Passaggio a clavia

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Passaggio a clavia

      Buongiorno, a tutti. E' il mio primo intervento su questo forum quindi innanzitutto saluto tutti coloro che avranno la pazienza di leggermi (e anche tutti gli altri :) ). Suono da parecchi anni e ho fatto parte di diverse band che hanno prodotto sempre musica inedita. L'attuale progetto, agli inizi, si propone di produrre musica prog rock, senza riferimenti precisi e con diverse contaminazioni. Primo ep quasi terminato, discreta attività live.

      Utilizzo stage piano yanaha, motif es e molto sporadicamente mainstage. Uso logic in studio ma con competenze ancora limitate.

      Vorrei completare le sonorità a disposizione acquistando un synth clavia (nord lead 2x o nord wave), di cui apprezzo molto le caratteristiche sulla carta ma che non ho mai utilizzato nè provato a fondo. Pur apprezzando le sonorità di yamaha non ho mai digerito la sua filosofia di utilizzo, vorrei quindi passare a clavia in virtù della tanto decantata immediatezza d'uso. Le poche volte che ho messo le mani su un synth clavia, però, devo ammettere di aver fatto fatica ad approcciarmi e a capire le potenzialità dello strumento. Non essendo un mago della sintesi, ho sempre testato gli strumenti a partire dai preset, cosa che mi sembra di capire non fa parte della filosofia dello strumento che vorrei portarmi a casa.

      Ecco quindi la domanda che rivolgo agli utilizzatori di synth clavia: come faccio a muovere i primi passi su un nord lead piuttosto che un wave? Ha senso, secondo voi, per uno che si è sempre limitato a costruire il proprio suono semplicemente apportando modifiche ai preset, acquistare lo strumento in questione?

      Grazie a quanti mi risponderanno ;)
      Sì ha senso, proprio perchè la struttura di un nord lead (forse un po' meno per il wave) è talmente classica da essere un ottimo strumento didattico, oltre ad offrire un suono professionale. Per di più lo stesso manuale del lead riporta una breve e basilare guida alla sintesi sottrattiva.
      Se poi vuoi limitarti all'uso dei semplici preset, nessuno te lo vieta.
      Dai un'occhiata agli usati, spesso il nord lead 2 (e non 2x) non costa follie sull'usato.....in potenza non ha nulla di meno del 2x (sì ok 16 voci anzichè 20) e suona un po' più "tondo", ma ha molte meno memorie almeno che non gli si aggiunga la scheda di espansione
      Opinione personale:
      se fai prog, forse il Wave sarebbe meglio, più che altro per la sezione campioni, tra l quali c'é roba vintage ( tipo mellotron) adatti al genere che suoni. Chiaro, costare costa, ma vale la pena aspettare un po' di più per avere una macchina "definitiva" (o quasi).
      Wer Schön Sein Will, Muss Leiden
      ciao, io da tantissimi anni suono in gruppi prog metal / prog rock... come sonorità a parte qualche piano qua e la sono soprattutto synth lead e pad e qualche efx, niente ep e organi e per questo genere da sempre mi trovo alla grande con le workstation korg.
      dalla trinity alla m50 che uso adesso per quasi tutti i live soprattutto perchè è leggera e il touchscreen risolve molti problemi di cambio patch volante rispetto ad altri synth.

      hanno i loro difetti, in primis i campioni di piano non sono eccelsi (anzi... per quello dovresti passare al kronos ma sono troppi $$$ ed è troppo per quello che mi serve) e poi la mancanza di un audio in. ma per il resto mi ci trovo benissimo. certo sarebbe un po' un doppione del motif come synth. i preset sono validi, ma l'editing non è immediato.

      clavia sono ottimi synth, occhio che se sei abituato a tasti pesati o semi-pesati, la synth action clavia è molto leggera e devi farci la mano, i lead sono strumenti che hanno fatto la storia, se trovia 1 con espansione di voci o 2 che imo hanno il suono più clavia. unica pecca, nessun effetto integrato. se sei abituato a usare un po' di riverbero o delay devi protarti pedalini esterni. come struttura di sintesi sono la base della sintesi sottrattiva, ottimo per imparare e facilissimo da editare, su quelli non farai fatica ad imparare.

      e poi non posso che concordare con ice: dai un occhio al wave, io me lo sono preso sull'usato quest'estate dopo qualche anno che ci pensavo ed è uno strumento eccezionale. molti dicono che non è altro che un camponatore nemmeno troppo evoluto rispetto a macchine come il v-synth e in effetti è vero... pero' ha una immediatezza d'uso impressionante e dei suoni favolosi. e poi le librerie clavia di campioni pronti all'uso sono molto molto fornite.

      altro strumento che potrasti considerare è un v-synth 1.0 o XT (il 2.0 sulla carta è meglio ma meno immediato avendoli avuti entrambi, meglio la 1.0)
      Constellation : il mio nuovo lavoro da sentire e scaricare (post-rock / synths / piano)

      Youtube

      suoni modulari
      Scusate l'intromissione ma l'argomento mi riguarda!In che modo si espande la memoria del nord rack 2?nel senso,mettendo la scheda nell'apposito slot,si caricano altri suoni,si espande il numero di path riscrivibili o cos'altro?mi è arrivato da poco e volevo subito capire queste cose!grazie in anticipo :)