4th 'N Goal - Dudes Legacy

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      4th 'N Goal - Dudes Legacy

      Ciao a tutti,

      spulciando il forum notavo che (quasi) esattamente un anno fa avevo aperto un thread per la realizzazione dell' EP di una band pop-punk. Quel thread ha avuto 5mila visualizzazioni, 12 pagine di post e si sono toccati, spero, argomenti che possono essere risultati interessanti ad alcuni.

      Pensavo quindi che poteva essere carino, a distanza di un anno, presentarvi l' EP da poco concluso con i 4th 'N Goal, band pop-punk "amica intima" dei Now.Here.

      Spero possa interessare.
      Ovviamente sono graditi apprezzamenti, critiche, insulti e numeri del superenalotto :)



      Grazie
      Ciao!

      Ps: la qualità sul tubo è quella che è. Se poteste settare il video a 1080p, in modo da poter sentire altro oltre cassa e basso, ve ne sarei grato... :D
      Giampiero Ulacco
      Producer - Engineer


      Personal WebSite

      Hologram Studios
      Grande PAPE!!! Davvero un gran bel lavoro, con un gusto eccezionale!!! Stai diventando un gourmet! :D

      In questa produzione sento le chitarre davvero larghissime, sembra che gran parte del loro suono derivi dal side, infatti ascoltando in mono c'è una caduta del loro volume davvero netta. Puoi spendere due parole per per questa scelta e dirci come hai ottenuto questa grande apertura nell' immagine stereo?

      Per il rullante hai utilizzato un o più samples mono layer miscelati al suono originale? In quali percentuali?

      Grazie mille!
      angeloemanuele.com

      Producer,. Sound/Mixing engineer.
      Grazie AEB. Meno male che ci sei tu... :D

      Sì, nelle chitarre ho cercato di estremizzare il più possibile l' apertura stereo, in modo da poterle tenere più alte ed "in faccia" possibili ma lasciando tutto lo spazio agli elementi centrali, che in un genere simile restano fondamentali.
      E' ovviamente un' operazione non semplice e molto rischiosa. Il rischio di passare da un suono aperto ad uno fuori fuoco o fastidioso è sempre dietro l' angolo... e spero che in questo caso l' effetto risulti piacevole e positivo.

      L' operazione principale, in questo senso, è stata l' eq M/S... mantendendo il centro più fermo su basse e medio basse e più presente nelle medio alte. In questo modo si ha la possibilità di lasciare più campo a tutti quegli elementi centrali che hanno presenza nelle medio basse (rullo e voce in primis), mantenere più pulita l' interazione chitarre basso e riacquisire un minimo di presenza al centro con le medio alte delle elettriche.

      Ma molto dell' effetto è dovuto alla scelta dei suoni, sia delle chitarre che delle riprese degli ampli... cercando suoni che potessero non impastarsi troppo. Quindi con timbriche non troppo pronunciate nelle basse e con una certa presenza nelle medie.

      Per il rullante...
      ci sono 3 canali di triggering oltre alle riprese. Il suono è costituito al 60-70% dalla somma di snare top - bottom - oh - room.
      Il restante 30-40% viene dalla miscelazione dei 3 sample (tuitti monolayer) e dai 3 ambienti presenti sul rullo.

      Ovviamente grazie per l' ascolto e l' apprezzamento :)
      Giampiero Ulacco
      Producer - Engineer


      Personal WebSite

      Hologram Studios

      Post was edited 1 time, last by “PAPEdROGA” ().

      Gran bel lavoro!
      L'approccio quasi "canadese" ( XD ) alle chitarre fa il suo dovere, mi piace da morire il basso, sempre presente e inchiodato, ma nonostante ció "liquido" ...fluisce lungo il branp che é una bellezza.
      La drummeria é senza alcun dubbio pape-signature, a tratti bendethiana, ma molto meno scura, quindi definitivamente diversa e soprattutto incazzata, come il genere richiede.
      Grande gusto, ottima la scelta di far muovere la voce sulle medie e incazzarla con della saturazione (distorsione parallela? ).

