Nu fatt acustico: Let it be

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      mr red, tu sei quello più simpatico, ma nn so davvero che dirti, ora che mi hai detto questa cosa ho provato con accordatore alla mano a suonare il brano arpeggiando corda per corda a velocità normale fermandomi poi all'improvviso e mi escono le note esatte né crescenti né calanti
      che devo fare più? se nn me ne fotteva nn stavo a fare ste verifiche
      mi son detto foprse davvero sono io ke nn riesco a sentirle, ma intanto anche gli accordatori si trovano con me, le note escono pulite pulite pure se suono normalmente... ?(
      divertente questo thread :)
      E' ottimo chiedere consigli per migliorare, dovresti però ascoltare le risposte spassionatamente, come se riguardassero qualcun altro. Non te la prendere e non sentirti attaccato personalmente, sono sicuro che hai ricevuto consigli disinteressati e che non c'era nulla di personale. Puoi non condividerli, ma sei in minoranza :) ...li condivido pure io.
      Anzi posso dirti pure, oltre alle considerazioni già fatte sulla tua chitarra economica, che la cantante dovrebbe lavorare sull'intonazione e, in generale, studiare. Discreto timbro, ma molto grezzo. E' molto spesso crescente o calante. Otterrebbe ben altri risultati studiando e lavorandoci. Per esempio andando da una insegnante di canto, cominciando a lavorare sugli intervalli vocalmente difficili, a partire dal semitono. Anche stilisticamente non c'è: commette ad esempio un errore stilistico banalissimo, quello di ripetere la stessa variazione sul tema a ogni inizio strofa. Se fai sempre la melodia così per come è scritta, ripeterla a ogni inizio sezione può anche andare bene (magari spezzando la monotonia con altri espedienti, come l'uso dei diversi colori della voce che lei al momento non riesce a tirare fuori, e anche questo si studia), ma ripetere invece sempre la stessa identica variazione sul tema no. Una brava insegnante di canto glielo direbbe, e del resto non è possibile insegnare musica prescindendo dallo stile e da una idea di bellezza o di valore. Ha poi i classici problemi tecnici sugli intervalli e sull'emissione (naturalmente discreta, comunque): niente che non sia assolutamente comune, ci lavoro e lo vedo quotidianamente, in ragazzi/e anche talentuosi. Dovrebbe semplicemente studiare e lavorarci, facendosi guidare da una brava insegnante.
      E come tu stesso hai riconosciuto sin dall'inizio, lo stesso vale per te ;)
      Oppure naturalmente potete lasciare tutto com'è e divertirvi. Se nessuno dei due sente l'insoddisfazione per i risultati raggiunti fino ad ora noi possiamo blaterare anche per pagine intere, non cambia nulla. La spinta verso qualcos'altro deve partire da voi: se non c'è, non c'è... fa niente.
      ok grazie per l'intervento gobbetto, in effetti nn si finisce mai di imparare
      per quanto riguarda le variazioni che dici è una questione anche di gusto e di stile, a me piace le variazioni e le non variazioni che mette e non mette
      per quanto riguarda invece la chitarra scordata so di essere in minoranza... che dirti, a noi musicanti va bene anche così tanto non lo avvertiamo e godiamo lo stesso in una stupenda alchimia di imperfezioni ed emozioni :p... poi fintanto ci pagano che ce ne fotte :D ... per il resto sono daccordo con te sadda studià

      Il messaggio è stato modificata 2 volte, ultima modifica da “Vin” ().

      Piccolo consiglio, che chiaramente non accetterai come non ne hai accettato nessuno fino ad ora: cerca di fare meno ma con più precisione. Capisci quale sia il tuo limite effettivo e, quando devi registrare, o quando devi esibirti, fermati un passo prima del limite, non dieci dopo.

      A me, personalmente, l' esecuzione di voce è piaciuta, mentre quella di chitarra ha messo il mal di mare per tutte le imperfezioni che senti secondo dopo secondo.
      Già solo nel primo giro, nei primi 17 secondi, posso contare 7 errori.

      Fai meno, ma fatto bene. Altrimenti chi ti ascolterà storcerà il naso.
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer
      Piccolo consiglio, che chiaramente non accetterai come non ne hai accettato nessuno fino ad ora: .


      dici nessuno, ma a parte gobbetto, che forse è quello che ha fatto un acritica un po' più costruttiva e con il quale mi son trovato daccordo, gli altri mi hanno parlato solo di chitarra scordata... ma purtroppo se io nn riesco a sentire sta cosa nn so dove lavorare, quindi è un mio limite che ahimè per ora nn ha rimedio.. nn mi posso aiutare manco con gli accordatori visto che anche loro nn sentono ste note stonate
      Credo te l'abbia già detto Lattugo: essendo un forum tecnico, negli anni si è conscolidata la regola non scritta di esprimersi solo sul lato tecnico, anche perché, da quello artistico, ci sono troppe variabili soggettive di gusto per avere un giudizio obiettivo.
      Tecnicamente ci sono diverse imprecisioni: sentire la scordatura su note brevi, prima che diventino evidenti i battimenti, è solo una questione di esercizio, ma le note in cui il tasto sferraglia sul tasto perché la corda non è premuta bene o imperfezioni nel timing le puoi ascoltare meglio di tutti noi ascoltando le tracce in solo.
      Le mie foto...
      SenzaLegge
      Il mio soundcloud

      Orecchie funzionanti e studio sonorizzato come Cristo comanda...
      sul fatto del tasto che sferraglia è vero , infatti sto cercando di migliorarmi il più possibile su quello anche perchè su questa chitarra succede molto facilmente, (anche se per me nn sempre è un difetto) in realtà si dovrebbe fare una rettifica che non è mai stata fatta da quando è stata acquistata (nn è la mia chitarra è della cantante)... sul timing nn saprei forse è vero, ma cmq è un brano che ho imparato la per la prima della registrazione: verificherò... in ogni caso finalmente una critica su cui posso lavorare...
      grazie ;)
      eheh hai ragione, però il tempo era poco dato che lei aveva promesso, senza dirmi niente, una demo a questo direttore nel pomeriggio e io mi son trovato ad arrabbattare in quattro e quattrotto qualcosa...
      metti pure che erano mesi che stavo fuori allenamento, riprendere per di più su una chitarra acustica tostissima e con dei calli nn proprio tonici è stata dura :P