Monitoraggio in sala riprese

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Monitoraggio in sala riprese

      Ciao a tutto. L'ascolto in cuffia, per il musicista che deve registrare, è molto importante poichè da questo dipende molto la propria esecuzione, soprattutto in alcuni generi (funk, jazz, ecc.). Volevo chiedere, appunto, come avete realizzato i sistemi d'ascolto nei vostri studi. Quando capita una formazione che vuole registrare "tutt'insieme", perchè necessitano di guardarsi, come ascoltano? Che ampli, mixerini e cuffie utilizzate. Vi sarò grato delle vostre info poichè sto cercando di re-impostare il monitoraggio nel mio studio e vorrei fare un discreto salto di qualità. Ad oggi mando un aux per ogni musicista che viene amplificato da un ampli cuffie (uno per ogni aux). In questo modo è possibile personalizzare gli ascolti. Però ho notato che non sempre l'ascolto è soddisfacente. Si consideri che utilizzo buone cuffie ma ampli di basso livello (Berigher, Alto). Dipenderà da questo? Quanto può incidere la qualità di un ampli? Qualcuno ha mai utilizzato un sistema come l'HEAR TECHNOLOGIES HB4P ? Grazie a tutti!!

      ginoquad wrote:

      Ad oggi mando un aux per ogni musicista che viene amplificato da un ampli cuffie (uno per ogni aux). In questo modo è possibile personalizzare gli ascolti. Però ho notato che non sempre l'ascolto è soddisfacente.

      Ciao Gino, :) cos'è che non ti soddisfa esattamente? Il sistema in se, coem concetto, mi sembra ottimo. Io ad esempio uso questo ampli per cuffie collegato ai 6 aux del mixer. Tutta quello che avviene nel mixer, a perte il gain, rimane nel mixer e va agli ascolti. Subito dopo i gain ho gli insert point che vanno, traccia per traccia, sulla daw. In questo modo preparo il mixer dedicandolo esclusivamente all'ascolto dei musicisti.
      C'è da dire che se non hai un buon ampli per cuffie (che da un certo volume), non hai buone cuffie isolanti e una stanza piccola è difficile fornire un ascolto molto preciso.

      Tra le info che hai fornito c'è un ampli che dici di essere di bassa qualità (qui mi affido a te non avendo mai provato quel modello), dici buone cuffie. Ho notato che anche se le cuffie sono buone ma non isolanti e la stanza è piccola fai fatica a suonare in modo preciso, non avendo appunto un ascolto preciso.

      Usi qualche effetto per far sentire più a proprio agio i musicisti durante l'esecuzione? Ho fatto questa domanda perché spesso i cantanti senza un'ambienza simulata in cuffia in modo corretto, come se cantassero all'incirca senza cuffie, hanno difficoltà a controllarsi.

      Giusto un paio di spunti. :)
      Pirla di saggezza: Il mix è come una slot machine, devi sapere quando fermarti se non vuoi perdere tutto...Ⓡ

      Post was edited 2 times, last by “dream” ().

      Grazie Dream per la risposta. Il problema più grosso l'ho riscontrato nel batterista. In genere ha bisogno di avere una buona presenza sia del proprio strumento che del basso. Di solito gli mando prima il basso ai livelli sostenibile per la cuffia e quindi la batteria (in genere gli over head, la cassa ed il charlie). Quindi, tutto il resto (voce guida, chitarre, ecc.). Il problema è che, pur essendo concettualmente corretta la logica, il batterista lamenta sempre una carenza di presenza, gli manca quella pacca che lo aiuta nell'esecuzione. Ovviamente questa cosa difficilmente la potrà avere in cuffia, ma come ci si potrebbe avvicinare? La cuffia che usa è una Senheiser hd 280 pro, che non è male e viene amplificata da un powerplay berigher. Avevo pensato di acquistare una di quelle cuffie ad altissimo isolamento, ma non sono riuscito a capire chi le vende. Boh!!
      Secondo il mio modo di vedere le EX-29 sono indispensabili, io le ho comprate infatti. Anche con gli ear monitor isolanti avevamo ottenuto buoni risultati. Io sono un guitar player ma sonicchio un po' di tutto e, provando da me, ho realizzato che è molto difficile essere performanti se non si sente bene in cuffia, specie kick e snare che sono fondamentali, il tuo corpo reagisce proprio con un feel totalmente diverso. Poi dipende anche da come i batteristi sono abituati a studiare.

      Concettualmente pensavo che la compressione limitasse in un certo senso la dinamica d'esecuzione, ma ma sono trovato bene a fornire un suono già abbastanza trattato sugli ascolti. Prova a vedere se fa anche al caso tuo. In ogni caso prova cuffie molto isolanti, un buon ampli per cuffie, e un'equalizzazione studiata solo per l'ascolto in cuffia.

      Ps: riguardo alle EX-29... Secondo me sono le migliori dal punto di vista dell'isolamento, ma non ti aspettare il miracolo. Diciamo che se tutti gli anelli della catena funzionano bene queste fanno il loro dovere alla perfezione, ma non è che se le indossi stai su un mondo a parte. :)
      Pirla di saggezza: Il mix è come una slot machine, devi sapere quando fermarti se non vuoi perdere tutto...Ⓡ