Esiste uno studio affidabile?

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      molte risposte di tutti,tutte molto interessanti.

      ​vediamo

      il fatto di saper suonare,saper cantare è chiaramente fondamentale.
      non solo,ho capito che cio che suona bene da solo(batteria)a volte non suona bene con altri strumenti.
      scaricando bohemian rhapsody dei queen e ascoltando le tracce separate troviamo,in apparenza,dei suoni da "garage"
      queste tracce messe assieme sono la Storia.

      sapendo questo posso gia non spaventarmi se sentissi una chitarra che fa brodo,perche' so gia che suonera' bene col resto..
      ovviamente dipende anche dal genere.
      io studio canto,sls,da un anno per aumentare l'estensione.
      l'arrangiamento è importante perché da carattere al pezzo,tuttavia cio che conta è il tracking.
      posso acquisire i suoni in maniera perfetta(perfetta per lo scopo,non in assoluto)e magari avere un prodotto banale.
      ma il sound c'è,magari non passa alla storia.
      io ho avuto dei buoni musicisti,assoli tecnici(anche troppi)batteristi ultra precisi
      ma come riscontro anche qui non si capisce mai cosa intendo per "queen"
      io sono un fan dei queen altri no e quindi per queen intendono cose che coi queen non hanno a che fare.
      per queen io intendo

      la voce anni 80 di mercury con quelle impostazioni di tracking(quelle impostazioni sono relative alla voce di freddie ma se la voce è diversa si puo' ricavare quel feeling)
      la batteria con quei suoni,rullante evidente,4/4 e fill per riempire
      chitarra squillante(non importa lo stile di brian may,basta che sia squillante,immagino medii spinti)
      basso semplice ma gustoso(no virtuosismi ma nemmeno la nota dell'accordo)
      cori in evidenza

      poi ovviamente si varia..
      si è vero lady gaga non si puo' fare all'abbey road..era solo per dire che,comunque andasse,sarebbe venuto meglio che in italia.


      si parla di soldi.
      ok mi vendo qualcosa(mobili,auto)
      azz..

      ci sto..

      il mio sound c'è ma chiaramente si puo' migliorare.
      non ho problemi a fare canzoni entro i 3 minuti.

      mollyer se puoi fammi sentire qualcosa.
      mettiamoci d'accordo.

      per la radio,tv si i prezzi sono quelli.
      pero' ci devo riuscire.
      sono anche vecchio,devo dimagrire e cambiare il look.
      devo presentarmi benissimo.

      sia chiaro che i queen sono utilizzati come concetto,perche' è ovvio che non mi riferisco ai musicisti,ma a quella impostazione.
      certo io non sono loro,ma si puo' estrarre una forma mentis lavorativa.

      p.s
      mi dicono sempre che la voce si fa senza riverberi,liscia etc etc
      allora io dico:a me piace molto la mia voce quando canto in montagna o in teatro
      risposta"eh ma t'incasini e poi non so lavorarci"
      peccato che poi quella voce liscia che magari va bene al 90 % dei cantanti non stia bene con me,perche' ho la mia voce e il mio feeling.
      ho provato anche con avere in cuffia il reverbero..ma non serve
      se sono in un teatro(l'affittero' se serve......vendo il sangue!)la voce esce!

      anche senza mic a condensatore..
      adriano celentano forever
      per quanto riguarda il business non metto becco, non mi sono mai interessato di ciò e spero di non doverlo fare in futuro, per quello che riguarda il sound sono convinto che la principale cosa sia il fattore umano di chi gestisce lo studio io, per esempio, ho dovuto prendermi la briga di imparare a fare il S.E. ( e ora penso di essere ad un 20 / 30 % di formazione ) per il mio gruppo perchè negli anni 90 quì in zona non si trovava uno studio che non ti facesse suonare come Ligabue anche la filarmonica di Berlino...