      Unico appunto, ho ascoltato sia sui monitor che in cuffia, ho notato che la voce lead tende a scomparire un po' in cuffia a causa delle chitarre prepotenti sul side.

      É giusto un puntiglio, e per la cronaca la stessa cosa l'ho avvertita sull'ultimo mix di Bendeth, quindi....sticazzi XD

      Ottimo lavoro.
      Giuseppe Novella
      Live, Mixing & Recording Engineer
      bel pezzo. mi ricorda un po' i pezzi dei The Jam di In the City. sul missaggio, che trovo ovviamente ben fatto, però a gusto personale le chitarre sono troppo esterne (quasi provenissero da dietro lateralmente). questo mi confonde e con mi confonde non mi riferisco alla confusione con altri strumenti/frequenze ma ad una confusione a livello emotivo. non essendo abituato il mio orecchio ad ascoltare le chitarre così, la mia percezione dell'intero brano è alterata. ma probabilmente se mi abituassi un po' poi non me ne accorgerei più.
      comunque i ragazzi son bravi :D

      ciao
      vak

      ........_o
      ......_\ \>,
      ....(_)/(_)

      Post was edited 1 time, last by “vak007” ().

      Grazie Rosso, Joe, Vak

      Joe Novella wrote:

      Grande gusto, ottima la scelta di far muovere la voce sulle medie e incazzarla con della saturazione (distorsione parallela? )


      Il saturatore è in catena, nelle singole tracce di voce. Non c'è nessun processo in parallelo all' interno dell' EP.

      Joe Novella wrote:


      Unico appunto, ho ascoltato sia sui monitor che in cuffia, ho notato che la voce lead tende a scomparire un po' in cuffia a causa delle chitarre prepotenti sul side.

      É giusto un puntiglio, e per la cronaca la stessa cosa l'ho avvertita sull'ultimo mix di Bendeth, quindi....sticazzi XD


      Grazie per l' appunto.
      Inutile dire che il paragone con Bendeth è del tutto ingeneroso... nei suoi confronti!

      vak007 wrote:

      a gusto personale le chitarre sono troppo esterne


      Grazie per l' appunto.
      Giampiero Ulacco
      Producer - Engineer


      Personal WebSite

      Hologram Studios
      Una piccola domanda.
      come ho giá detto, il basso mi ha molto colpito...a parte la solita EQ e compressione, che tipo di trattamento gli hai riservato?

      Altra domandina, hai usato compressione sul buss della batteria?
      I transienti di rullo e cassa sono molto definiti, il che mi lascia supporre che sul bus non ci sia ( o ci sia poca) compressione.

      @vak : ahahah dai vak...peró é vero! Il made in italy di solito sforna lavori con un altro tipo di "tiro" ...non peggio o meglio...diverso, non so se mi spiego.
      poi sicuramente ci sono perosne che mixano un po' alla caxxo di cane... Quando capita qualcuno disponibile, che propone roba buona, meglio approfittare e fare domande no? ;)
      Giuseppe Novella
      Live, Mixing & Recording Engineer

      Post was edited 1 time, last by “Joe Novella” ().

      dissident wrote:

      Molto bella la produzione, come sempre! Davvero flawless!


      Ottimo! Grazie :)

      dissident wrote:

      Il tracking è stato fatto dove?


      Al RecLab di Milano.

      Abbiamo poi reampato bassi e chitarre a La Casetta di Napoli.

      dissident wrote:

      Chitarre quad tracking?


      Yes. Con due chitarre, ampli e cab differenti.

      Joe Novella wrote:

      Una piccola domanda.
      come ho giá detto, il basso mi ha molto colpito...a parte la solita EQ e compressione, che tipo di trattamento gli hai riservato?


      A mio parere (anche se rischio di risultare estremamente banale e scontato) livello, pan, eq e compressione sono il 99% di un mix (ambienti esclusi).
      Quindi rispondere alla domanda "a parte la solita eq e compressione" mi risulta un po' difficile. Sarebbe un po' come chiedere "cos' hai fatto in mix, oltre a missare?" :)
      Cmq ci provo...

