soluzione in questo modo, tra l'altro una tecnica che potrei provare anche io.
      Mi sono sempre chiesto se convenisse insistere con gli spessori generosi oppure "intrappolare" le basse dietro un pannello, che però teoricamente se è sottile non dovrebbe arrestare neanche i rimbalzi... boh... puoi chiarirmi la questione?
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      No no, è un modo abbastanza diffuso di posizionare i pannelli. Guarda per es. la posizione dei pannelli n.2 in questa immagine (da Real Traps)

      google.it/url?sa=i&rct=j&q=&es…Y2ai&ust=1538832290129105

      Oudimmo per i suoi pannelli ha quasi sempre sia l'opzione "air gap" per aumentare l'efficacia del pannello (in pratica un distanziatore dalla parete ) che un kit opzionale per montaggio ad angolo, a 45 gradi (quest'ultimo si usa di più per le bass trap, che vanno tipicamente ad angolo)
      Interessante, se è così posso provare quelle che ancora non ho posizionato, tra l'altro in quella posizione ho anche già pronto qualche aggancio da sfruttare.
      Mi chiedo solo come mai nei progetti le mettono sempre a metà parete e mai negli angoli con la terza parete, a quanto si è detto e stradetto dovrebbero essere quelli i primi punti da riempire, a meno che non diano per scontato che ci andrà altro...
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Se tratti l'intera stanza con un numero sufficiente di bass trap il posizionamento non è così critico... però di sicuro negli angoli massimizzi l'efficacia. Quelle che ho posizionato in questo modo a 45 gradi però sono tutte trap a membrana.
      Forse le foto che hai visto tu di progetti riguardano solo le early reflections rispetto a un punto di ascolto (es console per il mix), nel qual caso vengono (ovviamente) privilegiati i punti di early reflections. Se parliamo di sonorizzare una intera stanza magari le cose cambiano...

      Pilloso ha scritto:

      Un dettaglio importante: bass-trap accordate significa che sono appunto tarate su una frequenza, ovvero dovresti comprare quelle che vanno ad abbattere la frequenza più invadente nella stanza, che potrebbe essere 60 -80 - 100hz o anche altro.
      Quindi prima di comprarle occorre fare una misurazione perché diversamente, a caso, prenderesti il prodotto sbagliato.


      Ecco, a tal proposito...come si fanno le misurazioni? Oudimmo mi può aiutare a compiere misurazioni? Mi sono impegnato a fare ricerche e ho trovato questo link chiamato "the room calculator":
      amcoustics.com/tools/amroc?l=540&w=380&h=275&r60=0.6
      Ma ovviamente non ci capisco nulla e tutti questi numeri e sigle mi fanno un po' paura sinceramente....non capendoci nulla non so nemmeno se riesco a farla una misurazione..

      Pilloso ha scritto:

      I pannelli sono il doppio efficaci se montati distanziati 5cm dalla parete, Oudimmo dovrebbe avere gli accessori apposta, oppure ti procuri qualcosa in ferramenta (tappi, spessori, ecc).


      Si ho letto sul loro sito che hanno cose di questo tipo! Ottimo!

      Pilloso ha scritto:

      Ma attenzione, un'idea potrabbe essere anche avvicinarti il pannello ai tuoi fianchi, Specie perchè dove hai la finestra diventa un po' difficile metterlo.


      Sai che, facendo una misurazione, mi sono reso conto che la finestra rimane un poco dietro di mè? Voglio dire, per spiegarmi meglio, che tracciando una linea retta che va dalla mia testa al muro io non ho la finestra proprio alla mia destra. Ho fatto un'immagine per spiegarmi meglio, la trovi alllegata qua sotto (nell'immagine tutti i pannelli sono segnati di rosso). Magari non sussiste alcun problema e posso mettere il pannello al muro....perchè ho paura che pannello mobile che mi consigliavi costicchi un pò di più rispetto agli altri...non so di per certo perchè non ho ancora contattato Oudimmo. Prima voglio finire i lavori in stanza! =)

      Pilloso ha scritto:

      La libreria non era neanche tanto sbagliato spostarla alle tue spalle, ti spiego perché:
      di norma la parete alle spalle dell'ascoltatore non va trattata con del fonoassorbente, ma con dei qrd o riflettenti che riflettono in modo vario e non come una parete nuda. In genere sono calcolati sulle misure della stanza e realizzati in legno, ma ne esistono anche di già fatti in plastica, e ovviamente sono "standard".
      Questo per dirti che, alle tue spalle, una libreria piena di oggetti che riflettono il suono in modo naturale e vario, potrebbe non essere così sbagliata. Ti risparmi di trattare pesantemente quella parete, eviti di stravolgere la stanza e portare via roba in cantina, quando magari averla su quella parete potrebbe avere una sua funzione anche ai fini audio.


