Prima produzione del mio nuovo studio...sotto coi pareri!

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      difatti mi pare il punto della situazione fossi infatti chi è che puo

      mettere un nome fashion/artistico ad una traccia la renda automaticamente non è che la renda automanitamente piena di contenuti ne tantomeno la rende arte........
      t ringrazio per aver definito fashion i miei titoli :D
      in ogni caso io nn parlo di questo... questo video dovrebbe mostrare le bellezze di una città, la sua cultura le sue usanze e benchè il brano sia ben fatto sembra più un brano che descriva qualcosa di tragico, allo stesso tempo epico, volendo lo si potrebbe accostare a una scena di guerra...
      sembrano quei fatti ke accadono in quei programmi della d'urso in cui si racconta gossip con musiche interstellatri :D
      senza rancora e nulla di personale io dico semplicemente quello ke penso
      per quanto riguarda gli strumenti finti, purtroppo io quello ho e mi devo arrangiare, (e di fatti è un discorso puramente tecnico, mentre io sto facendo un discorso emotivo se non l'avete capito, essenziale nell'arte) e per le masturbazioni chitarristiche, (che nn sempre c sono , vedasi summer song e l'infinito oltre l'orizzonte) bhè vuol dire ke me lo posso permettere ;p
      lo so che per voi la critica è dura da affrontare, io dico quello che penso, dall'alto dal basso nn ha nessuna importanza, se nn vi piace quello che dico, dite che nn siete daccordo e amen, perchè vi fissate così ? :D
      che poi io sto parlando all'autire del post in tutto ciò
      Secondo me conviene abbassare di un paio di tacche i toni un po' tutti.

      Vin, il senso del video, che tu definisci come "mostrare le bellezze di una città, la sua cultura le sue usanze", rimane in realtà una lettura "through my eyes" (dal titolo, appunto) di chi l'ha fatto.
      L' "epicità", che per te stona sulle immagini, magari per chi l'ha prodotto ben si accosta a certe emozioni che ha provato.
      Il tuo commento quindi, al netto della inevitabile provocazione che può suscitare, a mio modo di vedere rientra semplicemente nell'ambito di un tuo personalissimo parere personale, che può essere condiviso o meno.

      Quindi nessuno credo che abbia qualcosa da dire sul fatto che tu scriva quello che pensi (tutti noi quando condividiamo i nostri lavori lo facciamo sapendo di poter/dover accettare anche critiche), ma mi fermerei lì.
      Uscirsene con certe frasi sul senso dall'arte, "c'è chi può e chi no" e via dicendo (volendo quasi apparire come l'unico che capisce certe cose mentre tutti gli altri evidentemente no), mi sembra solo un modo per innescare futili discussioni e apparire eccessivamente presuntuoso.
      In questo forum ci sono bravissimi produttori e musicisti, non solo fonici. Alcuni hanno pure partecipato a questa discussione.
      Violinista H-Pirla Scelto

      i7 6700k - 16Gb RAM - Uad PciEx - RME 802 - Cubase 9 - Adam A5x+Sub7 Tannoy System1000 - Lucid 88192 - Hairball 1176 RevD - UA 710twin - Drawmer1969 - Vitalizer Mk2-T - Lindell Audio Pex500
      c'è chi può e chi non può era riferito a chi può capire e chi nn può capire il senso di questa cosa, ed era palesemente provocatorio... in ogni caso ripeto è un mio parere,, attraverso gli occhi di qualsivoglia persona, questa musica è fuori contesto, cioè una persona che vede praga viene invaso da tutta una tragedia? nn lo so, a me sembra più un lavoro atto a voler suscitare qualcosa di sensazionale, a me è venuto addirittura un po da sorridere in alcuni punti... vabbè punti di vista ;)
      E in ogni caso nn è solo il discorso di epicità in generale, ma il discorso di epicità abbinato a qualcosa di angoscioso.... si poteva abbinare un' epicità meno angosciosa... non mi apetto ke i tecnici capiscano quello che voglio dire, ma gli artisti, che lavorano con le emozioni si

      Il messaggio è stato modificata 2 volte, ultima modifica da “Vin” ().

      Vin ha scritto:

      non mi apetto ke i tecnici capiscano quello che voglio dire, ma gli artisti, che lavorano con le emozioni si


