Monitor video per daw

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Monitor video per daw

      Salve a tutti.
      Sono recentemente approdato al mondo Mac, ho preso un MacMini i5 dual con 16gb ram e ssd da 256 e posso dire che quando mi dicevano "..Rei guarda che il mac è tutta un'altra storia rispetto a windows.." non gli credevo, invece ora so per certo che avevano ragione da vendere.. Chiedo consiglio perchè ora ho un grande problema: ho un monitor da 24 BENQ GW2480 e una distanza dagli occhi di circa 60cm, per mettere a fuoco ho bisogno di avvicinarmi di 10/20cm (probabile presbiopa, ho 54 anni) e sto già muovendomi per un occhiale da computer che possa garantire una messa a fuoco idonea (mi hanno consigliato le Zeiss) ad una distanza variabile che può andare da 40cm ad 1mt. Quando mi metto sulla daw, trovo molto difficile vedere bene i dettagli sul monitor. Detto ciò vorrei sapere da chi ne sa di più di me: a prescindere dalla presbiopia, mi consigliate di investire su un monitor professionale (e quindi costoso), oppure di tenermi questo Benq che è economicissimo? Non vorrei che a lungo andare mi rovina la vista ulteriormente.
      NB: Calibrazione monitor fatta (os Catalina) e illuminazione stanza adeguata (3 faretti ikea flessibili a led di quelli piccolini con la molla).
      Grazie a chi vorrà aiutarmi e a buon rendere.
      Rei
      Siamo coetanei e, ormai porto occhiali da vista da parecchi anni, credo non meno di 10. Stando spesso, se non sempre, al computer per lavoro e/o hobby musicale ho sempre dato priorità a monitor di qualità (almeno che fossero proporzionati alle mie capacità economiche).
      Premesso che ho un computer su cui gira Windows 10 equipaggiato con una scheda video Sapphire HD5770 Vapor X da 1GB (di una decina d'anni fa), di recente ho sostituito il vecchio 27" Samsung con un 32" 4K Philips, ottenendo una risoluzione di 2560 x 1400 a 60HZ.
      La distanza dallo schermo è di circa 80 cm e mi trovo benissimo.

      Il link del video è il seguente https://www.bpm-power.com/it/online/informatica/monitor-pc/32-philips-multiview-pivot-b0786253

      La scheda video a suo tempo costava molto, però è stato un investimento a lungo termine e a distanza di parecchio tempo si è rivelata ancora valida. In conclusione, ti suggerisco di cambiare monitor, perché più grande è e meglio si lavora. Per inciso, al computer della musica ho collegato sempre un Philips da 43" 4k e non ho mai lavorato meglio.
      Ohne Musik wäre das Leben ein Irrtum

      N.B. Rispondo a mail o telefonate con quesiti tecnici solo SE ho tempo e voglia
      Buongiorno e grazie.. Hm, monitor grande.. Comprendo la qualità ok, ma sulla grandezza sono perplesso, perchè i miei spazi sono piuttosto risicati: scrivania ad angolo 120x120, seduta centrale e monitor pure. Ho paura che poi con 32" devo allontanarmi troppo dalla scrivania.... Già con questo 24" mi sembra leggermente esagerato, ma forse è una mia percezione dovuta alla vista... La cosa più intelligente che posso fare è prendere su Amazon un buon monitor, provarlo qualche gg e se non va rimandarlo indietro... Non sono cose che posso provare in un negozio, devo averle a disposizione per un pò per capire.... Cmq ho capito, bisogna spenderci soldi. Considera che il Mini Mac late 2012 è collegato alla thunderbolt/display port (non uso hdmi sul mac), ho un notebook asus con uscita hdmi+vga e qui quando devo, mi collego al monitor con hdmi, insomma non ho pc fisso + scheda video dedicata. Devo comprare un monitor di qualità che vada bene con questi device in sostanza.. Spero che qualcun'altro oltre te che sei stato molto gentile, possa interessarsi e darmi qualche dritta ;)
      Non mi sembra un gran cavo. Due utenti si lamentano del fatto che non regge i 60 hz. Altri dicono che non è compatibile con lo standard 1.2. Questi cavi economici spesso sono assemblati male internamenti. Puoi ritrovarti colori bruciati e bianco non stabile. Prendi un Lindy o uno StarTech.
      sarà ma io credo che ad occhio non noterai nessunissima differenza in termini di qualità di immagine tra l'uno e l'altro cavo.
      e ci mancherebbe pure...
      Certo che se leggiamo solo le pochissime recensioni negative su migliaia di positive, è come leggere solo gli effetti collaterali di un farmaco.