      Spero ardentemente che le cose siano cambiate...
      Non credo abbia molto senso pagarsi passaggi in radio... di artisti anche "famosi" (diciamo conosciuti che è meglio) ce ne sono stati tantissimi e quasi tutti poi sono scomparsi... sarò un illuso ma o riesci a fare un qualcosa di esagerato cone Adele che da nulla ha sfondato oppure parti dal basso con la tua band e ti fai una base di fans da cui partire. .. fare successo in entrambi i casi è statisticante irrealizzabile ma se lo fai con passione alla fine conta fare quello che ami...
      Il problema è che il successo di un progetto musicale è un altro mestiere: il produttore.
      Allora impariamo a distinguere tra il buon artigianato (che è quello a cui possiamo aspirare noi) e la produzione industriale.
      Ma per arrivare a essere a livello dei Queen bisogna essere prima di tutti degli Artisti.
      Le mie foto...
      SenzaLegge
      Il mio soundcloud

      Orecchie funzionanti e studio sonorizzato come Cristo comanda...
      Io sarò produttore di me stesso.
      A fronte di una spesa mia il produttore sgancia meno perché il disco me lo faccio io e lui da le "dritte"
      Certo,pescecani..
      Peccato che io sia un predator........(dite a Dutch che ci rivedremo..)

      Mollyer
      Attualmente 14 mila euro
      Per dei.....demo :(


      Certo ho master e tracce a non finire.
      Bisognerebbe farci qualcosa.
      Possiamo fare una prova....
      Drumagog,reamp..etc etc tutte cose che dalle mie parti non sanno fare..
      Il drumagog sarà pure falso ma è meglio avere una drum finta che suona che una drum vera da caverna :)
      Il budget non è un problema.
      Contattami!!

      adriano celentano forever
      Credo che quello che intende @mollyer (ma tutti siamo curiosi) è sentire qualcosa di già finito, di tuo per renderci conto:
      1) di cosa ti hanno prodotto/mixato/masterizzato
      2) cosa non piace a te del punto 1
      3) cosa non piace a noi del punto 1
      4) cosa si potrebbe fare meglio del punto 1
      5) cosa ti consiglieremmo PRIMA del punto 1
      insomma, qualcosa del genere...

      dancok ha scritto:


      - Step 1: rifletti su quanto ti è stato detto qui dentro e chiediti se non sei nella classica situazione italiana "io canto e ho dei pezzi ben arrangiati (cioè te lo stai dicendo tu, ndr), mi basta trovare dei musicisti e pagare uno studio prrrrro".

      - Step 2: se ritieni di avere buone carte da giocare, trova un produttore. Qui in italia, per quello che vuoi fare tu, è un'impresa, i migliori sono sconosciuti.
      Un produttore bravo non è colui che ti dice, costo tot a canzone, e magari manco ti ha mai sentito cantare. Siamo ancora ai mercatini rionali. E' l'italianata.
      Un produttore è qualcuno che 8 volte su 10 ti rimanda a casa con l'obiettivo di ritornare più consapevole e preparato, vocalmente parlando. O qualcuno che è dotato di intuizione e vede tra i rovi il fiore.

      - Step 3: tutto il resto viene dopo, perchè se sei arrivato qui e sei capace di emozionare soltanto dicendo A, le rose fioriranno.


      Quoto ovviamente Dan in tutto e in particolare nei tre consigli qui sopra, e aggiungo che qui è ancora diffusa l'idea che scrivi una canzone, vai in studio a registrarla, e hai successo, quando l'iter normale, internazionale, è totalmente diverso.

      * Devi scrivere canzoni ininterrottamente, meglio se con progressioni armoniche, saperle arrangiare e selezionare 3-4 brani da produrre in studio su 40-50 brani che scrivi.
      Se pensi di potere produrre interamente in studio qualsiasi brano ti venga in mente secondo me sei totalmente fuori strada.

