Korg New Electribe

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Korg New Electribe

      Ciao a tutti ogni tanto mi ricordo di essere musicista e appassionato di strumenti elettronici quindi ritorno... E' uscita quella che dovrebbe essere la "successora" della korg Emx... E la vendono al prezzo di una Emx usata (mi spiace possessori di emx dovrete calare le braghe ahaha!!!)... Comunque, apparte le funzionalità aggiuntive, sentendo le demo, mi pare moscettina, o forse sono moscettini i tizi che hanno fatto le demo... QUalcuno ci ha messo le mani???

      kraftzug66 ha scritto:

      ciao.. rieccomi risorto dall oltretomba...anche io attendo video che mi convincano a prenderla..nel dubbio mi tengo la vecchia blu e rossa che con le sue belle valvolacce dal vivo fanno venire giù l intonaco :D


      No no kraft tieni la rossa.... Per me la 2 e' troppo pulita per te.... :)
      Constellation : il mio nuovo lavoro da sentire e scaricare (post-rock / synths / piano)

      Youtube

      suoni modulari
      Dopo aver rivoltato il web sotto e sopra ho visto che la korg electribe va molto bene per cui ho deciso di comprarla. Devo dire che sapendola utiizzare ha combinazioni infinite già modificando i preset e su tutti i tipi di generi EDM: Poi se si parla di costruire dei pattern di sana pianta è praticamente come un strumento musicale: limite infinito di melodie e ritmi e accordi.Unica pecca i bar che sono 4 e non 8.
      Però per chi vuole un synt live per creare pattern da utilizzare per produzioni e live è veramente ottimo. A proposito se si vuole abbinare un campionatore è possibile con la versione sampler che non è altro che un campionatore (accetta suoni esterni fino a 270 secondi) modulabili con i tre synt interni.Quindi la versione electribe sampler è più campionatore con un surplus di 3 parti synt per "personalizzarli".
      La versione electribe 2 invece è quasi totalmente sintetizzatore sequencer con 5 parti synth dall'esterno ha solo un audio in in cui è possibile modellarlo con alcuni effetti, ma non di più.
      La SD card serve per memorizzare i pattern, sequenze ecc. e richiamarli direttamente sulla macchina oppure esportare il lavoro su Ableton e assemblare e modificare ad arrangiare il tutto su software per poi rimetterli in macchina oppure utilizzarli in modo generico dato che si può scegliere se esportare il lavoro dalla electribe verso Ableton sia in formato progetto per Ableton che wav audio o tutte due.
      A differenza di un synth tradizionale devo dire che ha parecchie scale armoniche in cui trovando quelle giuste si riesce a creare melodie "orecchiabili" suonando note a "caso".
      Ripeto! per farla suonare a dovere e spremerla per bene bisogna conoscerla a fondo in tutti i suoi parametri di arpeggiatori , scale, toni, accordi, oscillatori, filtri, forme d'onda effetti e modulatori e quant'altro per cui è d'obbligo la traduzione del manuale in italiano. Il sig. Simonazzi di Eko musik mi ha detto che a febbraio si avrà il manuale in italiano.
      Ad occhio e croce per l'house , minimal electrohouse, techno e edm in genere, la electribe fà l'impensabile, poi se si vuole ottenere un Grand Piano Classic o un Flute o Violini Primi ad alta fedeltà più o meno simile tipo microkorg xl e mininova novation che riproducono uan guitar o un flute o altro abbstanza fedelmente, scordatevelo!
      Ma la sua natività non è riprodurre con fedeltà e artificialmente suoni di strumenti musicali come potrebbe fare una Maschine MK 2 o un Cubase o un Reactor, ma è una drum machine con tanto di synt arpeggiatori e sequencer per EDM e altri generi simili. E vi garantiso che si perdono ore e ore a sperimentare, dove casulmente ti escono occasionalmente linee drum , di basso e synt da fare spavento!!!
      Un consiglio! Tenere sempre a portata di mano la SD card... una volta costruita una sequenza pattern, manipolando tutti i parametri; difficilmente spegnendo la macchina e cercando di rifare il tutto reimpostandola si riesce a rifare il lavoro: è letteralmente impossibile rifarla identica!!! Ci sono troppe impostazioni! A meno che non si conosce a memoria la macchina come le proprie tasche. Per cui una volta che un lavoro elaborato piace e "di brutto" è consigliabile salvarlo su SD! Pena di non riuscire a ricostruirlo più fedelmente come prima.
      Ovviamente il discorso è per i lavori costruiti di sana pianta e non sui preset manipolati e parzialmente modificati, in cui è molto più facile riprendere le sonorità sperimentate. Di sicuro è un synt che ha delle marce in più del Kaossilator Pro e Pro Plus + che di più hanno la funzione sampler di fatto questi ultimi due non sono altro che altro e-phrases samplers che Syntetizers propriamente detti!!! La korg electribe 2 però è ancora da vedere con il comportamento e la suonabilità del tipo "synt a tastiera". Per cui andrebbe interfacciata con una tastiera muta controller midi...
      Questa è un' altro test da scoprire del mondo electribe 2!!!