      Flavio (ex fbin) wrote:

      sarà ma io credo che ad occhio non noterai nessunissima differenza in termini di qualità di immagine tra l'uno e l'altro cavo.
      e ci mancherebbe pure...
      Certo che se leggiamo solo le pochissime recensioni negative su migliaia di positive, è come leggere solo gli effetti collaterali di un farmaco.

      Personalmente sono d'accordo con te... Sicuramente l'aspetto cavo influisce certo, ma credo che il problema qui sia prendere un monitor buono che migliori la mia leggibilità....
      Dato che hdmi è un collegamento digitale, francamente non credo che il cavo influisca sulla qualità dell’immagine (o funziona o non funziona, non ci sono vie di mezzo)... magari c’è quello con la schermatura un po’ più buona che può servire in un ambiente particolarmente inquinato da interferenze, ma quando il cavo rispetta le specifiche del protocollo (e mi pare ci siano alcune revisioni per hdmi, in funzione della risoluzione), non c’è da preoccuparsi.

      Se il collegamento fosse analogico (vga) allora mi aspetterei che l’immagine possa essere degradata (anche se dipende dal monitor: il mio primo lcd nel 2006 o 2007 aveva una qualità che faceva schifo rispetto a quella attualmente disponibile; al momento ho un hp da 27” collegato in vga al portatile di lavoro e fatico a percepire la differenza rispetto al collegamento hdmi - normalmente uso quello e un altro monitor con la mia daw in hdmi, però il portatile di lavoro ha solo una hdmi e una vga... trovandomi in smart working, utilizzo entrambi gli schermi della daw anche per lavoro).

      In azienda lavoro con un 24”, ma passerei volentieri ad un 27”-28”. In ufficio i monitor esterni sono più o meno tutti di queste dimensioni e la distanza tra occhio e schermo oscilla tra i 60-90 cm a seconda di come si è seduti (considera una media di 60-70 cm di distanza).

      Se il monitor è troppo grande rispetto alla distanza, il problema è che poi ti trovi a muovere il collo, ma un 27”-28” (e forse anche fino ad un 32”, anche se forse comincia ad essere grande dal mio punto di vista) penso vada benissimo in un contesto “ufficio” (e azzarderei che la daw possa spesso rientrare in questo ambito).


      Casomai potresti valutare un monitor opaco (in commercio trovi soprattutto monitor lucidi), in modo di evitare i riflessi (dato che l’illuminazione - e quindi anche i riflessi - sono una cosa molto importante per chi lavora al pc).
      Il rispetto si costruisce solo insieme.
      Aggiungo: parlavo di un 27” in 16:10, perché se sui monitor extra-wide a parità di pollici hai uno schermo più “piccolino” (in altezza).