      Adele, e scrive pure lei, seleziona forse 10 (dieci) brani su un minimo di 600 (seicento) brani che vengono proposti dai direttori artistici o editori. Tutti prodotti finiti che suonano come un disco, di cui ne buttano via 590 per produrne forse 10.
      Per avere una remota possibilità di successo devi partire da una selezione simile, nel tuo piccolo.

      * Devi capire l'importanza di un produttore. Qualcuno che ci creda e che ti segua.
      A meno che ti chiami Skrillex e hai lavorato 20 ore al giorno per 10 anni, non puoi produrti da solo.
      O scrivi e canti.
      O produci.


      Se pensi di poterti produrre e arrangiare da solo, accomodati.
      Se pensi che produrre voglia dire accendere il computer e mettere un loop, accomodati.

      Per me è pura presunzione, peraltro qui diffusissima, e se fai così non potrai mai competere con prodotti tosti per il semplice motivo che:

      1) Non ne hai il tempo e
      2) sei troppo autoreferenziale. Sei troppo vicino al prodotto in quanto è tuo, da artista.
      Non hai invece qualcuno come me o Dan che non ti indora la pillola bensì ti spinge a lavorare con mentalità professionale e NON autoctona.

      * Se puoi, a poco a poco cercati un team di produzione, o quanto meno COLLABORA CON QUALCUNO.

      Al di là del necessario tempo per la ricerca di contatti - tempo che se vuoi fare qualcosa di serio deve essere almeno PARI al tempo della produzione / scrittura / arrangiamento, devi poterti confrontare seriamente con qualcuno che tiri fuori il meglio di te.
      Se pensi di potere mandare un prodotto per radio, il "one-off" e arrivare, beh, in bocca al lupo.

      Adele, Lady Gaga, ma qualsiasi artista di quel successo, o pure un centesimo, ha alle spalle anni e anni di miglioramento personale su tutti i fronti, dalla tecnica, alla cultura musicale, alla scrittura, al live, alla gestione della discografia, delle edizioni, eccetera.

      E anche in Italia, se ci fai caso, anche se il livello è sempre quello della Caselli, i prodotti vengono fatti da decenni SEMPRE DALLE STESSE PERSONE POICHE' LORO MALGRADO SONO DEI TEAM DI PRODUZIONE e sanno comunque cosa stanno facendo, potendo proseguire imperterriti nel loro orticello semplicemente perchè pochi sanno come funziona la discografia e il sistema musicale, quindi sono avvantaggiati poiché orbi in un mondo di ciechi.
      E, a modo loro, fanno bene a mantenere la propria posizione di vantaggio.

      Scusa la franchezza.

      In ogni caso se vuoi ignorare i consigli miei e di Dan e proseguire l'idea di avere uno studio che ti dia un risultato "radio-ready" "a prescindere", vai a Londra.

      Se non ti metti a piangere, visto che hai citato i Queen, ti indico uno studio in cui hanno registrato anche loro, nonché un fracasso di gruppi mondiali, dove con meno di 500 sterline al giorno (senza fonico) hai uno studio top 4 in UK, storico, con un SSL 4000 56 canali e tutto il mondo di hardware che vuoi.
      Solo registrazione e/o solo mix.
      Tre lettere comincia on R e finisce con K.
      Studio B, lo trovi su internet.

      Ma non dirlo a chi qui ti prende 1000 euro per brano "tutto compreso".
      E non diffondere la voce, perchè altrimenti qualcuno qui si potrebbe incazzare, e di brutto.


      Scusa la franchezza e l'aggressività, non so se tu possa apprezzarla, ma credo sia meglio dire le cose come stanno rispetto che stare a leggere un fracco di minch*ate.

      E' tutta questione di mentalità. Punto.