      Il messaggio è stato modificata 2 volte, ultima modifica da “maxastuto” ().

      Non capisco cosa intendi per potenti! Se intendi cose del genere "il basso che pompa" ti rispondo che il tutto dipende dal sistema di amplificazione e dagli altoparlanti!!! La korg electribe il suo compito di produrre segnale bf input lo fà egregiamente con una risposta in frequenza da 20Hz a 20Khz!!!! Pensa che la frequenza di campionamento dei suoni pattern e toni preset è di 48Khz (come il DAT cioè superiore al 44.1 Khz dei CD audio musicalioriginali). Quindi le frequenze ci sono tutte e oltre l'udibile! Basti pensare che con i vari filtri cut off , modulator , resonance e compagnia bella ruotando la manopola scendi oltre la soglia dell'infrasuono fino a 0Hz e a salire oltre i 20Khz se parliamo di superacuti!!! Quindi la macchina non è cupa come un "citofono"! Già se notate che la Korg Volca sampler ha una frequenza di campionamento dei sampler dei 100 suoni interni preset di 32Khz (che comunque ancora siamo nella sfera Hifi) suona bene figuriamoci a 48Khz!!!! La mia Roland SP808EX GROOVE BOX stazione di registrazione audio digital, campionatore, sintetizzatore monofonico analogico e effettiera con ben 64 minuti di campionamneto stereo; ha una frequenza di campionamento e processamento digitale di 44.1 Khz!!! Lascio immaginare la korg electribe 2 a 48Khz che qualità sonora ha (ovviamente se i campioni preinstallati sono "sporchi ovviamente il suono nonè pulito già in ingresso per cui poco conta il sample rate a 48 Khz)!!!
      Di fatto la Roland SP 808EX è una macchina di 16 anni fà ma è pur sempre "una macchina da guerra". che tuttora fa il suo sporco lavoro.
      Il discorso delle precedenti electribe e della loro qualità sonora dovuta alle valvole è vero in parte ma è anche un discorso diverso: perchè è lo stesso ragionamento in riferimento alle tematiche sugli stadi finali di un amplificazione e delle classi di amplificazione. Cioè un amplificatore o un finale di potenza "valvolare" e non allo "stato solido" ( cioè con componenti semiconduttori che possono essere transistor di potenza in configurazione darlington, moduli ibridi come gli STK o i nuovissimi mosfet che più di tutti si avvicinano alle caratteristiche elettriche delle valvole);
      ha dei parametri ben precisi di purezza! Difatti un "valvolare" solitamente è minimo in classe A . Laddove la circuiteria è più curata nei filtri e nei componenti troviamo la doppia classe (AA). In genere un amplificatore o un finale di potenza a semiconduttore ( transistor) è in classe B o con i mosfet è in classe AB .
      In linea di massima la differenza tra una classe e l'altra è la qualità sonora differente (classe AA hi-fi di elevata qualità) perchè una classe A valvolare ha il THD (Total Harmonic Distortion) ed altri parametri tipici di un'amplificazione audio,quali dinamica, banda di risposta in frequenza ecc.ecc. con valori molto più qualitativi e vicini alla fedeltà del suono all'originale in ingresso allo stadio dell'amplificazione!
      In parole povere una valvola regge molto di più rispetto a qualsiasi altro componente semiconduttore in silicio inventato dall'uomo!!!Mantenendo dei parametri elettrici entro una certa curva di qualità e distorsione. La valvola tiene molto di più il fattore termico di dissipazione del calore a parità di lavoro sotto pressione( difatti più riscalda e meglio suona tant'è che i puristi del suono audiofili da esasperazione priam di valutare la qualità sonora sotto tutti i suoi profili fanno una sorta di preriscadamento delle valvole) e con tutto ciò distorce molto meno e la timbtica è più dinamica.