      Poi ci sono altri fattori utili per scegliere un monitor, come i tempi di risposta, ma qui non sono ferrato (in un contesto “ufficio” però hanno un peso molto relativo)
      Il rispetto si costruisce solo insieme.
      Io sono miope fin da ragazzino, e ora con l'età sta arrivando anche la presbiopia, in pratica per mettere a fuoco devo girare con un fotografo :D
      Lavoro al computer sempre senza occhiali perché i display in genere sono alla distanza che un miope riesce a gestire tranquillamente (fino a 1mt si vede ancora bene se non mancano tanti gradi) mentre l'astigmatismo influisce a distanze molto ravvicinate (ad esempio quando leggi un libro).
      Un paio di anni fa mi sono regalato un bel LG 43" 4K, l'ho voluto per avere una risoluzione alta che mi permettesse di mettere molti elementi nella stessa schermata.
      Lo tengo a circa 80-90cm dagli occhi, è tutto piccolo ma anche definito, fortunatamente i software che uso permettono di scegliere l'ingrandimento, ma per ora ho lasciato tutto di default, giusto per vedere meglio qualche dettaglio a bordo schermo devo avvicinarmi un po', ma credo sia naturale per uno schermo largo un metro e pieno di informazioni.
      Se fosse solo un FullHD, così grande e a meno di un metro di distanza, vedrei chiaramente i pixel e non potrei rimpicciolire più di tanto.
      Credo che parlare della risoluzione sia fondamentale perché cambia proprio tutto.
      L'ideale potrebbe essere una risoluzione intermedia tipo 2k o altre similari, ma non sono moltissimi i prodotti di questo tipo, e sconsiglio di usare risoluzioni non native, per non vedere artefatti un 4K dovrebbe essere usato solo a 4K, casomai poi si ingrandisce il fattore % di visualizzazione dai software, ad esempio Reaper lo fa.

      Riguardo il cavo quoto sin night, i cavi digitali anche economici hanno lo stesso identico segnale, il problema può essere proprio quello delle interferenze, che semplicemente fanno spegnere l'immagine, costringendo a staccare e riattaccare il cavo, ma finché va si vede esattamente come con un cavo costoso.

      Riguardo
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      sin night wrote:

      Dato che hdmi è un collegamento digitale, francamente non credo che il cavo influisca sulla qualità dell’immagine (o funziona o non funziona, non ci sono vie di mezzo)... magari c’è quello con la schermatura un po’ più buona che può servire in un ambiente particolarmente inquinato da interferenze, ma quando il cavo rispetta le specifiche del protocollo (e mi pare ci siano alcune revisioni per hdmi, in funzione della risoluzione), non c’è da preoccuparsi.

      Se il collegamento fosse analogico (vga) allora mi aspetterei che l’immagine possa essere degradata (anche se dipende dal monitor: il mio primo lcd nel 2006 o 2007 aveva una qualità che faceva schifo rispetto a quella attualmente disponibile; al momento ho un hp da 27” collegato in vga al portatile di lavoro e fatico a percepire la differenza rispetto al collegamento hdmi - normalmente uso quello e un altro monitor con la mia daw in hdmi, però il portatile di lavoro ha solo una hdmi e una vga... trovandomi in smart working, utilizzo entrambi gli schermi della daw anche per lavoro).

      In azienda lavoro con un 24”, ma passerei volentieri ad un 27”-28”. In ufficio i monitor esterni sono più o meno tutti di queste dimensioni e la distanza tra occhio e schermo oscilla tra i 60-90 cm a seconda di come si è seduti (considera una media di 60-70 cm di distanza).

      Se il monitor è troppo grande rispetto alla distanza, il problema è che poi ti trovi a muovere il collo, ma un 27”-28” (e forse anche fino ad un 32”, anche se forse comincia ad essere grande dal mio punto di vista) penso vada benissimo in un contesto “ufficio” (e azzarderei che la daw possa spesso rientrare in questo ambito).


      Casomai potresti valutare un monitor opaco (in commercio trovi soprattutto monitor lucidi), in modo di evitare i riflessi (dato che l’illuminazione - e quindi anche i riflessi - sono una cosa molto importante per chi lavora al pc).