      8) Teetoleevio
      Produrre o mixare un brano in una stanza non trattata acusticamente equivale a correre di notte in autostrada a fari spenti: non vedi un razzo. :D
      Non è colpa tua, è che semplicemente non senti bene quello che stai facendo, anche se hai 10 Distressor. TRATTA LA TUA STANZA ! Dai retta a zio Teeto !
      molte delle cose che faccio,poi non le realizzo.
      anche io scelgo quello che penso sia meglio.

      comunque non penso sia stato aggressivo.
      io penso solo che,attualmente,il musicista debba autofinanziarsi.
      perche' è difficile uno che sganci per te..tipo anni 70.

      a fronte di una visibilita'(pagata e sudata da xyz )il produttore "sale sul carro"
      so anche che alcuni produttori vogliono essere pagati non per produrti ma solo per "ascoltarti"

      cosi va..
      non che sia d'accordo..ma vado avanti..
      comunque..adele o altre se le registre come me NON sono adele..e non suonano bene.
      se ai muse dai il mio sound(inteso come acquisizione e fonico) i muse non sarebbero mai nati.

      prendi bieber.
      la produzione è al top,ma non mi ricordo manco una canzone.
      pero' se dico bieber tutti capiscono(anche fosse presa per culo)
      se dico me "ah si quello grasso..ma che musica fa?sembra che fa il mischione.."

      si classic è una delle tante canzoni..​
      adriano celentano forever
      Purtroppo è una marmellata di frequenze con effetti eccessivi, poi la batteria elettronica terribile, la chitarra di plastica.
      con una scarlett due canali e dei buoni musicisti veniva meglio.
      poi si sente il volume ondeggiare a causa di troppa compressione.
      se l'hai fatto in uno studio pagando è terribile.
      Barbetta ciao!!!!
      Il lavoro è fatto male.
      Le idee sono in relazione al prodotto.
      Se a walt Disney dai una sceneggiatura di un cinepanettone farebbe il possibile....ma.....


      Certo che fa pena.....
      I bravi musicisti sono bravi anche in relazione alla produzione.
      Il batterista ha studiato con aquila (....uno famoso del Brasile)ma il trigger così non ha senso.....
      Purtroppo se metti mercury a Cagliari,dentro uno scantinato..
      E io non sono nemmeno mercury...

      Boh. . Va beh....
      Sono pronto.
      Ditemi......mi fa piacere

      Londra ok.....milano
      Nautilus?officine?

      Posso far suonare le parti a dei musicisti qua e poi farle risuonare da un altra parte(reamp ma anche risuonare precisamente da un musicista che però si trova nel "posto giusto")

      Il budget c è perché ho già venduto una cosa.
      adriano celentano forever
      Credo che Teetoleevio abbia completato tutto ciò che c'è da dire sulla questione, la penso allo stesso modo.

      Mi dispiace per te Paulboss, perchè ti hanno fregato, o sei stato troppo ingenuo nel fidarti di gente incapace.
      Tin tin tin italiano fatto pure male, le canzoni dell'oratorio suonano meglio.

      Solo un appunto su quanto hai scritto ...

      paulboss ha scritto:

      comunque..adele o altre se le registre come me NON sono adele..e non suonano bene.se ai muse dai il mio sound(inteso come acquisizione e fonico) i muse non sarebbero mai nati.


      Decisamente no, imho sei fuori strada.
      Adele non è Withney Houston ma se tu l'avessi davanti a te, senza microfono, da sola, capisci dopo due secondi che è una cantante. Cioè: ha personalità, conosce i suoi limiti e li trasforma in musicalità, ha cultura vocale, musicale, ha mentalità internazionale, è capace di emozionarti. Finito, Abbey Road non c'entra nulla.

      I Muse non sarebbero mai arrivati ad avere il tuo sound, perchè si sarebbero fermati 800 anni prima. Prima di registrare una sillaba.
      E' gente che suona, e di brutto. Di base. I dischi non c'entrano (che tra l'altro non tutti suonano allo stesso livello, vedi l'ultimo rispetto al precedente Ocean Way).
      Analog and digital mixing.
      Blues Cave Studio