      UUUUUUUUUUUUUUUU, permettimi di esultare!!!!!!!!!!!!!! Meraviglioso! Se non devo spostare tutto l'armadio in garage non posso che essere felicissimo! Ho gia spostato un sacco di oggetti, messi in scatoloni e portati da basso, però, il lavoro svolto non è stato vano, perchè comunque ho dato una bella ripulita buttando via tante cose inutili. ^^ E posso sempre riportare su solo gli oggetti che mi interessano.
      Mah passiamo ad una questione ancor più interessante, vedi nell'immagine che ho allegato che cosa ho piazzato sull'armadio? Sarebbe un diffusore, rappresentato da quel rettangolino rosso che ho disegnato. Ho letto, informandomi, che solitamente sulla parete posteriore si piazza un diffusore.
      Se ne comprassi uno da piazzare appunto nel mezzo dell'armadio retrostante potrebbe essere d'aiuto? Non mi è difficile smontare le ante centrali per inserire il pannello...sarebbe grosso 1 x 1,5 metri. Un rettangolone da mettere in mezzo all'armadio, e accanto lasciare quei due scaffali che vedi nella foto, che saranno pieni di libri.

      Pilloso ha scritto:

      P.S. il divano lascialo assolutamente e cerca di spingerlo in un angolo, con la sua imbottitura spessa ha funzione di bass trap o comunque qualcosa assorbe.


      Grandioso, il divano sarà alla mia sinistra!

      In basso trovate allegate una foto dell'armadio svuotato e una piantina del progetto dello "studio"! (Le cose rosse sono i pannelli)
      Immagini
      • WhatsApp Image 2018-10-05 at 19.55.05.jpeg

        148.34 kB, 1,600×900, scaricati 5 volte
      • Immagine.png

        12.43 kB, 550×529, scaricati 6 volte
      Forse ti stai spingendo anche troppo avanti.
      Aspetta per il diffusore e anche per le misurazioni, prima inizia con un trattamento base a 6/8 pannelli, poi casomai di misure ne parleremo.
      Se l'armadio lo riempi di libri e altri oggetti hai già un diffusore naturale che è pressapoco come un diffusore compero fatto senza calcoli. Insomma usalo come se fosse un... armadio!
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Pilloso ha scritto:

      Aspetta per il diffusore e anche per le misurazioni

      Ciao Pilloso! Grazie per il consiglio sull'armadio, lo userò come diffusore naturale, molto meglio per me se non devo spender soldi! =)
      Per quanto riguarda le misurazioni, invece, sono cose che si possono effettuare anche da noi stessi oppure c'è bisogno di un tecnico con strumentazioni necessarie..?
      Inizio gia ad informarmi perchè sono un pò ansioso riguardo questa questione...non saprei proprio a chi rivolgermi..e in internet ho gia cercato..

      Grazie!
      Ciao,
      io sono arrivato a trattamenti e misurazioni relativamente tardi, quindi non sono la persona più idonea per andare oltre con consigli dettagliati.
      Ti posso solo ripetere che farei come già detto, un passo per volta, iniziando da un trattamento "generico" ma fatto con veri pannelli acustici, costruiti come si deve.
      Così ho fatto io e la situazione cambia radicalmente.
      Le misurazioni inizio ad affrontarle ora, ci sono dei tutorial che insegnano a usare un software free (Room Eq Wizarz), oltre a questo ti serve anche un microfono di misura oppure un buon mic per la voce purché sia un condensatore un minimo lineare e con la possibilità di usarlo come omnidirezionale.
      C'è anche chi ritiene che se il trattamento è progettato bene le misure non servano più di tanto, e se ti mancano tutte queste esperienze non era sbagliata l'idea che ti hanno suggerito, ossia di acquistare il progetto, che ti costa praticamente come un microfono da misura, ma ti risolve tutta una serie di incertezze portandoti direttamente verso la buona strada.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Pilloso ha scritto:

      C'è anche chi ritiene che se il trattamento è progettato bene le misure non servano più di tanto, e se ti mancano tutte queste esperienze non era sbagliata l'idea che ti hanno suggerito, ossia di acquistare il progetto, che ti costa praticamente come un microfono da misura, ma ti risolve tutta una serie di incertezze portandoti direttamente verso la buona strada


      Questo è quello che farò appena completato il lavoro infatti 8o
      L'unica mia preoccupazione rimangono le bass traps....spero che Oudimmo riuscirà a consigliarmi delle bass traps accordate sul range di frequenza più idoneo al trattamento della mia stanza, senza avere sottomano le misurazioni...
      Non intendendomene, non so come possa avvenire la scelta della bass traps, spero ci siano delle bass traps basilari, che possano adattarsi ad ogni ambiente piccolo, come il mio.
      A proposito, sono nel bel mezzo del lavoro, ti ho allegato una foto con un armadio smontato!
      Immagini
      • WhatsApp Image 2018-10-09 at 17.35.07.jpeg