      Interessante l'opzione dello schermo opaco, non ho problemi di riflessi di luce in quanto metto faretti ikea puntanti adhoc, la mia perplessità resta sulla grandezza dello schermo. Fermo restando che ho capito che in questo caso non è possibile economizzare, punterei su un monitor da 27'' o 32'', visto che un 24'' ce l'ho anche se di qualità bassa, ma poi sarò costretto a stare a debita distanza per non danneggiare la vista e quindi siccome non metto a fuoco mi avvivino e mi viene la cervicale :D... cioè è un vero casino, per questo penso che la cosa migliore sia un compromesso: monitor da 24'' di marca che possa raggiungere risoluzioni 1920x1080 che per quello che devo fare io sono più che ok, capirai sono abituato ai notebook (anche io sono in smartworking), ma il mac lo sto usando e vorrei usarlo, soltanto per la musica.. mi piacerebbe vederci bene a fuoco sia da 40cm che da 80, ma forse questo non dipende dal monitor che utilizzo, ma dagli occhiali progressivi che dovrò farmi sicuramente (ora ho dei monofocali)....Voi mi consigliate cmq di acquistare un monitor nuovo buono, a 27'' o 32'' che magari possa raggiungere risoluzioni maggiori, anche se ora non mi servono, potrebbero essere utili tra non molto......?

      Pilloso wrote:

      Io sono miope fin da ragazzino, e ora con l'età sta arrivando anche la presbiopia, in pratica per mettere a fuoco devo girare con un fotografo :D
      Lavoro al computer sempre senza occhiali perché i display in genere sono alla distanza che un miope riesce a gestire tranquillamente (fino a 1mt si vede ancora bene se non mancano tanti gradi) mentre l'astigmatismo influisce a distanze molto ravvicinate (ad esempio quando leggi un libro).
      Un paio di anni fa mi sono regalato un bel LG 43" 4K, l'ho voluto per avere una risoluzione alta che mi permettesse di mettere molti elementi nella stessa schermata.
      Lo tengo a circa 80-90cm dagli occhi, è tutto piccolo ma anche definito, fortunatamente i software che uso permettono di scegliere l'ingrandimento, ma per ora ho lasciato tutto di default, giusto per vedere meglio qualche dettaglio a bordo schermo devo avvicinarmi un po', ma credo sia naturale per uno schermo largo un metro e pieno di informazioni.
      Se fosse solo un FullHD, così grande e a meno di un metro di distanza, vedrei chiaramente i pixel e non potrei rimpicciolire più di tanto.
      Credo che parlare della risoluzione sia fondamentale perché cambia proprio tutto.
      L'ideale potrebbe essere una risoluzione intermedia tipo 2k o altre similari, ma non sono moltissimi i prodotti di questo tipo, e sconsiglio di usare risoluzioni non native, per non vedere artefatti un 4K dovrebbe essere usato solo a 4K, casomai poi si ingrandisce il fattore % di visualizzazione dai software, ad esempio Reaper lo fa.

      Riguardo il cavo quoto sin night, i cavi digitali anche economici hanno lo stesso identico segnale, il problema può essere proprio quello delle interferenze, che semplicemente fanno spegnere l'immagine, costringendo a staccare e riattaccare il cavo, ma finché va si vede esattamente come con un cavo costoso.

