Consiglio per cuffie monitor

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Consiglio per cuffie monitor

      Ciao a tutti. Vorrei comprare un paio di cuffie da collegare al pc per monitorare l'audio quando realizzo podcast e voice over e realizzare il file finale.
      Non pretendo ne cerco la perfezione, ma qualcosa che mi permetta di fare qualcosa di buono.

      Qualche consiglio?
      Potresti acquistare le AKG K-240, non sono care ma attenzione non farti ingannare dal prezzo, alti nitidi, medi cristallini e risposta relativamente piatta ti consentiranno di ottenere un suono naturale.
      Queste cuffie sono del tipo "semi-aperte".
      =O Per poter valutare la tua forza e quella di chi ti stà di fronte devi prima imparare a capire ed accettare le tue debolezze 8)
      Se vanno bene per lavorare sull'editing musicale vanno bene per forza anche per i montaggi video.
      Riguardo i commenti degli utenti Amazon avrei molto da ridire, da quello che dice che allo stesso prezzo esiste molto di meglio (cosa?) a quello che ha cambiato 3 paia e va sempre male il padiglione di destra (che abbia magari un problema nella sua attrezzatura?),
      Io le ho fatte comprare di recente su Amazon a un mio amico e le abbiamo confrontate con le mie che hanno 20 anni, sono uguali e suonano allo stesso modo, cioè come ci si aspetta da delle ottime cuffie.

      Considera che su Amazon gli utenti danno voto negativo a un telefonino perché se cade per terra si rompe, o a un vetrino proteggi-schermo perché a 5 euro si aspettavano tutto il telefonino che vedono in foto. E ho detto tutto.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Le Superlux sono tanto, ma taaaaanto sotto le AKG.
      Ne ho parlato bene in passato, ma assolutamente con le AKG a 55 euro non mi sognerei neanche lontanamente di spenderne 30 in delle Superlux, che per carità, onestissime, ma il confronto è impietoso e sono anche molto più scomode da indossare.
      Chiaramente per delle AKG chiuse di pari livello alle K240 bisogna salire almeno alle K271 che costano di più, magari può valerne la pena, però registro da una vita la voce con quelle aperte e devo dire che raramente i rientri sono stati un problema, dipende anche dal volume che si tiene in cuffia, il mio è sempre medio e mai sparato, e comunque non è che queste cuffie suonino anche all'esterno, le sta usando proprio in questo momento la mia ragazza per dei videocorsi, è a pochi metri da me nel pieno silenzio, non sento assolutamente nulla di quello che sta ascoltando.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Non le consigliavo in alternativa, ma in aggiunta.
      30 euro per un paio di cuffie affidabili ed oneste (e che valgono ben più di quello che costano) da usare in tracking mi pare una spesa sopportabile.

      Il discorso dei rientri dipende da molti fattori, ma con una cuffia (ben) chiusa uno si mette al riparo da ogni eventualità.

      Lattugo wrote:

      che valgono ben più di quello che costano

      Forse anche io dichiarai in passato una cosa del genere, al primo ascolto colpiscono piacevolmente per il loro costo, ma se valessero molto di più di quello che costano suonerebbero come delle AKG K240, invece sono molto peggio, oggettivamente. Medie aspre, alte un po' sottili, basse un po' pompate, qualche piccolo vuoto in qua e là. Ok per un ascolto da svago, videogiochi, multimedia e quello che vuoi, ma in studio portano fuori e persino per monitorarsi dutante il canto non mi aiutano perché proprio sulle frequenze della voce creano artefazioni un po' "citofoniche" che disturbano mentre cerco di concentrarmi sull'esecuzione.
      Le K240 a confronto, così lineari e veritiere, sono anni luce superiori, e da qualche tempo costano appena 25 euro in più, non certo una cifra per cui compromettere la qualità di ascolto.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Pilloso, abbi pazienza.

      Il TS non ha chiesto cuffie per cantare, ma per fare
      1) tracking di speakeraggio/doppiaggio/voiceover
      2) postproduzione di quanto sopra

      Ora, un paio di cuffie semiaperte di qualità vanno benissimo per il punto 2), ma espongono ad una serie di rischi sul punto 1) che io al suo posto eviterei.

      Di qui il consiglio di un paio di cuffie chiuse che costano appena 30 euro, e che possono essere utilizzate senza problemi per le applicazioni di cui sopra.

      Per quanto riguarda, poi, l'utilizzo in tracking di voce/strumenti lì si apre un capitolo a parte che qui non c'entra, ma nella scelta di una cuffia da tracking per fare musica la linearità non è certo la caratteristica principale da considerare. L'isolamento è l'unico punto fermo. Comfort e gusto personale sono fattori soggettivi, e per mia esperienza ogni musicista/cantante che arriva in studio ti chiede un'equalizzazione diversa per ottimizzare il proprio ascolto, tanto che a mio parere è molto meglio investire in un sistema di mixer monitoring da dare ai musicisti (che si gestiscano in autonomia) che nella ricerca della "cuffia perfetta".

      L'accoppiata K240 semiaperte/SLHD salverebbe capra e cavoli. Le prime per il (lungo e affaticante) lavoro di editing e post, le prime indossate solo per il tracking.

      Magari prendi prima solo le AKG, e se vedi che non hai problemi di rientri fai con quelle.
      Alla peggio, se poi vedi che ti ritrovi a spendere ore per togliere rientri indesiderati, integrerai con le chiuse.
      Lattugo, io non insisto, ti dico solo che la mia esperienza personale è questa: le ho entrambe e faccio anche io dal canto allo speakeraggio.
      La mia situazione reale è che le Superlux le lascio a prendere la polvere perché alla fine non mi tornano utili in niente, uso le K240 semiaperte senza problemi per qualsiasi lavoro, anche per registrarmi.
      Le Superlux le do a un cantante come seconda cuffia quando dobbiamo lavorare entrambi in cuffia, punto.
      Anzi a dirla tutta, per essere sicuro che il cantante si senta bene, a volte gli do le AKG e mi sacrifico io mettendo le Superlux, tanto in quel momento il mio ascolto è solo di controllo.
      Avendo già le AKG e dovendo prendere un secondo paio di cuffie proprio per i cantanti ho voluto provare queste Superlux di cui tutti tessevano le lodi, è vero che fanno i miracoli per 30 euro, ma tornando indietro forse prenderei un secondo paio di AKG K240 o al limite delle K271.
      Per 25 euro in più son sempre io, ma almeno sento come si deve :)

      Lattugo wrote:

      Magari prendi prima solo le AKG, e se vedi che non hai problemi di rientri fai con quelle.
      Alla peggio, se poi vedi che ti ritrovi a spendere ore per togliere rientri indesiderati, integrerai con le chiuse.


      Mi sembra un consiglio molto sensato.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Post was edited 2 times, last by “Pilloso” ().

      Il problema è che le semiaperte in tracking si possono usare solo in alcune, limitate, situazioni.

      Basta un cantante o un chitarrista acustico che necessita di un click e un po' di volume e con una semiaperta butti la take, perciò la prima scelta è sempre quella, anche a discapito della qualità.
      Dovendo prenderne solo una io non avrei dubbi: chiuse.

      Se vuoi azzardare le aperte perché rientri in una delle situazioni limitate di cui sopra ok, però ci vuole la consapevolezza che potresti essere costretto a comprarne un altro paio.
      Chiuse.