      Del basso per prima cosa ho perfezionato il tuning, che non era propriamente costante al 100%... e sentire i battimenti che si venivano a creare con le chitarre sarebbe stato peggio che sca**are completamente l' eq ;)
      Sul basso "tunato" abbiamo quindi effettuato i reamp, con Ampeg SVT Classic sulla sua 8*10.
      Le due tracce sono poi state inserite in mix, allineate, bilanciate a gusto, limitata la DI che dava delle belle schicchere sulle corde e trattate insieme in un bus.
      Sul bus abbiamo...

      - HPF morbido (6dB/ott) sui 70Hz,
      - due tagli pesanti nelle medio basse,
      - un comp puntato sulle medio alte per tirare giù i punti in cui usciva troppa corda,
      - un eq in boost in quella zona, successivo al comp, per riguadagnare presenza
      - comp - 1176 IK - 3 - 7dB di GR

      Tutto qui.

      Joe Novella wrote:

      Altra domandina, hai usato compressione sul buss della batteria?
      I transienti di rullo e cassa sono molto definiti, il che mi lascia supporre che sul bus non ci sia ( o ci sia poca) compressione.


      Sul drum buss non c'è nulla. Ma ci sono molti interventi di comp/limit/sat su canali e sub-groups.

      Grazie ancora :)
      Giampiero Ulacco
      Producer - Engineer


      Personal WebSite

      Hologram Studios

      Joe Novella wrote:

      Ultima domanda da parte mia


      Per quanto mi riguarda, se vuoi puoi continuare all' infinito. Parlare di mix non mi stanca mai :)

      Joe Novella wrote:

      master bus... Ci hai messo qualcosa? Oppure sei uscito liscio pure da lí?


      Ho missato liscio. No eq, no comp, no limit, no sat, nulla.

      Quando siamo arrivati molto vicini alla chiusura di tutti i mix dell' EP abbiamo riascoltato il tutto e, insieme con la band (che mi è stata di grande aiuto durante tutto il missaggio), abbiamo concordato una correzione nell' eq complessiva (tre semplici macrointerventi: basse - medie - alte).
      Ho quindi apportato a tutti i brani questa modifica nello shape generale ed esportato i mix definitivi... che, quindi, anche se missati senza nulla sul 2buss, sono Eq'ed

      Joe Novella wrote:

      PS: pure il mastering é tuo?


      Sì, ho realizzato io il master... ed è questo bel mattoncino qui:



      L' approccio è stato totalmente conservativo. Quindi un master "volume only". Del resto era già stata fatta una modifica nel timbro dei mix.

      Se dovesse interessare a qualcuno, qui un mp3 del mix definitivo.

      Grazie ancora per ascolti e commenti.
      Giampiero Ulacco
      Producer - Engineer


      Personal WebSite

      Hologram Studios
      Ho scaricato il mix per ascoltarlo meglio, e mi è sorta una nuova domanda:

      La drum è programmata con Superior? che sia si o no, come hai trattato gli OH? e la Room?
      Se fosse superior, nella room avete tenuto tutti i bleed oppure solo i fusti che vi interessavano?

      La drum sembra bella secca, ma si percepisce un certo ambiente...non riesco a capire se proviene solo dalla room oppure da uno o più riverberi! Illuminami! :)
      Giuseppe Novella
      Live, Mixing & Recording Engineer
      E' editata da far paura,


      Merito di quel grand uomo di Larsen, del RecLab ;)

      immagino che anche il batterista sia un tipo abbastanza tosto.


      Parecchio tosto, si.
      Ed ora ha anche un set signature che merita di essere visto e sentito live :)

      Riguardo al trattamento OH/Room?? :)


      Domani sveglia alle 6. Per le 6.30 sono in studio. Il tempo di terminare il tuning di un brano e per Max le 8 riapro il progetto e ti so dire ;)

      Notte!
      Giampiero Ulacco
      Producer - Engineer


      Personal WebSite

      Hologram Studios