      Riguardo


      42'' hd.... mi viene il mal di testa solo ad immaginarlo, ma capisco che hai ragione: la risoluzione è tutto... Diciamo che la mia 1920x1080 60hz nativa mi sta bene, ma se fosse più alta ci entrerebbe più roba, e questo anche è molto importante..
      Secondo te con un 27'' o un 32'' di marca posso starci? Calcola che però adesso a un metro dallo schermo non ci sto mai... ma in futuro potrei cambiare le mie abitudini, avere un mobile nuovo per fare le mie demo ecc... Intendo dire: spendere soldi strizzando l'occhio a quel che sarà tra qualche tempo?.....
      Il punto è trovare la combo giusta che fa per te, io tenendo le 2 casse a 90 cm da me e 90 cm distanziate tra loro, ho cercato qualcosa che colmasse tutti quei 90cm liberi, visto che lo spazio su schermo non mi basta mai, l'ideale forse sarebbe stato un 38-40" ma la scelta era limitata e ho optato per questo 43" economico (per essere un 43" 4K) di cui sono più che soddisfatto.
      Va benissimo anche il 27" o 32" se ritieni che ti basti per quello che devi visualizzare, ma conta che la differenza di spesa non è enorme, anzi siamo lì, quindi non limitare la misura per il costo perché te ne pentiresti, limitala se pensi che un 32" sia troppo ingombrante nella tua postazione e di non poterlo allontanare più di 60-70cm da te.
      In questi tagli starei su monitor 2K (2560 x 1440) che a risoluzione nativa dovrebbero restituire una grafica né troppo grande né troppo piccola, e con un dettaglio ideale per una distanza da 40cm fino a più di 1 metro.
      Se cerchi su Amazon monitor 27" 2K trovi varie alternative tutte di marca, attorno ai 300 euro, se cerchi 32" 2K vedrai che i prezzi sono molto simili, di scelta ce n'è in abbondanza.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Io aggiungerei alcune considerazioni:
      - Limiterei l'altezza del monitor (e di conseguenza la diagonale, cioè il numero di pollici) in funzione della distanza. Per me, ad un metro (spesso un po' meno, ahimé!) di distanza, l'altezza massima indicativa può essere di 35cm (40 a voler esagerare), oltre mi troverei a piegare la testa (con dolori cervicali garantiti, almeno per me); mentre per quando riguarda la larghezza non ho particolari problemi perché non mi pesa muovere leggermente gli occhi (o la testa... o tutto il corpo, con la sedia da ufficio!) a sinistra e a destra. Il mio limite è dunque indicativamente di 27"-28" per un full hd 16:9 e di (calcolato, ma non ho mai provato di persona) 38"-40" per un ultra wide a 21:9...
      - Potrebbe essere una buona idea verificare le distanze consigliate in funzione dello schermo (anche se spesso sono informazioni datate e che non tengono conto dei cambiamenti nei rapporti dei monitor - un 28" in 21:9 è alto grossomodo come un 24" in 16:9 - sono pur sempre uno spunto)...
      - Consiglio di prestare molta attenzione all'altezza a cui viene posizionato il monitor, in modo di avere una postura "decente" (bisognerebbe mantenere una postura corretta, a dire il vero... passando la mia vita di fronte ad uno schermo, per me questo è un aspetto molto importante)
      - Per il punto precedente, non è una cattiva idea valutare l'acquisto di un monitor che permetta di regolare l'altezza e/o l'inclinazione e che magari sia montabile su un supporto vesa (io ho sempre comprato quello che trovo nei centri commerciali, ma mi pento di non avere gli attacchi vesa e di dover mettere dei rialzi sulla scrivania solo perchè i monitor hanno la base fissa).

      Considerazioni personali, ovviamente! Poi ognuno ha le proprie preferenze, anche se alla fine della fiera tutti facciamo i conti con i limiti del nostro campo visivo...
      Il rispetto si costruisce solo insieme.
      .. grazie per le vs reply, mi state facendo vedere le cose da una prospettiva differente ed è esattamente ciò che desideravo, mi spiego: potrei prendere un ottimo monitor da 32'' e anzichè poggiarlo staticamente su un base, fissarlo ad un supporto da muro movibile, in questo modo a seconda dell'utilizzo che ne vorrò fare posso avvicinarlo allontanarlo (di un certo margine ovviamente) posizionarlo in alto rispetto al mio notebook qualora dovessi usare contemporaneamente i due pc... Mi sembra un ottimo compromesso, tanto più che investirei una somma su un monitor che in molte circostanze può essere molto utile... a questo punto la grandezza non è più un problema (ovvio in certi limiti) perchè se è troppo grande, con il supporto estensibile posso manovrare quel tanto che basta a non affaticare la vista....
      La cosa mi piace molto, a questo punto direi di andare sul tecnico: avete da consigliarmi qualche monitor che potrebbe fare al caso mio considerando che la scheda video del mac mini i5 late 2012 non è certo una scheda grafica highlevel.. ma è vero pure che probabilmente il monitor sopravviverà ampiamente al mac ;-)..