        160.07 kB, 1,600×900, scaricati 5 volte
      certo, ti faranno loro un progetto suggerendoti i pannelli idonei e dove montarli, in un disegno 3d della tua stanza, che può eventualmente basarsi (sarebbe meglio) su una piantina fatta da te (anche approssimativa), con indicazione del posizionamento di mobili, divani, termosifoni, scrivanie, strumenti, porte, finestre e tutto quello che potrebbe impedire il posizionamento di un pannello. Non gli serviranno le misurazioni con room eq wizard, solo le dimensioni della tua stanza (inclusa altezza del tetto), e l'eventuale presenza di pareti in cartongesso.

      Subwoofer + Casse monitor

      Come dice @gobbetto e come hanno giá fatto presente in molti, in genere inizi a fare misurazioni (nel senso di rilevamenti col microfono) una volta che l'ambiente è giá trattato ed i "macroproblemi" risolti.
      È un po' come progettare un'automobile (non sará un paragone che calza a pennello ma è giusto per dare un'idea):
      La prima fase è su carta, si tratta di applicare nozioni di fisica e fare calcoli, tenendo inoltre in considerazione tutta l'esperienza accumulata nel corso del tempo. Una volta che il prototipo è assemblato si procede con i vari test, galleria del vento ecc.
      Se mettessi un cubo di lamiera con 4 ruote su pista o in galleria del vento sarebbe solo una perdita di tempo...
      Chiaramente piú saranno accurate le informazioni che darai in questa prima fase e maggiore l'esperienza di chi ti fa il lavoro, tanto piú riuscirai a portarti avanti riducendo gli interventi successivi.

      Inviato dal mio SM-A520F utilizzando Tapatalk

      Subwoofer + Casse monitor

      Aggiungo che anche per i diffusori è meglio non sottovalutare, scegliendo un sistema semplice come una listellatura (che peró ha un pattern regolare, senza cavità e sporgenze a casaccio) sei abbastanza tranquillo. Non mi fiderei troppo invece di inventare cose a caso pensando che diffondano... solo per aver eliminato una superficie piana. Rischi di avere semplicemente un mix di riflessioni e risonanze.
      Anche i diffusori a resto quadratico ad esempio (relativamente semplici da realizzare, ci sono dei calcolatori gratuiti a disposizione sul web subwoofer-builder.com/qrdude.htm) hanno un pattern ben preciso ed un range altrettanto preciso di frequenze sulle quali lavorano.

      Inviato dal mio SM-A520F utilizzando Tapatalk

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “MacGyver” ().

      Sì, condordo con MacGyver... d'altro canto se la misurazione della stanza non ti viene richiesta per il progetto, è anche vero che potrebbe essere una tua curiosità confrontare il prima e il dopo trattamento. Un grosso sbattimento però, perché devi imparare a usare room eq wizard, calibrare scheda e microfono (ci vuole un omni con una risposta in freq abbastanza flat), fare le rilevazioni, imparare a interpretare grafici e waterfall (quest'ultima è una cosa molto semplice per la verità). Quindi valuta tu se vale la pena, considerando che con un progetto di Oudimmo o Gikacoustics il problema lo risolvi comunque, con o senza misurazioni.
      quoto anche per quanto riguarda i diffusori, e aggiungo che sia gikacoustics che oudimmo hanno prodotti misti che non costano uno sproposito, che integrano in un pannello diffusione e bass trap (ad esempio), in modo da ottimizzare gli spazi disponibili.

      MacGyver ha scritto:

      Aggiungo che anche per i diffusori è meglio non sottovalutare, scegliendo un sistema semplice come una listellatura (che peró ha un pattern regolare, senza cavità e sporgenze a casaccio) sei abbastanza tranquillo. Non mi fiderei troppo invece di inventare cose a caso pensando che diffondano... solo per aver eliminato una superficie piana. Rischi di avere semplicemente un mix di riflessioni e risonanze.
      Anche i diffusori a resto quadratico ad esempio (relativamente semplici da realizzare, ci sono dei calcolatori gratuiti a disposizione sul web subwoofer-builder.com/qrdude.htm) hanno un pattern ben preciso ed un range altrettanto preciso di frequenze sulle quali lavorano.

      Inviato dal mio SM-A520F utilizzando Tapatalk


      Ragazzi, sono un po confuso...scusate, ma la libreria allora serve o non serve? Faccio bene a portarla in garage? Oppure posso posizionarla al muro e integrarci dentro alcuni pannelli tra i vari vani degli scaffali....

      Quale soluzione mi proponete? Qual è lo studio ideale?