      I semiconduttori invece, e tra l'altro anche i MOSFET, hanno l'handycap che il fattore termico è controproducente al rendimento fino al punto che ad un certo punto di temperatura compromette i parametri elettrici e da qui qualità sonora, timbrica, risposta in frequenza e altro fino al punto critico in cui c'è la distruzione del componente per surriscaldamento!!! La valvola solitamente si esaurisce, il componente semiconduttore si degrada e brucia!!!La valvola a regimi alti di potenza regge molto di più la dinamica la potenza e di conseguanza distorcendo di meno offre a potenza limite un suono pulito e hifi, il semiconduttore invece già a regimi standard ha un suono meno hifi e meno dinamico, figuriamoci a regimi quasi estremi che qualità sonora esce fuori!
      Tutto questo discorso però è limitato da me al fattore audio riferito ad una certa potenza e a d un discorso relativo agli stadi finali dove si usano in classe hifi purista le valvole. Però in questo caso di segnali a bassissima potenza e se vogliamo di "preamplificazione" quali può essere l'uscita di una EMX o ESX non so che relazione potrebbe avere il fatto che "pompano" di più o meno di una korg electribe 2 che invece di valvole non ne ha!! Certo le valvole in linea di massima sono dei triodi a bulbo che hanno le stesse caratteristiche dei transitori (anzi sono i predecessori) per cui non necessariamente interessano potenze alte, anzi le valvole sono utilizzate anche in trasmissioni, erano nei vecchi televisori in bianco e nero e in tutti i i ricevitori pre-anni settanta. Per cui non ho mai avuto una emx o esx e non conosco di persona la timbrica e la qualita sonora delle valvole utilizzate in bassa potenza! Ma non facciamo mai il discorso di pompaggio inteso come potenza sonora al di fuori di amplificatori , stadi finali di potenza e diffusori, in genere tutte le attrezzature che hanno un segnale da preamplificare quali preamplificatori audio, equalizzatori, e tutte le macchinette drum machine, sampler , esx emx electribe 2 varie ecc ecc; non hanno parametri sonori da indicare con l'aggettivo "Pompaggio" prettamente correlazionato ad altri stadi della catena sonora.
      Anche i diffusori passivi si differenziano e "Pompano" di più o meno a parità di watt in ingresso e anche di uscita del diffusore stesso ma in base all'efficenza dinamica o sensibilità sonora espressa in dB SPL tra un modello e l'altro. Al proposito e ad esempio in merito al discorso della electribe 2 "se pompa o meno" dico che non l'ho ancora collegata ad un impianto di amplificazione però l'ho ascoltata con due cuffie diverse: una Sony MDR XD 200 (che ha una sensibilità di 102 dB/mW e risposta in frequenza di 10 Hz - 22Khz e una AKG K518 (che ha una sensibilità di ben 115 dB come risposta in frequenza da 16Hz a 24Khz)
      Già con la Sony "pompa" bene , con la AKG invece se chiudu gli occhi, si sentono i bassi pompare a tal punto che immaggini di essere in un Club Electrohouse Techno!! Per cui suona di brutto! Ma come volevasi dimostrare sono gli stadi successivi alle varie esx emx electribe 2 ecc ecc che fanno il pompaggio: loro l'input lo danno poi bisogna vedere chi lo riceve come lo ritrasmette!!! A buon intenditor...
      quoto la tua preparazione ..ma il senso del mio discorso, forse era spiegato male, era riferito ai live ..quando vai nei locali quello che trovi trovi ..con le mie esx emx mc 505 non ho avuto mai problemi..volevo sapere se anche la electr 2 aveva la stessa resa sonora tutto li ^^..a volte trovi 2 casse amplificate e via ..e li la macchina deve suonare sennò sono c..zzi amari ;)

      Il messaggio è stato modificata 2 volte, ultima modifica da “kraftzug66” ().

      In effetti le battute sono massimo 4 , per le altre cose ancora non ho sperimentato bene al momento mi sto concentrando per lo più sull'interfacciamento con ableton, poi sembra che accetti la connessione OTG? puo essere che da chiavetta pen drive usb carica suoni???