      Eri quasi partito bene, prima (tralasciando le frasi tipo "è un mio parere" che poi continuano con "qualsivoglia persona") ma con questo commento non fai altro che gettare benzina sul fuoco.
      Questo perché la tua frase io la intendo così: io sono un artista e lavoro con le emozioni (che poi è una frase che trovo personalmente infantile, ingenua, molto limitata e limitante per tutta una serie di ragioni), mentre tutti quelli che fino ad ora hanno dato un'opinione diversa sono chiaramente dei tecnici (che poi.. cosa significa?), persone a cui è evidentemente preclusa la reale visione dell'arte.
      Se ho sbagliato interpretazione, chiedo scusa. In caso contrario però poi non chiederti "perché vi fissate così".
      Violinista H-Pirla Scelto

      i7 6700k - 16Gb RAM - Uad PciEx - RME 802 - Cubase 9 - Adam A5x+Sub7 Tannoy System1000 - Lucid 88192 - Hairball 1176 RevD - UA 710twin - Drawmer1969 - Vitalizer Mk2-T - Lindell Audio Pex500
      nn è detto che i tecnici non hanno visione artistica, spesso però il troppo tecnicismo, (in questo caso valutando le immagini i suoni ben fatti etc etc che sono evidentemente ben fatti e su questo nn c piove) distoglie poi l'attenzione dal fine ultimo dell'arte, e cioè trasmettere un messaggio, un mood, un sentimento etc etc... in ogni caso non ho ancora detto che io lavoro con le emozioni anche se è vero :D ... detto questo è ovvio che non deve accadere il contrario, cioè solo emozioni e basta porterebbe sicuramente a una scarsa qualità finale. Un artista completo ha anche delle basi tecniche ovviamente

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “Vin” ().

      Vin ha scritto:

      c'è chi può e chi non può


      Vin ha scritto:

      per le masturbazioni chitarristiche, bhè vuol dire ke me lo posso permettere ;p


      Vin ha scritto:

      lo so che per voi la critica è dura da affrontare


      Vin ha scritto:

      non mi apetto ke i tecnici capiscano quello che voglio dire, ma gli artisti, che lavorano con le emozioni si


      Vin ha scritto:

      in ogni caso non ho ancora detto che io lavoro con le emozioni anche se è vero :D


      E dopo queste perle che dire.........Scipario gente!
      Ricolgo l'occasione per ringraziarvi dei complimenti, non mi aspettavo sinceramente questo riscontro e ne sono davvero davvero contento!

      Per quanto riguarda il commento di @Vin vorrei rispondere che innanzitutto il lavoro è stato diretto dal regista, e per quanto riguarda le musiche le abbiamo prodotte sotto le sue direttive anche se poi ci ha lasciato davvero manica molto larga per operare, e se i suoni sono ben fatti (grazie tral'altro!) è perchè ci dividiamo i compiti, il mio socio compone, insieme arrangiamo e infine io mixo, questo ci da la possibilità di lavorare attentamente su ogni fase dell produzione; ma a prescindere da questo e dal fatto che l'abbiamo fatto noi, a me le musiche sembrano molto ben contestualizzate sia con il montaggio (che trovo molto moderno), sia con il contenuto fatto di sontuosi palazzi, militari in marcia statue e viste sulla città.
      Certo è epico, e l'abbiamo cercato, abbiamo voluto rendere grazie ad una città epica come Praga con il solito "schiaffo in faccia" ciò non toglie che non si possa definire arte.

      Non per far polemica ma, non ho bisogno di scuse, però un po di rispetto per il lavoro altrui non gusterebbe, penso che in un forum le critiche siano la base del dialogo purchè siano rispettose ben argomentate e costruttive.

      perciò ti chiedo, tu cosa ci avresti sentito bene sotto un montaggio e un contenuto del genere?

      Vorrei concludere dicendo poi che secondo me il concetto di arte è forse il più astratto di tutti, credo che l'arte non sia una scienza esatta, e non esiste una formula per calcolarla e valutarla, ma l'arte è negli occhi di chi guarda, ciò che per te non è arte lo può essere per me e viceversa ovviamente, ognuno coglie nella proposta di un'artista il messaggio che a pelle gli arriva, ed è solo in base a quello e alla sensibilità del fruitore che si può definire cosa è arte o meno ma solo ed esclusivamente a livello personale.

      Il messaggio è stato modificata 3 volte, ultima modifica da “saglio” ().

      ma io nn credo di aver mancato di rispetto, ho solo espresso il mio pensiero, e lo ribadisco, non è il discorso dell'epicità in se che non va, ma l'angoscia, la pesantezza che non vedo adatta a questo filmato... l'arte per me è comunicazione, ed è ovvio che in questo entrano in gioco vari parametri, tra cui la ricezione da parte del fruitore e il punto di vista dell'artista, ma questo non deve però relativizzare tutto, altrimenti diventa tutto banale e senza una verità... ed è questo che ho riscontrato in questo lavoro, ben fatto tecnicamente per carità, ma secondo me non in linea con il messaggio... oh questa è la mia opinione, l'arte non deve solo ricercare il sensazionale, l'estetica, ma bisogna dare una certa importanza anche al contenuto, e qui questa cosa non l'ho vista... poi è ovvio che per te invece ci sia sennò non avreste prodotto sta cosa. So di essere impopolare, ma a differenza degli altri io non mi fisso, ognuno creda quel che vuole io dirò sempre la mia :D